Barracuda (programma televisivo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Barracuda
PaeseItalia
Anno1999
Generetalk show, satirico
Edizioni1
Puntate11
Durata50 min
Lingua originaleitaliano
Crediti
ConduttoreDaniele Luttazzi
IdeatoreFatma Ruffini
RegiaChristophe Sanchez[1]
AutoriDaniele Luttazzi, Zap Mangusta, Andrea Marchi, Davide Parenti[1]
MusicheVince Tempera[1]
ScenografiaAlessandra Picchi[1]
CostumiLea Bevilacqua[1]
FotografiaAngelo Pacchetti[1]
ProduttoreAlberto Salaroli
Produttore esecutivoRoberta Magagnotto[1]
Casa di produzioneRTI
Rete televisivaItalia 1

Barracuda è stato un talk show televisivo, ideato da Fatma Ruffini e presentato da Daniele Luttazzi (al suo esordio come conduttore). Fu trasmesso nel 1999 in seconda serata alle ore 22:45 su Italia 1.

Le musiche dal vivo era suonate dal "Barracuda Combo", un piccolo ensemble diretto dal maestro Vince Tempera (sostituito, nella puntata del 2 marzo, dal cantautore Francesco Baccini)[2].

Il programma[modifica | modifica wikitesto]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Con Barracuda, Daniele Luttazzi importò per la prima volta in Italia il genere tv del "Late Show" creato negli Stati Uniti negli anni cinquanta dal presentatore Steve Allen). In ogni puntata, Luttazzi intervistava in studio vari personaggi del mondo dello spettacolo, del cinema, della musica, della politica e del giornalismo. Il programma, oltre a un monologo satirico di apertura, prevedeva anche sketch comici con gli ospiti e rubriche umoristiche.

Ospiti[modifica | modifica wikitesto]

n. data Ospiti
1 13 gennaio 1999 Natasha Stefanenko, Claudio Martelli, Renzo Rosso e Max Gazzè.
2 20 gennaio 1999 Roberta Lanfranchi (una delle Veline), Gianfranco Funari, Renato Nicolini, Selen e gli Articolo 31.
3 27 gennaio 1999 Ambra, Oliviero Toscani, Claudia Pandolfi e Roberto Vecchioni.
4 3 febbraio 1999 Elenoire Casalegno, Tinto Brass, Vittorio Feltri e Isabella Ferrari.
5 10 febbraio 1999 Alessia Merz, Paolo Liguori, Enrico Ruggeri e Maurizio D'Adda.
6 17 febbraio 1999 Giuliano Ferrara, Iaia Forte, Cesare Ragazzi e Morgan.
7 2 marzo 1999 Fabrizio Rondolino, Martina Colombari e Beppe Severgnini.
8 9 marzo 1999 Fausto Bertinotti, Fernanda Pivano e Ramona Badescu.
9 17 marzo 1999 Tosca D'Aquino, Roberto Formigoni, Amanda Lear e Sabrina Salerno.
10 24 marzo 1999 Emilio Fede, Nathalie Caldonazzo, Asia Argento e Giobbe Covatta.
11 31 marzo 1999 Alba Parietti, Vincenzo Salemme, Dario Ballantini, e Martina Colombari.

Controversie[modifica | modifica wikitesto]

Secondo l'ideatrice Fatma Ruffini, Barracuda sarebbe dovuto tornare nella successiva stagione televisiva con una nuova edizione[3], ma ciò non avvenne perché, come dichiarato da Luttazzi[4], il programma aveva subito alcune censure da parte di Mediaset (per esempio una domanda su Silvio Berlusconi nella prima intervista a Claudio Martelli e la risposta di questi: «Silvio Berlusconi non è un politico, è un piazzista»). A causa di questo, il conduttore scelse di passare in Rai[4].

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione