Six Feet Under

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando l'omonimo gruppo death metal, vedi Six Feet Under (gruppo musicale).
Six Feet Under
Six Feet Under.png
Immagine tratta dalla sigla della serie televisiva
Titolo originale Six Feet Under
Paese Stati Uniti d'America
Anno 2001-2005
Formato serie TV
Genere drammatico
Stagioni 5
Episodi 63
Durata 60 min (episodio)
Lingua originale inglese
Caratteristiche tecniche
Aspect ratio 4:3 (st. 1-2)
16:9 (st. 3-5)
Risoluzione 576i (st. 1-2)
1080i (st. 3-5)
Colore colore
Audio stereo (st. 1-2)
Dolby Digital 5.1 (st. 3-5)
Crediti
Ideatore Alan Ball
Interpreti e personaggi
Doppiatori e personaggi
Musiche Richard Marvin
Produttore esecutivo Alan Ball, Robert Greenblatt, David Janollari, Alan Poul, Bruce Eric Kaplan, Rick Cleveland
Casa di produzione The Greenblatt, Janollari Studios, Actual Size, Inc., HBO Original Programming
Prima visione
Prima TV Stati Uniti d'America
Dal 3 giugno 2001
Al 21 agosto 2005
Rete televisiva HBO
Prima TV in italiano (gratuita)
Dal 24 marzo 2004
Al 10 ottobre 2009
Rete televisiva Italia 1 (st. 1-3)
Iris (st. 4-5)
Prima TV in italiano (pay TV)
Dal 5 aprile 2004
Al 29 luglio 2008
Rete televisiva Fox (st. 1-3)
Cult (st. 4-5)
Premi

Six Feet Under è una serie televisiva statunitense andata in onda sul network via cavo HBO dal 3 giugno 2001 al 21 agosto 2005 riscuotendo grande successo, negli Stati Uniti così come in molti altri paesi. La fine anticipata della serie è stata voluta dall'autore Alan Ball (gli ascolti sono stati alti sino all'ultimo episodio).

Il titolo fa riferimento alla profondità a cui s'interra una bara negli Stati Uniti (6 piedi, pari a 1,83 metri).

In Italia le prime due stagioni della serie vennero trasmesse in prima visione su Italia 1 nel 2004;[1] la terza fu trasmessa nel 2005 in chiaro da Italia 1 e a pagamento su Fox.[1] Nel 2008 Cult ha trasmesso in prima visione la quarta e quinta stagione.[1] Queste ultime sono state mandate in onda in chiaro su Iris rispettivamente nel 2008 e nel 2009.[1]

Trama[modifica | modifica sorgente]

Nate Fisher è il figlio di un impresario funebre che, in seguito alla morte del padre, decide a malincuore di diventare socio dell'azienda di famiglia insieme al fratello David. Il nucleo familiare include la madre Ruth e la sorella Claire. Gli altri personaggi principali sono l'impresario e amico di famiglia Federico Diaz, la fidanzata di Nate Brenda Chenowith e il compagno di David Keith Charles.

Da un certo punto di vista, la serie si può collocare nel genere drammatico convenzionale, trattando temi come la famiglia, le relazioni, l'infedeltà e la religione. Tuttavia, allo stesso tempo, è soprattutto una serie incentrata sull'argomento della morte, indagata su molteplici livelli (personale, religioso e filosofico). Ogni episodio inizia con un decesso - le cui cause vanno dall'annegamento, all'attacco di cuore, alla sindrome della morte improvvisa del lattante - in base al quale viene stabilito il tono della puntata, permettendo ai personaggi di riflettere sulle proprie fortune e sventure. Lo show possiede, oltretutto, una forte dose di humor nero e surrealismo.

