Antimo Cesaro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Antimo Cesaro
Antimo cesaro.jpg

Sottosegretario di Stato al Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo
Durata mandato 29 gennaio 2016 –
1° giugno 2018
Cotitolare Dorina Bianchi
Ilaria Borletti Buitoni
Presidente Matteo Renzi
Paolo Gentiloni
Predecessore Francesca Barracciu
Successore Lucia Borgonzoni
Gianluca Vacca

Deputato della Repubblica Italiana
Durata mandato 15 marzo 2013 –
22 marzo 2018
Legislature XVII
Gruppo
parlamentare
- GRUPPO MISTO - componente: Civici e Innovatori per l'Italia (Dal 10/07/2017-attualmente)

In precedenza:

- Civici e Innovatori (Da inizio legislatura al 10/07/2017)

- GRUPPO MISTO (Dal 10/07/2017 al 10/07/2017)

Coalizione Con Monti per l'Italia
Circoscrizione Campania 2
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Indipendente (Dal 2016)
In precedenza:
Italia Futura (2012-2013)
Scelta Civica per l'Italia (2013-2016)
Titolo di studio Laurea in Giurisprudenza
Università Università degli Studi di Napoli Federico II
Professione Professore Associato di Filosofia Politica

Antimo Cesaro (Napoli, 19 settembre 1968) è un accademico, politico e scrittore italiano.

Docente di Scienza e filosofia politica ed ermeneutica del linguaggio politico presso il Dipartimento di Scienze politiche "Jean Monnet" dell'Università degli Studi della Campania "Luigi Vanvitelli" di Caserta. È stato deputato nella XVII Legislatura.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1992 si è laureato con lode in Giurisprudenza presso l'Università degli Studi di Napoli Federico II.

Dal 1994 al 1996 ha perfezionato i suoi studi, conseguendo il titolo di dottore di ricerca, con un corso triennale in Filosofia politica presso la Libera Università San Pio V di Roma. Dal 1996 al 1997 ha conseguito il perfezionamento scientifico biennale in Filosofia del diritto presso l'Università degli Studi "Suor Orsola Benincasa" di Napoli[1].

Dal 1997 al 1999 è borsista C.N.R. nell'area tematica Filosofia politica presso il Dipartimento di Economia, Istituzioni e Società della Facoltà di Giurisprudenza dell'Università degli Studi di Sassari[1].

Dal 1998 al 2002 è stato membro del Consiglio Nazionale dei Beni Culturali[1].

Dal 1999 al 2004 è stato docente a contratto presso la Facoltà di Giurisprudenza della Seconda Università degli Studi di Napoli e dal 2005 al 2010 è stato docente di Storia del pensiero politico e delle istituzioni euromediterranee presso la facoltà di Scienze politiche della stessa università[1]. Dal 2011 insegna Scienza e filosofia politica ed Ermeneutica del linguaggio politico presso il dipartimento di Scienze Politiche della Seconda Università degli Studi di Napoli.

Dal 2007 è presidente del Centro di Ricerca sull'Ermeneutica Simbolica dell'Opera d'Arte di Napoli[2] e dal 2009 è membro del Comitato scientifico del Centro di Ricerche di Iconologia, Simbolica politica e del Sacro di Teramo[3]. È membro del comitato editoriale di varie riviste scientifiche (Heliopolis, Filosofia e questione pubbliche, Persona, Metabasis.it) e partecipa ai comitati scientifici delle collane editoriali Il caffè dei filosofi per la Mimesis di Sesto San Giovanni (Mi), Percorsi di ermeneutica simbolica per la Luciano editore di Napoli e icovidivoci per la Artetetra edizioni di Capua; per quest'ultima casa editrice, dirige anche la collana ingegni dedicata alla saggistica multidisciplinare.

Dal luglio 2017 è abilitato come "docente di prima fascia" per il Settore Scientifico Disciplinare 14 A1 Filosofia Politica ai sensi dell'art. 16, comma 1, Legge 240/10 in base al bando ASN 2016/2018 indetto con D.D. 1532/2016.

