Vince Tempera

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vince Tempera
Vince Tempera nel 1970 (al centro) con gli altri componenti dei The Pleasure Machine: a sinistra Ellade Bandini, a destra Ares Tavolazzi
Vince Tempera nel 1970 (al centro) con gli altri componenti dei The Pleasure Machine: a sinistra Ellade Bandini, a destra Ares Tavolazzi
Nazionalità Italia Italia
Genere Rock progressivo
Pop
Periodo di attività 1969 – in attività
Strumento tastiere
Gruppi The Pleasure Machine, Il Volo

Vincenzo Tempera, noto come Vince Tempera (Milano, 18 settembre 1946), è un tastierista e arrangiatore italiano.

Attivo fin dagli anni Settanta in band come The Pleasure Machine e Il Volo, è probabilmente più noto come l'autore o coautore delle sigle di diversi cartoni animati degli anni settanta e ottanta, uno tra tutti Ufo Robot Goldrake.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Già nel 1966 suona con il suo gruppo La Nuova Era in giro per l'Italia, fermandosi per lunghi periodi nei locali come gruppo principale delle serate, gli piaceva suonare a piedi nudi e saltare in continuazione sulla tastiera.[senza fonte]Tastierista nel complesso The Pleasure Machine, nel 1970 si occupa degli arrangiamenti dell'album Terra in bocca de I Giganti e di L'isola non trovata di Francesco Guccini.

Partecipa all'incisione del brano Luci ah nell'album Il mio canto libero di Lucio Battisti, ma non viene accreditato nella copertina a causa di uno screzio avuto con il cantautore.

Nel 1974 forma con i chitarristi Mario Lavezzi e Alberto Radius, con il bassista Bob Callero e il batterista Gianni Dall'Aglio il supergruppo Il Volo,[1] con cui pubblica i due LP Il Volo (1974) e Essere o non essere? Essere! Essere! Essere! (1975), per la Numero Uno di Lucio Battisti.
Sempre nel 1974 collabora alla realizzazione dell'Album La casa del lago dei Saint Just di Jenny Sorrenti e arrangia la canzone di Mina Caravel, contentenuta nell'album Mina®. Nella seconda metà degli anni settanta collabora agli arrangiamenti di diversi dischi di Loredana Berté e Mario Lavezzi, continuando allo stesso tempo la collaborazione con Guccini. Nel 1975 Collabora nella realizzazione dell'album live L'anima dei matti di Marcella Bella.

Nello stesso periodo ha inciso alcuni 33 e 45 giri per la Harmony, usando lo pseudonimo Andrè Carr.

Sulla fine del 1976 collabora alla realizzazione del singolo di Junie Russo (poi nota come Giuni Russo), arrangiando i brani Mai, che avrà un discreto successo di vendite, vincendo l'anno successivo il Cantagiro, e il brano Che mi succede adesso.

Circa a metà del 2013, a seguito del precedente addio alla musica da parte di Francesco Guccini, ha iniziato la collaborazione con il resto dei Musici (band di Guccini) con voce Danilo Sacco, per anni vocalist dei Nomadi.

Il successo delle sigle tv[modifica | modifica wikitesto]

Vince Tempera è stato autore e musicista di numerose sigle televisive di successo di anime e telefilm, sia in qualità di direttore d'orchestra e arrangiatore che di autore dei testi, tra cui Goldrake, Ape Maia, Capitan Harlock, Nils Holgersson, Daitan III, Hello Spank, anche se ha fatto molto discutere la somiglianza delle sigle di Remi le sue avventure e Anna dai capelli rossi con due canzoni dei Boney M, rispettivamente Brown Girl in the Ring e Rivers of Babylon. In alcune interviste televisive[2], ma anche in altri incontri pubblici[3] Vince Tempera ha però ammesso di essersi ispirato per Anna dai capelli rossi all'inno Bandiera rossa. Il più grande successo fu senza dubbio quello del 1978 con la sigla Ufo Robot, scritta insieme a Luigi Albertelli ed Ares Tavolazzi, per cui ottenne addirittura il Disco d'oro, superando il milione di copie vendute[4].I dischi venivano pubblicati con diversi pseudonimi.

Vince Tempera, Loredana Berté e Mario Lavezzi nel 1978

Negli anni è più volte direttore d'orchestra del Festival di Sanremo. Nel 1998 è direttore dell'orchestra della trasmissione televisiva Barracuda, condotta da Daniele Luttazzi e trasmessa su Italia Uno.

Vince Tempera (a destra) con Francesco Guccini durante un'esibizione live

Dalla fine degli anni settanta inizia la collaborazione con Francesco Guccini e da allora fa parte dei suoi musici accompagnandolo nei concerti alle tastiere e al pianoforte. Alle tastiere si esibisce anche in concerti modern jazz.

Quentin Tarantino ha scelto per la colonna sonora del film Kill Bill vol. 1 la musica della colonna sonora di Sette note in nero di Lucio Fulci composta da Tempera.

È stato chiamato dalla tv di San Marino come giurato per scegliere la canzone che il Titano porterà all'Eurovision Song Contest 2008, e ha invocato il ritorno della RAI, per la quale nel frattempo ha composto le musiche delle fiction Raccontami 2 e Tutti i rumori del mondo.

Nel 2009 è il direttore d'orchestra del programma TV La corrida, ruolo ricoperto precedentemente dal maestro Roberto Pregadio.

Dal 2008 è il direttore musicale e patron dei Grandi Festivals Italiani (festival canori nazionali e per la Lombardia il festival Una Voce per Macherio) con la collaborazione di Katia Ricciarelli e altri nomi del panorama musicale italiano con lo scopo di aiutare giovani talenti ad emergere nel mondo dello spettacolo.

Discografia Parziale[modifica | modifica wikitesto]

Singoli cartoni animati e serie tv[modifica | modifica wikitesto]

Pseudonimi e relative formazioni[modifica | modifica wikitesto]

Filmografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Come compositore delle musiche:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Cesare Rizzi, Progressive & underground pag 185, Giunti editore, 2003, ISBN 978-88-09-03230-9.
  2. ^ Galatea, "I plagi", Rai 2, 14 aprile 2005.
  3. ^ Incontro "Canzoni rubate" al Meeting Etichette Indipendenti, Faenza, 2008 [1]
  4. ^ Videointervista a Luigi Albertelli, Vince Tempera e Alberto Tadini
  5. ^ Tana delle Sigle :: Dettaglio artista
  6. ^ Tana delle Sigle :: Dettaglio artista
  7. ^ Tana delle Sigle :: Dettaglio artista
  8. ^ Tana delle Sigle :: Dettaglio artista
  9. ^ Tana delle Sigle :: Dettaglio artista
  10. ^ Tana delle Sigle :: Dettaglio artista
  11. ^ Tana delle Sigle :: Dettaglio artista
  12. ^ Tana delle Sigle :: Dettaglio sigla
  13. ^ Tana delle Sigle :: Dettaglio sigla
  14. ^ Tana delle Sigle :: Dettaglio sigla
  15. ^ Tana delle Sigle :: Dettaglio sigla
  16. ^ Tana delle Sigle :: Dettaglio artista
  17. ^ Tana delle Sigle :: Dettaglio sigla

Controllo di autorità VIAF: 59292301