Black Clouds & Silver Linings

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Black Clouds & Silver Linings
ArtistaDream Theater
Tipo albumStudio
Pubblicazione23 giugno 2009
Durata75:22
Dischi1
Tracce6
GenereProgressive metal
EtichettaRoadrunner
ProduttoreJohn Petrucci, Mike Portnoy
Registrazioneottobre 2008–marzo 2009, Avatar Studios, New York
FormatiCD, LP, download digitale
Dream Theater - cronologia
Singoli
  1. A Rite of Passage
    Pubblicato: 8 maggio 2009
  2. Stargazer
    Pubblicato: 19 maggio 2009
  3. Tenement Funster/Flick of the Wrist/Lily of the Valley
    Pubblicato: 26 maggio 2009
  4. Odyssey
    Pubblicato: 2 giugno 2009
  5. Take Your Fingers from My Hair
    Pubblicato: 9 giugno 2009
  6. Larks Tongues in Aspic Pt. 2
    Pubblicato: 16 giugno 2009

Black Clouds & Silver Linings è il decimo album in studio del gruppo musicale statunitense Dream Theater, pubblicato il 23 giugno 2009 dalla Roadrunner Records.[1]

Si tratta dell'ultimo album in cui è presente il batterista Mike Portnoy, prima del suo abbandono avvenuto l'8 settembre 2010.[2]

Antefatti[modifica | modifica wikitesto]

I Dream Theater iniziarono le registrazioni dell'album a partire dall'ottobre 2008.[3] Mike Portnoy descrisse Black Clouds & Silver Linings come «un album dei Dream Theater con A Change of Seasons, Octavarium, Learning to Live, Pull Me Under e The Glass Prison tutte in un unico album.»[4] Più tardi, Jordan Rudess spiegò nel corso di una manifestazione presso il NAMM Show per il software Spectrasonics (utilizzato massicciamente nell'album) che il gruppo «sta entrando un po' nel dominio gotico [per realizzare] questo album.»[5]

Tematiche[modifica | modifica wikitesto]

I testi dell'album sono stati composti da John Petrucci e da Mike Portnoy e affrontano esperienze personali di momenti inquietanti o difficili della loro vita, ad esclusione di A Rite of Passage, la quale parla della Massoneria e delle società segrete. La traccia d'apertura A Nightmare to Remember si basa sull'esperienza di Petrucci avuta in infanzia di un incidente d'auto, The Count of Tuscany è relativa a un reale incontro avuto dal chitarrista in Toscana, mentre Wither narra del processo di scrittura secondo il suo punto di vista.[6]

The Best of Times è stata scritta da Portnoy come dedica a suo padre, scomparso nello stesso anno di pubblicazione dell'album.[7] La sua intenzione era infatti di voler scrivere «qualcosa che fosse un tributo alla nostra vita passata insieme».[8] Altro brano composto da Portnoy è The Shattered Fortress, parte conclusiva della Twelve-step Suite ideata dal batterista che riprende e conclude i temi e i motivi iniziati nel 2002 con il brano The Glass Prison, presente nell'album Six Degrees of Inner Turbulence.

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

Il primo singolo estratto dall'album è stato A Rite of Passage, pubblicato per il download digitale l'8 maggio 2009.[9] Successivamente, per anticipare il disco, i Dream Theater hanno pubblicato a cadenza settimanale sull'iTunes Store cinque reinterpretazioni da loro realizzate e incluse nell'edizione deluxe: Stargazer dei Rainbow,[10] un medley di tre brani originariamente composti dai Queen (Tenement Funster, Flick of the Wrist e Lily of the Valley),[11] Odyssey dei Dixie Dregs,[12] Take Your Fingers from My Hair dei Zebra[13] e Larks Tongues in Aspic Pt. 2 dei King Crimson.[14] Queste reinterpretazioni, insieme al rifacimento di To Tame a Land degli Iron Maiden, vennero incluse nel secondo disco dell'edizione speciale dell'album.

