Horst Tappert

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Horst Tappert nel 1971

Horst Tappert (Elberfeld, 26 maggio 1923Planegg, 13 dicembre 2008[1]) è stato un attore tedesco, famoso soprattutto per aver interpretato il ruolo di Stephan Derrick nel telefilm L'ispettore Derrick (semplicemente Derrick nell'originale tedesco).

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di un portalettere e di una casalinga, Tappert nacque nel 1923 ad Elberfeld, una delle cinque cittadine che nel 1930 furono unite per creare la città di Wuppertal. Dopo la scuola elementare, dal 1937 al 1940 fece l'apprendistato in amministrazione aziendale finché nel 1940, a 17 anni, fu chiamato dalla Wehrmacht. Più tardi Tappert si arruolò nelle Waffen-SS e fu impiegato inizialmente in un'unità antiaerea ad Arolsen e dal 1943 presso la 3. SS-Panzerdivision "Totenkopf" di stanza in Russia, insieme a colui che in seguito creò la serie di Derrick, Herbert Reinecker[2][3]. Inquadrato come granatiere, il suo grado era quello di SS-Schütze (il grado più basso).[4][5] Tappert era stato sempre molto riservato sulla sua vita ai tempi della Seconda Guerra Mondiale: in un'intervista del 1998 aveva dichiarato di aver prestato servizio in Russia ma in unità operative dedite alla costruzione di strade, per poi ricevere l'addestramento come infermiere di compagnia.[6]

Nel 1945 venne internato come prigioniero di guerra a Seehausen/Altmark, lavorando nei campi per una famiglia di Packebusch.[7]

Dopo la guerra si trasferì a Gräfelfing (nelle vicinanze di Monaco di Baviera) e nel 1957 si sposò in terze nozze con Ursula Pistor: dai suoi primi due matrimoni aveva già avuto tre figli. Amante della caccia e della pesca, ricevette in regalo un appezzamento di terreno in Norvegia, sul quale fece costruire una casa[8].

Malato di diabete, Tappert morì il 13 dicembre 2008 ad 85 anni in una clinica di Planegg e fu sepolto nel vicino cimitero di Gräfelfing[9][10][11].

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

La carriera di attore di Horst Tappert nacque per caso. Di ritorno dalla prigionia di guerra, si presentò per un posto di contabile presso il Teatro dell'Altmark di Stendal (Sassonia-Anhalt), appena aperto. Finì col fare un colloquio con il direttore artistico che lo convinse ad intraprendere la carriera di attore.[7] Nella sua prima pièce teatrale interpretò il ruolo principale del dottor Striebel nella commedia Flitterwochen di Paul Helwig.[6] Dal 1946 cominciò a prendere lezioni di recitazione da Paul Rose, sotto la cui egida raccolse le prime esperienze a Köthen ed al Landestheater Württemberg-Hohenzollern. Nel 1947 Tappert lavorò anche a Tübingen per la compagnia teatrale Interessengemeinschaft Freilichtspiele cofondata da Elisabeth Noelle-Neumann.[4] In seguito recitò al teatro cittadino di Göttingen (1949–1950), allo Staatstheater di Kassel (1950–1951) ed al teatro di Bonn (1951–1953), poi alla Städtische Bühnen di Wuppertal ed infine nel 1956 alla Münchner Kammerspiele. Dal 1967 Tappert lavorò come attore indipendente.

Cinema e televisione[modifica | modifica wikitesto]

La carriera cinematografica di Tappert ebbe inizio alla fine degli anni Cinquanta. Dopo i film La famiglia Trapp in America (1958) e Der Engel, der seine Harfe versetzte (1959), già nel 1961 Tappert interpretò il ruolo di un detective (d'albergo) in Zu viele Köche (1961). Successivamente recitò la parte di un vicario nella serie TV in sei puntate Das Halstuch (1962), una produzione di grande successo di Durbridge, e nello stesso anno interpretò anche il ruolo del truffatore accanto a Heinz Rühmann in Er kann’s nicht lassen. Nel 1966 cominciò il suo vero ingresso nel mondo della televisione con la serie poliziesca in tre parti Die Gentlemen bitten zur Kasse, in cui interpretava il ruolo del rapinatore Michael Donegan. Nel 1966 Tappert era ancora dalla parte del male nel film di Jerry Cotton, Die Rechnung – eiskalt serviert.

