Nasser al-Din Shah Qajar

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Nasser al-Din Shah Qajar
Nasser al-Din Shah Qajar
Scià di Persia
In carica 17 settembre 1848 –
1º maggio 1896
Predecessore Muhammad Shah Qajar
Successore Mozaffar ad-Din Shah Qajar
Nascita Tabriz, 16 luglio 1831
Morte Teheran, 1º maggio 1896
Casa reale Qajar
Padre Muhammad Shah Qajar
Religione Islam sciita

Nasser al-Din Shah Qajar (Nāṣiri'd-Dīn Shāh Qājār, in persiano: ناصرالدین شاه قاجار; Tabriz, 16 luglio 1831Teheran, 1º maggio 1896) è stato scià di Persia dal 17 settembre 1848 al 1º maggio 1896 quando fu assassinato.

Figlio di Muhammad Shah Qajar fu il terzo sovrano a regnare più a lungo nella Persia dopo Sapore II della dinastia sasanide e Tahmasp I della dinastia safavide.

Nasser al-Din Shah Qajar regnò per quasi 50 anni e fu il primo sovrano persiano a scrivere e pubblicare i propri diari.

Le riforme[modifica | modifica sorgente]

Nasser al-Din Shah Qajar iniziò il suo regno all'insegna delle riforme moderniste ma si fece col tempo sempre più conservatore e tradizionalista.

Nonostante le sue originarie tendenze riformiste il suo stile di governo fu dittatoriale. Perseguitò i seguaci del Báb e i Bahai specialmente dopo un fallito attentato, nel 1852, contro di lui. La repressione che ne seguì portò all'uccisione, 31 agosto 1852, di trenta Babisti tra cui la poetessa Táhirih[1].

Quando il giovane Nasser ad-Din salì al trono, la Persia era virtualmente in bancarotta, il governo centrale era debole e le province erano praticamente autonome. Con l'aiuto e i consigli del primo ministro Mirza Taghi Khan, lo scià avviò importanti riforme in tutti i settori della società.

Le spese statali furono drasticamente ridotte, e vennero separate le spese della corte da quella pubblica. Gli strumenti dell'amministrazione centrale furono migliorati e il primo ministro divenne competente per tutti i settori della burocrazia.

Politica economica[modifica | modifica sorgente]

Le ingerenze straniere negli affari persiani vennero limitate e fu incoraggiato il commercio con l'estero, mentre alla burocrazia venne proibito di usare il tradizionale stile barocco e pomposo nei documenti ufficiali, favorendo la nascita di uno stile moderno nella prosa persiana.

Furono avviate anche molte opere di edilizia pubblica, come il bazar di Teheran, ma soprattutto la prima università moderna della Persia, il politecnico Dar al Funoon. Qui venivano insegnate tutte le scienze moderne, come medicina e tecnologia, da insegnanti stranieri (principalmente austriaci e francesi) ma anche persiani.

Queste riforme suscitarono il malcontento di quei notabili del regno che, esclusi dal governo, consideravano Mirza Taghi Khan come un arrampicatore sociale e una minaccia per i propri interessi. Con il supporto attivo della regina madre, riuscirono a convincere lo scià che il primo ministro fosse un usurpatore del suo potere. Mirza Taghi Khan fu esautorato nel 1851 e quindi fatto assassinare per ordine dello scià.

Diplomazia[modifica | modifica sorgente]

Nasser ad-Din Shah cercò di sfruttare la rivalità tra Russia e Gran Bretagna a proprio vantaggio, ma le ingerenze politiche e le occupazioni di territori tradizionalmente sotto il controllo persiano aumentarono. Nel 1856 la Gran Bretagna favorì l'annessione di Herat all'Afghanistan, Stato che i britannici aiutarono a nascere per ostacolare l'espansione russa in Asia centrale. I russi, d'altra parte, completarono nel 1881 la conquista degli odierni Turkmenistan e Uzbekistan, raggiungendo i confini nord-orientali dell'Iran e recidendo i legami storici tra la Persia e le città di Bukhara e Samarcanda.

Alla fine del XIX secolo era opinione diffusa tra gli iraniani che i loro sovrani fossero asserviti agli interessi stranieri.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Peter Smith, Táhirih. A concise encyclopedia of the Bahá'í Faith. Oxford, Oneworld Publications, 2000. ISBN 1-85168-184-1.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Scià di Persia Successore Early 20th Century Qajar Flag.png
Muhammad Shah Qajar 1848 - 1896 Mozaffar ad-Din Shah Qajar

Controllo di autorità VIAF: 32788894 LCCN: n79102800