Mary di Danimarca

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mary di Danimarca
Mary di Danimarca
Principessa Ereditaria di Danimarca, Contessa di Monpezat
Stemma
Nome completo Mary Elizabeth
Nascita Hobart, 5 febbraio 1972
Padre John Dalgleish Donaldson
Madre Henrietta Clark
Consorte Federico, Principe Ereditario di Danimarca
Figli Cristiano
Isabella
Vincent
Josephine
Religione Luterana

Mary di Danimarca (in danese: Mary Elizabeth, Kronprinsesse til Danmark, Grevinde af Montpezat; nata Mary Elizabeth Donaldson; Hobart, 5 febbraio 1972) è una principessa danese, moglie di Frederik, principe ereditario di Danimarca. La coppia si incontrò in un pub di Sydney, città dove il principe ereditario assisteva ai Giochi della XXVII Olimpiade. Il loro fidanzamento ufficiale nel 2003 e il matrimonio l'anno successivo sono stati oggetto di grande attenzione da parte dei media internazionali, che rappresentavano la storia come una moderna favola d'amore tra il principe ereditario e una comune cittadina di origine australiana. Se salirà al trono al fianco del marito come ci si aspetta, diverrà la prima regina australiana della storia.

Infanzia[modifica | modifica sorgente]

Mary è la minore dei quattro figli nati dal matematico John Dalgleish Donaldson (nato il 5 settembre 1941) e da Henrietta "Etta" Clark Horne (12 maggio 1942-20 novembre 1997), Executive Assistant del rettore dell'Università della Tasmania. Henrietta è morta per attacco cardiaco nel 1997. I genitori di Mary migrarono dalla Scozia all'Australia nel 1963.[1] Mary ha tre fratelli maggiori:

  • Jane Alison Stephens (nata il 26 dicembre 1965)
  • Patricia Anne Bailey (nata il 16 marzo 1968)
  • John Stuart Donaldson (nato il 9 luglio 1970)

Il padre di Mary si è risposato nel 2001; La sua seconda moglie è l'autrice e scrittrice inglese Susan Elizabeth Horwood, conosciuta con lo pseudonimo di Susan Moody[2].

Mary è nata e cresciuta a Hobart, in Tasmania; ha frequentato la Waimea Heights Primary School tra 1978-1982. Ha poi completato gli studi secondari presso Taroona High School ed il Hobart Matriculation College, prima di studiare presso l'Università della Tasmania per cinque anni. Dopo la laurea Mary si è trasferita a Melbourne per lavorare nel settore pubblicitario.

Da ragazza, Mary è stata molto attiva negli sport e in altre attività extrascolastiche, sia a scuola che altrove. Ha studiato pianoforte, flauto, clarinetto e giocato a basket e hockey. Il suo amore per i cavalli l'ha portata a cavalcare in maniera competitiva da adolescente sul suo cavallo, Diana.

Educazione[modifica | modifica sorgente]

Mary cominciò la scuola elementare di Clear Lake City, ora di Houston, mentre il padre lavorava lì. Di ritorno a Hobart ha frequentato la Sandy Bay Infants School, la Waimea Heights Primary School e poi la Taroona High School in Tasmania. Per gli ultimi due anni della sua istruzione secondaria Mary ha frequentato l'Hobart College, dove si è diplomata. Dal 1989 al 1994 Mary completa un corso di laurea combinato in Commercio e Giurisprudenza (BCOM, LLB) presso l'Università di Tasmania. Tra il 1994 e il 1996, Mary si qualifica con attestati professionali in pubblicità dalla The Advertising Federation of Australia (AFA) e marketing diretto presso la Australian Direct Marketing Association.

Lingue[modifica | modifica sorgente]

La lingua madre di Mary è l'inglese mentre il danese è la sua seconda lingua, che ha studiato approfonditamente dopo il fidanzamento. Ha studiato anche francese durante i suoi

Monogramma personale della Principessa Ereditaria Mary di Danimarca.

studi secondari. Nel 2002, ha brevemente insegnato inglese a Parigi.

La principessa Mary al ricevimento serale in occasione del Matrimonio tra Vittoria di Svezia e Daniel Westling

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Mentre studiava in Tasmania, Mary riferì che era in affari in una società chiamata Kingcash, con Brent Annells, con cui aveva una relazione di sette anni nel 1990.[3][4][5]

Monogramma combinato dei Principi Ereditari di Danimarca.

Dopo la laurea nel 1995, ha lavorato per agenzie di pubblicità australiane e mondiali.[6][7] Divenne una tirocinante in marketing e comunicazione con la DDB Needham, assumendo una posizione di account executive. Nel 1996, Mary è stata impiegata dalla MOJO Partners come account manager. Nel 1998, sei mesi dopo la morte della madre, si è dimessa ed ha viaggiato in America ed in Europa. Ad Edimburgo, ha lavorato per tre mesi come account manager per la Rapp Collins Worldwide; in seguito, all'inizio del 1999, è stata nominata account director con l'agenzia internazionale di pubblicità Young & Rubicam di Sydney.

Nel giugno 2000, Mary si trasferisce ad una piccola agenzia australiana, la Love Branding, lavorando per un breve periodo come primo account director della società. In seguito, dalla primavera (australiana) del 2000 fino al dicembre 2001, è diventata direttore vendite e un membro del team di gestione della Belle Property, società immobiliare specializzata in immobili di lusso. Nel primo semestre del 2002, Mary ha insegnato inglese in una scuola a Parigi ma, con il trasferimento definitivo in Danimarca, è stata assunta da Microsoft Business Solutions (5 settembre 2002 - 24 settembre 2003) nei pressi di Copenaghen come consulente di progetto per lo sviluppo del business, della comunicazione e di marketing.

Corteggiamento e fidanzamento[modifica | modifica sorgente]

Mary Donaldson ha incontrato il principe ereditario Frederik di Danimarca al pub "Slip Inn"[8] durante i Giochi della XXVII Olimpiade il 16 settembre 2000 a Sydney. Hanno condotto una relazione a distanza tenendosi in contatto tramite telefono, e-mail e lettere, mentre il principe Frederik si recava spesso a farle visita in Australia. Il 15 novembre 2001, il settimanale danese Billed Bladet descrisse Mary come la fidanzata di Frederik. Mary si trasferì in Europa nel dicembre 2001 e, mentre lavorava come insegnante di inglese a Parigi, visitò la Danimarca in privato; in quell'occasione è stata fotografata mentre partecipava ad alcuni eventi privati (matrimoni, battesimi di amici) con Frederik. Mary e Frederik sono stati fotografati nel corso del 2003 in varie escursioni private in Danimarca. Il 24 settembre 2003 la Corte danese ha annunciato che la Regina Margrethe II era intenzionata a dare il suo consenso al matrimonio nel corso della riunione del Consiglio di Stato prevista per l'8 ottobre 2003.

Il fidanzamento ufficiale è avvenuto l'8 ottobre 2003: il principe Frederik ha regalato a Mary un anello con un diamante taglio smeraldo e due rubini taglio smeraldo.

Matrimonio[modifica | modifica sorgente]

Il principe ereditario e la principessa ereditaria di Danimarca

Mary Donaldson e il principe ereditario Frederik si sono sposati il 14 maggio 2004 nella Cattedrale di Copenaghen[9]. Mary indossava un abito nuziale disegnato dallo stilista danese Uffe Frank (che ha lavorato tra gli altri per Valentino). I testimoni furono, da parte di lei, le sue due sorelle e la sua amica Amber Petty (annunciatrice di una radio commerciale in Australia); da parte di lui, suo fratello il principe Joachim. Tre delle nipoti di Mary, Erin e Kate Stephens e Madisson Woods, erano le damigelle; il nipote di Frederik il principe Nikolai di Danimarca ed il cugino di primo grado, il conte Richard von Pfeil und Klein-Ellguth erano paggi. Le nozze[10] sono state celebrate a Copenaghen e al Palazzo di Fredensborg. La coppia ha trascorso la luna di miele in Africa. Al matrimonio erano presenti tutte le case reali più importanti d'Europa. Il colore predominante era il rosso.