Nel 1968 anche Tappert cavalcò l'onda del successo degli adattamenti cinematografici e televisivi dei romanzi di Edgar Wallace, prima in Der Hund von Blackwood Castle passando poi nello stesso anno dalla parte del cattivo a quella dell'ispettore Perkins di Scotland Yard in Der Gorilla von Soho ed ancora in Der Mann mit dem Glasauge (1969). Tappert recitò anche nella prima serie poliziesca della ZDF, Das Kriminalmuseum (1968). Nel 1970 Tappert vestì ancora il ruolo di un ispettore di di polizia, il commissario Perrak nell'omonima serie Perrak. Nel 1971 Tappert recitò nel film per la televisione Yester – der Name stimmt doch?, il cui titolo rimandava alla celebre serie televisiva del 1967 Graf Yoster gibt sich die Ehre, ma che fu girato sulla base di un romanzo giallo americano.

Nel 1972 Tappert riportò in vita il suo personaggio della serie Die Gentlemen bitten zur Kasse in una mini-serie da due episodi chiamata Hoopers letzte Jagd: il suo personaggio ora si chiamava Michael Richardson ma era fondamentalmente lo stesso gangster che interpretava nella serie del 1966.

L'ispettore Derrick[modifica | modifica wikitesto]

Quando il produttore Helmut Ringelmann cominciò a programmare una nuova serie poliziesca, si ricordò di Tappert. L'autore Herbert Reinecker lavorò per creare il successore della serie poliziesca di maggior successo, Der Kommissar, nella quale per altro Tappert era già apparso in due episodi, nel 1970 e nel 1973. La nuova serie prese il nome de L'ispettore Derrick e doveva dar vita ad un nuovo genere di criminalista. A Tappert fu dato il ruolo del protagonista, l'ispettore capo Stephan Derrick, affiancato dall'assistente Harry Klein (proveniente direttamente dalla serie Der Kommissar ed interpretato, come nella precedente serie, Fritz Wepper). Dal 1973 al 1998 furono girati 281 episodi, il cui successo varcò i confini nazionali per essere distribuito in oltre 120 paesi.[12]

Grazie ai suoi modi gentili, pacati e al suo lato fortemente umano ha incarnato un nuovo genere di ispettore di polizia, divenuto un'icona per tutti i suoi appassionati. L'ispettore, che Tappert definì il Don Chisciotte della TV, è il personaggio tedesco più conosciuto ed apprezzato nel mondo. Nel 2004 è stata anche trasposta in un lungometraggio d'animazione, Derrick – Die Pflicht ruft, in cui Tappert tornò a vestire i panni di Stephan Derrick per doppiare il suo personaggio.

Horst Tappert in una caricatura

Grazie a Derrick, Horst Tappert è stato il primo attore tedesco ad aver avuto fan club all'estero, con circoli di appassionati in Italia, Paesi Bassi e Francia. Tappert, che ha interpretato Derrick per quasi un quarto di secolo (1974-1998), ha recitato in nuovi episodi fino all'età di 75 anni, età che si era auto-imposto come limite alla sua carriera d'attore. Si è però ritirato definitivamente dalle scene nel 2003 subito dopo la presentazione del suo ultimo film per la TV, "Herz ohne Krone", co-prodotto da Rai e ZDF e ancora inedito in Italia.

Radio[modifica | modifica wikitesto]

Dalla metà degli anni Cinquanta Tappert fu attivo anche come attore di radiodramma: recitò in oltre 100 radiodrammi dei generi più disparati, in gran parte in ruoli da protagonista o co-protagonista. Ad esempio nel 1962 interpretò il dottor Gauge nello sceneggiato radiofonico Terra Incognita, un esperto che con il suo collega, l'ispettore Adams (Heinz Schimmelpfennig) andava a caccia di strane creature che vivevano nelle viscere della terra con l'obiettivo di annientare l'umanità.

Già nel 1960 aveva interpretato il ruolo principale ne La leggenda del santo bevitore, mentre nel 1968 lo si poté ascoltare nell'adattamento radiofonico de L'opera da tre soldi nella parte di Mackie Messer. Tappert recitò anche nell'unico adattamento radiofonico di Paul Temple, Paul Temple und der Conrad-Fall (1959) per la Bayerischer Rundfunk. Dopo l'inizio de L'ispettore Derrick le apparizioni radiofoniche di Tappert divennero molto più rare. Nel 1976 interpretò proprio Derrick nel radiodramma Der Fall der Kommissare. In questa storia comparivano altri ispettori tedeschi e stranieri che venivano doppiati rispettivamente dagli attori originali e dai doppiatori originali.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver divorziato per due volte, dal 1957 viveva poco fuori Monaco, a Gräfelfing, con la terza moglie. Ha avuto tre figli.

