Numero civico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Un numero civico in Germania

Il numero civico è un numero che viene assegnato a un immobile, uno stabile, un chiosco, una stazione di servizio, un parco o a un'area privata in genere (o anche al singolo ingresso di un edificio, e talvolta anche ai sub-ingressi) allo scopo di identificarlo in modo univoco nel contesto di una certa strada, piazza, contrada o zona. Nella maggior parte dei paesi, il numero civico è uno degli elementi costitutivi di un indirizzo postale.

Schema europeo
Schema distanziale

Gli schemi di numerazione degli edifici variano in diverse aree del mondo, e anche nello stesso paese possono sussistere varianti locali. In genere, sono applicati sistematicamente soprattutto nelle aree urbane, mentre in aree rurali è più frequente che gli edifici siano identificati in altro modo (per esempio per nome).

A Berlino, ad esempio, i numeri si susseguono senza differenziare i pari dai dispari, arrivati al fondo della via la numerazione prosegue sull'altro lato, il numero più alto sarà quindi di fronte al numero 1. Questo sistema, detto a ferro di cavallo, non viene utilizzato nel quartiere Prenzlauer Berg dove troverete i numeri pari da un lato e i dispari dall'altro.

Nei paesi europei, lo schema più diffuso prevede che gli edifici di una via abbiano numeri civici progressivi (in genere a partire dal centro città verso la periferia) e, di conseguenza, con i numeri pari assegnati agli edifici posti sulla destra del lato della strada e quelli dispari assegnati agli edifici situati sulla sinistra.

Gli edifici sulle piazze hanno una numerazione unica, progressiva, che in genere segue il senso orario. Questo modello è stato adottato anche da molti paesi extraeuropei (per esempio l'Australia). Un'eccezione celebre è costituita da Venezia, dove il sistema dei numeri civici segue uno schema tradizionale basato sul concetto di sestiere. A Genova e Savona, invece, i numerici civici si dividono in numeri neri e numeri rossi: di regola, i numeri neri sono assegnati agli ingressi principali degli edifici e i rossi agli ingressi secondari su strada (per esempio negozi). Analogo sistema è adottato a Firenze, dove ci sono numeri blu e rossi, questi ultimi usati in realtà per gli esercizi commerciali. A Roma la via Trionfale segue la numerazione anteponendo al numero civico la distanza metrica dal Campidoglio, così da arrivare al numero 14500.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]