Quando la sposa è entrata in Chiesa, è stato intonato "Zadok the Priest" di Haendel. Alla vista della futura moglie il principe ereditario si è commosso. La cerimonia si è svolta regolarmente, sembrando quasi "intima" per un matrimonio di Stato. All'interno del corpetto del vestito, la sposa aveva cucito la fede della madre, Henrietta, scomparsa prematuramente. L'abito da sposa era composto da 24 metri di seta duchessa e organza. Per le decorazioni sono stati utilizzati 2 metri di pizzo, mentre il velo, molto pregiato, era stato creato da alcune suore in Irlanda per l'allora Principessa Ereditaria di Danimarca Margherita. Lo strascico era lungo 8 metri, e per rafforzare il corpetto sono stati utilizzati ben 31 metri di tulle. Il bouquet infine era composto da rose bianche ed eucalipti australiani, ma in mezzo vi era una rosa rossa, simboleggiante la madre della principessa, Henrietta. Il giorno dopo il matrimonio il bouquet è stato trasportato e posto sulla tomba di Henrietta, in Australia. Gli anelli nuziali sono stati forgiati con oro Groenladese. Dopo il rito, gli sposi hanno effettuato il classico giro in carrozza e si sono affacciati dal balcone del palazzo reale. Si è tenuta quindi una festa, con il tradizionale valzer prima di mezzanotte e un toccante discorso di Frederik, che ha detto alla moglie: "Questo è il momento di noi due, dammi calma e felicità. Ti amo, Mary", facendo scendere le lacrime alla nuova principessa ereditaria di Danimarca.

Il Folketing (parlamento) danese ha approvato una legge speciale (legge di Mary) che dava la cittadinanza danese a Mary Donaldson in seguito al suo matrimonio, una procedura standard per i nuovi membri stranieri della famiglia reale. Mary possedeva già la doppia cittadinanza dell'Australia e del Regno Unito. Precedentemente una presbiteriana, Mary è diventata luterana. Poco prima di entrare nella famiglia reale, Mary ha firmato un accordo di matrimonio simile a quello di suo suocero e della sua ex cognata, aggiornato alla fine del 2006. I dettagli non sono mai stati resi pubblici, ma si può supporre che tratti di questioni finanziarie, dello status reale e dei diritti sui figli in caso di divorzio.

La Principessa Mary ad una conferenza.
Frederik e Mary di Danimarca al matrimonio della principessa Madeleine.
La principessa Mary con indosso la "Midnight Tiara", di cui lei è la titolare esclusiva.
Mary nel 2011

La vita dopo il matrimonio[modifica | modifica sorgente]

Residenza attuale[modifica | modifica sorgente]

La residenza ufficiale della famiglia del principe ereditario è la The Chancellery House, un edificio dei primi del XVIII secolo, all'interno del Castello di Fredensborg, 40 km a nord di Copenaghen. In precedenza era la casa della nonna materna di Frederik, la Regina Ingrid. Essi hanno vissuto temporaneamente a Copenaghen al Palazzo di Amalienborg, mentre veniva ristrutturata la loro residenza permanente di città, il Palazzo di Frederik VIII. Mary è assistita da alcune dame di compagnia. La sua prima dama di compagnia era la contessa inglese Vittoria Bernstorff-Gyldensteen. Ha poi nominato la sua amica Caroline Heering come dama di compagnia. Tanya Doky è in seguito diventata dama di compagnia, mentre a Caroline Heering è stato assegnato il ruolo di assistente personale di Mary.

