Solfito di calcio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Solfito di calcio
Formula di struttura
Nomi alternativi
E216, Solfito calcico
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare CaSO3
Massa molecolare (u) 120.17 g/mol
Aspetto polvere bianca
Numero CAS [10257-55-3]
Proprietà chimico-fisiche
Solubilità in acqua 0.043 g/l (18 °C)
Temperatura di fusione 600 °C (873 K) (decomposizione)
Indicazioni di sicurezza
Frasi H ---
Consigli P ---

Il solfito di calcio (o solfito calcico) è il sale di calcio dell'acido solforoso. A temperatura ambiente si presenta come una polvere bianca inodore.

Proprietà chimiche[modifica | modifica wikitesto]

È un composto instabile: nell'aria reagisce con l'ossigeno per formare solfato di calcio. Come tutti i solfiti metallici, in presenza di acidi produce diossido di zolfo ed acqua. A contatto con sostanze acide, genera anche acido solforoso. È praticamente insolubile in acqua, mentre si dissolve facilmente nell'etanolo.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Il solfito di calcio è di solito sintetizzato attraverso una delle seguenti reazioni:

\mathrm{CaCO_3   +  SO_2  \longrightarrow  CaSO_3 + CO_2}
\mathrm{Ca(OH)_2  + SO_2 \longrightarrow CaSO_3 + H_2O}

Uso come additivo[modifica | modifica wikitesto]

Il solfito di calcio trova impiego come additivo col codice E226. È comunemente usato come conservante in vino, sidro, succhi di frutta e altri alimenti, ed è anche utilizzato per aumentare la stabilità degli ortaggi in scatola. Oltre all'utilizzo come conservante, il solfito di calcio può essere utilizzato come agente decolorante nella produzione dello zucchero. La sua DGA è di 0,7 mg per kg di peso corporeo.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]