Università di Navarra

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

L'Università di Navarra è un'università privata appartenente all'Opus Dei e fondata a Pamplona (Navarra, Spagna) nel 1952 da Josemaría Escrivá de Balaguer. È attualmente considerata una delle istituzioni più prestigiose al mondo nella quale si sono laureati 52.237 universitari e sono state discusse 4.615 tesi dottorali. L'anno accademico attualmente in corso vede al lavoro 16.529 studenti, 2.000 professori e un'offerta accademica di 26 corsi ufficiali di laurea e 300 programmi post-laurea.

Un terzo degli studenti proviene dalla Navarra, un altro terzo proviene dal resto della Spagna e infine l'ultimo terzo proviene dalle provincie basche (29,9 per cento) e l'estero. Negli ultimi 11 anni 1.537 studenti hanno partecipato al programma Erasmus.

Insieme all'Università Pubblica di Navarra e l'UNED (Università Nazionale d'Educazione a Distanza) è una delle tre università con sede nella capitale

I primi passi della Facoltà di Medicina, nel 1954, e nel 1961 della Clinica Universitaria, nella quale è stato già fatto il 200° trapianto di cuore, rappresentano le pietre miliari di mezzo secolo di storia. Intanto ha avuto inizio la costruzione del Centro di Ricerca di Medica Applicata (CIMA), nel quale 366 ricercatori lavoreranno in quattro aree per cercare di risolvere le malattie responsabili del 90 per cento della mortalità nel mondo occidentale: cancro, malattie cardiovascolari, terapia genetica e neuroscienza, in malattie come l'alzheimer, il Parkinson o le depressioni.

Un altro centro che ha una crescente proiezione internacionale è lo IESE Business School, nato nel 1958. La Scuola per gli Studi superiori dell'Impresa, con sedi a Madrid e Barcellona, è nota in tutto il mondo.

Dal gruppo dei primi professori-pionieri – Ismael Sánchez Bella, Leandro Benavides, José Luis Murga, Jerónimo Martel, Rafael Aizpún, Remigio Abad, Ángel María García Dorronsoro e Ángel López-Amo – venne il primo Rettore, Ismael Sánchez Bella (1950-1960). I suoi successori sono stati, nell'ordine, José María Albareda, uno scienziato che caratterizzò un'epoca della cultura spagnola, Francisco Ponz, Alfonso Nieto, Alejandro Llano e l'attuale Rettore, José María Bastero.

La Clinica che allora nacque in seno all’Università di Navarra occupa ora 2.000 specialisti e festeggia il suo 50º anniversario. Un anniversario importante che invita a fare un bilancio.

In questi 50 anni sono state eseguite oltre 600.000 visite ambulatoriali; ogni anno vengono assistiti 70.000 pazienti nelle 35 unità specialistiche di cui la Clinica è dotata.

Altri dati – come le 192.000 visite e gli 11.500 interventi chirurgici annuali o i 300 letti a disposizione dei pazienti – danno un’idea delle dimensioni.

L’attuale Direttore generale, José Andrés Gómez Cantero, ha completato il ricordo con un impegno rivolto al futuro: “Oggi, dopo cinquanta anni, i duemila specialisti che io rappresento si impegnano a fare ancora meglio, soprattutto al servizio di ogni paziente e della società”.

Due cose colpiscono i pazienti della Clinica: la professionalità dei medici e l’umanità di quanti ci lavorano.

I primi si avvalgono di un’ampia formazione, sono anche dediti all’insegnamento della medicina nell’Università di Navarra e hanno a disposizione le tecnologie più avanzate (PET, robot Da Vinci, ecc.).

Le infermiere e il personale di servizio ammontano a 900 unità: questo dimostra come il benessere del paziente faccia parte della terapia. “Anche la cucina o la lavanderia fanno parte della terapia del paziente”, sottolineano questi lavoratori. Lo dimostrano gli 800 menù quotidiani e i 3.200 kg di biancheria trattati ogni giorno. È un principio trasmesso con chiarezza da san Josemaría, che nel 1961 volle fosse rimandata l’inaugurazione perché questi servizi non erano ancora funzionanti.

Si assistono sia i pazienti della rete sanitaria pubblica che quelli privati o che arrivano attraverso società di assicurazione. L’anno scorso la clinica ha incassato 164 milioni di euro, ma trattandosi di un centro che non ha fini di lucro, “il 100% degli utili viene reinvestito in apparecchiature, formazione e ammodernamenti”, assicura Nicolás García, il direttore sanitario del centro.

La Facoltà di Medicina, il centro di ricerche CIMA e la Clinica fanno in modo che i medici che vi lavorano esercitino la loro attività secondo tre direttrici: docenza, ricerca e assistenza. “Si fa ricerca attraverso i pazienti e per i pazienti. Si insegna sui pazienti e intorno ai pazienti”, spiega García.

Il lavoro di ricerca è concentrato soprattutto su quattro aree: trattamenti con cellule madri, medicina personalizzata, medicina preventiva e bio-ingegneria.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]