Figli[modifica | modifica sorgente]

Il 15 ottobre 2005, Mary ha dato alla luce il principe Christian Valdemar Henri John al Rigshospitalet. Frederik era presente al parto. Il bambino era sano, del peso di 3,5 kg e misurava 51 cm.[11] Il suo nome è stato annunciato al battesimo il 21 gennaio 2006 nella Cappella del Palazzo di Christiansborg a Copenaghen. Il principe Cristiano è secondo nella linea di successione al trono dopo suo padre.

Il 21 aprile 2007, è nata la principessa Isabella Henrietta Ingrid Margrethe del peso di 3,350 kg e 50 cm di lunghezza[12]. È stata battezzata nella cappella del Palazzo di Fredensborg il 1º luglio 2007[13] ed è terza nella linea di successione.

Il 6 agosto 2010 è stato reso noto che la principessa ereditaria era incinta di due gemelli, attesi per il gennaio 2011[14][15] Secondo alcune fonti, la principessa ereditaria si è dichiarata sorpresa della nuova gravidanza[16], secondo altre, Mary desiderava più figli; la coppia ha negato di essersi sottoposta a trattamento per la fertilità[17]. L'otto gennaio, la principessa ereditaria ha dato alla luce un maschio (che suo marito Frederik scherzando ha chiamato Elvis, essendo nato lo stesso giorno del "Re del Rock and Roll") alle ore 10:30 (peso: 2,674 kg, lunghezza: 47 cm), ed una femmina alle ore 10.56 (peso: 2,554 kg, lunghezza: 46 cm).[18][19] I nomi saranno ufficializzati al battesimo che si terrà alla Holmens Kirke a Copenaghen il 14 aprile.[20] Essi sono principe Vincent Frederik Minik Alexander e principessa Josephine Sophia Ivalo Mathilde.[21]

La famiglia reale danese nel 2010

Vita reale[modifica | modifica sorgente]

Dopo il matrimonio, la coppia ha viaggiato a bordo dello yacht reale Dannebrog nella Danimarca continentale, in Groenlandia ed in Grecia per le Olimpiadi di Atene 2004. Nel 2005 sono stati coinvolti nelle celebrazioni per il 200º anniversario di Hans Christian Andersen. Visitarono Londra, New York e l'Australia, dove Mary è stata nominata Honorary HCA Ambassador in Australia nella Utzon Room della Sydney Opera House. Nel 2005 la famiglia reale ha visitato le Isole Fær Øer. Hanno partecipato anche alle cerimonie per la sepoltura dell'imperatrice Maria Feodorovna in Danimarca e a San Pietroburgo. Affrontando il problema degli immigrati in Danimarca, Mary ha visitato le aree svantaggiate del Vollsmose (2006)[22] e Gellerup (2007)[23]. Mary ha svolto un ruolo attivo nella promozione di un programma anti-bullismo basato su un modello australiano sotto gli auspici di Save the Children della Danimarca.[24] Mary è anche coinvolta in una nuova campagna di sensibilizzazione e pratiche di sicurezza tra i danesi sul cancro della pelle attraverso il Danish Cancer Society e si fa mecenate attiva dell'industria della moda danese, la terza industria nazionale per esportazioni, indossando capi nazionali. Nel settembre del 2007 Mary ha formalmente istituito The Mary Foundation, con capitali da donazioni pubbliche e private, per promuovere la diversità culturale e favorire il senso di appartenenza e di contributo alla società in coloro che sono isolati o esclusi.

Mary è stata votata Donna dell'anno 2008 da una rivista danese, Alt for damerne. La principessa ha donato la sua ricompensa in denaro in beneficenza[25].

La principessa è stata paragonata a Diana, principessa del Galles[26], e a Jacqueline Kennedy Onassis,[27] (oltre che, anche dal punto di vista fisico, a Kate Middleton). Ha posato e rilasciato interviste per riviste tra cui Vogue, Australian Women's Weekly, Parade Magazine e Dansk. Lei e il principe ereditario Frederik sono stati anche intervistati da Andrew Denton per il programma della ABC TV Australian Enough Rope[28].

