V

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi V (disambigua).
Lettera V

V (chiamata vu in italiano: meno bene vi[1]) è la ventesima lettera dell'alfabeto italiano e la ventiduesima dell'alfabeto latino. Il grafema v indica normalmente in italiano una consonante fricativa labiodentale sonora nell'alfabeto fonetico internazionale (/v/).

Alfabeto fonetico NATO Codice Morse
Victor ···–
ICS Victor.svg Semaphore Victor.svg ⠧
Bandiera di segnalazione marittima Alfabeto semaforico Braille

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La distinzione grafica fra u e v, introdotta dall'umanista Gian Giorgio Trissino (1478-1550) nel 1524, divenne di uso comune solo alla fine del XVII secolo e definitiva alla fine del XVIII secolo. Ancora oggi, nelle epigrafi, si preferisce V invece di U maiuscola.

In latino e nell'italiano più antico la v come lettera distinta non esisteva, ma si usava u. Per distinguere i due suoni si diceva u vocale e u consonante (cioè v).[senza fonte]

Per l'evoluzione del grafema, vedi la voce U.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Il segno delle dita a V indica vittoria se il palmo è rivolto verso l'osservatore. In Gran Bretagna lo stesso segno fatto con il dorso della mano rivolto all'osservatore è un insulto verso quest'ultimo. Ciò non ha alcuna relazione con la lettera, in quanto sembra derivare da motivi storici, che tuttavia non sono provati. Durante la guerra dei cento anni tra Inghilterra e Francia gli arcieri inglesi erano molto temuti, per cui se presi prigionieri venivano loro mozzate le dita indice e medio in modo che non potessero più tirare con l'arco. Per contro, quando gli inglesi erano davanti al nemico, mostravano queste due dita e non è un caso che tuttora in Gran Bretagna mostrare la V, ma dalla parte del dorso delle dita, sia considerato un insulto. Altre teorie, anch'esse non provate suggeriscono che il gesto possa derivare dal mondo arabo[2].
  • La lettera V è utilizzata per rappresentare testualmente la cosiddetta erre moscia. Esempio: «Tventatve tventini entvavono a Tvento tutti e tventatve tvottevellando».

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Vedi DOP.
  2. ^ La Storia (E La Leggenda) Del Gesto Della V

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]