Possedeva anche una casa in Norvegia, sull'isola di Hamarøy: costruita su un terreno donatogli dal sindaco, è situata oltre il circolo polare artico; l'attore vi si recava per due mesi l'anno, godendo la solitudine ed il silenzio dei ghiacci. Anche l'Italia era meta delle sue vacanze: soggiornava saltuariamente nella propria casa di Lignano Riviera, frazione di Lignano Sabbiadoro (Udine) nonché nella propria casa in Sardegna, precisamente a Tanaunella, piccolissima frazione del comune di San Teodoro, meta turistica estiva.

Nel 1995 destò sconcerto una sua apparizione televisiva per un appello indirizzato ad uno dei suoi figli, Gary, affinché si costituisse in quanto resosi irreperibile per una denuncia per insolvenza[13].

Il Presidente della Repubblica Federale Tedesca Roman Herzog gli ha conferito, nel 1997, la Croce al Merito.

Nel 2013 il sociologo Joerg Becker ha scoperto che durante la seconda guerra mondiale Tappert, nel 1943, militò nelle Waffen-SS, come granatiere nella 3ª divisione corazzata "Totenkopf", un segreto che l'attore non ha mai rivelato in nessuna intervista[14][15].

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Attore televisivo[modifica | modifica wikitesto]

  • Schwester Bonaventura (1958) Film Tv
  • Der Öffentliche Ankläger (1958) Film Tv
  • Abwerbung (1958) Film Tv
  • Ruf ohne Echo (1959) Film Tv
  • So ist es - ist es so? (1960) Film Tv
  • Spanische Legende (1961) Film Tv
  • Zu viele Köche (1961) Telefilm (5 episodi)
  • Küß mich Kätchen (1961) Film Tv
  • Ein Schöner Tag (1961) Film Tv
  • Die Rache (1962) Film TV
  • Das Halstuch (1962) Telefilm (6 episodi)
  • Der Abstecher (1962) Film Tv
  • Dr. Joanna Marlowe (1963) Film Tv
  • Das Tödliche Patent (1963) Film Tv
  • Elektra (1964) Film Tv
  • Der Aussichtsturm (1964) Film Tv
  • Der Trojanische Krieg findet nicht statt (1964) Film Tv
  • Sechs Personen suchen einen Autor (1964) Film Tv
  • Leonce und Lena (1964) Film Tv
  • Judith (1965) Film Tv
  • Tatort (1965) Film Tv
  • Eine Reine Haut (1965) Film Tv
  • Die Gentlemen bitten zur Kasse - L'assalto al treno Glasgow Londra (1966) Telefilm (3 episodi)
  • Ein Tag in Paris (1966) Film Tv
  • Der Kinderdieb (1966) Film Tv
  • Das Ganz große Ding (1966) Film Tv
  • Der Mann aus Melbourne (1966) Film Tv
  • Der Schwarze Freitag (1966) Film Tv (solo voce)
  • Ein Riß im Eis (1967) Film Tv
  • Liebe für Liebe (1967) Film Tv
  • Der Panamaskandal (1967) Film Tv
  • Ist er gut? - Ist er böse? (1967) Film Tv
  • Heinrich IV. (1967) Film Tv
  • Das Kriminalmuseum (1968) Telefilm (1 episodio)
  • Transplantation (1969) Film Tv
  • August der Starke - Ein ganzes Volk nennt ihn Papa (1970) Film Tv
  • Industrielandschaft mit Einzelhändlern (1970) Film Tv
  • Yester - der Name stimmt doch? (1971) Film Tv
  • Hoopers letzte Jagd (1972) Telefilm (2 episodi)
  • Blüten der Gesellschaft (1972) Film Tv
  • Eine Frau bleibt eine Frau (Zehn Geschichten mit Lilli Palmer) (1972) Film Tv
  • Der Komissar (1970-1973) Telefilm (2 episodi)
  • Treffpunkt Herz (1974) Film Tv
  • Unsere kleine Welt (1978) Film Tv
  • Derrick (1974-1998) Telefilm (281 episodi, di cui 11 firmati anche come regista tra il 1986 e il 1997)
  • Der Kardinal - Der Preis der Liebe - Il Cardinale (2000) Film Tv
  • Herz ohne Krone (2003) Film Tv

Attore cinematografico[modifica | modifica wikitesto]

Attore teatrale[modifica | modifica wikitesto]