La principessa Mary con Maxima e Guglielmo d'Olanda, suo marito Frederik, Mette-Marit di Norvegia e la regina Beatrice al matrimonio della principessa ereditaria Vittoria di Svezia con Daniel Westling

La principessa ha incontrato William e Kate, duchi di Cambridge, il 2 novembre 2011. È la madrina di battesimo della Principessa Estelle, figlia della Principessa Ereditaria e del consorte. La cerimonia si è svolta il 22 maggio 2012.

La Principessa è madrina di altri bambini:

  • Holger Reedtz-Thott, figlio di un'amica di Mary, la Baronessa Reedtz-Thott.
  • Josephine Fleming, figlia di Caroline e Rory Fleming.
  • Sua Altezza il Principe Henrik di Danimarca, Conte di Monpezat (Henrik Carl Joachim Alain), nato il 4 maggio 2009.
  • Konstantin Johannsmann (Konstantin Gustav Heinrich Richard), nato il 24 luglio 2010.
  • Sua Altezza Reale la Principessa Estelle, duchessa di Östergötland (Estelle Silvia Ewa Maria di Svezia), nata il 23 febbraio 2012.
Mary assieme agli altri padrini della piccola Estelle (in foto in braccio con i genitori Vittoria e Daniel) dopo la cerimonia battesimale.

Patrocini[modifica | modifica sorgente]

Dal 2004 la principessa ereditaria Mary patrocina organizzazioni culturali,[29][30] l'industria della moda danese[31], aiuti umanitari[32], scienza e ricerca[33], organizzazioni, sociali, sanitarie e umanitarie[34][35][36][37][38][39][40][41][42] e organizzazioni sportive.[43][44]. Le organizzazioni di cui è patrona si sono giovate del rapporto con Mary, che si è lasciata coinvolgere attivamente dalle loro attività. Attualmente è impegnata nel sostenere i programmi anti-obesità attraverso l'Organizzazione mondiale della sanità, Ufficio Regionale per l'Europa[45]. È anche Honorary Life Governor del Victor Chang Cardiac Research Institute con sede presso il Garvan Institute/St Vincent's Hospital di Sydney, membro del International Committee of Women Leaders for Mental Health e un membro di vari club sportivi (equitazione, golf e yachting). Nel giugno 2010 è diventata patrona del UNFPA, Fondo delle Nazioni Unite per la Popolazione, "per sostenere l'attività dell'agenzia per promuovere la salute materna e maternità sicura in più di 150 nazioni in via di sviluppo"[46].

Francobollo raffigurante i Principi Ereditari di Danimarca

The Mary Foundation[modifica | modifica sorgente]

L'11 settembre 2007 ha annunciato l'istituzione del The Mary Foundation[47]. I fondi iniziali (1.100.000 corone danesi) sono stati raccolti in Danimarca e Groenlandia come regalo di nozze. Il fondo, guidato da Mary ed otto fiduciari, mira a migliorare la vita di persone isolate o escluse per motivi ambientali, ereditari, di salute o di altre circostanze.

Mary, principess ereditaria di Danimarca in visita alle isole Far Oer

Titoli e trattamento[modifica | modifica sorgente]

  • 5 febbraio 1972 – 14 maggio 2004: Miss Mary Elizabeth Donaldson
  • 14 maggio 2004 – 29 aprile 2008 Sua Altezza Reale la principessa ereditaria di Danimarca
  • 29 April 2008 – oggi: Sua Altezza Reale la principessa ereditaria di Danimarca, contessa di Monpezat[48]

Il suo titolo ufficiale in danese è Hendes Kongelige Højhed Kronprinsesse Mary af Danmark, Grevinde af Monpezat. Il titolo di Contessa di Monpezat è onorifico.

