Yesterdays (Yes)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Yesterdays
Artista Yes
Tipo album Raccolta
Pubblicazione 28 febbraio 1975
Durata 45 min : 36 s
Dischi 1
Tracce 8
Genere Rock progressivo
Etichetta Atlantic Records
Produttore Paul Clay, Tony Colton, Yes e Eddie Offord
Registrazione primavera 1969, novembre 1969, gennaio 1970 e primavera 1972
Yes - cronologia
Album precedente
(1974)
Album successivo
(1977)

Yesterdays è una raccolta di brani del gruppo di rock progressivo inglese Yes.

Il disco[modifica | modifica sorgente]

Contiene principalmente pezzi dai primi due album Yes e Time and a Word; vi furono anche pubblicati per la prima volta Dear Father (1970, lato B del singolo Sweet Dreams) e la cover del brano America di Paul Simon (apparso come singolo nel 1972). La formazione è quella del debutto (Jon Anderson, Chris Squire, Bill Bruford, Tony Kaye e Peter Banks) a eccezione del brano America, realizzata dalla formazione di Fragile e Close to the Edge (Anderson, Squire, Bruford, Steve Howe e Rick Wakeman).

La copertina dell'album fu affidata a Roger Dean come per gli album precedenti (a partire da Fragile). Dopo Yesterdays gli Yes sarebbero passati per alcuni anni all'artwork della Hipgnosis, tornando a collaborare con Dean solo nel 1980 con l'album Drama.

Tracce[modifica | modifica sorgente]

  1. America (Paul Simon) - 10:30
  2. Looking Around (Jon Anderson/Chris Squire) - 4:00
  3. Time and a Word (Jon Anderson/David Foster) - 4:32
  4. Sweet Dreams (Jon Anderson/David Foster) - 3:50
  5. Then (Jon Anderson) - 5:45
  6. Survival (Jon Anderson) - 6:20
  7. Astral Traveler (Jon Anderson) - 5:53
  8. Dear Father (Jon Anderson/Chris Squire) - 4:21

Yesterdays (Atlantic K 50048) raggiunse la posizione #27 nelle classifiche inglesi e #17 in quelle americane.

Formazione[modifica | modifica sorgente]

Rock progressivo Portale Rock progressivo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Rock progressivo