Il brano Wither ha ricevuto un videoclip ma al contrario di A Rite of Passage non è stato pubblicato come singolo, bensì è uscito un EP omonimo contenente la versione dell'album, una versione al pianoforte e un'altra versione cantata da John Petrucci, oltre a una prima versione di The Best of Times interamente cantata da Portnoy.[15] L'EP è stato pubblicato il 14 settembre dello stesso anno.

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Recensioni professionali
Recensione Giudizio
411mania.com[16] 9.5/10 stelle
AllMusic[17] 4/5 stelle
Consequence of Sound[18] 4.5/5 stelle
Last Rites[19] 8/10 stelle
Metal Hammer[20] Positivo
Metal Storm[21] 7.5/10 stelle
Piero Scaruffi[22] 5.5/10 stelle
PopMatters[23] 6/10 stelle
Sputnikmusic[24] 4/5 stelle
The Metal Forge[25] 7.5/10 stelle

Le risposte critiche iniziali a Black Clouds & Silver Linings sono state generalmente positive. Metacritic ha assegnato un punteggio medio di 68, basato su cinque giudizi.[26] Rich Wilson, autore della biografia ufficiale del gruppo Lifting Shadows, presentò in anteprima l'album per Metal Hammer e lo definiì come «l'album più fine e delicato dei Dream Theater in un decennio.»[20] Eduardo Rivadavia di AllMusic assegnò all'album quattro stelle su cinque, scrivendo che «Black Clouds & Silver Linings rimane il solito album dei Dream Theater; uno che poco probabilmente amplierà il loro pubblico, ma che è garantito a emozionare i loro fan con la sua rinnovata devozione per gli aspetti più urgenti e stimolanti del dominio musicale del gruppo.»[17] Allo stesso modo, David Buchanan di Consequence of Sound, il quale ha assegnato 4 stelle e mezzo su cinque, ha affermato che «l'album non porterà necessariamente nuovi fan ma non deluderà quelli che lo sono già. Non ci sono miglioramenti, ma neanche delusioni.»[18]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. A Nightmare to Remember – 16:10 (testo: John Petrucci – musica: John Petrucci, Mike Portnoy, Jordan Rudess, John Myung)
  2. A Rite of Passage – 8:35 (testo: John Petrucci – musica: John Petrucci, Mike Portnoy, Jordan Rudess, John Myung)
  3. Wither – 5:25 (John Petrucci)
  4. The Shattered Fortress – 12:49 (testo: Mike Portnoy – musica: John Petrucci, Mike Portnoy, Jordan Rudess, John Myung)
    • X. Restraint
    • XI. Receive
    • XII. Responsible
  5. The Best of Times – 13:07 (testo: Mike Portnoy – musica: John Petrucci, Mike Portnoy, Jordan Rudess, John Myung)
  6. The Count of Tuscany – 19:16 (testo: John Petrucci – musica: John Petrucci, Mike Portnoy, Jordan Rudess, John Myung)
Contenuto bonus nell'edizione deluxe
  • CD 2 – Uncovered 2008/2009
  1. Stargazer – 8:10 (Ronnie James Dio, Ritchie Blackmore)originariamente interpretata dai Rainbow
  2. Tenement Funster/Flick of the Wrist/Lily of the Valley – 8:17 (Roger Taylor, Freddie Mercury)originariamente interpretata dai Queen
  3. Odyssey – 7:59 (Steve Morse)originariamente interpretata dai Dixie Dregs
  4. Take Your Fingers from My Hair – 8:18 (Randy Jackson)originariamente interpretata dai Zebra
  5. Larks Tongues in Aspic Pt. 2 – 6:30 (Robert Fripp)originariamente interpretata dai King Crimson
  6. To Tame a Land – 7:15 (Steve Harris)originariamente interpretata dagli Iron Maiden
  • CD 3 – Black Clouds & Silver Linings (Instrumental Mixes)
  1. A Nightmare to Remember – 15:37 (musica: John Petrucci, Mike Portnoy, Jordan Rudess, John Myung)
  2. A Rite of Passage – 8:35 (musica: John Petrucci, Mike Portnoy, Jordan Rudess, John Myung)
  3. Wither – 5:27 (musica: John Petrucci)
  4. The Shattered Fortress – 12:45 (musica: John Petrucci, Mike Portnoy, Jordan Rudess, John Myung)
  5. The Best of Times – 12:49 (musica: John Petrucci, Mike Portnoy, Jordan Rudess, John Myung)
  6. The Count of Tuscany – 18:47 (musica: John Petrucci, Mike Portnoy, Jordan Rudess, John Myung)

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Gruppo
Altri musicisti
Produzione

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (2009) Posizione
massima
Australia[27] 16
Austria[27] 18
Belgio (Fiandre)[27] 36
Belgio (Vallonia)[27] 34
Canada[28] 5
Danimarca[27] 26
Finlandia[27] 1
Francia[27] 9
Germania[27] 3
Italia[27] 5
Messico[27] 37
Norvegia[27] 7
Paesi Bassi[27] 3
Portogallo[27] 14
Regno Unito[29] 23
Regno Unito (download)[30] 68
Scozia[31] 15
Spagna[27] 13
Stati Uniti (digital)[32] 5
Stati Uniti (hard rock)[33] 1
Stati Uniti (rock)[34] 2
Stati Uniti (tastemaker)[35] 4
Svezia[27] 3
Svizzera[27] 9

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) DREAM THEATER: New Album Title, Track Listing, Artwork Revealed, Blabbermouth.net, 12 marzo 2009. URL consultato il 20 giugno 2013.
  2. ^ (EN) MIKE PORTNOY Quits DREAM THEATER, Blabbermouth.net, 8 settembre 2010. URL consultato il 20 giugno 2013.
  3. ^ (EN) DREAM THEATER - BLACK CLOUDS & SILVER LININGS - Coming June 23rd!, Mike Portnoy, 13 marzo 2009. URL consultato il 20 giugno 2013.
  4. ^ (EN) The Drums Are Done!!!!, Mike Portnoy, 27 novembre 2008. URL consultato il 20 giugno 2013.
  5. ^ (EN) Episode Nine: Jordan Rudess Demo, Omnisphere.net. URL consultato il 20 giugno 2013.
  6. ^ (EN) Dream Theater: Portnoy interview, The Metal Circus, 16 maggio 2009. URL consultato il 20 giugno 2013 (archiviato dall'url originale il 23 maggio 2009).
  7. ^ (EN) Note di copertina di Black Clouds & Silver Linings, Dream Theater, p. 15 [booklet], Roadrunner Records, CD, 23 giugno 2009.
  8. ^ (EN) James Gill, Dream Theater’s Mike Portnoy Pens Tribute To Late Father, Metal Hammer, 2 maggio 2009. URL consultato il 20 giugno 2013 (archiviato dall'url originale il 29 giugno 2011).
  9. ^ (EN) A Rite of Passage, Dream Theater, 8 maggio 2009. URL consultato il 19 luglio 2013 (archiviato dall'url originale il 15 agosto 2013).
  10. ^ (EN) Mike Portnoy, DT Cover #1: Rainbow - Stargazer, Dream Theater, 19 maggio 2009. URL consultato il 19 luglio 2013 (archiviato dall'url originale il 26 settembre 2011).
  11. ^ (EN) Mike Portnoy, DT Cover #2: Queen - Tenement Funster / Flick Of The Wrist / Lily Of The Valley, Dream Theater, 26 maggio 2009. URL consultato il 19 luglio 2013 (archiviato dall'url originale il 27 settembre 2011).
  12. ^ (EN) Mike Portnoy, DT Cover #3: Dixie Dregs - Odyssey, Dream Theater, 2 giugno 2009. URL consultato il 19 luglio 2013 (archiviato dall'url originale il 26 settembre 2011).
  13. ^ (EN) Mike Portnoy, DT Cover #4: Zebra - Take Your Fingers From My Hair, Dream Theater, 9 giugno 2009. URL consultato il 19 luglio 2013 (archiviato dall'url originale il 27 settembre 2011).
  14. ^ (EN) Mike Portnoy, DT Cover #5: King Crimson - Larks Tongues In Aspic, Pt. 2, Dream Theater, 16 giugno 2009. URL consultato il 19 luglio 2013 (archiviato dall'url originale il 27 settembre 2011).
