Kia Rio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Kia Rio
Le prime generazioni di Rio
Le prime generazioni di Rio
Descrizione generale
Costruttore bandiera  Kia Motors
Tipo principale Berlina 2 volumi
Altre versioni Berlina 3 volumi
Sostituisce la Kia Avella
Serie Prima serie (2000-2005)
Seconda serie (dal 2005)

La Kia Rio è un'autovettura classificata come berlina 2 volumi compatta prodotta dalla casa automobilistica coreana Kia Motors a partire dal 2000. La vettura ha sostituito la Kia Pride ma ne ha mantenuto la medesima denominazione in alcuni mercati asiatici. Nel 2005 è stata presentata la seconda generazione, mentre dalla fine del 2011 è stata messa sul mercato la terza generazione.

Prima serie (2000-2005)[modifica | modifica wikitesto]

Rio DC
Kia Rio front 20071102.jpg
Descrizione generale
Versioni Berlina 2 e 3 volumi
Anni di produzione dal 2000 al 2005
Dimensioni e pesi
Lunghezza 4.215 mm
4.240 (restyling) mm
Larghezza 1.675 mm
1.680 (restyling) mm
Altezza 1.440 mm
Passo 2.400 mm
Altro
Stessa famiglia Hyundai Accent
Auto simili Fiat Palio
Dacia Logan
Lada Kalina
Seat Cordoba
Skoda Fabia
2003-2005 Kia Rio LS sedan 01.jpg

La prima generazione venne presentata nell'agosto del 2000 in Corea in due differenti carrozzerie: la versione berlina 4 porte 3 volumi e la versione hatchback 5 porte 2 volumi; quest'ultima sarà importata anche in Europa mentre la versione berlina sarà venduta solo dal 2003 in occasione di un facelift.

Il design della Rio si basa su elementi semplici e linee pulite, la versione 5 porte dispone di una fiancata più originale rispetto alla berlina e troverà maggiori consensi in Europa. Nota come Progetto DC la Rio utilizza la medesima piattaforma della Hyundai Accent LC (seconda serie) dalla quale riprende anche alcune motorizzazioni e numerosi componenti minori. Le sospensioni sono configurate secondo lo schema MacPherson (avantreno) e ponte torcente (retrotreno) mentre la trazione è anteriore.

Gli interni sono assemblati con discreta cura mentre la plancia presenta un disegno ritenuto banale dalla clientela europea con plastiche di qualità solo discreta. Gli elementi più lodati invece sono stati l'abitacolo molto spazioso e il bagagliaio tra i più grandi del segmento. Anche il prezzo molto basso ha contribuito ad un discreto successo in Italia e nel resto dell'Europa.

Restyling 2003[modifica | modifica wikitesto]

Con il 2003 la Kia decise di ristilizzare il modello ridisegnando il frontale; nuovi paraurti, mascherina e fari completamente nuovi mentre la coda presenta nuovi paraurti inferiori dotati di inedite nervature e un portellone rinnovato. Per incrementare le vendite in Europa la casa decise di importare anche la versione berlina 4 porte ma quest'ultima, a causa del segmento in crisi, non registrò risultati positivi.

Motorizzazioni[modifica | modifica wikitesto]

La Rio DC era disponibile con una gamma di motorizzazioni composta da un 1.3 benzina 4 cilindri per 8 valvole da 75 cavalli (coppia massima 113 Nm erogati a 3.000 giri/minuto) e un 1.5 benzina 16V sempre 4 cilindri da 98 cavalli (coppia massima 133 N·m erogati a 4.500 giri/minuto) disponibile anche con cambio automatico a 4 rapporti al posto del classico manuale a 5 rapporti. In America la Rio era disponibile anche con il propulsore 1.6 16V da 106 cavalli che equipaggiava le Accent GT.

