Illumination Theory

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Illumination Theory
ArtistaDream Theater
Tipo albumSingolo
Pubblicazione19 aprile 2014
Durata22:18
Album di provenienzaDream Theater
GenereProgressive metal
Symphonic metal
EtichettaRoadrunner
ProduttoreJohn Petrucci
Registrazionegennaio–maggio 2013, Cove City Sound Studios, Glen Cove (New York)
Formati12"
Dream Theater - cronologia
Singolo precedente
(2013)
Singolo successivo
(2015)

Illumination Theory è un singolo del gruppo musicale statunitense Dream Theater, pubblicato il 19 marzo 2014 come secondo estratto dal dodicesimo album in studio Dream Theater.[1]

La canzone[modifica | modifica wikitesto]

Traccia conclusiva dell'album, Illumination Theory è una suite moderna di oltre 20 minuti divisa in cinque atti e caratterizzata dalla presenza di un'orchestra, curata dal pianista turco Eren Başbuğ.[2]

Il testo, interamente composto dal chitarrista John Petrucci,[3] riguarda le cose per cui le persone vivrebbero, morirebbero o ucciderebbero.[4]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Testi di John Petrucci, musiche di John Petrucci, Jordan Rudess, John Myung, James LaBrie, Mike Mangini.

  1. Illumination Theory – 22:18
    • I. Paradoxe de la lumière noire
    • II. Live, Die, Kill
    • III. The Embracing Circle
    • IV. The Pursuit of Truth
    • V. Surrender, Trust & Passion

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Gruppo
Altri musicisti
Produzione

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Roadrunner Record Store Day Releases, Roadrunner Records, 20 marzo 2014. URL consultato l'11 aprile 2014.
  2. ^ (EN) Eren Başbuğ, recording the parts I arranged for Dream Theater's new album, Facebook, 14 maggio 2013. URL consultato l'11 aprile 2014.
  3. ^ (EN) Note di copertina di Dream Theater, Dream Theater, p. 26 [booklet], Roadrunner Records, CD, 24 settembre 2013.
  4. ^ Filmato audio Italian Dreamers, DREAM THEATER 2013 - Track by Track Interview with James LaBrie & John Petrucci, su YouTube, 5 settembre 2013, a 9 min 33 s. URL consultato l'11 aprile 2014.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]