Juan Luis Cipriani Thorne

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Juan Luis Cipriani Thorne
cardinale di Santa Romana Chiesa
Cardenal cipriani.JPG
Coat of arms of Juan Luis Cipriani.svg
Consummati in unum
Titolo Cardinale presbitero di San Camillo de Lellis
Incarichi attuali Arcivescovo di Lima
Primate del Perù
Incarichi ricoperti Arcivescovo di Ayacucho
Nato 28 dicembre 1943 (70 anni)a Lima
Ordinato presbitero 21 agosto 1977
Nominato vescovo 23 maggio 1988 da papa Giovanni Paolo II
Consacrato vescovo 3 luglio 1988 dal cardinale Juan Landázuri Ricketts
Elevato arcivescovo 13 maggio 1995
Creato cardinale 21 febbraio 2001 da papa Giovanni Paolo II

Juan Luis Cipriani Thorne (Lima, 28 dicembre 1943) è un cardinale e arcivescovo cattolico peruviano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Formazione e ministero sacerdotale[modifica | modifica sorgente]

Quarto di undici fratelli, i suoi genitori sono soprannumenari dell'Opus Dei. Da ragazzo si dedica allo sport ed è un giocatore di pallacanestro, nazionale peruviano negli anni sessanta e nel 1969 è parte della squadra che vince il campionato sudamericano di basket. Consegue l'istruzione primaria presso il Colegio Inmaculado Corazón (1948-1953) e frequenta gli studi medi superiori presso il Colegio Santa María Marianistas di Lima. Si laurea in ingegneria industriale all'Università Nazionale d'Ingegneria. Nel 1974, mentre lavora come ingegnere, decide di studiare teologia, frequentando a Roma la Pontificia Università della Santa Croce della prelatura dell'Opus Dei e, in Spagna, l'Università di Navarra. La sua è una vocazione tardiva; dopo la laurea in teologia, riceve l'ordine sacro il 21 agosto 1977, all'età di 34 anni.

Al ritorno in Perù, è professore di Teologia morale presso la Facoltà di Teologia pontificia e civile di Lima e direttore spirituale presso il seminario di Lima tra il 1981 e il 1983, cappellano e professore della Scuola di Dirigenza a Lima, occupandosi di Etica imprenditoriale e cappellano e professore presso la Scuola Superiore di Montemar a Lima. Nel 1986 è vicario regionale dell'Opus Dei in Perù e vicecancelliere dell'Università di Piura.

Ministero episcopale[modifica | modifica sorgente]

Nominato vescovo ausiliare di Ayacucho il 23 maggio 1988, il 3 luglio dello stesso anno riceve l'ordinazione episcopale. Il 23 maggio 1991 viene nominato amministratore apostolico di Ayacucho; il 13 maggio 1995 viene promosso arcivescovo della medesima sede. Partecipa alla mediazione dei numerosi conflitti interni del Paese, causati dal terrorismo di estrema sinistra. Viene accusato di non aver fornito assistenza alle vittime di violenza, accuse che respinge. È nominato mediatore nel controverso episodio dell'assalto presso l'ambasciata giapponese a Lima ad opera del Movimento Rivoluzionario Tupac Amaru. La mediazione tuttavia fallisce con l'uccisione di tutti i terroristi da parte della polizia militare peruviana in un blitz il 22 aprile 1997.

Arcivescovo di Lima e cardinale[modifica | modifica sorgente]

Il 9 gennaio 1999 viene nominato arcivescovo di Lima, primate del Perù.

Elevato al rango di cardinale da papa Giovanni Paolo II nel concistoro del 21 febbraio 2001, è membro della Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti, della Congregazione per le Cause dei Santi e della Pontificia Commissione per l'America Latina.

Alla morte di papa Giovanni Paolo II giunge a Roma per partecipare ai funerali e al conclave per l'elezione del nuovo pontefice della Chiesa Cattolica. Egli compare fra i possibili papabili, in quanto rappresentante della Chiesa latinoamericana.[senza fonte] Con Benedetto XVI è nominato membro della commissione incaricata per il sinodo dei vescovi sull'Eucarestia sia nel 2005 che nel 2008.

Critiche[modifica | modifica sorgente]

Cipriani ha ricevuto numerose critiche ed è stato al centro di numerose polemiche da parte delle associazioni difensive dei diritti umani. In particolare su diversi aspetti:

Genealogia episcopale[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Genealogia episcopale.

Successione apostolica[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Successione apostolica.

Pubblicazioni[modifica | modifica sorgente]

  • «La paz, fruto de la solidaridad. Reflexiones sobre la necesaria solidaridad cristiana» (La pace, frutto della solidarietà. Riflessioni sulla necessaria solidarietà cristiana, 1991)
  • «Catecismo de Doctrina Social» (Catechismo della Dottrina Sociale, 1987)
  • «La Evangelización de Huamanga en los siglos XVI, XVII y XVIII» (L'evangelizzazione di Huamanga nei secoli XVI, XVII e XVIII, 1992)
  • «La Natalidad a la luz del Magisterio Católico» (La Natalità alla luce del Magistero Cattolico, 1995)
  • «Educación Familiar» (Educazione Familiare, 1998)
  • «Testigos vivos de Cristo. Desde la Catedral de Huamanga» (Testimoni vivi di Cristo. Dalla Cattedrale di Huamanga, 1998)

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Gran Croce dell'Ordine del Sole del Perù - nastrino per uniforme ordinaria Gran Croce dell'Ordine del Sole del Perù
— 2009

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Perú 21
  2. ^ Articolo completo
  3. ^ Articolo polemico di Vargas Llosa
  4. ^ http://idashpe.blogspot.it/2010/02/la-coordinadora-de-derechos-humanos-esa.html "La Coordinadora de Derechos Humanos, esa cojudez"
Predecessore Vescovo titolare di Turuzi Successore BishopCoA PioM.svg
Armand Toasy 23 maggio 1988 - 13 maggio 1995 Juan Alberto Puiggari
Predecessore Arcivescovo di Ayacucho Successore ArchbishopPallium PioM.svg
Federico Richter Fernandez-Prada 13 maggio 1995 - 9 gennaio 1999 Luis Abilio Sebastiani Aguirre
Predecessore Arcivescovo di Lima Successore ArchbishopPallium PioM.svg
Augusto Vargas Alzamora dal 9 gennaio 1999 in carica
Predecessore Primate del Perù Successore ArchbishopPallium PioM.svg
Augusto Vargas Alzamora dal 9 gennaio 1999 in carica
Predecessore Cardinale presbitero di San Camillo de Lellis Successore CardinalCoA PioM.svg
Paul Zoungrana dal 21 febbraio 2001 in carica

Controllo di autorità VIAF: 87134116 LCCN: n2008038415