Fritz Wepper

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Fritz Wepper nel 2006

Fritz Wepper (Monaco di Baviera, 17 agosto 1941) è un attore tedesco noto soprattutto per aver interpretato Harry Klein nella serie televisiva L'ispettore Derrick.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Suo padre era un avvocato, arruolato nell'esercito tedesco durante la seconda guerra mondiale, non fece ritorno dal conflitto perché disperso in Russia nel 1944[1].

Inizia la carriera all'età di nove anni nell'emittente radiofonica Bayerischer Rundfunk, dove recita in un programma per bambini, mentre il suo debutto al teatro avviene nel 1952.

Giovanissimo esordisce al cinema, e nel 1959 è nel cast del film Il ponte, di Bernhard Wicki. Diversi anni più tardi, inizia a lavorare per la televisione, nella serie poliziesca Der Kommissar, molto popolare in Germania, accanto all'attore Erik Ode, nel ruolo di Harry Klein.

Il suo personaggio, Harry Klein, diviene poi il fedele assistente dell'ispettore Derrick (interpretato da Horst Tappert) nell'omonima serie, interpretando lo stesso ruolo per quasi 24 anni, che lo ha reso una figura di culto in tutto il mondo.

Oltre che per la sua partecipazione al telefilm L'ispettore Derrick, Wepper è conosciuto per aver figurato nel cast di Un ciclone in convento, telefilm tedesco andato in onda su Raiuno in Italia a partire dal 2002, in cui interpreta il ruolo del sindaco Wolfgang Wöller, oltre che per aver fatto parte del film Cabaret di Bob Fosse (1972) nell'importante ruolo di Fritz Wendel.

Sposato con la Principessa Angela von Hohenzollern dal 1979, ha una figlia, Sophie, che ha recitato in un episodio di Derrick del 1990. Vive con la famiglia a Monaco. Ha un fratello minore, Elmar, anch'egli attore, con il quale ha recitato in diversi film e telefilm.

Dal 2008 al 2010 recita con la figlia Sophie nella serie televisiva Omicidi nell'alta società, nel ruolo del dr. Wendelin Winter.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Premio Bambi nel 1970, 1971, 1972, 1975, 1990
  • 1964: Filmband in Gold
  • 1971: BRAVO Otto
  • 1981: Goldene Kamera
  • 1990: Romy Beliebtester Nebendarsteller
  • 2002: Goldene Europa
  • 2003: Deutscher Fernsehpreis
  • 2004: Karl-Valentin-Orden
  • 2006: Bayerischer Fernsehpreis

Filmografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

  • Der dunkle Stern, regia di Hermann Kugelstadt (1955)
  • Tischlein deck dich, regia di Jürgen von Alten (1956)
  • Eine verrückte Familie/Heute blau und morgen blau, regia di Harald Philipp (1957)
  • Rübezahl – Herr der Berge , regia di Erich Kobler (1957)
  • Il ponte (Die Brücke), regia di Bernhard Wicki (1959)
  • Nella morsa delle SS (Mein Schulfreund), regia di Robert Siodmak (1960)
  • Frage Sieben (Question 7), regia di Stuart Rosenberg (1961)
  • L'ultimo treno da Vienna (Miracle of the white stallions), regia di Arthur Hiller (1963)
  • Kennwort… Reiher, regia di Rudolf Jugert (1964)
  • Il rischio di vivere il rischio di morire (Wenn es Nacht wird auf der Reeperbahn), regia di Rolf Olsen (1967)
  • L'ago sotto la pelle (Der Arzt von St. Pauli), regia di Rolf Olsen (1968)
  • Das Go-Go-Girl vom Blow-Up, regia di Rolf Olsen (1968)
  • L'uomo dall'occhio di vetro (Der Mann mit dem Glasauge), regia di Alfred Vohrer (1969)
  • Auf der Reeperbahn nachts um halb eins, regia di Rolf Olsen (1969)
  • I formidabili (The Games), regia di Michael Winner (1970)
  • I vizi di una vergine (Schmetterlinge weinen nicht), regia di Klaus Überall (1970)
  • Wir hau'n die Pauker in die Pfanne, regia di Harald Reinl (1970)
  • Was geschah auf Schloß Wildberg?, regia di Franz Antel (1972)
  • Cabaret, regia di Bob Fosse (1972)
  • Le dernier combat (Der letzte Kampf), regia di Luc Besson (1983)

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (DE) da Gq-magazin.de

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 2683063 LCCN: nr98029533