Storia di un soldato

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Storia di un soldato
Titolo originale A Soldier's Story
Lingua originale inglese
Paese di produzione Stati Uniti
Anno 1984
Durata 101 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 1,85:1
Genere drammatico, giallo, guerra
Regia Norman Jewison
Soggetto Charles Fuller (opera teatrale)
Sceneggiatura Charles Fuller
Produttore Norman Jewison
Produttore esecutivo Chiz Schultz
Casa di produzione Columbia Pictures
Distribuzione (Italia) Sony Pictures
Fotografia Russell Boyd
Montaggio Caroline Biggerstaff, Mark Warner
Musiche Herbie Hancock
Scenografia Walter Scott Herndon
Costumi Thomas S. Dawson, Robert Stewart, Chuck Velasco
Trucco Bernadine M. Anderson, Leonard Drake
Interpreti e personaggi
Premi

Storia di un soldato (A Soldier's Story) è un film del 1984 diretto da Norman Jewison.

Racconto drammatico sulle disparità tra bianchi e neri anche in tempo di guerra nell'US Army, passando dalla segregazione razziale alle leggi Jim Crow.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Un funzionario afroamericano è messo a capo delle indagini sull'omicidio di un sergente di colore avvenuto nei pressi di una base militare in Louisiana verso la fine della seconda guerra mondiale.

Indagando sul passato di un uomo apparentemente "fantasma", l'ufficiale è costretto a subire i pregiudizi e i rancori che la popolazione cova verso gli uomini come lui, soprattutto perché è il primo uomo di colore a rivestire tale carica.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato adattato da A Soldier's Play, un dramma di Charles Fuller portato a Broadway nel 1981, e vincitore di un premio Pulitzer come "Miglior dramma teatrale" l'anno successivo.

Jewison ha trovato difficoltà nel reperire finanziamenti e case cinematografiche disposte a occuparsi del progetto. Il regista ha raccontato che studi come Warner Bros., Universal Pictures, United Artists e Metro-Goldwyn-Mayer declinarono l'invito dopo aver letto la sceneggiatura con protagonista un afroamericano e i problemi del razzismo all'epoca della seconda guerra mondiale.

Tuttavia la Columbia Pictures ha mostrato apertura sin dal primo invito, concedendo però a Jewison un budget limitato per evitare una perdita grave in caso di flop al botteghino, problema preso in considerazione dai precedenti studi che rifiutarono il progetto proprio per questo motivo.

Jewison inviò la sceneggiatura a Frank Price, dirigente della Columbia, che approvò il progetto giudicandolo a dir poco estasiante, ma la storia non sembrava una di quelle destinare a fare successo commerciale, e proprio per questo offrì al regista 5.000.000$ di spesa, senza stipendio. In difesa di Jewison intervenne la Directors Guild of America, che ritenendo obbligatorio pagare un regista per il suo lavoro, riuscì a procurargli un salario seppur molto basso.

Riprese[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato interamente girato in Arkansas, tra le location si citano la base Lamar Porter Athletic Field, Clarendon e Little Rock.

Ad alcune riprese ha preso parte l'allora governatore Bill Clinton, che entusiasta della storia ha aiutato Jewison a convocare tanti uomini in servizio presso la Guardia Nazionale, poiché il regista non poteva permettersi ulteriori spese per pagare soldati extra.

Le riprese sono state ultimate nella regione Fort Chaffee, sede dell'omonima base militare e Fort Smith.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]


I principali riconoscimenti vengono però assegnati ad altri film in concorso, in particolare ad Amadeus di Miloš Forman, e Storia di un soldato ottiene un Edgar Award al miglior film, un Los Angeles Film Critics Association Awards al miglior attore non protagonista (Adolph Caesar) e il Gran Premio della Giuria al Moscow International Film Festival.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema