Kirlian Camera

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Kirlian Camera
Paese d'origine Italia Italia
Genere Darkwave
Synth pop
Periodo di attività 1980in attività
Etichetta Discordia, Nova Tekk, Trisol, Triton, Virgin Records
Sito web

Kirlian Camera è un gruppo italiano che suona musica elettronica darkwave. Fondato nel 1980 ed imperniato su Angelo Bergamini, sperimentatore e pioniere della scena synthpop italiana, è stato il primo gruppo italiano ad ottenere un contratto con la Virgin Dischi.[1]

Storia[modifica | modifica sorgente]

Nacquero in epoca post-punk con il nome di Suicide Commando, cambiato dopo breve tempo in quello attuale. Il nome del gruppo rimanda all'invenzione del' ingegnere elettronico russo Semyon Kirlian e di sua moglie, ideatori nel 1939 di una presunta "macchina in grado di fotografare l'aura emessa dal corpo umano".[2]

La formazione originale comprendeva Mauro Montacchini al basso, Fabrizio Chiari alle tastiere e Simona Buja alla voce. Il loro disco d'esordio fu l'EP omonimo del 1981 edito per Italian Records, seguito dall'esordio del 1983 su LP It Doesn't Matter, Now (autoprodotto).[3]

Tra il 1982 ed il 1984, Bergamini ha affiancato una carriera parallela nel gruppo synthpop/italodisco Hipnosis, autori di un album e 3 singoli che ha ricevuto un disco di platino per le vendite in Germania, ed ha scalato le classifiche europee con il singolo "Pulstar", scritto da Vangelis, che gli permette di ottenere un contratto discografico con la Virgin Records. Escono alcuni singoli con la Virgin ma il rapporto si interrompe per l'intenzione da parte dell'etichetta di non pubblicare i lavori meno commerciali e più sperimentali del gruppo.[3]

Durante gli anni ottanta, il suono dei Kirlian Camera diventa sempre più oscuro, allontanandosi dal suono synth pop che aveva caratterizzato le loro prime produzioni. Escono Eclipse nel 1988, e Todesengel. The Fall of Life nel 1991 con la cantante Emilia Lo Jacono. Nel tour che segue il disco nasce l' incontro con Simon Balestrazzi dei T.A.C., con il quale il gruppo collaborerà per molti anni.[2][4]

Nel 1993, firmano un contratto con l'etichetta tedesca Discordia con cui pubblicano alcuni album. Il 1995 li vede collaborare con i colleghi di etichetta Dive su Obsession.

Il 26 aprile 1999, i Kirlian Camera si trovano coinvolti nell'inchiesta sul movimento gotico quando vengono menzionati dal sociologo Alfred Schobert in der Spiegel, in un'intervista affiancata ad un articolo sul massacro della Columbine High School. Schobert sosteneva che il gruppo (insieme ai Death in June e Boyd Rice) era un esempio di "elementi neo-fascisti" nella musica goth e EBM, accusandoli di fare il Saluto nazista sul palco. Mentre il gruppo ha pubblicato un videocomunicato presente sul CD singolo The Burning Sea rifiutando ogni affinità con gruppi neo-nazisti o razzisti[5], non gli è mai stata data la possibilità di replicare su der Spiegel, causando la cancellazione di diversi spettacoli e proteste da parte del movimento antifascista fino al 2002.[non chiaro]

La composizione del gruppo, cambiata costantemente nel corso degli anni con membri che andavano e venivano, si è relativamente stabilizzata dal 1999, quando al compositore Angelo Bergamini si è affiancata la cantante Elena Alice Fossi.

Sull'album Invisible front 2005 vi è la partecipazione di Jarboe degli Swans.

Discografia[modifica | modifica sorgente]

Album[modifica | modifica sorgente]

  • 1983 - It Doesn't Matter Now (LP 12", A.T.G.)
  • 1988 - Eclipse Das Schwarze Denkmal, (LP/MC, Rose Rosse Records)
  • 1991 - Todesengel The Fall Of Life (CD/Picture Disc, Heaven's Gate)
  • 1995 - Solaris The Last Corridor (CD, Discordia)
  • 1996 - Pictures From Eternity (CD/LP, Discordia/Triton)
  • 1999 - Unidentified Light (CD, Triton)
  • 2000 - Still Air [Aria Immobile] (CD, E.N.D.E. Radio Luxor / SPV)
  • 2004 - Invisible front 2005 (CD, Trisol)
  • 2006 - Coroner's Sun (CD, Trisol)
  • 2009 - Shadow Mission HELD V (CD-LP, Out of Line)
  • 2011 - Nightglory (CD-LP, Out of line- Rough Trade)
  • 2013 - Black Summer Choirs (CD-BOX, Out of line- Rough Trade)

Singoli e EP[modifica | modifica sorgente]

  • 1980 - Dawn (MC, No label)
  • 1981 - Kirlian Camera (Vinile 12", Italian Records)
  • 1982 - Passing Masks (Vinile 12", Quadrangolo Mirabile s.d.f.)
  • 1983 - Communicate (Vinile 12", Memory Records - Disc 8)
  • 1984 - Edges (LP 12", Italian Records - ZYX)
  • 1985 - Blue Room (LP 12", Italian Records/EMI - ZYX)
  • 1986 - Ocean (Vinile 7", Virgin Records)
  • 1986 - Human/Ocean (LP 12", Virgin Records - ZYX (with Human League))
  • 1987 - Heldenplatz (Vinile 7"/12"/12" promo, Virgin Records)
  • 1988 - Austria (Vinile 7"/12", Rose Rosse Records)
  • 1992 - Shmerz (CD/Vinile 7", Discordia)
  • 1993 - Kirlian Camera/Andromeda Complex Split (CD, Heaven's Gate)
  • 1994 - Eklipse Zwei [Eclipse Part 2] (CD, Discordia)
  • 1994 - Erinnerung (CD, Discordia)
  • 1995 - Obsession (CD, Discordia/Triton)
  • 1996 - Your Face in the Sun (CD, Discordia)
  • 1997 - The Desert Inside (CD/Picture Disc, Triton)
  • 1998 - Drifting (CD, Nova Tekk - Metropolis)
  • 1999 - The Burning Sea (CD, Triton)
  • 2001 - Absentee (CD, E.N.D.E. Radio Luxor / SPV)
  • 2002 - Uno (CD, E.N.D.E. Radio Luxor)
  • 2004 - Berliner Messe (Vinile 7", Small Voices)

Raccolte[modifica | modifica sorgente]

  • 1998 - The Ice Curtain (CD, Nova Tekk)
  • 2009 - Odyssey Europe (CD, Out of Line)
  • 2010 - Not of This World (CD, Trisol)

Live riconosciuti dal gruppo[modifica | modifica sorgente]

  • 1999 - Ascension (CD, No label)
  • 2003 - Field of Sunset [Kirlian Camera/Siderartica Split] (MCD, Field of Sunset)
  • 2003 - Live in London [Kirlian Camera/Stalingrad](CD, United Gladiators Inc.)
  • 2004 - Praha 2004 June 26th (Vinile 7")

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ scheda del gruppo
  2. ^ a b Alessandro Bolli, Dizionario dei Nomi Rock, Padova, Arcana editore, 1998. ISBN 978-88-7966-172-0.
  3. ^ a b Gianluca Testani (a cura di), Enciclopedia Rock Italiano, Arcana Editrice, 2006, p. 217.
  4. ^ Dal sito di Simon Balestrazzi
  5. ^ Kirlian Camera Lyrics - www.kirliancamera.com

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica