Monotremata

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Monotremi
Platypus.jpg
Ornithorhynchus anatinus
Acquario pubblico di Sydney (Australia).
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Ramo Bilateria
Superphylum Deuterostomia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Infraphylum Gnathostomata
Microphylum Tetrapoda
Nanophylum Amniota
Superclasse Synapsida
Classe Mammalia
Sottoclasse Prototheria
Ordine Monotremata
Famiglie

I Monotremi (Monotremata) sono un ordine che comprende i mammiferi viventi più primitivi, ma allo stesso tempo altamente specializzati. È l'unico ordine conosciuto della sottoclasse dei Prototeri.

Caratteristiche principali[modifica | modifica sorgente]

I monotremi sono generalmente conosciuti per le loro caratteristiche primitive, che nell'immaginario collettivo li pongono erroneamente come anello di congiunzione fra mammiferi e rettili od uccelli. Tali animali sono infatti ovipari e non vivipari come tutti gli altri mammiferi. Il loro sistema di riproduzione è infatti simile a quello di rettili e uccelli: depongono uova e le uova possono essere incubate in un nido, come nel caso dell'ornitorinco, oppure in una speciale borsa cutanea, come nel caso dell'echidna. Inoltre, le ghiandole mammarie dei monotremi non sono organizzate in vere mammelle, ma sboccano direttamente in campi ghiandolari.

La temperatura del corpo è minore di quella degli altri mammiferi (circa 32 °C), e solitamente viene diminuita per risparmiare energia.

Negli adulti i denti sono assenti: il muso termina con una sorta di becco. Tuttavia, nei monotremi fossili, così come i giovani ornitorinchi, sono presenti dei molari a tre cuspidi, evoluti indipendentemente dagli altri mammiferi. Altrettanto indipendentemente si sarebbero evolute le ossa dell'orecchio interno, che nonostante sbocchi alla base della mandibola, sono incorporate nel cranio, a differenza degli altri sinapsidi primitivi dove giacciono nella mandibola stessa. Quest'ultima è configurata differentemente nei monotremi e negli altri mammiferi, sia a livello osseo che a livello muscolare. Nell'articolazione della spalla sono presenti delle ossa extra (fra cui un'interclavicola, assente negli altri mammiferi). Le zampe sono poste lateralmente al corpo (come nella maggior parte dei rettili), piuttosto che sotto di esso (come nei mammiferi). Nel cinto pettorale sono presenti un paio di epicoracoidi o procoracoidi e un altro paio di ossa coracoidi distinte (come nei rettili). Nella faccia interna delle zampe posteriori dei maschi è presente uno speciale sperone corneo canalicolato, che negli ornitorinchi è connesso ad una ghiandola femorale o crurale, da cui viene secreto un liquido tossico.

Nel cervello (che è invece molto diverso da quello dei rettili e molto simile a quello dei marsupiali) non è presente il corpo calloso, cioè l'insieme delle connessioni nervose che collegano i due emisferi cerebrali.

Il canale intestinale e le vie urogenitali sboccano in una cloaca con un'unica apertura verso l'esterno; da qui il nome monotremi (dal greco monos, unica, e trema, apertura)

Tassonomia[modifica | modifica sorgente]

Si è soliti considerare i monotremi come un unico ordine: tuttavia, recentemente è stata proposta una nuova classificazione che comprenda due ordini:

Un'altra corrente di pensiero, invece, vorrebbe spostare i monotremi (e conseguentemente i prototeri) al clade di nuova istituzione degli Australosphenida.
L'attuale classificazione dei monotremi è la seguente:

Un esemplare di Zaglossus bruijni

Monotremi fossili[modifica | modifica sorgente]

Eccetto l'Ornithorhynchus anatinus, tutti gli animali segnalati in questa sezione sono estinti.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi