Kia Picanto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Kia Picanto
Kia Picanto 1.1 LX Kobaltblau.JPG
Kia Picanto
Descrizione generale
Costruttore Corea del Sud  Kia Motors
Tipo principale Berlina
Produzione dal 2004
Sostituisce la Kia Visto
Euro NCAP 3 stelle
Altre caratteristiche
Dimensioni e massa
Lunghezza 3.495 mm
Larghezza 1.595 mm
Altezza 1.480 mm
Passo 2.370 mm
Massa da 929 a 1.119 kg
Altro
Stessa famiglia Hyundai Getz
Auto simili Daewoo Matiz
Fiat Panda
Ford Ka
Toyota Aygo
Kia Picanto 1.0 LX Brilliantsilber Heck.JPG

La Kia Picanto è una city car di segmento A della casa coreana Kia Motors, in produzione dal 2004.[1] Su alcuni mercati è in vendita con il nome di Kia Morning, di Kia New Morning in Vietnam e Naza Suria in Malesia.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Presentata al Motor Show di Bologna del 2003,[2] condivide il telaio con la Hyundai Getz e, al momento dell'uscita sul mercato, avvenuta in Italia nel maggio 2004,[3] era dotata di due motori a benzina, un 1.0 da 61CV e un 1.1 da 65CV, e di un terzo propulsore tre cilindri turbodiesel da 75CV.[4] Ponendosi nel segmento A del mercato automobilistico italiano, ha contribuito, nel 2004 e nel 2005, a incrementare le vendite della casa madre Kia Motors del 42% in Italia.[4]

Nel 2008 la Picanto ha subito dal punto di vista estetico un lieve restyling concentrato sul frontale che ha contribuito a svecchiarne la linea, ed è stata resa disponibile in una versione a doppia alimentazione a benzina e GPL, come è successo alla maggior parte dei modelli sul mercato in quell'anno.[5] Dal punto di vista della sicurezza automobilistica è stato aggiunto nella versione benzina 1.1, l’ESP (controllo elettronico della stabilità), TCS (Sistema antipattinamento) e BAS (Assistenza alla frenata).

In occasione del crash test dell'EuroNCAP effettuato nel 2004 il punteggio raggiunto è stato di tre stelle.[6]

I propulsori disponibili nel 2008 sono tutti omologati Euro 4

Un ulteriore restyling è stato presentato e messo in commercio in Corea del Sud nel 2009, identificato come modello 2010, che rende l'aspetto dell'utilitaria molto più sportivo.[7]

Kia Picanto restyling del 2008
Kia Picanto restyling del 2008 (retro)

Il 4 maggio 2011 la casa coreana ha lanciato sul mercato la nuova Kia Picanto, che ha svecchiato ulteriormente il design delle precedenti versioni con l'apporto di ulteriori comfort e optional aggiuntivi.

La Kia Picanto modello 2011

Motorizzazioni[modifica | modifica wikitesto]

Modello Disponibilità Motore Cilindrata
(cm³)
Potenza Coppia Massima
(Nm)
Emissioni CO2
(g/Km)
0–100 km/h
(secondi)
Velocità max
(Km/h)
Consumo medio
(Km/l)
1.0 dal 2011 Benzina 998 51 Kw (69 Cv) 95 99 14.4 153 23.8

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Micro e berline, maxi e cabrio ecco tutte le novità del 2004. Le piccole diventano più grandi e hanno la trazione integrale, "Corriere della Sera" del 28 dicembre 2003. URL consultato il 13-10-2009.
  2. ^ Eleganza e tecnologia: così cambia il Motor Show. Le case costruttrici hanno fatto a gara per mescolare idee brillanti: dall'estate Fiat alla sfida "pugilistica" tra Mazda e Golf, "Corriere della Sera" del 7 dicembre 2003. URL consultato il 13-10-2009.
  3. ^ Da Bruxelles arriva la nuova Kia Cerato, "Corriere della Sera" del 18 gennaio 2004. URL consultato il 13-10-2009.
  4. ^ a b Picanto, con il diesel la city car si fa grande, "Corriere della Sera" del 12 dicembre 2005. URL consultato il 13-10-2009.
  5. ^ Perché il pieno costi meno, "Corriere della Sera" del 7 aprile 2008. URL consultato il 13-10-2009.
  6. ^ Sito EuroNCAP. URL consultato il 13-10-2009.
  7. ^ "Kia-world.net", 15 giugno 2009. URL consultato il 13-10-2009.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

automobili Portale Automobili: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di automobili