Khalid Skah

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Khalid Skah
Dati biografici
Nazionalità Marocco Marocco
Altezza 170 cm
Peso 58 kg
Atletica leggera Atletica leggera
Dati agonistici
Specialità Mezzofondo, fondo
Record
1.500 m 3'38"10 (1992)
5.000 m 13'00"54 (1994)
10.000 m 27'14"53 (1995)
Mezza maratona 1h00'24" (1998)
Maratona 2h16'34" (2003)
Società BUL
Carriera
Nazionale
1989-2003 Marocco Marocco
Palmarès
Giochi olimpici 1 0 0
Mondiali 0 1 1
Mondiali di mezza maratona 1 0 1
Mondiali di cross 2 0 0
Campionati africani 1 0 0
Giochi del Mediterraneo 1 0 0
Per maggiori dettagli vedi qui
Statistiche aggiornate al 12 aprile 2010

Khalid Skah (in arabo: خالد سكاه; Midelt, 29 gennaio 1967) è un ex atleta marocchino, campione olimpico dei 10000 metri piani a Barcellona 1992.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nato nel 1967, a Midelt, Marocco, Khalid Skah ottiene i suoi primi successi nella corsa campestre, specialità in cui trionfa due volte ai Mondiali, vincendo nel 1990 ad Aix-les-Bains e nel 1991 ad Anversa.

La sua prima medaglia di rilievo su pista la ottiene invece durante i campionati mondiali di Tokyo, nel 1991; nella capitale giapponese conquista il bronzo sui 10000 metri, dietro ai kenioti Moses Tanui e Richard Chelimo, mentre conclude al 6º posto la gara dei 5000 m.

Alle Olimpiadi di Barcellona del 1992 Skah coglie la sua più importante vittoria in carriera, conquistando l'oro sui 10000[1] dopo un lungo duello con il keniota Richard Chelimo. I due, correndo un ritmo impossibile per gli altri atleti in gara, rimangono ben presto da soli al comando della gara. A quattro giri dal termine i due incontrano un atleta doppiato, Hammou Boutayeb, marocchino come Skah. Boutayeb invece di farsi da parte e far passare i due atleti davanti, rimane davanti ai due correndo al loro ritmo.

Il comportamento di Boutayeb ottiene come effetto quello di impedire a Chelimo di portarsi avanti e provare a staccare Skah sul ritmo. Ad un giro dal termine Boutayeb improvvisamente si ritira dalla gara; Skah e Chelimo rimangono così da soli. Chelimo non trova più spazio per partire in progressione e Skah, dotato di un ottimo spunto in volata, vince precedendo il rivale di un secondo.[2][3]

La gara ha una coda giudiziaria: il Kenya presenta ricorso contro la federazione del Marocco, accusando Skah e Boutayeb di essersi accordati contro Chelimo. I giudici inizialmente danno ragione alla federazione keniota, squalificando Skah ed assegnando la medaglia d'oro a Chelimo. Successivamente il Marocco presenta ricorso, che viene accolto dalla giuria d'appello e restituisce di fatto la vittoria a Khalid Skah.

Nel 1993 Skah ottiene una vittoria sui 5000 m al prestigioso meeting di Zurigo; tuttavia finisce solamente al quinto posto la gara dei Mondiali sulla medesima distanza. Nella stessa stagione stabilisce il record mondiale sulla distanza delle 2 miglia con il tempo di 8'12"17. Nel 1994 vince i campionati mondiali di mezza maratona ad Oslo[4] mentre ai Mondiali su pista dell'anno successivo ottiene l'argento sui 10000 metri dietro all'etiope Haile Gebrselassie.

Alle Olimpiadi di Atlanta del 1996, Skah si presenta da campione olimpico in carica dei 10000 metri, ma non riesce a bissare il titolo di 4 anni prima, finendo la gara solo al settimo posto.[1]

L'ultima medaglia in carriera Skah la vince ai mondiali di mezza maratona del 1998 ad Uster, in Svizzera, dove ottiene il bronzo stabilendo il suo primato personale sulla distanza in 1h00'24. Nel 2003, ai Mondiali di Parigi, prova anche a cimentarsi nella maratona, non andando tuttavia oltre il 38º posto.

Progressione[modifica | modifica sorgente]

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Anno Manifestazione Sede Evento Risultato Prestazione Note
1986 Mondiali di cross Svizzera Neuchâtel Juniores 68º 24'49"9
1989 Mondiali di cross Norvegia Stavanger Seniores 56º 42'09"
1990 Mondiali di cross Francia Aix-les-Bains Seniores Oro Oro 34'21"
Campionati africani Egitto Il Cairo 10.000 m Oro Oro 28'31"10
1991 Mondiali di cross Belgio Anversa Seniores Oro Oro 33'53"
Mondiali Giappone Tokyo 5.000 metri 13'32"90
10.000 metri Bronzo Bronzo 27'41"74
1992 Mondiali di cross Stati Uniti Boston Seniores 37'20"
Giochi olimpici Spagna Barcellona 10.000 metri Oro Oro 27'46"70
1993 Mondiali di cross Spagna Amorebieta Seniores 33'22"
Giochi del
Mediterraneo
Francia Linguadoca 10.000 metri Oro Oro 28'46"38
Mondiali Germania Stoccarda 5.000 metri 13'07"18
1994 Mondiali di cross Ungheria Budapest Seniores 34'56"
Mondiali di
mezza maratona
Norvegia Oslo Individuale Oro Oro 1h00'27"
1995 Mondiali Svezia Göteborg 10.000 metri Argento Argento 27'14"53 Record personale
1996 Mondiali di cross Sudafrica Stellenbosch Seniores 34'34"
Giochi olimpici Stati Uniti Atlanta 10.000 metri 27'46"98
1998 Mondiali di
mezza maratona
Svizzera Uster Individuale Bronzo Bronzo 1h00'24" Record personale
1999 Mondiali Spagna Siviglia 10.000 metri 10º 28'25"10
2001 Mondiali di
mezza maratona
Regno Unito Bristol Individuale 10º 1h01'41"
2003 Mondiali Francia Saint-Denis Maratona 38º 2h16'34" Record personale

Coppe e meeting internazionali[modifica | modifica sorgente]

1994

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b (EN) Khalid Skah biography and olympic results, Sports-reference.com. URL consultato il 12 aprile 2010.
  2. ^ (EN) Barcelona 1992: Athletics: Kenyan outcry over Skah's reinstatement, The Independent, 5 agosto 1992. URL consultato il 12 aprile 2010.
  3. ^ (EN) Richard Chelimo biography and olympic results, Sports-reference.com. URL consultato il 12 aprile 2010.
  4. ^ Skah campione di mezza maratona, Corriere della Sera, 25 settembre 1994. URL consultato il 12 aprile 2010.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]