Mesone J/Psi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
J/ψ
Composizione 1 quark charm, 1 antiquark charm
Famiglia Bosone
Gruppo Mesone
Interazione forte, debole, forza elettromagnetica, gravità
Antiparticella Self
Scoperta SLAC: Burton Richter et al. (1974)
BNL: Samuel Ting et al. (1974)
Simbolo J/ψ
Massa 3,0969 GeV/c2
Vita media 7,2 × 10-21 s
Carica elettrica e
Spin 1

Il mesone J/ψ è una particella subatomica di sapore neutro costituito da un quark charm e un'antiquark charm. I mesoni formati da un stato legato di un quark charm e un anti-quark charm sono generalmente conosciuti come "charmonium". Il mesone J/ψ è il primo stato eccitato di charmonium (la forma del charmonium con la seconda massa a riposo più piccola). Il mesone J/ψ ha una massa a riposo di 3,0969 GeV/c2 e un vita media di 7,2 × 10-21 s. La sua vita media è circa un migliaio di volte più lunga delle aspettative, poiché i principali decadimenti di questa particella risultano soppressi.[1]

La sua scoperta venne fatta indipendentemente da due gruppi di ricerca, uno allo Stanford Linear Accelerator Center, capeggiato da Burton Richter, e uno al Brookhaven National Laboratory, condotto da Samuel Ting al MIT. Effettivamente notarono di aver scoperto la stessa particella e entrambi i gruppi annunciarono le loro scoperte l'11 novembre 1974. L'importanza di questa scoperta è evidenziata dal fatto che la successiva serie di rapidi cambiamenti nella fisica delle particelle del tempo divenne nota come la "rivoluzione di novembre". Richter e Ting vennero premiati per la loro scoperta condivisa con il Premio Nobel per la fisica nel 1976.[1]

Background della scoperta[modifica | modifica wikitesto]

Il background della scoperta del mesone J/ψ fu sia teorico che sperimentale. Negli anni '60 vennero proposti i primi modelli di quark della fisica delle particelle, i quali proponevano che i protoni, neutroni e tutti i barioni e mesoni, fossero costituiti da tre tipi di particelle elementari caratterizzate da carica elettrica frazionaria: i "quark", esistenti in tre diversi "sapori" denominati up, down e strange. Nonostante le notevoli capacità dei modelli a quark di portare ordine nello "zoo delle particelle elementari", erano considerato ancora qualcosa di simile a una finzione matematica, un artefatto di ragioni fisiche più profonde.

A partire dal 1969, gli esperimenti di deep inelastic scattering allo SLAC rivelarono prove sperimentali sorprendenti riguardanti le particelle presenti all'interno dei protoni. Inizialmente non si sapeva se fossero quark o altro. Sono stati necessari molti esperimenti per identificare in modo chiaro le proprietà dei componenti del protone. In prima approssimazione corrispondevano ai quark già descritti nei modelli teorici.

Sul fronte teorico, le teorie di gauge con simmetria rotta divennero le prime teorie a contendersi la completa spiegazione dell'interazione debole, dopo che Gerardus 't Hooft scoprì nel 1971 come fare previsioni con le teorie di gauge, senza l'utilizzo dei diagrammi di Feynman. La prima prova sperimentale della teoria di unificazione elettrodebole fu la scoperta nel 1973 dei bosoni W e Z e quindi della corrente debole neutra. Le teorie di gauge insieme ai quark divennero nel 1973 dei validi contendenti per spiegare l'interazione forte dopo che venne proposto il concetto di libertà asintotica.

Tuttavia, una semplice combinazione della teoria elettrodebole e del modello a quark portò a calcoli sulle modalità di decadimento conosciute che contraddicevano l'osservazione: in particolare, si prevedeva il decadimento di un quark strange in un quark down, mediante un bosone Z come mediatore del cambiamento di sapore, ma questo non veniva osservato. Un'idea del 1970 di Sheldon Glashow, John Iliopoulos e Luciano Maiani, nota come meccanismo di GIM, mostrava che i decadimenti con cambiamento di sapore sarebbero stati vietati se fosse esistito un quarto quark, denominato charm, che si accoppiasse con il quark strange. Questo lavoro portò, entro l'estate del 1974, a previsioni teoriche di come sarebbe dovuto essere un mesone charm/anti-charm. Tali previsioni furono ignorate. Il lavoro di Richter e Ting fu svolto per altri motivi, in gran parte per esplorare nuovi livelli di energia.