Seconda serie (dal 2005 al 2011)[modifica | modifica wikitesto]

Rio DE
2009 Kia Rio5--DC.jpg
Descrizione generale
Versioni Berlina 2 e 3 volumi
Anni di produzione dal 2005
Euro NCAP (2005[1]) 4 stelle
Dimensioni e pesi
Lunghezza 3.990 mm
4.240 (berlina) mm
Larghezza 1.695 mm mm
Altezza 1.470 mm
Passo 2.500 mm
Altro
Stessa famiglia Hyundai Accent
Auto simili Citroen C3
Fiat Grande Punto e Linea
Ford Fiesta
Mazda 2
Peugeot 207
Renault Clio
Seat Ibiza e Cordoba
Skoda Fabia
Volkswagen Polo
'06 Kia Rio Sedan -- Rear.jpg

Anticipata dalla concept car Kia SSC[2] esposta al Salone dell'auto di Parigi del 2004 il modello definitivo viene svelato solo nel 2005 al Salone di Francoforte in versione 5 porte[3] mentre la berlina sarà rivelata negli Stati Uniti l'anno seguente. Completamente nuova la nuova Kio (Progetto DE) possiede una carrozzeria molto più compatta, dal design semplice e arrotondato. Il telaio di base è condiviso con la sorella Accent MC mentre le sospensioni riprendono il classico schema McPherson all'avantreno e ponte torcente al retrotreno, molto economico ma affidabile.

Gli interni presentano una plancia sviluppata su due livelli con al centro il cupolino che ospita lo schermo del computer di bordo e i comandi dell'autoradio. Il climatizzatore è disponibile sia in versione manuale che nella versione automatica dotato di schermo LCD. Il cambio per tutte le versioni è un manuale a 5 rapporti mentre tra gli optional figura un automatico a 4 rapporti con convertitore abbinabile ai soli motori a benzina.

Sottoposta ai crash test EuroNCAP poco dopo il debutto, la Kia Rio DE ha totalizzato il punteggio di 4 stelle (su un massimo di 5) nella protezione degli adulti mentre di 3 stelle (massimo 5) per la protezione bambini e di sole 2 stelle (su un massimo di 4) per la protezione pedoni[1].

Allestimenti[modifica | modifica wikitesto]

In Italia la Rio viene commercializzata in 4 livelli di allestimenti: LX Easy, EX Life, EX Challenge e il più sportivo EX Sport, quest'ultimo disponibile solo abbinato al motore 1.6 CVVT. La versione base dispone di airbag frontali, 5 posti, divano posteriore sdoppiato e volante regolabile in altezza, la EX Life in più dispone di airbag laterali, fendinebbia, vetri elettrici posteriori, antifurto e climatizzatore manuale mentre la EX Challenge dispone di climatizzatore automatico e autoradio CD. La EX Sport invece aggiunge il controllo elettronico di stabilità e i cerchi in lega leggera. Tra gli optional figurano l'ESP per gli allestimenti EX Challenge e la vernice metallizzata.

Kia Rio Hybrid[modifica | modifica wikitesto]

Presentata al Salone dell'auto di Ginevra nel 2007 la Rio Hybrid[4] adotta il motore 1.4 CVVT a benzina depotenziato a 90 cavalli ed un motore elettrico sincrono, a corrente alternata, in grado di erogare una potenza di 12 kW con 95 N·m di coppia, abbinati ad un cambio automatico a variazione continua di rapporto (CVT). Il motore elettrico è montato fra volano e cambio e supporta il motore a benzina in fase di avviamento, accelerazione e salita. Per ridurre i consumi la Rio Hybrid dispone anche del sistema Stop & Start che spegne il motore nelle frenate alle basse andature.

Le differenze non si concentrano solo nel gruppo motore-trasmissione, ma anche il cofano motore, le strutture dei sedili e il portellone posteriore sono stati modificati; infatti sono in alluminio per ridurre il peso complessivo della vetture di circa 220 kg e quindi i consumi.

Lo 0-100 km/h dichiarato corrisponde a 12,2 secondi mentre i consumi risultano di 18,9 km/l. La velocità massima dichiarata è pari a 180 km/h mentre le emissioni sono contenute in 126 grammi di CO2 emessi ogni km nel ciclo combinato.

