arXiv

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

arXiv (pronunciato come la parola inglese archive, come se la "X" fosse la lettera greca χ) è un archivio per bozze definitive ("pre-prints") di articoli scientifici in fisica, matematica, informatica e biologia accessibile via Internet. In molti campi della matematica e della fisica, la maggior parte delle pubblicazioni scientifiche sono messe nell'archivio arXiv. Nel giugno 2010, arXiv.org conteneva più di 610 000 documenti, con circa cinquemila nuovi aggiunti ogni mese[1].

Storia[modifica | modifica sorgente]

Originariamente arXiv fu sviluppato da Paul Ginsparg ed è iniziato nel 1991 come un archivio di preprints (bozze finali di articoli pronti per la stampa su riviste scientifiche) di fisica e successivamente espanso a comprendere matematica, informatica, scienze nonlineari e, più di recente, biologia quantitativa. La nascita e la continua espansione del progetto hanno reso evidente la necessità crescente di un archivio per la conservazione a lungo termine di preprints. Il termine e-print è stato adottato per descrivere i documenti pubblicati online su arXiv. Ginsparg è stato onorato della MacArthur fellowship nel 2002 per aver creato arXiv.

Originariamente era ospitato su server del Los Alamos National Laboratory nello stato del Nuovo Messico, negli Stati Uniti (all'indirizzo xxx.lanl.gov, da cui il suo precedente nome, archivio di preprint LANL) ed è attualmente ospitato ed operato dalla Cornell University (nello stato di New York, Stati Uniti) con mirror in varie parti del mondo. Ha cambiato il suo nome ed indirizzo in arXiv.org nel 1999 per garantire una maggiore flessibilità.

L'esistenza di arXiv è stato uno dei fattori scatenanti dell'attuale scontento nei confronti dei metodi tradizionali di comunicazione scientifica, sfociato nell'open access movement, che sostiene la necessità di superare il sistema fondato sulla pubblicazione su riviste scientifiche tradizionali, per accedere alle quali è necessario pagare un abbonamento.[senza fonte] Parecchi matematici e fisici teorici pubblicano sistematicamente i loro lavori su arXiv prima di sottoporli a riviste tradizionali, per consentire un libero accesso da parte di tutta la comunità scientifica ed anche per ricevere commenti e pareri dai colleghi di tutto il mondo. Questa abitudine va diffondendosi anche fra altre discipline.

Sistema di approvazione[modifica | modifica sorgente]

I contributi pubblicati su arXiv non sono sottoposti ad un processo di revisione paritaria (peer review), tipico delle riviste scientifiche tradizionali, e che garantisce un livello minimo di qualità dei lavori pubblicati. Per ovviare a questa carenza, nel gennaio 2004 è stato introdotto un sistema di approvazione ("endorsement"): prima che un autore possa sottomettere una bozza definitiva d'un articolo all'archivio arXiv, l'autore deve ottenere un'approvazione/autorizzazione detta endorsement. Questa può essere rilasciata da un altro autore arXiv che ha lo status di endorser, o può essere automatica, a seconda della disciplina cui appartiene l'articolo e ad altri criteri che possono essere via via modificati per ottenere un risultato ottimale. Agli endorsers non viene richiesto di operare una revisione paritaria, ma soltanto di verificare che l'articolo in questione sia pertinente con l'argomento scelto dall'autore[2].

L'assenza di revisione paritaria, sebbene preoccupi alcuni, non è considerata negativamente da coloro che usano arXiv. La maggior parte degli autori sono molto attenti a ciò che pubblicano su arXiv. La maggior parte dei preprint che compaiono su arXiv sono successivamente inviati a riviste scientifiche tradizionali, ma alcuni di essi, compresi lavori che influenzano profondamente la comunità scientifica, esistono solo in forma di e-print e non vengono pubblicati su riviste soggette a revisione paritaria.

Un esempio fra tutti è la dimostrazione della congettura di geometrizzazione di Thurston (che include come caso particolare la - forse più celebre - congettura di Poincaré) pubblicata su arXiv da Grigorij Perel'man nel novembre 2002[3]. Perelman apparve assolutamente disinteressato alla pubblicazione su una prestigiosa rivista soggetta a revisione paritaria, affermando "Se qualcuno è interessato al modo in cui io ho risolto il problema, è tutto lì [su arXiv]: che vada a leggerselo"[4].

Sebbene arXiv contenga anche articoli di dubbio valore, come quelli in cui l'autore nega famosi teoremi o prova celebri congetture usando soltanto matematica da liceo, questi sono "sorprendentemente rari" (si veda Jakson (2002) nella bibliografia). ArXiv in genere riclassifica questi lavori, ad esempio in "matematica generale", invece di cancellarli [5].

Alcuni scienziati (fra i quali il premio Nobel Brian Josephson) lamentano il fatto che i loro articoli non siano accettati o siano forzatamente riclassificati dagli amministratori di arXiv, a causa della natura controversa delle ricerche presentare, e accusano il sistema di censura intellettuale [6].

Accesso[modifica | modifica sorgente]

L'accesso agli archivi arXiv avviene attraverso il sito web arXiv.org o uno dei suoi mirror. Varie interfacce sono state sviluppare da organizzazioni indipendenti da arXiv. Fra queste la University of California, Davis (USA), ha sviluppato un portale (Front) che offre funzioni di ricerca avanzate e un'interfaccia più intuitiva per la sezione di matematica di arXiv.org. Una funzione simile è offerta dal sito eprintweb.org, lanciato nel settembre 2006 dallo Institute of Physics. Anche Google Scholar può essere usato per effettuare ricerche sui arXiv. Infine, si può scegliere di ricevere giornalmente via email tutti i nuovi lavori appartenenti a specifici argomenti.

I vantaggi nell'uso di arXiv[modifica | modifica sorgente]

Sono numerosi i vantaggi per un ricercatore che desideri fare uso di arXiv. Di solito, uno scienziato decide di sfruttare arXiv quando vuole diffondere il proprio lavoro presso la sua comunità scientifica e ricevere qualche commento, riscontro o suggerimento sulla sua ricerca da parte degli altri scienziati, il tutto prima d'inviare l'articolo ad una conferenza o una rivista scientifica. Scrivendo quindi una bozza definitiva d'un articolo scientifico relativo ad un suo lavoro recente, e caricandolo su arXiv, può chiedere ai colleghi di prenderne lettura e di dargli qualche suggerimento o correzione. Così facendo, una volta raccolti i commenti da parte dei colleghi, potrà modificare l'articolo scientifico o anche la sua strategia di ricerca scientifica, indirizzando la propria attenzione verso un particolare piuttosto che un altro.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Articoli inviati mensilmente ad arXiv.org.
  2. ^ arXiv.org help - The arXiv endorsement system
  3. ^ (EN) Perelman, Grigori (2002). The entropy formula for the Ricci flow and its geometric applications, arXiv:math/0211159v1
  4. ^ Maths genius living in poverty - World - smh.com.au
  5. ^ (EN) Front: (In)frequently asked questions
  6. ^ (EN) Covert censorship by the physics preprint archive. A personal perspective from Brian Josephson

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]