2. Fußball-Bundesliga 1999-2000

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
2. Fußball-Bundesliga 1999-2000
Competizione 2. Fußball-Bundesliga
Sport Football pictogram.svg Calcio
Edizione 26ª
Organizzatore DFB
Luogo Germania Germania
Partecipanti 18
Risultati
Promozioni Colonia
Bochum
Energie Cottbus
Retrocessioni Fortuna Colonia
Kickers Offenbach
Karlsruhe
TeBe Berlino
Statistiche
Miglior marcatore Tomislav Marić
Incontri disputati 306
Cronologia della competizione
Left arrow.svg 1998-1999 2000-2001 Right arrow.svg

La 2. Fußball-Bundesliga 1999-2000 è stata la ventiseiesima edizione della 2. Fußball-Bundesliga, la seconda serie del campionato tedesco di calcio. È terminata con la promozione in Bundesliga del Colonia, che ha vinto il torneo, più il Bochum e l'Energie Cottbus.

Capocannoniere del torneo è stato Tomislav Marić dello Stuttgarter Kickers con 21 gol[1].

Squadre partecipanti[modifica | modifica wikitesto]

Le 18 squadre partecipanti sono state:

Club Città Stadio Stagione 1998-1999
Alemannia Aquisgrana Aquisgrana Tivoli-Stadion Promosso dalla Regionalliga
Bochum Bochum Ruhrstadion Retrocesso dalla Bundesliga
Borussia M'gladbach Mönchengladbach Bökelbergstadion Retrocesso dalla Bundesliga
Chemnitz Chemnitz Stadion an der Gellertstraße Promosso dalla Regionalliga
Colonia Colonia Müngersdorfer-Stadion 10° nella 2. Bundesliga
Energie Cottbus Cottbus Stadion der Freundschaft 11° nella 2. Bundesliga
Fortuna Colonia Colonia Südstadion 14° nella 2. Bundesliga
Greuther Fürth Fürth Playmobil-Stadion 8° nella 2. Bundesliga
Hannover 96 Hannover Niedersachsenstadion 4° nella 2. Bundesliga
Karlsruhe Karlsruhe Wildparkstadion 5° nella 2. Bundesliga
Kickers Offenbach Offenbach am Main Stadion am Bieberer Berg Promosso dalla Regionalliga
Magonza Magonza Stadion am Bruchweg 7° nella 2. Bundesliga
Norimberga Norimberga Frankenstadion Retrocesso dalla Bundesliga
RW Oberhausen Oberhausen Niederrheinstadion 12° nella 2. Bundesliga
St. Pauli Amburgo (quartiere di St. Pauli) Millerntor-Stadion 9° nella 2. Bundesliga
Kickers Stoccarda Stoccarda GAZi-Stadion auf der Waldau 13° nella 2. Bundesliga
TeBe Berlino Berlino Mommsenstadion 6° nella 2. Bundesliga
Waldhof Mannheim Mannheim Carl-Benz-Stadion Promosso dalla Regionalliga

Classifica finale[modifica | modifica wikitesto]

Classifica finale 1998-1999 Pti G V N P GF GS DR
1uparrow green.svg 1. Colonia 65 34 19 8 7 68 39 +29
1uparrow green.svg 2. Bochum 61 34 18 7 9 67 48 +19
1uparrow green.svg 3. Energie Cottbus 58 34 18 4 12 62 42 +20
4. Norimberga 55 34 15 10 9 54 46 +8
5. Borussia M'gladbach 54 34 14 12 8 60 43 +17
6. RW Oberhausen 49 34 12 13 9 43 34 +9
7. Greuther Fürth 46 34 10 16 8 40 39 +1
8. Alemannia Aquisgrana 46 34 12 10 12 46 54 -8
9. Magonza 45 34 11 12 11 41 42 -1
10. Hannover 96 44 34 12 8 14 56 56 0
11. Chemnitz 43 34 11 10 13 42 49 -7
12. Waldhof Mannheim 42 34 10 12 12 50 56 -6
13. St. Pauli 39 34 8 15 11 37 45 -8
14. Kickers Stoccarda 39 34 10 9 15 49 58 -9
1downarrow red.svg 15. Fortuna Colonia 35 34 8 11 15 38 50 -12
1downarrow red.svg 16. Kickers Offenbach 35 34 8 11 15 35 58 -23
1downarrow red.svg 17. Karlsruhe 27 34 5 12 17 35 56 -21
1downarrow red.svg 18. TeBe Berlino[2] 40 34 10 10 14 42 50 -8

Verdetti[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche e record[modifica | modifica wikitesto]

Classifica marcatori[modifica | modifica wikitesto]

Gol Marcatore Squadra
1rightarrow.png 21 Croazia Tomislav Marić Kickers Stoccarda
19 Germania Achim Weber Bochum
Germania Arie van Lent Borussia M'gladbach
15 Germania Rainer Krieg Karlsruhe
Croazia Antun Labak Energie Cottbus
Germania Peter Peschel Bochum
14 Bulgaria Dimtcho Beliakov Norimberga
Macedonia Saša Ḱiriḱ TeBe Berlino
Germania Dirk Lottner Colonia
13 Germania Gustav Policella Magonza
Germania Angelo Vier RW Oberhausen
12 Germania Martin Driller Norimberga
Germania Marcus Marin St. Pauli

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) (West) Germany - Second Level Top Scorers, in www.rsssf.com. URL consultato il 18-06-2014.
  2. ^ Al TeBe Berlino è stata revocata la licenza per problemi finanziari. Secondo il paragrafo 41 del regolamento della DFB, la società ha subito la retrocessione all'ultimo posto. Il verdetto è stato emesso dalla DFB stessa il 5 giugno 2000.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]