Benedetta di Danimarca

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Principessa Benedetta
La Principessa di Sayn-Wittgenstein-Berleburg a Stoccolma l'8 giugno 2013, alla celebrazione delle nozze di Maddalena, Principessa di Svezia
La Principessa di Sayn-Wittgenstein-Berleburg a Stoccolma l'8 giugno 2013, alla celebrazione delle nozze di Maddalena, Principessa di Svezia
Principessa di Sayn-Wittgenstein-Berleburg
Nome completo Benedikte Astrid Ingeborg Ingrid
Nascita Palazzo di Amalienborg, Copenaghen, 29 aprile 1944
Padre Federico IX di Danimarca
Madre Ingrid di Svezia
Consorte Riccardo, VI Principe di Sayn-Wittgenstein-Berleburg
Figli Gustavo, Principe Ereditario di Sayn-Wittgenstein-Berleburg
Alexandra, Countess von Pfeil und Klein-Ellguth
Nathalie, Signora Johannsmann

Principessa Benedetta Danimarca, Principessa di Sayn-Wittgenstein-Berleburg, RE, SKmd (Benedikte Astrid Ingeborg Ingrid; Palazzo di Amalienborg, 29 maggio 1944), è la seconda figlia femmina di Re Federico IX di Danimarca e di Ingrid di Svezia. È la sorella minore della regina regnante di Danimarca, Margrethe II, e sorella maggiore della regina consorte Anna Maria di Grecia.

In quanto figlia di Re Federico IX, ella è un membro della famiglia reale danese e attualmente undicesima nella linea di successione al trono danese.[1] La Principessa Benedetta spesso rappresenta la Regina Margrethe agli eventi ufficiali o semi-ufficiali. Nel 1968 ha sposato Riccardo, VI Principe di Sayn-Wittgenstein-Berleburg, con cui ha avuto tre figli.

Nascita e famiglia[modifica | modifica sorgente]

La Principessa Benedetta nacque il 29 aprile 1944 nel Palazzo di Amalienborg a Copenhagen come secondogenita del Principe della Corona Federico e della Principessa della Corona Ingrid di Danimarca. Suo padre era il maggiore dei figli maschi di Re Cristiano X e della Regina Alessandrina di Danimarca, e sua madre era l'unica figlia femmina del Principe della Corona Gustavo Adolfo e della Principessa della Corona Margherita di Svezia.

La sua nascita ebbe luogo durante l'occupazione della Danimarca da parte della Germania nazista. Il giorno dopo la nascita della principessa, membri del gruppo di resistenza danese Holger Danske effettuarono un saluto militare di 21 bombe nel parco pubblico di Ørstedsparken nel centro di Copenaghen come riferimento al tradizionale 21 colpi di cannone eseguiti dall'esercito e dalla marina danese in occasione delle nascite reali.[2]

Fu battezzata il 24 maggio 1944 nella Chiesa di Holmen a Copenaghen. Il suoi padrini e madrine furono il Re e la Regina di Danimarca, il Principe Gustavo di Danimarca, il Re di Svezia, il Conte Sigvard Bernadotte af Wisborg, Sir Alexander Ramsay, la Regina Elisabetta The Queen Mother, la Principessa Carolina Matilde di Danimarca, la Principessa Margherita di Danimarca, e la Principessa Ingeborg di Svezia.[3]

La Principessa Benedetta (la seconda da destra) che funge da damigella alle nozze del 1961 di sua cugina, la Principessa Brigitta di Svezia con il Principe Giovanni Giorgio di Hohenzollern.

Il 20 aprile 1947, Re Cristiano X morì ed il padre di Benedetta salì al trono come Re Federico IX.

Come le sue sorelle, Benedetta crebbe nel Palazzo di Amalienborg e frequentò le scuole locali. Trascorreva le vacanze estive con la famiglia reale nel Palazzo di Gråsten nello Jutland meridionale.

All'epoca della sua nascita, soltanto i maschi potevano salire al trono di Danimarca. Poiché il suoi genitori non ebbero figli maschi, si era ipotizzato che suo zio il Principe Knud sarebbe un giorno salito al trono. La popolarità di Federico IX e delle sue figlie e il ruolo di maggior rilievo delle donne nella vita danese spianarono la strada ad un nuovo Atto di Successione nel 1953 che permetteva la successione femminile al trono seguendo il principio della preferenza di primogenitura maschile, dove una femmina può salire al trono solo se non ha fratelli. Margherita, la sorella di Benedetta, perciò divenne erede presunta, e la Principessa Benedetta diventò seconda nella linea di successione.