La vettura sotto le spoglie di concept car non è destinata alla produzione.

Motorizzazioni[modifica | modifica wikitesto]

La Rio dispone di tre propulsori totalmente nuovi sviluppati insieme alla Hyundai; la gamma si compone di due motori benzina e un turbodiesel 4 cilindri da 110 cavalli[5] (il più apprezzato in Europa).

Modello Disponibilità Motore Cilindrata Potenza Coppia Massima Emissioni CO2
(g/Km)
0-100 km/h
(secondi)
Velocità max
(Km/h)
Consumo medio
(Km/l)
1.4 CVVT 16V dal debutto 4 cilindri in linea, Benzina 1.399 cm³ 71 kW (97 CV) 124 N·m @4.700 giri/min 149 12,3 173 15,8
1.6 CVVT 16V dal debutto 4 cilindri in linea, Benzina 1.599 cm³ 82 kW (112 CV) 145 N·m @4.500 giri/min 155 10,2 188 15,1
1.5 CRDI VGT 16V dal debutto 4 cilindri in linea, Diesel 1.493 cm³ 81 kW (110 CV) 235 N·m @2.000 giri/min 121 11,5 176 21,2

Terza serie (dal 2011)[modifica | modifica wikitesto]

Rio terza serie

La terza generazione della Kia Rio è stata mostrata per la prima volta al Motor Show di Ginevra del 2011, è più lunga di 2 cm, più larga di 2,5 cm e più bassa di 1,5 cm ed è caratterizzata da un passo più lungo di 7 cm.

Prodotta per la prima volta con carrozzeria a 5 o 3 porte; la versione a 5 porte è la prima ad essere messa in vendita, poi affiancata, ad inizio 2012, dalla versione a 3 porte. Tutte e due sono prodotte nello stabilimento Kia di Sohari, in Corea.

Vista posteriore

La griglia è integrata tra i proiettori anteriori, il logo si trova sulla griglia stessa; sotto, il paraurti è caratterizzato da uno spoiler.

La plancia è realizzata in plastica rigida; negli allestimenti superiori, la fascia centrale è in materiale morbido e gradevole al tatto. La plancia si sviluppa in senso orizzontale includendo, in modo geometrico, tutti i principali comandi, quindi anche l'impianto audio ed il climatizzatore. Anche il volante è stato ridisegnato ed ora possiede una forma sportiva e originale, dotato di comandi sulle razze con elementi metal look.

L'abitacolo è dotato di un ampio cassetto portaoggetti posto davanti al passeggero. Il bagagliaio ha una capacità di 288 litri.

In Italia la Rio è commercializzata con un motore a benzina (1.2 CVVT da 85 cv) e due diesel (un nuovo 1.1 CRDi da 75 cv e un 1.4 CRDi da 90 cv). La Kia ha messo sul mercato anche una versione bi-fuel a GPL equipaggiata col 1.2 benzina che eroga però 83 cavalli.

Assemblaggio[modifica | modifica wikitesto]

Sia la prima che la seconda serie sono state prodotte presso gli stabilimenti del gruppo Hyundai-Kia di Sohari nel Sud Corea e vendute nei principali mercati di tutto il mondo sotto la denominazione principale Rio (ad eccezione di pochi paesi asiatici dove ha mantenuto il nome Pride). Sul mercato americano e spagnolo la versione 5 porte è stata denominata Rio Cinco (tradotto in italiano Rio Cinque) mentre in Canada ha assunto il nome Rio RX-V dove la V corrisponde al numero romano 5.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Crash test EuroNCAP del 2005
  2. ^ Dettagli Kia SCC concept
  3. ^ Il debutto della Kia Rio DE
  4. ^ Dettagli Kia Rio Hybrid
  5. ^ Articolo di Quattroruote su Kia Rio 1.5 CRDI VGT

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

automobili Portale Automobili: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di automobili