Arrivano i russi, arrivano i russi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Arrivano i russi, arrivano i russi
Titolo originale The Russians Are Coming, the Russians Are Coming
Paese di produzione USA
Anno 1966
Durata 126 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere commedia
Regia Norman Jewison
Soggetto Nathaniel Benchley
Sceneggiatura William Rose
Fotografia Joseph F. Biroc
Montaggio Hal Ashby e J. Terry Williams
Musiche Johnny Mandel
Scenografia Robert F. Boyle e Darrell Silvera
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Arrivano i russi, arrivano i russi è un film di Norman Jewison del 1966.

Trama[modifica | modifica sorgente]

In epoca di guerra fredda, di fobie ed isterismi sul "pericolo rosso", un sottomarino sovietico si arena per sbaglio nei pressi di una piccola isola sulla costa orientale degli Stati Uniti; alcuni membri dell'equipaggio scendono a terra per cercare una barca allo scopo di rimorchiare il sottomarino fuori dalle secche, ma vengono scambiati per invasori scatenando involontariamente il panico.

Gli abitanti dell'isola si organizzano alla meglio per fronteggiare la presunta invasione, in un susseguirsi di gag e situazioni divertenti dove più che sui russi si fa ironia sul popolo americano e sulle sue paure, mostrando strani e buffi personaggi che cercano di fronteggiare i russi il cui unico desiderio è di ritornare a casa.

Alla fine di tante situazioni esilaranti si stringe un'amicizia tra i marinai russi e i cittadini del piccolo borgo americano: saranno proprio loro ad aiutare i marinai sovietici a riprendere il mare scortandoli con le loro piccole imbarcazioni per difenderli dall'aeronautica americana, nel frattempo allertata da un ignaro quanto buffo sergente in pensione.

Tra gli interpreti della pellicola, da ricordare Alan Arkin nei panni dell'ufficiale sovietico, e Brian Keith nei panni del disincantato sceriffo.

Riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema