Monte Legnone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Monte Legnone (disambigua).
Monte Legnone
MonteLegnone.JPG
Il Monte Legnone ripreso da Domaso
Stato Italia Italia
Regione Lombardia Lombardia
Provincia Lecco Lecco
Sondrio Sondrio
Altezza 2.609 m s.l.m.
Catena Alpi
Coordinate 46°05′41.81″N 9°24′53.43″E / 46.094949°N 9.41484°E46.094949; 9.41484Coordinate: 46°05′41.81″N 9°24′53.43″E / 46.094949°N 9.41484°E46.094949; 9.41484
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Monte Legnone
Mappa di localizzazione: Alpi
Dati SOIUSA
Grande Parte Alpi Orientali
Grande Settore Alpi Sud-orientali
Sezione Alpi e Prealpi bergamasche
Sottosezione Alpi Orobie
Supergruppo Alpi Orobie Occidentali
Gruppo Gruppo del Legnone
Codice II/C-29.I-B.7

Il Monte Legnone è una montagna delle Alpi alta 2.609 m s.l.m.. È la cima più alta della provincia di Lecco e del settore più occidentale delle Alpi Orobie.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Di bella forma piramidale con linee regolari, rappresenta il poderoso pilastro d'angolo tra il bacino del Lago di Como e la Valtellina, separando quest'ultima dalla Val Varrone, solco vallivo adiacente alla Valsassina.

Non risulta alpinisticamente molto interessante, dacché formata su tutti i suoi versanti soprattutto da sfasciumi ad eccezione del versante nord, che sprofonda per quasi 2.500 metri sulla piana di Delebio, peraltro in modo piuttosto irregolare e senza una vera e propria parete rocciosa. È però assai frequentato dagli escursionisti, anche perché la vetta offre in assoluto uno dei migliori panorami della Alpi Centrali, non avendo alcuna sommità di simile altitudine nelle vicinanze e protendendosi sul lago e sulla bassa Valtellina tanto da restare isolata rispetto alla cresta orobica di cui è parte.

Nel massiccio del Legnone è presente una cima secondaria, posta ad occidente della vetta principale, che prende il nome di Legnoncino (1.711 m).

Rifugi[modifica | modifica sorgente]

Sui fianchi del Legnone si trovano i seguenti rifugi:

  • il rifugio Roccoli Lorla (1463 m), nella località omonima, tra Legnone e Legnoncino, raggiungibile in automobile da Dervio, di proprietà del CAI Dervio;
  • il Rifugio Griera (1734 m), in località omonima, raggiungibile a piedi, in Mountain Bike o (muniti di permesso) in jeep da Pagnona, di proprietà del Comune di Pagnona;
  • il rifugio Alpe Scoggione (1575 m), sul lungo crestone nord della montagna, raggiungibile da Colico, località Rusico (900 m), di proprietà del CAI Colico;
  • il rifugio Alpe Legnone (1696 m), sul lungo crestone nord-est della montagna, raggiungibile da Delebio, centrale idroelettrica (230 m), di proprietà della Azienda Regionale Foreste di Morbegno.

Itinerari[modifica | modifica sorgente]

Avvertenza
Le informazioni riportate hanno solo fine illustrativo. Wikipedia non dà garanzia di validità dei contenuti: leggi le avvertenze.

La via normale di salita, abbastanza facile, è sul versante della Val Varrone, ha inizio dal rifugio Roccoli Lorla e sale quindi lungo il crestone ovest. Alcuni passaggi presso la cima sono attrezzati con corde fisse per agevolare la salita.

Un altro itinerario percorre la facile cresta sud-est, con partenza dai rifugi Alpe Scoggione o Alpe Legnone. La cresta si raggiunge alla Bocchetta alta del Legnone (2395 m), sullo spartiacque orobico, per una strada militare. Essa presenta alcuni interessanti manufatti di trincea risalenti alla Prima guerra mondiale, parte di una seconda linea difensiva italiana che sarebbe diventata "prima" in caso di sfondamento della linea di combattimento attestata sui monti del gruppo Ortles-Cevedale.

Itinerari segnalati più impegnativi risalgono direttamente dal rifugio Alpe Scoggione. La Direttissima comporta il superamento di brevi passaggi di arrampicata fino al III grado.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

È meglio evitare di salirvi durante i temporali perché, forse a causa del sottosuolo o dei molti larici presenti, si scaricano parecchi fulmini, che negli anni hanno provocato il ferimento di persone e la morte di alcuni animali. Secondo una tradizione del Lago di Como, osservando la vetta del Monte Legnone, è possibile capire l'evolvere del tempo meteorologico infatti in dialetto lecchese un antico detto recita:

« "Quant al Legnun el gà al cappel, lasa la ranza e ciapa el rastrell" che tradotto in italiano significa: "Quando il Legnone ha il cappello (ovvero la vetta è nascosta dalle nuvole) abbandona la falce e prendi il rastrello (ovvero smetti di tagliare il fieno e affrettati a raccoglierlo perché non si bagni per l'imminente temporale)»

. Di contro un altro detto recita:

« "Quant al Legnun el gà al cappel, o che fà brutt o che fà bell (quando il Legnone ha il cappello, o che fa brutto o che fa bello)»

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Giovanni Del Tredici, Elena Fattarelli, Colico e il monte Legnone – Sentieri e Storia, CAI Colico, 2007

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]