Spesso la trama si dipana mostrando le conversazioni immaginarie tra uno dei personaggi e la persona morta all'inizio dell'episodio. A volte, tali dialoghi si svolgono con defunti ricorrenti, come Nathaniel Fisher Senior. Il creatore del telefilm Alan Ball ha affermato che essi rappresentano il monologo interiore dei personaggi esposto in forma di conversazione esterna anche se, in alcune occasioni (come l'apparizione di Nathaniel Fisher Senior alla fine dell'ultimo episodio della prima stagione) i defunti interagiscono fra di loro. L'insieme dei dialoghi con le persone defunte è legato anche al genere del realismo magico.

Episodi[modifica | modifica sorgente]

Stagione Episodi Prima TV originale Prima TV Italia
Prima stagione 13 2001 2004
Seconda stagione 13 2002 2004
Terza stagione 13 2003 2005
Quarta stagione 12 2004 2008
Quinta stagione 12 2005 2008

Personaggi e interpreti[modifica | modifica sorgente]

Principali[modifica | modifica sorgente]

  • Nathaniel "Nate" Fisher Jr. (stagioni 1-5), interpretato da Peter Krause, doppiato da Fabrizio Temperini.
    Il figlio maggiore di Nathaniel e Ruth Fisher. Torna a casa per Natale scoprendo che il padre è morto e ha lasciato a lui e al fratello David l'azienda di famiglia in eredità.
  • David Fisher (stagioni 1-5), interpretato da Michael C. Hall, doppiato da Franco Mannella.
    Il secondo figlio di Nathaniel Fisher che lavora da sempre presso la "Fisher & Figli". Fa coming out durante la prima stagione.
  • Ruth Fisher (stagioni 1-5), interpretata da Frances Conroy, doppiata da Renata Biserni.
    La moglie di Nathaniel e matriarca della famiglia Fisher.
  • Claire Fisher (stagioni 1-5), interpretata da Lauren Ambrose, doppiata da Laura Latini.
    La figlia minore di Nathaniel e Ruth. Scopre progressivamente di avere una passione per le arti.
  • Federico "Rico" Diaz (stagioni 1-5), interpretato da Freddy Rodriguez, doppiato da Corrado Conforti.
    Lavora come imbalsamatore presso la ditta di pompe funebri della famiglia Fisher. Diventa socio alla pari con la terza stagione.
  • Keith Charles (stagioni 1-5), interpretato da Mathew St. Patrick, doppiato da Alberto Angrisano.
    Un poliziotto che ha una relazione sentimentale con David Fisher.
  • Brenda Chenowith (stagioni 1-5), interpretata da Rachel Griffiths, doppiata da Roberta Pellini.
    Di professione massaggiatrice, ha una relazione sentimentale con Nate Fisher.

Ricorrenti[modifica | modifica sorgente]

  • Nathaniel Fisher Sr. (stagioni 1-5), interpretato da Richard Jenkins, doppiato da Emilio Cappuccio.
    Impresario di pompe funebri e padre di famiglia. Muore nel primo episodio, ma continua ad apparire come visione onirica e in numerosi flashback.
  • Billy Chenowith (stagioni 1-5), interpretato da Jeremy Sisto, doppiato da Vittorio Guerrieri.
    Fratello minore di Brenda Chenowith. Soffre di bipolarismo.
  • Vanessa Diaz (stagioni 1-5), interpretata da Justina Machado, doppiata da Marzia Villani.
    Moglie di Rico, lavora come infermiera.
  • Margaret Chenowith (stagioni 1-5), interpretata da Joanna Cassidy, doppiata da Mirella Pace.
    Madre di Brenda e Billy, di professione psichiatra.
  • Sarah O'Connor (stagioni 2-5), interpretata da Patricia Clarkson, doppiata da Aurora Cancian.
    Sorella minore di Ruth.
  • George Sibley (stagioni 3-5), interpretato da James Cromwell, doppiato da Dario Penne.
    Professore di geologia e secondo marito di Ruth.
  • Lisa Kimmel-Fisher (stagioni 2-5), interpretata da Lili Taylor, doppiata da Roberta Greganti.
    Un'amica di Nate che vive a Seattle. Lo sposa dopo essere rimasta accidentalmente incita.
  • Russell Corwin (stagioni 3-4), interpretato da Ben Foster, doppiato da Emiliano Coltorti.
    Compagno di università di Claire.
  • Arthur Martin (stagioni 3-5), interpretato da Rainn Wilson, doppiato da Mino Caprio.
    Apprendista presso la "Fisher & Figli".
  • Gabe Dimas (stagioni 1-2), interpretato da Eric Balfour, doppiato da Luigi Ferraro.
    Compagno di liceo ed ex fidanzato di Claire.
  • Nikolai (stagioni 1-2), interpretato da Ed O'Ross, doppiato da Dario De Grassi.
    Proprietario di un negozio di fiori che rifornisce la "Fisher & Figli". Ha una breve relazione con Ruth durante la seconda stagione.
  • Robbie (stagioni 1-2), interpretato da Joel Brooks, doppiato da Pieraldo Ferrante.
    Dipendente di Nikolai e amico e confidente di Ruth.
  • Bettina (stagioni 3-5), interpretata da Kathy Bates, doppiata da Angiola Baggi.
    Migliore amica di Sarah, la aiuterà a disintossicarsi. Rozza e di poche parole, diventerà anche amica di Ruth.
  • Professor Olivier Castro-Staal (stagioni 3-5), interpretato da Peter Macdissi, doppiato da Massimo Lodolo.
    Insegnante di Claire alla scuola d'arte.
  • Edie (stagione 4), interpretata da Mena Suvari, doppiata da Emanuela D'Amico.
    Amica lesbica di Claire.

