Time and a Word

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Time and a Word
Artista Yes
Tipo album Studio
Pubblicazione 24 luglio 1970
Durata 40 min : 06 s
Dischi 1
Tracce 8
Genere Rock progressivo
Etichetta Atlantic Records
Produttore Tony Colton
Registrazione novembre 1969 - gennaio 1970
Note L'album è stato rimasterizzato e ripubblicato nel 2003, con l'aggiunta di diverse tracce bonus.
Yes - cronologia
Album precedente
(1969)
Album successivo
(1971)

Time and a Word è il secondo album del gruppo di rock progressivo Yes.

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

Fu pubblicato da Atlantic Records a metà del 1970 in Europa e in novembre negli Stati Uniti. Fu l'ultimo album realizzato dalla formazione originale del gruppo composta da Jon Anderson, Chris Squire, Peter Banks, Tony Kaye e Bill Bruford.

L'album rappresenta un tentativo ambizioso di far coesistere la musica rock dei primi anni settanta con un accompagnamento di orchestra sinfonica (operazione in seguito ripetuta dagli Yes con l'album Magnification del 2001). Banks e Kaye si lamentarono del fatto che l'orchestra aveva sottratto spazio ai loro strumenti, e Banks abbandonò lo stesso anno.

Time and a Word giunse alla posizione 45 delle classifiche inglesi di vendita, risultato che poteva essere considerato un successo rispetto al precedente album di debutto. Tuttavia, dopo Time and a Word la Atlantic iniziò a fare pressioni sul gruppo, minacciando di sciogliere il loro contratto se non avessero avuto successo col terzo album.

Fra i brani di Time and a Word, come nel precedente Yes, si trovano alcune cover. Sweet Dreams (un brano in seguito riproposto occasionalmente dal vivo durante gli "assoli" di Anderson) è cofirmato da David Foster, con cui Anderson aveva suonato nella band The Warriors e che in seguito suonò con Kaye nei Badger. La title-track Time and a Word fa parte del repertorio proposto dal gruppo nei concerti nei decenni successivi; versioni live di questo brano si trovano in Yesshows (1980), An Evening of Yes Music Plus (1993), Keys to Ascension 2 (1997) e House of Yes (2000).

Versioni live di molti brani di Time and a Word appaiono anche in Something's Coming, una raccolta di materiale inedito pubblicata nel 1997.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. No Opportunity Necessary, No Experience Needed (Richie Havens) - 4:48
  2. Then (Jon Anderson) - 5:46
  3. Everydays (Stephen Stills) - 6:08
  4. Sweet Dreams (Jon Anderson/David Foster) - 3:50
  5. The Prophet (Jon Anderson/Chris Squire) - 6:34
  6. Clear Days (Jon Anderson) - 2:06
  7. Astral Traveller (Jon Anderson) - 5:53
  8. Time And A Word (Jon Anderson/David Foster) - 4:32

L'album è stato rimasterizzato e ripubblicato nel 2003, con l'aggiunta di diverse tracce bonus.

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Rock progressivo Portale Rock progressivo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Rock progressivo