...e l'uomo creò Satana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
...e l'uomo creò Satana
Inherit the wind trailer (1) Spencer Tracy Fredric March.jpg
Spencer Tracy e Fredric March nel trailer
Titolo originaleInherit the Wind
Paese di produzioneUSA
Anno1960
Durata128 min
Dati tecniciB/N
Generedrammatico
RegiaStanley Kramer
SoggettoJerome Lawrence e Robert E. Lee
SceneggiaturaNedrick Young e Harold Jacob Smith
ProduttoreStanley Kramer
Casa di produzioneStanley Kramer Productions (come Lomitas Productions Inc.)
Distribuzione (Italia)Dear
FotografiaErnest Laszlo
MontaggioFrederic Knudtson
MusicheErnest Gold
ScenografiaRudolph Sternad
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

...e l'uomo creò Satana (Inherit the Wind) è un film del 1960 diretto e prodotto da Stanley Kramer e basato sull'omonima opera teatrale.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Stati Uniti, 1925. Una nazione da un lato protesa verso un futuro di scienza e modernismo e dall'altro ancorata al proprio humus puritano o, più in generale, religioso. Si rifà a un fatto realmente accaduto a Dayton (Tennessee) il cosiddetto Monkey Trial in cui l'insegnante di biologia John Scopes (il prof.Cates nel film) viene accusato dalla comunità cristiana di sostenere tesi darwiniane e di insegnarle agli allievi. Incriminato per corruzione di giovani come Socrate, esplode il casus di cui prontamente si appropriano i massmedia.

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Attraverso il genere giudiziario, Stanley Kramer mette in scena un tema ancora attuale e scottante: il contrasto tra scienza e fede.

Il conflitto tutto statunitense tra creazionismo ed evoluzionismo viene incarnato nel film rispettivamente dall'avvocato dell'accusa e dall'avvocato difensore. Si tratta di uno dei film meno noti di Kramer che per l'occasione recupera per la trama del suo film un vecchio testo teatrale a sua volta tratto da una storia vera, conducendolo con serietà e rigore e mescolando sapientemente gli ingredienti cinematografici.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato presentato in concorso al Festival di Berlino, dove Fredric March ha vinto l'Orso d'argento per il miglior attore. Ha ricevuto inoltre quattro nomination ai Premi Oscar 1961 e due ai Golden Globe 1961. Nel 1960 il National Board of Review of Motion Pictures l'ha inserito nella lista dei migliori dieci film dell'anno.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema