Neophron percnopterus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Capovaccaio
Egyptian vulture.jpg
Adulto di N. p. ginginianus
Stato di conservazione
Status iucn3.1 EN it.svg
In pericolo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Aves
Ordine Accipitriformes
Famiglia Accipitridae
Sottofamiglia Gypaetinae
Genere Neophron
Savigny, 1809
Specie N. percnopterus
Nomenclatura binomiale
Neophron percnopterus
(Linnaeus, 1758)
Areale
NeophronMap.svg
Distribuzione delle tre sottospecie

Il capovaccaio (Neophron percnopterus Linnaeus, 1758), unica specie del genere Neophron Savigny, 1809, è un piccolo avvoltoio del Vecchio Mondo. Occupa un areale molto vasto: è infatti diffuso dall'Europa sud-occidentale e dall'Africa settentrionale fino all'India. La colorazione contrastante del sottoala e la coda a forma di cuneo lo rendono inconfondibile in volo o quando si lascia sollevare dalle correnti termiche durante i momenti più caldi del giorno. Il capovaccaio si nutre soprattutto di carogne, ma è opportunista e può anche catturare piccoli mammiferi, uccelli e rettili. Si nutre inoltre delle uova di altri uccelli, e rompe le più grosse scagliando loro addosso grossi ciottoli. L'impiego di utensili è raro negli uccelli e, altre ad utilizzare un ciottolo come un martello, il capovaccaio utilizza anche dei rametti per arrotolare ciuffi di lana utilizzati per la costruzione del nido. I capovaccai che nidificano nelle regioni temperate migrano a sud in inverno, mentre le popolazioni tropicali sono relativamente sedentarie. Il numero di esemplari è diminuito nel corso del XX secolo e alcune popolazioni insulari sono minacciate dalla caccia, dagli avvelenamenti accidentali e dalla collisione con i cavi elettrici.

Tassonomia e sistematica[modifica | modifica wikitesto]

Il genere Neophron comprende solamente un'unica specie. Alcune specie preistoriche del Neogene del Nordamerica classificate nel genere Neophrontops (nome che significa «simile a Neophron») si ritiene siano state molto simili a questo avvoltoio nello stile di vita, ma le relazioni genetiche intercorrenti con esso sono incerte[2][3]. Il genere Neophron è considerato il ramo più antico dell'albero evolutivo degli avvoltoi[4]. Assieme al suo parente più stretto, il gipeto (Gypaetus barbatus), viene classificato in una sottofamiglia a parte, quella dei Gipetini (Gypaetinae)[5][6]. Gli studiosi riconoscono tre sottospecie di capovaccaio, ma la separazione tra esse non è sempre netta a causa degli spostamenti e dei mescolamenti delle popolazioni[7].

N. p. ginginianus in volo, India.

La sottospecie nominale, N. p. percnopterus, occupa l'areale maggiore, che comprende Europa meridionale, Africa settentrionale, Medio Oriente, Asia centrale e India nord-occidentale. Le sue popolazioni si riproducono nella zona temperata e migrano a sud durante l'inverno. Ha il becco color grigio scuro. Il subcontinente indiano è dimora della sottospecie N. p. ginginianus, la più piccola delle tre, riconoscibile per il becco giallo chiaro[8][9]. La sottospecie prende il nome dalla città di Gingee, nell'India meridionale, dove l'esploratore francese Pierre Sonnerat la descrisse per la prima volta come Le Vautour de Gingi, e ricevette il suo nome latino da John Latham nel suo Index Ornithologicus (1790)[10][11]. Una piccola popolazione presente solamente nelle isole Canarie orientali si è rivelata geneticamente distinta ed è stata identificata come una nuova sottospecie, N. p. majorensis, nel 2002. Nota localmente come guirre, è geneticamente distante da N. p. percnopterus, addirittura molto più di quanto N. p. ginginianus non lo sia da N. p. percnopterus. Diversamente dalle popolazioni vicine presenti in Africa ed Europa meridionale, non ha abitudini migratorie e ha dimensioni considerevolmente più grandi. Il nome della sottospecie, majorensis, deriva da «Majorata», l'antico nome dell'isola di Fuerteventura. L'isola venne chiamata così dai conquistatori spagnoli nel XV secolo per i «Majos», la principale tribù di nativi guanci ivi presente[7][12]. Uno studio del 2010 ha suggerito che la specie si sia stabilita sull'isola circa 2500 anni fa, quando l'isola venne colonizzata per la prima volta dall'uomo[13].

Nel 1902, Nikolai Zarudny e Härms descrissero una sottospecie, N. p. rubripersonatus, presente nel Belucistan. Secondo la descrizione, essa avrebbe una pelle di un colore arancio-rossastro più intenso[14] sulla testa e un becco scuro dalla punta gialla. Questa forma è stata considerata una sottospecie valida solo raramente, ma il becco di una colorazione intermedia suggerisce un incrocio tra sottospecie[15][9].

Attualmente, quindi, vengono riconosciute 3 sottospecie di capovaccaio[16]:

Il nome generico deriva dalla mitologia greca. Timandra era madre di Neofrone. Egipio era un amico di Neofrone e aveva circa la stessa età. Venuto a sapere dell'intesa amorosa tra la madre ed Egipio, Neofrone, meditando vendetta, fece a sua volta delle avances alla madre di Egipio, Bulide. Neofrone riuscì nell'intento e convinse Bulide a entrare nella camera buia dove presto si sarebbero incontrati sua madre ed Egipio. Neofrone distrasse sua madre ed Egipio, entrato nella camera, giacque con la propria madre Bulide. Quando Bulide scoprì l'inganno, cavò gli occhi al figlio Egipio e si uccise. Egipio si rivolse agli dei per avere vendetta e Zeus, come risposta, trasformò Egipio e Neofrone in avvoltoi[17]. Percnopterus deriva dal greco e significa «ali nere», da περκνóς (perknos, «nero-blu») e πτερόν (pteron, «ala»)[18][19].

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Il piumaggio bianco di un N. percnopterus adulto in cattività.

Il piumaggio dell'adulto è bianco, e le ali presentano penne remiganti nere. Gli esemplari selvatici generalmente posseggono un piumaggio bianco sporcato da una patina color ruggine o marrone, dovuta al fango o al terreno ricco di minerali ferrosi. Gli esemplari in cattività che non accesso al suolo hanno un piumaggio bianco candido[20][21]. Il becco è sottile e lungo, e la punta della mascella superiore è uncinata. Le narici sono due fessure orizzontali allungate. Le piume del collo sono lunghe e formano un pennacchio. Le ali sono appuntite, con la terza primaria più lunga; la coda ha forma di cuneo. Le zampe sono rosa negli adulti e grigie nei giovani[22]. Gli artigli sono lunghi e diritti, e il terzo e quarto dito sono leggermente palmati alla base. Il becco è nero nella sottospecie nominale, ma di colore chiaro o giallastro negli adulti della più piccola sottospecie indiana N. p. ginginianus. Rasmussen e Anderton (2005) ipotizzano che questa variazione vada ulteriormente indagata, in particolare a causa del becco dalla colorazione intermedia con la punta nera riscontrato nella presunta sottospecie N. p. rubripersonatus[9][23]. La zona di pelle facciale glabra che si estende fino alla gola è gialla. I sessi hanno piumaggio identico, ma i maschi in età riproduttiva hanno la pelle facciale di un colore arancio più intenso di quello delle femmine[20]. In media le femmine sono leggermente più grandi dei maschi e più pesanti di questi ultimi del 10-15%[22]. Gli esemplari giovani sono ricoperti da un piumaggio nerastro o marrone cioccolato con macchie bianche e nere[24]. Il piumaggio adulto viene indossato solo dopo circa cinque anni[20].

Dimensioni
N. p. percnopterus[24][22]
Becco
31-34 mm
Ala
470-536 mm
460-545 mm
Coda
220-251 mm
240-267 mm
Tarso
75-87 mm
Peso
1600-2400 g
N. p. ginginianus[24][22]
Ala
393-490 mm
455-505 mm
Coda
228-251 mm
Tarso
72-85 mm
N. p. majorensis[21]
Ala
485-554 mm
Coda
240-285 mm
Tarso
73,5-93 mm
Peso
1900-2850 g

I capovaccai adulti misurano 47-65 cm dalla punta del becco all'estremità delle penne della coda. Nel più piccolo N. p. ginginianus i maschi misurano circa 47-52 cm di lunghezza e le femmine 52-55,5 cm[9]. L'apertura alare è pari a circa 2,7 volte la lunghezza del corpo[22]. Gli esemplari della Spagna pesano circa 1,9 kg, mentre i rappresentanti della sottospecie N. p. majorensis, propria delle Canarie, che rappresentano un caso di gigantismo insulare, pesano in media 2,4 kg[21].

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

N. p. percnopterus in volo (Israele).

Il capovaccaio è presente in gran parte del Vecchio Mondo e il suo areale di nidificazione comprende Europa meridionale, Africa settentrionale e Asia occidentale e meridionale. Raramente alcuni esemplari vaganti si spingono fino allo Sri Lanka[24]. Vive prevalentemente nelle pianure aride e sulle colline poco elevate. Sull'Himalaya, in estate, può spingersi fino a circa 2000 m di quota. Le popolazioni europee migrano a sud, in Africa, in inverno. Esemplari vaganti possono spingersi verso sud fino al Sudafrica, ma fino al 1923 questa specie era solita nidificare nella regione del Transkei[25]. Nidifica soprattutto su falesie rocciose, ma talvolta costruisce il nido anche su davanzali di alti edifici e su grossi alberi[24].

La maggior parte dei capovaccai della zona temperata migrano a sud, verso l'Africa, in inverno. Come molti altri grandi migratori che volano a quote elevate, evitano di effettuare spostamenti troppo lunghi al di sopra della superficie del mare[26][27]. Gli esemplari italiani effettuano il passaggio dalla Sicilia alla Tunisia compiendo brevi spostamenti attraverso le isole di Marettimo e Pantelleria[28]. Quelli che migrano attraverso la penisola iberica raggiungono l'Africa sorvolando lo stretto di Gibilterra, mentre altri ancora sorvolano il Levante[29][30][22].

Talvolta, durante le migrazioni, questi uccelli possono coprire 500 km in un solo giorno fino a raggiungere i confini meridionali del Sahara, distanti 3500-5500 km dalla loro dimora estiva. Gli esemplari giovani che non hanno ancora raggiunto l'età riproduttiva possono svernare nelle praterie e nelle regioni semidesertiche del Sahel[30].

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

N. p. ginginianus in volo.

Il capovaccaio viene avvistato generalmente da solo o in coppia, mentre si lascia sollevare dalle correnti ascensionali assieme ad altri necrofagi e rapaci, o mentre sta appollaiato sul terreno o sulla sommità di un edificio. Sul terreno, si sposta con un'andatura ondeggiante[24]. Si nutre di una vasta gamma di alimenti, compresi escrementi di mammiferi (compresi quelli umani[31]), gli insetti attratti da essi, carogne, sostanze vegetali e, talvolta, piccoli animali[32]. Quando si unisce ad altre specie di avvoltoi attorno alla carcassa di un animale, tende a rimanere nei dintorni e aspetta che le specie più grandi lascino il campo libero[22]. I conigli selvatici (Oryctolagus cuniculus) costituiscono una parte significativa della dieta dei capovaccai spagnoli[33]. Gli studi suggeriscono che consumino feci di ungulati per ricavare carotenoidi, i pigmenti responsabili della colorazione gialla e arancio brillante della pelle facciale. La capacità di assimilare pigmenti carotenoidi può servire come segnale affidabile di fitness[34].

I capovaccai sono prevalentemente silenziosi, ma possono emettere acuti miagolii o sibili quando sono nel nido e rumori gracchianti mentre si contendono una carogna. Gli esemplari giovani sono stati uditi emettere una sorta di gracidio sibilante in volo[9]. Emettono inoltre sibili o ringhi quando sono minacciati o irritati[35].

I capovaccai trascorrono la notte in dormitori comunitari su grossi alberi, edifici o falesie[9]. I siti per i dormitori vengono scelti generalmente nei pressi di discariche o di altre aree di foraggiamento. In Spagna, i dormitori estivi sono occupati prevalentemente da esemplari immaturi. Quando decidono di stabilire un dormitorio su un albero, tendono a prediligere grandi pini morti[36][37]. Il numero di adulti presso un dormitorio cresce verso giugno. Si ritiene che gli adulti riproduttori possano essere in grado di trovare cibo con maggior efficienza unendosi alla colonia e seguendo altri consimili verso aree di foraggiamento migliori. Anche gli adulti riproduttori che hanno perso la covata possono congiungersi in giugno agli altri uccelli immaturi del dormitorio[38].

La riproduzione ha luogo in primavera[24]. Agli inizi della stagione riproduttiva, le coppie effettuano delle parate aeree che comprendono una giostra di rapide picchiate seguite da repentine risalite[22]. Gli uccelli sono monogami e il legame di coppia può essere mantenuto per più di una stagione riproduttiva e lo stesso nido può essere riutilizzato ogni anno. Il nido è una rudimentale piattaforma di ramoscelli imbottita con materiali morbidi e situata sul fianco di una falesia[39], un edificio o la biforcazione di un grosso albero. Possono essere riadattati all'uso anche vecchi nidi di aquila[24][9]. Nidi posti sul terreno sono rari, ma sono stati registrati nelle sottospecie N. p. ginginianus e N. p. majorensis[40][41][42]. Sono stati registrati anche accoppiamenti extraconiugali con uccelli che nidificano nelle vicinanze e forse è proprio per questo che i maschi adulti restano vicini alla femmina prima e durante la deposizione delle uova[43]. Talvolta una femmina può associarsi a due maschi e tutti e tre gli esemplari collaborano all'allevamento della covata[44]. La covata tipica è composta generalmente da due uova che vengono covate a turno da entrambi i genitori. Le uova sono color rosso mattone con l'estremità maggiore fittamente punteggiata da macchioline rosse, marroni e nere[35]. I genitori iniziano l'incubazione poco dopo la deposizione del primo uovo, e la schiusa delle uova è asincrona. Il primo uovo si schiude dopo circa 42 giorni[24]. Il secondo pulcino può schiudersi tre-cinque giorni dopo e più aumenta il divario tra i due nidiacei, più aumentano le probabilità che il secondo nato muoia di fame[45]. Sulle falesie in cui i nidi sono situati uno vicino all'altro, è noto che i giovani uccelli si arrampichino fino a raggiungere i nidi vicini per elemosinare del cibo[46]. Nella popolazione spagnola, i giovani si involano e lasciano il nido dopo 90-110 giorni[47]. Anche se in grado di volare, i giovani continuano a dipendere dai genitori per almeno un mese[22]. Non appena i giovani hanno imparato a procurarsi il cibo da soli, volano lontano dal territorio dei genitori; giovani capovaccai sono stati rinvenuti a 500 km di distanza dal nido natio[48]. Gli esemplari europei di un anno di età migrano in Africa e rimangono là per almeno un anno. Un individuo nato in Francia rimase in Africa per tre anni prima di migrare verso nord in primavera[30][29]. Dopo esser tornati nelle aree di nidificazione, i giovani uccelli si spostano in lungo e in largo alla ricerca di buoni territori di foraggiamento e di un partner. Il piumaggio degli adulti viene indossato a partire dal quarto o quinto anno. I capovaccai possono vivere fino a 37 anni in cattività e almeno 21 anni in natura. La probabilità di sopravvivenza in natura varia con l'età, aumentando fino all'età di 2 anni per poi scendere passati i 5. Gli uccelli più anziani hanno una probabilità di sopravvivenza annuale che varia dallo 0,75 per i non riproduttori allo 0,83 per i riproduttori[49].

Gli adulti in salute non hanno molti predatori, ma le attività umane possono costituire gravi minacce. Collisioni con linee elettriche, caccia, avvelenamenti intenzionali, accumulo di piombo in seguito all'ingestione dei pallini da caccia presenti nelle carcasse, e accumulo di pesticidi mietono molte vittime nelle popolazioni. I giovani uccelli nel nido possono cadere talvolta preda di aquile reali, gufi reali[50] e volpi rosse[51]. Solo raramente gli uccelli adulti cercano di scacciare i predatori[52]. I giovani uccelli che cadono dalle falesie possono essere predati da mammiferi predatori quali sciacalli, volpi e lupi[53]. Come tutti gli uccelli, anch'essi sono ospiti di pidocchi degli uccelli ectoparassiti, come Aegypoecus perspicuus[54], nonché di organismi che vivono al loro interno come i micoplasmi[55].

Gli esemplari appartenenti alla sottospecie nominale, in particolare quelli presenti in Africa, sono noti per l'utilizzo di pietre come utensili. Quando un capovaccaio individua un uovo di grandi dimensioni, come quello di uno struzzo o di un'otarda, si avvicina ad esso con un grosso ciottolo nel becco e lancia il sasso facendo oscillare il collo sopra l'uovo. L'operazione viene ripetuta fina a quando l'uovo non si rompe sotto il peso dei colpi[56]. Per tale scopo prediligono ciottoli arrotondati a rocce dai contorni frastagliati. Tuttavia questo comportamento, riportato per la prima volta da Jane Goodall nel 1966, non è mai stato registrato in N. p. ginginianus[9]. Test effettuati sia su esemplari allevati a mano in cattività che su esemplari selvatici suggeriscono che tale comportamento sia innato, non appreso dopo averlo visto fare ad altri uccelli, e viene messo in atto ogni qualvolta gli uccelli associano uova al cibo e hanno a disposizione ciottoli nelle vicinanze[57]. Un altro caso di impiego di utensili osservato in Bulgaria comporta l'utilizzo di un bastoncino per arrotolare ciuffi di lana usati per foderare il nido[58].

Conservazione[modifica | modifica wikitesto]

Immaturo (dietro) e adulto (da Birds of Europe di John Gould).

Le popolazioni di capovaccaio sono diminuite nella maggior parte del suo areale. In Europa e in gran parte del Medio Oriente, nel 2001 il numero di esemplari si era dimezzato rispetto a quello censito nel 1980. In India, il declino è stato più rapido, tanto che la popolazione è scesa ogni anno del 35% a partire dal 1999[59]. Nel 1967-70, nell'area attorno a Delhi venne stimata una popolazione di 12.000-15.000 capovaccai, con una densità media di circa 5 coppie ogni 10 km²[60][61]. La causa esatta del declino non è nota, ma si ritiene che sia da ricondurre all'utilizzo del Diclofenac, il FANS che ha causato un vero e proprio sterminio tra gli avvoltoi del genere Gyps[59]. In Italia, il numero di coppie riproduttive è sceso dalle 30 del 1970 alle 9 degli anni '90. Quasi tutti i fallimenti nella nidificazione sono stati causati da attività umane[62]. In Spagna, il Paese che ospita circa il 50% della popolazione europea, il numero di esemplari è diminuito a causa di avvelenamento per accumulo di piombo[63], dell'utilizzo dei pesticidi (impiegati su vasta scala specialmente per tenere sotto controllo gli sciami di locuste Schistocerca gregaria) e dell'elettrocuzione[21][64][65]. Anche i parchi eolici possono costituire una minaccia[66][33]. Molti capovaccai che svernano in Africa orientale rimangono uccisi da linee elettriche di alta tensione mal progettate[67]. Inoltre, studi condotti in Spagna suggeriscono che l'assorbimento di antibiotici veterinari sopprima l'immunità innata dei capovaccai, rendendoli più inclini alle infezioni[68]. Anche la carenza di carogne derivante dalle nuove norme per lo smaltimento degli animali morti in seguito allo scoppio dell'epidemia di encefalopatia spongiforme bovina in alcune zone d'Europa nel 2000 potrebbe aver avuto un effetto su alcune popolazioni[69][33].

La popolazione di capovaccaio delle isole Canarie è rimasta isolata da quelle di Europa e Africa per un periodo significativo di tempo, il che ha portato a una certa differenziazione genetica. Il numero di esemplari presenti sulle isole è diminuito del 30% nei dieci anni intercorsi tra il 1987 e il 1998[70]. In passato il capovaccaio era piuttosto comune alle Canarie, ed era presente nelle isole di La Gomera, Tenerife, Gran Canaria, Fuerteventura e Lanzarote. Attualmente si trova solo a Fuerteventura e Lanzarote, le due isole più orientali. La popolazione totale venne stimata nel 2000 a circa 130 esemplari, comprese 25-30 coppie riproduttive[21][71]. Gli uccelli insulari, per via della ridotta esposizione alle infezioni e alla bassa diversità genetica, sembrano essere più suscettibili alle infezioni a causa di una risposta immunitaria più debole[72]. Sembra inoltre che gli uccelli insulari accumulino significative quantità di piombo nutrendosi delle carcasse degli animali vittime dei cacciatori. L'effetto a lungo termine di questo avvelenamento a livello subletale non è noto, sebbene sia risaputo che alteri la mineralizzazione delle ossa[73]. Allo scopo di fornire cibo sicuro e incontaminato agli uccelli nidificanti, sono stati fatti dei tentativi per creare «ristoranti per capovaccai», dove sono disponibili apposite carcasse. Tuttavia, interventi di questo genere potrebbero anche incoraggiare altri predatori opportunisti e necrofagi a concentrarsi nel sito, tanto da costituire una minaccia per i capovaccai che nidificano nelle vicinanze[74].

Il capovaccaio e l'uomo[modifica | modifica wikitesto]

La «coppia sacra» a Thirukalukundram nel 1906.
Capovaccaio nei geroglifici.

Nei geroglifici dell'antico Egitto, il capovaccaio era il segno uniletterale usato per il suono glottidale ɑ. Nella Bibbia il capovaccaio viene indicato con il nome ebraico rachamah o racham, che è stato tradotto in italiano come «avvoltoio»[18][75]. L'uccello era considerato sacro a Iside presso gli antichi egizi. L'impiego del capovaccaio come simbolo reale nella cultura egizia e la protezione a esso concessa dai Faraoni rese la specie comune nelle strade del Paese, tanto che in inglese divenne nota anche come Pharaoh's Chicken, «pollo dei faraoni»[76][77][78][79].

Un tempio dell'India meridionale a Thirukalukundram, nei pressi di Chengalpattu, era celebre per una coppia di uccelli che visitavano ripetutamente il luogo da «secoli». Questi uccelli venivano solennemente nutriti dai sacerdoti del tempio e arrivavano prima di mezzogiorno per nutrirsi del riso, frumento, ghi e zucchero offerti dai fedeli. Gli uccelli erano generalmente puntuali e quando non si presentavano all'appello la colpa veniva attribuita alla presenza di «peccatori» tra gli spettatori[24][80][81]. Secondo la leggenda, i capovaccai (o «aquile») rappresentavano otto saggi puniti da Shiva, che venivano rilasciati in coppia attraverso il susseguirsi delle epoche[82][83].

Le abitudini coprofaghe del capovaccaio gli hanno attribuito i nomignoli spagnoli di churretero e moñiguero, vale a dire «mangiatore di sterco»[34]. I naturalisti britannici dell'India coloniale consideravano i capovaccai tra gli uccelli più ripugnanti, e la loro abitudine di nutrirsi di feci era particolarmente disprezzata[84].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) BirdLife International 2014, Neophron percnopterus in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.3, IUCN, 2014.
  2. ^ Alan Feduccia, Another Old World Vulture from the New World (PDF) in The Wilson Bulletin, 86 (3), 1974, pp. 251–255.
  3. ^ Fritz Hertel, Ecomorphological indicators of feeding behavior in recent and fossil raptors (PDF) in The Auk, 112 (4), 1995, pp. 890–903.
  4. ^ Michael Wink, Petra Heidrich and Claus Fentzloff, A mtDNA phylogeny of sea eagles (genus Haliaeetus) based on nucleotide sequences of the cytochrome b-gene (PDF) in Biochemical Systematics and Ecology, 24 (7–8), 1996, pp. 783–791.
  5. ^ Michael Wink, Phylogeny of Old and New World Vultures (Aves: Accipitridae and Cathartidae) Inferred from Nucleotide Sequences of the Mitochondrial Cytochrome b Gene (PDF) in Zeitschrift for Naturforschung C, 50 (11/12), 1995, pp. 868–882.
  6. ^ I. Seibold and A. J. Helbig, Evolutionary History of New and Old World Vultures Inferred from Nucleotide Sequences of the Mitochondrial Cytochrome b Gene in Philosophical Transactions of the Royal Society B: Biological Sciences, 350 (1332), 1995, pp. 163–178, DOI:10.1098/rstb.1995.0150, PMID 8577858.
  7. ^ a b José Antonio Donázar, Juan José Negro, César Javier Palacios, Laura Gangoso, José Antonio Godoy, Olga Ceballos, Fernando Hiraldo and Nieves Capote, Description of a new subspecies of the Egyptian Vulture (Accipitridae: Neophron percnopterus) from the Canary Islands (PDF) in Journal of Raptor Research, 36 (1), 2002, pp. 17–23, ISSN 0892-1016.
  8. ^ James L. Peters, Check-list of birds of the world. Volume 1 in Museum of Comparative Zoology, 2ª ed., Cambridge, Massachusetts, Ernst Mayr and G. W. Cottrell, 1979, p. 304.
  9. ^ a b c d e f g h P. C. Rasmussen and J. C. Anderton, Birds of South Asia: The Ripley Guide. Volume 2, Smithsonian Institution and Lynx Edicions, 2005, p. 89.
  10. ^ William Jardine and Prideaux John Selby, Illustrations of ornithology. Volume 1, Edinburgh, W. H. Lizars, 1826.
  11. ^ John Latham, Supplement to the General Synopsis of birds, London, Leigh & Sotheby, 1787, p. 7.
  12. ^ Maria B. Kretzmann, N. Capote, B. Gautschi, J. A. Godoy, J. A. Donázar and J. J. Negro, Genetically distinct island populations of the Egyptian vulture (Neophron percnopterus) in Conservation Genetics, 4 (6), 2003, pp. 697–706, DOI:10.1023/B:COGE.0000006123.67128.86.
  13. ^ Rosa Agudo, Ciro Rico, Carles Vilà, Fernando Hiraldo and José Donázar, The role of humans in the diversification of a threatened island raptor in BMC Evolutionary Biology, 10, 2010, p. 384, DOI:10.1186/1471-2148-10-384, PMC 3009672, PMID 21144015.
  14. ^ Ernst Hartert, Die Vögel der paläarktischen Fauna. Volume 2, Berlin, Friendlander & Sohn, 1920, pp. 1200–1202.
  15. ^ (DE) V. Zarudny and M. Härms, Neue Vogelarten in Ornithologische Monatsberichte, vol. 4, 1902, pp. 49–55.
  16. ^ (EN) Gill F. and Donsker D. (eds), Family Accipitridae in IOC World Bird Names (ver 4.4), International Ornithologists’ Union, 2014. URL consultato il 12 giugno 2014.
  17. ^ Pierre Grimal, The dictionary of classical mythology, Wiley-Blackwell, 1996, p. 18, ISBN 0-631-20102-5.
  18. ^ a b Alexander Koenig, Die Geier Aegyptens, vol. 55, Journal für Ornithologie, 1907, pp. 59–134, DOI:10.1007/BF02098853.
  19. ^ D'Arcy Wentworth Thompson, A glossary of Greek birds, Oxford, Clarendon Press, 1895.
  20. ^ a b c William S. Clark and N. J. Schmitt, Ageing Egyptian Vultures in Alula, vol. 4, 1998, pp. 122–127.
  21. ^ a b c d e José A. Donázar, César J. Palacios, Laura Gangoso, Olga Ceballos, Maria J. González and Fernando Hiraldo, Conservation status and limiting factors in the endangered population of Egyptian vulture (Neophron percnopterus) in the Canary Islands (PDF) in Biological Conservation, 107 (1), 2002, pp. 89–97, DOI:10.1016/S0006-3207(02)00049-6.
  22. ^ a b c d e f g h i James Ferguson-Lees and David A. Christie, Raptors of the World, Christopher Helm, 2001, pp. 417–420, ISBN 978-0-691-12684-5.
  23. ^ Hugh Whistler, The birds of Jhang district, S.W.Punjab. Part II. Non-Passerine birds in Ibis, 64 (3), 1922, DOI:10.1111/j.1474-919X.1922.tb01326.x.
  24. ^ a b c d e f g h i j Sálim Ali and Sidney Dillon Ripley, Handbook of the birds of India and Pakistan, Volume 1, 2ª ed., Oxford University Press, 1978, pp. 310–314, ISBN 978-0-19-562063-4.
  25. ^ P. J. Mundy, The Egyptian vulture (Neophron percnopterus) in Southern Africa in Biological Conservation, 14 (4), 1978, pp. 307–315, DOI:10.1016/0006-3207(78)90047-2.
  26. ^ Reuven Yosef and Dan Alon, Do immature Palearctic Egyptian Vultures Neophron percnopterus remain in Africa during the northern summer? (PDF) in Vogelwelt, vol. 118, 1997, pp. 285–289.
  27. ^ Reto Spaar, Flight strategies of migrating raptors; a comparative study of interspecifìc variation in flight characteristics in Ibis, 139 (3), 1997, pp. 523–535, DOI:10.1111/j.1474-919X.1997.tb04669.x.
  28. ^ Nicolantonio Agostini, Guido Premuda, Ugo Mellone, Michele Panuccio, Daniela Logozzo, Enrico Bassi e Leonardo Cocchi, Crossing the sea en route to Africa: Autumn migration of some Accipitriformes over two Central Mediterranean islands (PDF) in Ring, 26 (2), 2004, pp. 71–78, DOI:10.2478/v10050-008-0062-6.
  29. ^ a b Clara García-Ripollés, Pascual López-López and Vicente Urios, First description of migration and wintering of adult Egyptian Vultures Neophron percnopterus tracked by GPS satellite telemetry (PDF) in Bird Study, 57 (2), 2010, pp. 261–265, DOI:10.1080/00063650903505762.
  30. ^ a b c Bernd-U. Meyburg, Max Gallardo, Christiane Meyburg and Elena Dimitrova, Migrations and sojourn in Africa of Egyptian vultures (Neophron percnopterus) tracked by satellite in Journal of Ornithology, 145 (4), 2004, pp. 273–280, DOI:10.1007/s10336-004-0037-6.
  31. ^ Hugh Whistler, Popular Handbook of Indian Birds, 4ª ed., London, Gurney & Jackson, 1949, pp. 356–357, ISBN 1-4067-4576-6.
  32. ^ Vibhu Prakash and C. Nanjappa, An instance of active predation by Scavenger Vulture (Neophron p. ginginianus) on Checkered Keelback watersnake (Xenochrophis piscator) in Keoladeo National Park, Bharatpur, Rajasthan in J. Bombay Nat. Hist. Soc., 85 (2), 1988, p. 419.
  33. ^ a b c A. Margalida, J. R. Benítez, J. A. Sánchez-Zapata, E. Ávila, R. Arenas and J. A. Donázar, Long-term relationship between diet breadth and breeding success in a declining population of Egyptian Vultures Neophron percnopterus in Ibis, vol. 154, 2012, pp. 184–188, DOI:10.1111/j.1474-919X.2011.01189.x.
  34. ^ a b J. J. Negro, J. M. Grande, J. L. Tella, J. Garrido, D. Hornero, J. A. Donázar, J. A. Sanchez-Zapata, J. R. Benítez and M. Barcell, An unusual source of essential carotenoids (PDF) in Nature, 47 (6883), 2002, p. 807, DOI:10.1038/416807a.
  35. ^ a b E. C. Stuart Baker, The Fauna of British India. Birds. Volume 5, 2ª ed., London, Taylor and Francis, 1928, pp. 22–24.
  36. ^ José A. Donázar, Olga Ceballos and José L. Tella, Communal roosts of Egyptian vultures (Neophron percnopterus): dynamics and implications for the species conservation (PDF) in Biology and Conservation of Mediterranean Raptors, J. Muntaner, 1996, pp. 189–201.
  37. ^ Olga Ceballos and José Antonio Donázar, Roost-tree characteristics, food habits and seasonal abundance of roosting Egyptian Vultures in northern Spain (PDF) in Journal of Raptor Research, 24 (1–2), 1990, pp. 19–25, ISSN 0892-1016.
  38. ^ Antoni Margalida and Jennifer Boudet, Dynamics and temporal variation in age structure at a communal roost of egyptian vultures (Neophron percnopterus) in northeastern Spain in Journal of Raptor Research, 37 (3), 2003, pp. 252–256.
  39. ^ Olga Ceballos and José Antonio Donázar, Factors influencing the breeding density and nest-site selection of Egyptian vulture (Neophron percnopterus) in Journal of Ornithology, 130 (3), 1989, pp. 353–359, DOI:10.1007/BF01644748.
  40. ^ C. H. Biddulph, Unusual site for the nest of the White Scavenger Vulture Neophron percnopterus ginginianus (Lath.) in J. Bombay Nat. Hist. Soc., 39 (3), 1937, pp. 635–636.
  41. ^ W. P. Paynter, Lesser White Scavenger Vulture N. ginginianus nesting on the ground in J. Bombay Nat. Hist. Soc., 30 (1), 1924, pp. 224–225.
  42. ^ Laura Gangoso, Ground nesting by Egyptian Vultures (Neophron percnopterus) in the Canary Islands (PDF) in Journal of Raptor Research, 39 (2), 2005, pp. 186–187, ISSN 0892-1016.