Attività politica[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2012 ha ricpoperto l'incarico di coordinatore regionale di Italia Futura in Campania, per poi aderire ad inizio 2013 a Scelta Civica per l'Italia del premier uscente Mario Monti.

Elezione a deputato[modifica | modifica wikitesto]

Alle elezioni politiche del 2013 è stato candidato alla camera dei Deputati, nella circoscrizione Campania 2, come capolista di Scelta Civica per l'Italia,[4] venendo eletto deputato della XVII Legislatura.[5]

È stato componente della XI Commissione Lavoro pubblico e privato, Segretario della Commissione bicamerale per l'Infanzia e l'Adolescenza, Segretario della Giunta delle elezioni e membro del comitato per le incompatibilità, le ineleggibilità e le decadenze.

Il 28 gennaio 2016, in occasione del rimpasto del Governo Renzi, è stato nominato, in quota Scelta Civica, sottosegretario di stato al Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo.

A luglio 2016 è tra coloro i quali si schierano contro la fusione di Scelta Civica con Alleanza Liberalpopolare-Autonomie (ALA) di Denis Verdini, pertanto abbandona il partito assieme ad altri 14 deputati e dà vita al gruppo parlamentare Civici e Innovatori.

Il 29 dicembre 2016 viene riconfermato sottosegretario nel medesimo dicastero dal premier Paolo Gentiloni.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Il potere e la menzogna - Prime tematizzazioni, Luciano Editore, Napoli, 1994.
  • Tommaso Campanella, Aforismi Politici (saggio introduttivo e note al testo), Alfredo Guida Editore, Napoli, 1997.
  • Tommaso Campanella, De Politica (traduzione e nota introduttiva), Guida, Napoli 2001
  • L'angelo e la fenice. Percorsi di ermeneutica simbolica (a cura e con nota introduttiva), Luciano editore, Napoli 2007
  • La spada e il labirinto. Percorsi di ermeneutica simbolica (a cura e con nota introduttiva), Luciano editore, Napoli 2008.
  • La dama e il liocorno. Percorsi di ermeneutica simbolica (a cura e con nota introduttiva), Luciano editore, Napoli 2008.
  • Andromeda e Medusa. Per un'ermeneutica simbolico-politica dell'opera d'arte, Luciano editore, Napoli 2009.
  • La politica come scienza. Questioni di filosofia giuridica e politica nel pensiero di Tommaso Campanella, Franco Angeli, Milano 2009.
  • Lo sguardo di Ulisse. Due esercizi di ermeneutica simbolico-politica, ScriptaWeb, Napoli 2009.
  • Atrium libertatis. Percorsi di ermeneutica simbolica (con M. F. Schepis), Luciano Editore, Napoli 2010.
  • Sguardi in ascolto. Il simbolo tra parola e immagine (con G. Lombardo), Mucchi, Modena 2011.
  • Machina Mundi. Incursioni simbolico-politiche nell'arte federiciana, Franco Angeli, Milano 2012.
  • Arcana tabula - La dama. Il pittore. Il liocorno., Artetetra edizioni, Capua 2014.
  • Ambroise Paré, Discorso su liocorno, Artetetra edizioni, Capua 2014.

Divertissement letterari[modifica | modifica wikitesto]

  • T. Campanella. La Repubblica di Bananab (autentico falso d'autore), Guida, Napoli 2011.
  • Sinesio di Cirene - Elogio della calvizie, Artetetra edizioni, Capua 2015

Indagini giudiziarie legate all'attività politica[modifica | modifica wikitesto]

Il Sottosegretario Antimo Cesaro è indagato per falso dalla Procura di Roma, per un episodio legato alla sua attività nel Governo. La notizia è stata pubblicata dal Corriere del Mezzogiorno e dal Sole 24 ORE.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN12520652 · ISNI (EN0000 0000 4278 7041 · BNF (FRcb14415348n (data)