Denominazione[modifica | modifica wikitesto]

A causa della scoperta quasi simultanea, il bosone J/ψ è l'unica particella elementare ad avere un nome con due lettere. Richter la chiamò "SP", dal nome dell'acceleratore SPEAR utilizzato allo SLAC; tuttavia a nessuno dei suoi collaboratori piacque questo nome. Dopo essersi consultato con Leonidas Resvanis (greco di nascita) per vedere quale lettera greca fosse ancora disponibile, e dopo aver rifiutato la "iota" perché il suo nome suggeriva scarsa rilevanza, Richter scelse "psi", un nome che, come ha fatto notare Gerson Goldhaber, contiene le lettere del nome originale "SP", ma in ordine inverso[2]. Inoltre le successive immagini tratte dalla camera a scintille riproducevano casualmente la forma di una Psi. Ting assegnò alla particella il nome "J", la lettera precedente a "K", nome del già noto mesone K composto da quark-antiquark strange. Tuttavia non si può giudicare ininfluente la somiglianza della "J" con il carattere cinese Ting (丁), il cognome cinese del ricercatore; inoltre J è anche l'iniziale del nome della prima figlia di Ting, Jeanne.

Dal momento che la comunità scientifica ha ritenuto ingiusto dare la priorità a uno dei due scopritori, le pubblicazioni successive hanno fatto riferimento alla particella come "J/ψ".

Il primo stato eccitato della J/ψ venne chiamato ψ'. È adesso definito come ψ(2S) o occasionalmente ψ(3686), indicando così rispettivamente il suo stato quantico o la massa in MeV. Gli altri mesoni vettori che sono stati legati charm-anticharm sono indicati similmente con ψ e lo stato quantico (se noto) o la massa[3]. La "J" non è utilizzata, in quanto soltanto il gruppo di Richter scoprì gli stati eccitati.

Il nome charmonium viene usato per J/ψ e gli altri stati legati charm-anticharm, in analogia con il positronio, anch'esso costituito da una particella e dalla sua antiparticella (in questo caso elettrone e positrone).

Fusione J/ψ[modifica | modifica wikitesto]

In un mezzo QCD caldo, quando la temperatura s'innalza ben oltre la temperatura di Hagedorn, si prevede che J/ψ e i suoi stati eccitati fondano.[4] Questa è una delle manifestazioni della formazione del plasma di quark e gluoni (QGP). Dal 2009 gli esperimenti effettuati al Super Proton Synchrotron del CERN e al Relativistic Heavy Ion Collider del Brookhaven National Laboratory (BNL) hanno studiato questo fenomeno senza risultati definitivi. Ciò è dovuto all'esigenza che la scomparsa dei mesoni J/ψ dal QGP sia valutata sulla base della produzione totale di tutte le particelle subatomiche contenenti quark charm, perché è molto probabile che vengano prodotti e/o distrutti mesoni J/ψ al momento dell'adronizzazione del QGP. Pertanto vi è ancora incertezza sulle condizioni prevalenti delle collisioni iniziali.

Infatti, invece della soppressione, è previsto un aumento della produzione di J/ψ[5] negli esperimenti con ioni pesanti a LHC, dove il meccanismo di produzione di quark ricombinanti deve essere dominante data l'abbondanza di quark charm nel QGP. Le tracce dei mesoni Bc indicano che i quark si muovono e si legano liberamente quando si combinano per formare adroni.[6][7]

Modi di decadimento[modifica | modifica wikitesto]

I modi di decadimento adronico dei mesoni J/ψ sono fortemente soppressi a causa della regola di OZI. Questo effetto aumenta fortemente la durate della vita media della particella e in tal modo la sua larghezza di decadimento è di appena 93,2 keV. A causa di questa forte soppressione il decadimento elettromagnetico comincia a competere con il decadimento adronico. Per questo motivo J/ψ c'è una significativa frazione di decadimento in leptoni.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b The Nobel Prize in Physics 1976
  2. ^ (EN) L. Zielinski, Physics Folklore, QuarkNet, 8 agosto 2006. URL consultato il 13 aprile 2009.
  3. ^ (EN) Roos, M., Wohl, C.G.; (Particle Data Group), Naming schemes for hadrons, 2004. URL consultato il 13 aprile 2009.
  4. ^ (EN) Matsui, T., Satz, H., J/ψ suppression by quark-gluon plasma formation in Physics Letters B, vol. 178, 1986, p. 416, DOI:10.1016/0370-2693(86)91404-8. URL consultato il 28 aprile 2010.
  5. ^ (EN) Thews, R.L.;, Schroedter, M.; Rafelski, J., Enhanced J/ψ production in deconfined quark matter in Physical Review C, vol. 63, 2001, p. 054905, DOI:10.1103/PhysRevC.63.054905, arΧiv:hep-ph/0007323. URL consultato il 28 aprile 2010.
  6. ^ (EN) Schroedter, M.;, Thews, R.L.; Rafelski, J., Bc-meson production in ultrarelativistic nuclear collisions in Physical Review C, vol. 62, 2000, p. 024905, DOI:10.1103/PhysRevC.62.024905, arΧiv:hep-ph/0004041. URL consultato il 28 aprile 2010.
  7. ^ (EN) Fulcher, L.P., Rafelski, J.; Thews, R.L., Bc mesons as a signal of deconfinement, 1999. URL consultato il 28 aprile 2010.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

fisica Portale Fisica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di fisica