1951-1953

1953-1956

1956-1967

1979

  • Spiegel

1993

  • Die zwolf Geschworenen

Riconoscimenti artistici[modifica | modifica wikitesto]

Tutti conseguiti per la serie tv L'Ispettore Derrick

  • 1979, Vincitore, Goldener Bambi
  • 1980, Decorato come Detective Honorario in Germania
  • 1980, Vincitore, Goldene Superkamera
  • 1981, Vincitore, Super Camera d'Oro
  • 1983, Vincitore, ETMA Award
  • 1984, Vincitore, Camera d'Oro (Goldene Kamera), Austria
  • 1985, Vincitore, Ercole d'Oro
  • 1985, Vincitore, Premio Capo Circeo, per l'amicizia tra Italia e Germania
  • 1986, Vincitore, Telegatto, Categoria TV Tedesca
  • 1987, Vincitore, Telegatto, Categoria TV Tedesca
  • 1988, Ordine di Merito della Repubblica Federale Tedesca
  • 1990, Vincitore, Telegatto, Categoria Migliore Telefilm Straniero
  • 1993, Noto, Cittadino Onorario di Norvegia
  • 1993, Vincitore, Premio Flaiano di Televisione e Radio, Premio alla Carriera
  • 1995, Vincitore, Maschera d'argento
  • 1997, Croce al Merito della Repubblica Federale di Germania
  • 1997, Vincitore, Tulipano d'Argento in Norvegia, Categoria Miglior Serie Tv
  • 1997, Vincitore, Premio Barocco di Gallipoli, Categoria Miglior Serie Tv
  • 1997, Vincitore, Premio regia, Categoria Miglior Attore
  • 1999, Vincitore, Telegatto, Categoria Migliore Telefilm Straniero
  • 2003, Vincitore, Bayerische Fernsehpreis (Premio Televisivo Bavarese), Sonderpreis (Premio Speciale)

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Croce al Merito al nastro dell'Ordine al Merito della Repubblica Federale Tedesca - nastrino per uniforme ordinaria Croce al Merito al nastro dell'Ordine al Merito della Repubblica Federale Tedesca
— 1988
Croce al Merito di I Classe dell'Ordine al Merito di Germania - nastrino per uniforme ordinaria Croce al Merito di I Classe dell'Ordine al Merito di Germania
— 1997

Doppiatori italiani[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Addio a Tappert, l'ispettore Derrick - Corriere della Sera
  2. ^ Hanns-Georg Rodek: Herbert Reinecker: Derrick und sein Schöpfer, der SS-Offizier. In: Die Welt. 15/09/2011
  3. ^ Nazism: spuntano cimeli nazisti Derrick in ANSA, 20/08/2013. URL consultato il 20/08/2013.
  4. ^ a b Andreas Platthaus: Derricks Vorgeschichte: Horst Tappert war bei der Waffen-SS. In: Frankfurter Allgemeine Zeitung. 26/04/2013, pag. 39.
  5. ^ Florian Stark, Derrick-Horst Tappert war bei der Waffen-SS. URL consultato il 04/05/2015.
  6. ^ a b Susanne Stampf-Sedlitzky: Modernes Leben: Oberinspektor a. D. In: Focus. Nr. 2, 05/01/1998
  7. ^ a b Christian Wohlt, Arno Zähringer: Stendal – Sprungbrett für „Derrick“. In: az-online.de. 30/04/13
  8. ^ Interview mit Horst Tappert: Der letzte Derrick. In: DigitalVD, 1997
  9. ^ „Derrick“-Darsteller: Horst Tappert ist tot. In: Spiegel Online. 15/12/2008
  10. ^ tz.de: Tapperts Beisetzung in Gräfelfing, consultato il 04/05/2015
  11. ^ Tomba di Horst Tappert. URL consultato il 04/05/2015.
  12. ^ È morto l'attore Horst Tappert Per 25 anni 'l'ispettore Derrick' - Spettacoli & Cultura - Repubblica.it
  13. ^ Ricercato il figlio di Derrick. L' ispettore confessa i crimini di famiglia
  14. ^ L'ispettore Derrick e il segreto inconfessabile: da ragazzo era stato un soldato delle SS, repubblica.it.
  15. ^ Horst Tappert, scoperti i suoi cimeli nazisti L'Ispettore Derrick era nelle Waffen SS in La Repubblica, 20 agosto 2013. URL consultato il 20 agosto 2013.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN14933552 · LCCN: (ENn99027503 · ISNI: (EN0000 0000 5934 6576 · GND: (DE117201669 · BNF: (FRcb13532815s (data)