Jeffrey Eugenides

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jeffrey Eugenides nel 2011.

Jeffrey Kent Eugenides (Detroit, 8 marzo 1960) è uno scrittore statunitense.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Detroit, nel Michigan, l'8 marzo 1960 da padre statunitense figlio di immigrati greci e da madre statunitense di origini inglesi ed irlandesi[1], frequenta la privata University Liggett School a Grosse Pointe Woods, in Michigan, laureandosi poi alla Brown University nel 1983. Ottenne un master universitario in scrittura creativa presso la Stanford University. Nel 1986 ricevette l'Academy of Motion Picture Arts and Sciences "Nicholl Fellowship" per la storia Here Comes Wiston, Full of the Holy Spirit. Il romanzo Le vergini suicide, pubblicato nel 1993, ottenne un successo internazionale in seguito all'adattamento cinematografico del 1999 realizzato da Sofia Coppola.

Eugenides si è mostrato restio alle apparizioni in pubblico o a svelare dettagli della sua vita privata, ad eccezione degli incontri con i lettori nel Michigan durante i quali espone minuziosamente l'influenza delle sue esperienze scolastiche nei suoi lavori.

Vive a Princeton, in New Jersey con la moglie, la fotografa e scultrice Karen Yamauchi, e la figlia Georgia[2].

Il suo romanzo Middlesex (2002) ha vinto il Premio Pulitzer per la narrativa 2003. Nell'autunno 2007 ha ottenuto la cattedra di scrittura creativa[3] presso l'Università di Princeton. Figura, inoltre, nell'elenco dei compilatori dei lemmi del Futuro dizionario d'America (The Future Dictionary of America, 2005).

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Romanzi[modifica | modifica wikitesto]

Racconti[modifica | modifica wikitesto]

  • Air Mail (Best American Short Stories, Proulx ed., Houghton Mifflin, 1997)
  • The Ancient Myths (The Spatial Uncanny, James Casebere, Sean Kelly Gallery, 2001)
  • Baster (Wonderful Town, Remnick ed., Random House 2000)
  • Early Music (The New Yorker, 10 ottobre 2005, pp. 72-79)
  • The Speed of Sperm (Granta, 1997)
  • Timeshare (The Pushcart Prize XXIII, Henderson ed., Pushcart, 1999)
  • My Mistress's Sparrow is Dead: Great Love Stories from Chekhov to Munro (Editor of anthology, 2008)
  • Great Experiment (The New Yorker, 31 marzo 2008)

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Interviste[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Jeffrey Eugenides - Harper Collins Author Profile
  2. ^ (EN) The Ampersand, 14.02.2008
  3. ^ (EN) Pagina personale di Jeffrey Eugenides sul sito dell'Università di Princeton

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 37015518 LCCN: n92097279