  15. ^ (EN) Dream Theater Wither EP - now available at online retailers, Dream Theater, 14 settembre 2009. URL consultato il 19 luglio 2013 (archiviato dall'url originale il 6 novembre 2011).
  16. ^ (EN) Shawn S. Lealos, Dream Theater - Black Clouds & Silver Linings Review, 411mania.com, 26 giugno 2009. URL consultato il 20 giugno 2013 (archiviato dall'url originale il 7 ottobre 2012).
  17. ^ a b (EN) Eduardo Rivadavia, Black Clouds & Silver Linings, su AllMusic, All Media Network. URL consultato il 20 giugno 2013.
  18. ^ a b (EN) David Buchanan, Album Review: Dream Theater - Black Clouds & Silver Linings, Consequence of Sound, 21 luglio 2009. URL consultato il 20 giugno 2013.
  19. ^ (EN) John Ray, Review of Dream Theater - Black Clouds & Silver Linings, Last Rites, luglio 2009. URL consultato il 20 giugno 2013.
  20. ^ a b (EN) terrybezer, Dream Theater Album Review: 'Black Clouds And Silver Linings' Track-By-Track, Metal Hammer, 24 aprile 2009. URL consultato il 20 giugno 2013.
  21. ^ (EN) Demonic Tutor, Dream Theater - Black Clouds & Silver Linings, Metal Storm, 30 giugno 2009. URL consultato il 20 giugno 2013.
  22. ^ Dream Theater - Black Clouds & Silver Linings, Piero Scaruffi. URL consultato il 28 marzo 2015.
  23. ^ (EN) Chris Conaton, Dream Theater: Black Clouds and Silver Linings, PopMatters, 17 luglio 2009. URL consultato il 20 giugno 2013.
  24. ^ (EN) Trey Spencer, Review: Dream Theater - Black Clouds & Silver Linings, Sputnikmusic, 19 giugno 2009. URL consultato il 20 giugno 2013.
  25. ^ Donnelly, Justin. link 2009-06-19. Retrieved on 2011-05-13.
  26. ^ (EN) Black Clouds & Silver Linings - Dream Theater, Metacritic. URL consultato il 20 giugno 2013.
  27. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p (NL) Dream Theater - Black Clouds & Silver Linings, Ultratop. URL consultato il 16 gennaio 2016.
  28. ^ (EN) Dream Theater - Chart history (Billboard Canadian Albums), Billboard. URL consultato il 16 gennaio 2016.
  29. ^ (EN) Official Albums Chart Top 100: 28 June 2009 - 04 July 2009, Official Charts Company. URL consultato il 16 gennaio 2016.
  30. ^ (EN) Official Album Downloads Chart Top 100: 28 June 2009 - 04 July 2009, Official Charts Company. URL consultato il 16 gennaio 2016.
  31. ^ (EN) Official Scottish Albums Chart Top 100: 28 June 2009 - 04 July 2009, Official Charts Company. URL consultato il 16 gennaio 2016.
  32. ^ (EN) Dream Theater - Chart history (Digital Albums), Billboard. URL consultato il 16 gennaio 2016.
  33. ^ (EN) Dream Theater - Chart history (Hard Rock Albums), Billboard. URL consultato il 16 gennaio 2016.
  34. ^ (EN) Dream Theater - Chart history (Top Rock Albums), Billboard. URL consultato il 16 gennaio 2016.
  35. ^ (EN) Dream Theater - Chart history (Tastemaker Albums), Billboard. URL consultato il 16 gennaio 2016.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]