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Onorificenze danesi[modifica | modifica sorgente]

Dama dell'Ordine dell'Elefante - nastrino per uniforme ordinaria Dama dell'Ordine dell'Elefante
— 9 maggio 2004
Medaglia commemorativa per il settantesimo genetliaco di Sua Altezza Reale il Principe Consorte - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia commemorativa per il settantesimo genetliaco di Sua Altezza Reale il Principe Consorte
— 11 giugno 2009
Medaglia commemorativa per il settantesimo genetliaco di Margherita II - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia commemorativa per il settantesimo genetliaco di Margherita II
— 16 aprile 2010
Medaglia del giubileo di rubino di Margherita II - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia del giubileo di rubino di Margherita II
— 14 gennaio 2012
Dama dell'Ordine famigliare reale della regina Margherita II - nastrino per uniforme ordinaria Dama dell'Ordine famigliare reale della regina Margherita II

Onorificenze straniere[modifica | modifica sorgente]

Gran Croce dell'Ordine Nazionale della Croce del Sud (Brasile) - nastrino per uniforme ordinaria Gran Croce dell'Ordine Nazionale della Croce del Sud (Brasile)
— [49]
Dama di I Classe dell'Ordine della Stara Planina (Bulgaria) - nastrino per uniforme ordinaria Dama di I Classe dell'Ordine della Stara Planina (Bulgaria)
Dama di Gran Croce dell'Ordine di Beneficenza (Grecia) - nastrino per uniforme ordinaria Dama di Gran Croce dell'Ordine di Beneficenza (Grecia)
Dama di Gran Croce dell'Ordine Reale Norvegese di Sant'Olav  (Norvegia) - nastrino per uniforme ordinaria Dama di Gran Croce dell'Ordine Reale Norvegese di Sant'Olav (Norvegia)
— 7 novembre 2005[50]
Commendatore di Gran Croce dell'Ordine della Stella Polare (Svezia) - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore di Gran Croce dell'Ordine della Stella Polare (Svezia)
— [51]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Unitas No 256, p 5, 4 March 2004
  2. ^ Susan Moody - British Council Arts.
  3. ^ Healey, Kelvin: "Old flame ends his long silence", Sunday Tasmanian 23 May 2004. A purported quotation was republished the next day on a Danish forum, as was a similar article in May 2007.
  4. ^ Crown Prince Frederik and Crown Princess Mary of Denmark at Scribd.com
  5. ^ In 2009 Brent Annells was a director of DDB social marketing subsidiary DDB Radar. He is interviewed in Qantas Talking Business, September 2009
  6. ^ Karin Palshoj & Gitte Redder Mary, Crown Princess of Denmark, Allen & Unwin, Australia (2006) ISBN 1-74114-749-2
  7. ^ Emma Tom Something About Mary: From Girl About Town to Crown Princess Pluto Press Australia, North Melbourne (2005), ISBN 1-86403-273-1
  8. ^ Magnay J Sydney lass plays lady in waiting The Age, Melbourne, 5 Nov 2002. The Slip Inn is the renamed former Royal George hotel.
  9. ^ Anthony Browne e Christopher Follett, Danes cheer as estate agent marries into royal house (London), TimesOnline, 15 maggio 2004. URL consultato il 6 novembre 2009.
  10. ^ Wedding, 14 May 2004--at official Danish site.
  11. ^ TRH The Crown Prince Couple: A Prince is Born.
  12. ^ A Princess is Born, 22 aprile 2007. URL consultato il 22 aprile 2007.
  13. ^ TRH The Crown Prince Couple - Christening, 27 aprile 2007. URL consultato il 28 aprile 2007.
  14. ^ The Crown Prince Couple are expecting twins Official Danish Monarchy news release, 6 August 2010