Insieme con sua sorella minore, Anna Maria, Benedetta fu una damigella alle nozze del 1962 del Principe Juan Carlos di Spagna con la Principessa Sofia di Grecia e Danimarca.

Matrimonio[modifica | modifica sorgente]

Benedetta sposò il 3 febbraio 1968 nella chiesa del Palazzo di Fredensborg Riccardo, VI Principe di Sayn-Wittgenstein-Berleburg, nato a Giessen il 29 ottobre 1934. Riccardo è il figlio di Gustavo Alberto, V Principe di Sayn-Wittgenstein-Berleburg (1907–1944) e di sua moglie, Margareta Fouché (1909–2005). Il Re decretò che per i figli di Benedetta era necessario essere allevati in Danimarca in modo da avere diritto alla successione. Dal momento che la condizione non fu accolta, i tre figli della Principessa Benedetta non sono nella linea di successione al trono[4]

Figli e nipoti[modifica | modifica sorgente]

Regno di Danimarca
Casato degli Schleswig-Holstein-Sonderburg-Glücksburg
Royal Arms of Denmark (1903-1948).svg

Cristiano IX
Federico VIII
Cristiano X
Federico IX
Margherita II
Modifica

I figli della Principessa Benedetta sono designati come Altezze in Danimarca per Ordine in Consiglio. Altrove sono Altezze Serenissime per cortesia.

Titoli, trattamento, onorificenze e stemma[modifica | modifica sorgente]

Trattamenti di
Principessa Benedetta di Danimarca
Stemma
Trattamento di cortesia Sua Altezza Reale
Trattamento colloquiale Vostra Altezza Reale
Trattamento alternativo Ma'am
I trattamenti d'onore

Titoli e trattamento[modifica | modifica sorgente]

  • 29 aprile 1944 - 17 giugno 1944: Sua Altezza Reale Principessa Benedetta di Danimarca e Islandadate[senza fonte]
  • 17 giugno 1944 - 3 febbraio 1968: Sua Altezza Reale Principessa Benedetta di Danimarca
  • 3 febbraio 1968 – attuale: Sua Altezza Reale Principessa Benedetta di Danimarca, Principessa di Sayn-Wittgenstein-Berleburg.

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Onorificenze danesi[modifica | modifica sorgente]

Dama dell'Ordine dell'Elefante - nastrino per uniforme ordinaria Dama dell'Ordine dell'Elefante
— 20 aprile 1947
Gran Commendatore dell'Ordine del Dannebrog - nastrino per uniforme ordinaria Gran Commendatore dell'Ordine del Dannebrog
— 27 gennaio 1993
Dama dell'Ordine famigliare reale di re Federico IX - nastrino per uniforme ordinaria Dama dell'Ordine famigliare reale di re Federico IX
Dama dell'Ordine famigliare reale della regina Margherita II - nastrino per uniforme ordinaria Dama dell'Ordine famigliare reale della regina Margherita II
Medaglia del giubileo d'argento di Margherita II - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia del giubileo d'argento di Margherita II
— 14 gennaio 1997
Medaglia commemorativa per il settantesimo genetliaco di Sua Altezza Reale il Principe Consorte - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia commemorativa per il settantesimo genetliaco di Sua Altezza Reale il Principe Consorte
— 11 giugno 2009
Medaglia commemorativa per il settantesimo genetliaco di Margherita II - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia commemorativa per il settantesimo genetliaco di Margherita II
— 16 aprile 2010
Medaglia del giubileo di rubino di Margherita II - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia del giubileo di rubino di Margherita II
— 14 gennaio 2012

Onorificenze straniere[modifica | modifica sorgente]