Accoglienza[modifica | modifica sorgente]

La serie è accolta con critiche positive ed ottiene un ottimo riscontro da parte del pubblico. Riceve una votazione di 8,8/10 sul sito IMDb[2] rientrando nella lista delle serie TV con votazioni più alte[3]. Sul sito Metacritic ottiene votazioni superiori a 9/10 per tutte le stagioni di cui si compone[4] e la prima stagione in dvd ottiene l’approvazione dell’83% dei critici su Rotten Tomatoes[5].

Six Feet Under fa registrare ottimi ascolti alla rete televisiva HBO con ascolti medi compresi tra i 4 ed i 6 milioni di telespettatori per stagione[6][7][8].

Nei cinque anni di messa in onda il telefilm ha ricevuto diversi premi e nomination[9]: 1 AFI Award, 1 Art Directors Guild, 1 Australian Film Institute Award, 3 BMI Film & TV Awards, 1 British Comedy Awards, 3 Casting Society of America Awards, 1 Cinema Audio Society Award, 1 Costume Designers Guild Award, 1 Directors Guild of America Award, 3 GLAAD Media Awards, 3 Golden Globes, 2 Hollywood Makeup Artist and Hair Stylist Guild Award, 3 Imagen Foundation Awards, 1 International Horror Guild Award, 1 Monte-Carlo TV Festival, 2 Motion Picture Sound Editors Awards, 1 Producers Guild of America Awards, 1 Peabody Award, 9 Emmy, 1 Prism Award, 1 Royal Television Society, 3 Screen Actors Guild Awards, 1 Television Critics Association Award, 3 nomination ai Grammy, una ai Teen Choice Awards, 4 ai Satellite Awards, 4 ai Writers Guild of America Awards ed una agli Young Artist Awards.

Per questi motivi la serie viene inserita nella lista dei 100 migliori telefilm della rivista TIME nel 2007[10].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d Six Feet Under su tveffe.net, tveffe. URL consultato il 18 gennaio 2012.
  2. ^ six feet under (2001-2005)
  3. ^ Highest Rated TV Series With At Least 5,000 Votes
  4. ^ Six Feet Under: Season 1
  5. ^ Six Feet Under - The Complete First Season (2001)
  6. ^ A more grounded 'Six Feet Under'
  7. ^ 'Six Feet Under' keeps finale under the lid
  8. ^ On Television; 'Six Feet Under,' a morbid new comedy, tugs at HBO's evolving identity
  9. ^ awards for six feet under
  10. ^ Television All TIME 100 TV Shows

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Televisione