  15. ^ Princess Mary pregnant with twins ABC News (Australia), 7 August 2010
  16. ^ Mary om tvillinger: Det var en kæmpe overraskelse
  17. ^ Princess Mary expecting twins FemaleFirst, UK, 9 August 2010
  18. ^ A Prince and a Princess are born.
  19. ^ Kronprinsesse Mary har født
  20. ^ Danish royal christening to take place in Holmen’s Church on 14 April. Trond Norén Isaksen, 14 February 2011. Retrieved 14 Feb 2011.
  21. ^ The Danish Royal Twins Names Are… | The Royal Correspondent
  22. ^ James Wray and Ulf Stabe, Princess Mary's solidarity visit, Monstersandcritics.com, 1º settembre 2006. URL consultato il 17 gennaio 2009.
  23. ^ Mary visits Gellerup in Århus, Danish Royal Watchers, 6 marzo 2007. URL consultato il 17 gennaio 2009.
  24. ^ Published 3/31/08 by, Princess Mary of Denmark promotes anti-bullying program at The Insider, Theinsider.com. URL consultato il 17 gennaio 2009.
  25. ^ Popular Princess Mary - Monsters and Critics
  26. ^ Mary channels Diana to be the new 'People's Princess' at News.com. au, 3 October 2008
  27. ^ Cut from Royal Cloth Copenhagen Post online, 22 April 2004
  28. ^ Interview with Mary and Frederik ABC TV Enough Rope, 28 February 2005
  29. ^ Children's Choir of the Royal Danish Academy of Music, Boernekor.dk, 23 dicembre 2000. URL consultato il 17 gennaio 2009.
  30. ^ TRH The Crown Prince Couple - The Danish Arts and Crafts Association, Kronprinsparret.dk, 20 maggio 2005. URL consultato il 17 gennaio 2009.
  31. ^ Copenhagen International Fashion Fair, Ciff.dk. URL consultato il 17 gennaio 2009. [collegamento interrotto]
  32. ^ Facts about the Danish Refugee Council, DRC.dk, 2008. URL consultato il 10 aprile 2010.
  33. ^ UNF Danmark (click 'protektor' at left), Unf.dk. URL consultato il 17 gennaio 2009.
  34. ^ Danish Association for Mental Health, Sind.dk. URL consultato il 17 gennaio 2009. [collegamento interrotto]
  35. ^ Sekretariatet, Rare Disorders Denmark, Sjaeldnediagnoser.dk. URL consultato il 17 gennaio 2009.
  36. ^ The Alannah and Madeline Foundation - Our Patrons and Ambassadors, Amf.org.au, 28 aprile 1996. URL consultato il 17 gennaio 2009.
  37. ^ Danish Brain Injury Association, Hjerneskadeforeningen.dk. URL consultato il 17 gennaio 2009.
  38. ^ Danish Heart Association, Hjerteforeningen.inforce.dk. URL consultato il 17 gennaio 2009.
  39. ^ Organ donation
  40. ^ Organisation for Mental Illness, Psykiatrifonden.dk. URL consultato il 17 gennaio 2009.
  41. ^ World Health Organization, Euro.who.int, 13 gennaio 2009. URL consultato il 17 gennaio 2009.
  42. ^ see Crown Princess Mary's inaugural speech for WHO Europe
  43. ^ Danish Golf Union, DGU.org. URL consultato il 17 gennaio 2009.
  44. ^ info@webtool.dk, Danish Swimming Union, Svoem.dk. URL consultato il 17 gennaio 2009.
  45. ^ [1]
  46. ^ H.R.H. The Crown Princess of Denmark becomes patron of UNFPA to support women’s health UNFPA Nordic Office, Copenhagen [June 2010]
  47. ^ TRH The Crown Prince Couple - The Mary Foundation (Mary Fonden), Kronprinsparret.dk, 28 marzo 2008. URL consultato il 17 gennaio 2009.
  48. ^ The Crown Princess: Curriculum Vitae
  49. ^ DECRETO DE 5 DE SETEMBRO DE 2007 - website JusBrasil
  50. ^ Kongehuset
  51. ^ Mad Hattery, pictures during Princess Victoria of Sweden's wedding

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]