Gran Croce dell'Ordine del liberatore San Martín (Argentina) - nastrino per uniforme ordinaria Gran Croce dell'Ordine del liberatore San Martín (Argentina)
Dama di Gran Croce dell'Ordine della Corona del Belgio (Belgio) - nastrino per uniforme ordinaria Dama di Gran Croce dell'Ordine della Corona del Belgio (Belgio)
Dama di Gran Croce del Reale Ordine di Francesco I (Casa di Borbone-Due Sicilie) - nastrino per uniforme ordinaria Dama di Gran Croce del Reale Ordine di Francesco I (Casa di Borbone-Due Sicilie)
Commendatore di Gran Croce dell'Ordine della Rosa Bianca (Finlandia) - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore di Gran Croce dell'Ordine della Rosa Bianca (Finlandia)
Gran Croce dell'Ordine al Merito di Germania (Germania) - nastrino per uniforme ordinaria Gran Croce dell'Ordine al Merito di Germania (Germania)
Dama di Gran Croce dell'Ordine al merito della Repubblica Italiana (Italia) - nastrino per uniforme ordinaria Dama di Gran Croce dell'Ordine al merito della Repubblica Italiana (Italia)
— 20 aprile 1964[5]
Dama di Gran Croce dell'Ordine militare e civile di Adolfo di Nassau (Lussemburgo) - nastrino per uniforme ordinaria Dama di Gran Croce dell'Ordine militare e civile di Adolfo di Nassau (Lussemburgo)
Dama di Gran Croce dell'Ordine Reale Norvegese di Sant'Olav (Norvegia) - nastrino per uniforme ordinaria Dama di Gran Croce dell'Ordine Reale Norvegese di Sant'Olav (Norvegia)
— 1974
Dama di Gran Croce dell'Ordine di Orange-Nassau (Paesi Bassi) - nastrino per uniforme ordinaria Dama di Gran Croce dell'Ordine di Orange-Nassau (Paesi Bassi)
Gran Croce dell'Ordine della Corona (Paesi Bassi) - nastrino per uniforme ordinaria Gran Croce dell'Ordine della Corona (Paesi Bassi)
Dama di Gran Croce dell'Ordine di Sant'Olga e Santa Sofia (Regno di Grecia) - nastrino per uniforme ordinaria Dama di Gran Croce dell'Ordine di Sant'Olga e Santa Sofia (Regno di Grecia)
— 1964
Croce pro Ecclesia et Pontifice (Santa Sede) - nastrino per uniforme ordinaria Croce pro Ecclesia et Pontifice (Santa Sede)
Gran Croce dell'Ordine di Isabella la Cattolica (Spagna) - nastrino per uniforme ordinaria Gran Croce dell'Ordine di Isabella la Cattolica (Spagna)
— 15 marzo 1980[6]
Dama di Gran Croce dell'Ordine della Stella Polare (Svezia) - nastrino per uniforme ordinaria Dama di Gran Croce dell'Ordine della Stella Polare (Svezia)
Grand'Ufficiale dell'Ordine della Repubblica (Tunisia) - nastrino per uniforme ordinaria Grand'Ufficiale dell'Ordine della Repubblica (Tunisia)

Ascendenza[modifica | modifica sorgente]

Principessa Benedetta di Danimarca Padre:
Federico IX di Danimarca
Nonno paterno:
Cristiano X di Danimarca
Bisnonno paterno:
Federico VIII di Danimarca
Trisnonno paterno:
Cristiano IX di Danimarca
Trisnonna paterna:
Luisa d'Assia-Kassel
Bisnonna paterna:
Luisa di Svezia
Trisnonno paterno:
Carlo XV di Svezia
Trisnonna paterna:
Luisa dei Paesi Bassi
Nonna paterna:
Alessandrina di Meclemburgo-Schwerin
Bisnonno paterno:
Federico Francesco III di Meclemburgo-Schwerin
Trisnonno paterno:
Federico Francesco II di Meclemburgo-Schwerin
Trisnonna paterna:
Augusta di Reuss-Köstritz
Bisnonna paterna:
Anastasija Michajlovna Romanova
Trisnonno paterno:
Michail Nikolaevič Romanov
Trisnonna paterna:
Cecilia di Baden
Madre:
Ingrid di Svezia
Nonno materno:
Gustavo VI Adolfo di Svezia
Bisnonno materno:
Gustavo V di Svezia
Trisnonno materno:
Oscar II di Svezia
Trisnonna materna:
Sofia di Nassau
Bisnonna materna:
Vittoria di Baden
Trisnonno materno:
Federico I di Baden
Trisnonna materna:
Luisa di Prussia
Nonna materna:
Margherita di Sassonia-Coburgo-Gotha
Bisnonno materno:
Arturo di Sassonia-Coburgo-Gotha
Trisnonno materno:
Alberto di Sassonia-Coburgo-Gotha
Trisnonna materna:
Vittoria del Regno Unito
Bisnonna materna:
Luisa Margherita di Prussia
Trisnonno materno:
Federico Carlo di Prussia
Trisnonna materna:
Maria Anna di Anhalt

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Succession to the throne – Official website of the Danish Monarchy
  2. ^ Peter Øvig Knudsen: Efter drabet (s. 191), forlaget Press, Oslo 2003, ISBN 82-7547-119-2
  3. ^ Prinsesse Benediktes fødsel og dåb – Website of the Danish National Archives.
  4. ^ Conditional Consent, Dynastic Rights and the Danish Law of Succession, Peter Kurrild-Klitgaard.
  5. ^ Sito web del Quirinale: dettaglio decorato.
  6. ^ Bollettino Ufficiale di Stato

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]