Prussia orientale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Prussia Orientale
Ostpreußen
Flagge Preußen - Provinz Ostpreußen.svg
Bandiera della Prussia orientale
Map-Prussia-EastPrussia.svg
La Provincia della Prussia Orientale (rosso), appartenente al Regno di Prussia, all'interno dell'Impero Tedesco, nel 1871.
Dati
Capitale Königsberg
Area 36,993 km² (1905)
Popolazione 2.025.741 abitanti (1905 estim.)
Date 17731829
18781945


Il Corridoio polacco 1923-1939
La Prussia Orientale prima della II Guerra Mondiale

La Prussia Orientale (Tedesco: Ostpreußen; Lituano: Rytų Prūsija; Polacco: Prusy Wschodnie; Russo: Восточная Пруссия — Vostočnaja Prussija) è una storica provincia della Prussia e dell'Impero tedesco. Oggi appartiene principalmente alla Russia, alla Polonia e alla Lituania e si affaccia sul Mar Baltico.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Fino al XVI secolo, sulla maggioranza dei territori di quella che sarebbe divenuta la Prussia Orientale si trovava lo stato dei Cavalieri dell'Ordine Teutonico. Dopo la sconfitta contro la Polonia nel 1446, i territori occidentali di questo stato (la futura Prussia Occidentale) divennero una provincia polacca con il nome di Prussia Reale. Rimasero sotto il dominio dei cavalieri teutonici i territori della Prussia Ducale (la futura Prussia Orientale), sotto forma di feudo polacco. Nel 1618 la Prussia Ducale passò al Brandeburgo, che nel 1657 dichiarò l'autonomia dello stato dalla Polonia. La Prussia Orientale nacque nel 1772 dall'unione della Prussia Ducale con le regioni polacche della Varmia e della Masuria.

Nel 1813, con il trattato di Kalisz, la Russia zarista riconosceva alla Prussia il diritto di espansione nella Prussia orientale.

Nel 1871 la Prussia Orientale divenne parte dell'Impero tedesco, costituendo poi una delle province della Repubblica di Weimar, nata nel 1918. Dopo la prima guerra mondiale venne separata dal resto del paese dal cosiddetto Corridoio di Danzica (o "Corridoio polacco"). Nel 1920, nella parte meridionale della Prussia Orientale, venne indetto un plebiscito per decidere se passare alla Polonia o rimanere alla Germania. Oltre il 96% della popolazione scelse la seconda opzione. Dal gennaio 1945 venne progressivamente occupata dalle truppe sovietiche, che nella loro avanzata espulsero e, in molti casi deportarono, la totalità della popolazione tedesca che, costretta a fuggire in massa verso ovest, lasciò così la propria terra. I sovietici trattennero il personale specializzato fino al 1948, quando tutti i tedeschi rimasti furono reinsediati nel territorio della Repubblica Democratica Tedesca.

La città principale era l'importante porto di Königsberg (dal 1946 chiamata Kaliningrad). Circa un terzo dei territori dell'antica Prussia Orientale fa parte oggi della regione russa di Kaliningrad, un'exclave separata dalla Russia dalle tre repubbliche baltiche (Estonia, Lituania, Lettonia), che è il principale centro mondiale di estrazione dell'ambra e sede della flotta russa del Mar Baltico. Rimane ben poco della vecchia città di Königsberg, quasi totalmente distrutta dalla guerra, solo recentemente le autorità russe stanno considerando l'idea di ricostruire il Castello di Königsberg ed il centro storico della città, ma questi progetti, per ora non sono ancora arrivati ad azioni concrete.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Polonia Portale Polonia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Polonia