  43. ^ José A. Donázar, Olga Ceballos and José L. Tella, Copulation behaviour in the Egyptian Vulture Neophron percnopterus (PDF) in Bird Study, 41 (1), 1994, pp. 37–41, DOI:10.1080/00063659409477195.
  44. ^ José Luis Tella, Polyandrous trios in a population of Egyptian vultures (Neophron percnopterus) in Journal of Raptor Research, 27 (2), 1993, pp. 119–120.
  45. ^ José Antonio Donázar and Olga Ceballos, Growth rates of nestling Egyptian Vultures Neophron percnopterus in relation to brood size, hatching order and environmental factors (PDF) in Ardea, 77 (2), 1989, pp. 217–226, ISSN 0373-2266.
  46. ^ José A. Donázar and Olga Ceballos, Acquisition of food by fledgling Egyptian Vultures Neophron percnopterus by nest-switching and acceptance by foster adults (PDF) in Ibis, 132 (4), 1990, pp. 603–607, DOI:10.1111/j.1474-919X.1990.tb00284.x.
  47. ^ José Antonio Donázar and Olga Ceballos, Post-fledging dependence period and development of flight and foraging behaviour in the Egyptian Vulture Neophron percnopterus (PDF) in Ardea, 78 (3), 1989, pp. 387–394, ISSN 0373-2266.
  48. ^ Javier Elorriaga, Iñigo Zuberogoitia, Iñaki Castillo, Ainara Azkona, Sonia Hidalgo, Lander Astorkia, Fernando Ruiz-Moneo and Agurtzane Iraeta, First Documented Case of Long-Distance Dispersal in the Egyptian Vulture (Neophron percnopterus) (PDF) in Journal of Raptor Research, 43 (2), 2009, pp. 142–145, DOI:10.3356/JRR-08-53.1.
  49. ^ Juan M. Grande, David Serrano, Giacomo Tavecchia, Martina Carrete, Olga Ceballos, Ricardo Díaz-Delgado, José L. Tella and José A. Donázar, Survival in a long-lived territorial migrant: effects of life-history traits and ecological conditions in wintering and breeding areas (PDF) in Oikos, 118 (4), 2009, pp. 580–590, DOI:10.1111/j.1600-0706.2009.17218.x.
  50. ^ José L. Tella and Santi Mañosa, Eagle owl predation on Egyptian vulture and northern goshawk: possible effect of a decrease in European rabbit availability in Journal of Raptor Research, 27 (2), 1993, pp. 111–112.
  51. ^ Jose A. Donázar and Olga Ceballos, Red fox predation on fledgling Egyptian vultures in Journal of Raptor Research, 22 (3), 1988, p. 88.
  52. ^ Patricia Mateo and Pedro P. Olea, Egyptian Vultures (Neophron percnopterus) Attack Golden Eagles (Aquila chrysaetos) to Defend their Fledgling in Journal of Raptor Research, 41 (4), 2007, pp. 339–340, DOI:10.3356/0892-1016(2007)41[339:EVNPAG]2.0.CO;2, ISSN 0892-1016.
  53. ^ Yva Stoyanova and Nikolai Stefanov, Predation upon nestling Egyptian Vultures (Neophron percnopterus) in the Vratsa Mountains of Bulgaria (PDF) in Journal of Raptor Research, 27 (2), 1993, p. 123, ISSN 0892-1016.
  54. ^ G. P. Agarwal, Aftab Ahmad, Gaurav Arya, Renu Saxena, Arjumand Nisar and A. K. Saxena, Chaetotaxy of three nymphal instars of an ischnoceran louse, Aegypoecus perspicuus (Phthiraptera: Insecta) in J. Appl. & Nat. Sci., 4 (1), 2012, pp. 92–95.
  55. ^ A. Suárez-Pérez, A. S. Ramírez, R. S. Rosales, P. Calabuig, C. Poveda, R. Rosselló-Móra, R. a. J. Nicholas and J. B. Poveda, Mycoplasma neophronis sp. nov., isolated from the upper respiratory tract of Canarian Egyptian vultures (Neophron percnopterus majorensis) in International Journal of Systematic and Evolutionary Microbiology, vol. 62, 2012, pp. 1321–1325, DOI:10.1099/ijs.0.033803-0, ISSN 1466-5026.
  56. ^ Jane van Lawick-Goodall and Hugo van Lawick, Use of Tools by the Egyptian Vulture, Neophron percnopterus in Nature, 212 (5069), 1966, pp. 1468–1469, DOI:10.1038/2121468a0.
  57. ^ C. R. Thouless, J. H. Fanshawe and B. C. R. Bertram, Egyptian Vultures Neophron percnopterus and Ostrich Struthio camelus eggs: The origins of stone-throwing behaviour in Ibis, vol. 131, 1989, pp. 9–15, DOI:10.1111/j.1474-919X.1989.tb02737.x.
  58. ^ Yva Stoyanova, Nikolai Stefanov and Josef K. Schmutz, Twig Used as a Tool by the Egyptian Vulture (Neophron percnopterus) in Journal of Raptor Research, 44 (2), 2010, pp. 154–156, DOI:10.3356/JRR-09-20.1.
  59. ^ a b R. Cuthbert, R. E. Green, S. Ranade, S. Saravanan, D. J. Pain, V. Prakash and A. A. Cunningham, Rapid population declines of Egyptian vulture (Neophron percnopterus) and red-headed vulture (Sarcogyps calvus) in India in Animal Conservation, 9 (3), 2006, pp. 349–354, DOI:10.1111/j.1469-1795.2006.00041.x.
  60. ^ V. M. Galushin, Populations of vultures and other raptors in Delhi and neighboring areas from 1970's to 1990's (PDF) in Report from the Workshop on Indian Gyps vultures: 4th Eurasian congress on raptors, Sevilla, Spain: aviary.org., J. Parry-Jones & T. Katzner, 2001, pp. 13–15.
  61. ^ V. M. Galushin, A comparative analysis of the density of predatory birds in two selected areas within the Palaearctic and Oriental regions, near Moscow and Delhi (IOC Abstracts) in Emu, vol. 74, 1975, p. 331.
  62. ^ Fabio Liberatori and Vincenzo Penteriani, A long-term analysis of the declining population of the Egyptian vulture in the Italian peninsula: distribution, habitat preference, productivity and conservation implications in Biological Conservation, 101 (3), 2001, pp. 381–389, DOI:10.1016/S0006-3207(01)00086-6.
  63. ^ Ainara Cortés-Avizanda, Olga Ceballos and José A. Donázar, Long-Term Trends in Population Size and Breeding Success in the Egyptian Vulture (Neophron percnopterus) in Northern Spain in Journal of Raptor Research, 43 (1), 2009, pp. 43–49, DOI:10.3356/JRR-08-24.1.
  64. ^ Mauro Hernández and Antoni Margalida, Poison-related mortality effects in the endangered Egyptian vulture (Neophron percnopterus) population in Spain (PDF) in European Journal of Wildlife Research, 55 (4), 2009, pp. 415–423, DOI:10.1007/s10344-009-0255-6.
  65. ^ Clara García-Ripollés and Pascual López-López, Population size and breeding performance of Egyptian vultures (Neophron percnopterus) in eastern Iberian Peninsula in Journal of Raptor Research, 40 (3), Vincenzo Penteriani, 2006, pp. 217–221, DOI:10.3356/0892-1016(2006)40[217:PSABPO]2.0.CO;2, ISSN 0892-1016.
  66. ^ Martina Carrete, José A. Sánchez-Zapata, José R. Benítez, Manuel Lobón and José A. Donázar, Large scale risk-assessment of wind-farms on population viability of a globally endangered long-lived raptor in Biological Conservation, 142 (12), 2009, pp. 2954–2961, DOI:10.1016/j.biocon.2009.07.027.
  67. ^ Ivaylo Angelov, Ibrahim Hashim and Steffen Oppel, Persistent electrocution mortality of Egyptian Vultures Neophron percnopterus over 28 years in East Africa in Bird Conservation International, 2012, pp. 1–6, DOI:10.1017/S0959270912000123.
  68. ^ J. A. Lemus and G. Blanco, Cellular and humoral immunodepression in vultures feeding upon medicated livestock carrion in Proceedings of the Royal Society B: Biological Sciences, 276 (1665), 2009, pp. 2307–2313, DOI:10.1098/rspb.2009.0071, PMC 2677603, PMID 19324751.
  69. ^ S. Hidalgo, J. Zabala, I. Zubergoitia, A. Azkona and I. Castillo, Food of the Egyptian vulture (Neophron percnopterus) in Biscay in Buteo, vol. 14, 2005, pp. 23–29.
  70. ^ César-Javier Palacios, Decline of the Egyptian vulture (Neophron percnopterus) in the Canary Islands in Journal of Raptor Research, 34 (1), 2000, p. 61.
  71. ^ César-Javier Palacios, Current status and distribution of birds of prey in the Canary Islands (PDF) in Bird Conservation International, 14 (3), 2004, DOI:10.1017/S0959270904000255.
  72. ^ Laura Gangoso, Juan M. Grande, Jésus A. Lemus, Guillermo Blanco, Javier Grande and José A. Donázar, Susceptibility to Infection and Immune Response in Insular and Continental Populations of Egyptian Vulture: Implications for Conservation in PLoS ONE, 4 (7), Wayne M. Getz, 2009, e6333, DOI:10.1371/journal.pone.0006333, PMC 2709727, PMID 19623256.
  73. ^ Laura Gangoso, Pedro Álvarez-Lloret, Alejandro A. B. Rodríguez-Navarro, Rafael Mateo, Fernando Hiraldo and José Antonio Donázar, Long-term effects of lead poisoning on bone mineralization in vultures exposed to ammunition sources (PDF) in Environmental Pollution, 157 (2), 2009, pp. 569–574, DOI:10.1016/j.envpol.2008.09.015, PMID 18995938.
  74. ^ A. Cortés-Avizanda, M. Carrete, D. Serrano and J. A. Donázar, Carcasses increase the probability of predation of ground-nesting birds: a caveat regarding the conservation value of vulture restaurants (PDF) in Animal Conservation, vol. 12, 2009, pp. 85–88, DOI:10.1111/j.1469-1795.2008.00231.x.
  75. ^ Harland Coultas, Zoology of the Bible, London, Wesleyan Conference Office, 1876.
  76. ^ Ernest Ingerson, Birds in legend, fable and folklore, New York, Longmans, Green and Co, 1923.
  77. ^ D'Arcy Wentworth Thompson, A glossary of Greek birds, Oxford, Clarendon Press, 1895.
  78. ^ Gene Stratton-Porter, Birds of the Bible, Cincinnati, Jennings and Graham, 1909, p. 182.
  79. ^ Anonimo, Scripture natural history, città, Presbyterian Board of Publication, 1854, p. 80.
  80. ^ K. K. Neelakantan, The sacred birds of Thirukkalukundram in Newsletter for Birdwatchers, 17 (4), 1977, p. 6.
  81. ^ Gift Siromoney, The Neophron Vultures of Thirukkalukundram in Newsletter for Birdwatchers, 17 (6), 1977, pp. 1–4.
  82. ^ G. U. Pope, The Tiruvacagam or Sacred utterances of the Tamil poet, saint, and sage Manikka-vacagar, Clarendon Press, Oxford, 1900.
  83. ^ E. W. Thurston, Ethnographic notes in southern India, Government Press, Madras, 1906.
  84. ^ Douglas Dewar, Bombay Ducks, John Lane, London, 1906, p. 277.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]


uccelli Portale Uccelli: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di uccelli