Guerra indo-pakistana del 1965

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
seconda guerra del Kashmir
parte Guerre indo-pakistane
Il Kashmir e le relative divisioni amministrative
Il Kashmir e le relative divisioni amministrative
Data agosto - 21 settembre 1965
Luogo Kashmir
Casus belli Supporto del Pakistan per l'infiltrazione di guerriglieri in Jammu e Kashmir.
Esito Ordine di cessate il fuoco dell'ONU
Firma della Dichiarazione di Tashkent
Ritorno allo status quo.
Modifiche territoriali Nessuna
Schieramenti
Comandanti
Sarvepalli Radhakrishnan
(Presidente dell'India)
Lal Bahadur Shastri
(Primo ministro)
J.N. Chaudhuri
(Comandante dell'esercito)
Harbakhsh Singh
(Comando dell'esercito occidentale)
Arjan Singh
(Comandante dell'aeronautica)
Gurbaksh Singh
(Comandante 15ª Divisione fanteria)
Ayyub Khan
(Presidente del Pakistan)
gen.Muhammad Musa
(Comandante dell'esercito)
S.M. Ahsan
(Comandante della Marina militare)
Noor Khan
(Comandante dell'aeronautica)
magg.gen Tikka Khan
( 12º Reggimento artiglieria)
magg.gen Akhtar Hussain Malik
( 12ª Divisione fanteria )
brig.gen Iftikhar Janjua
brig.gen Abduli Ali Malik
( 24ª Divisione fanteria )
comm S.M.Anwar
( 25º Squadrone distruzione)
Perdite
~3.000 uccisi
175 carri armati
65 - 70 aerei
~3.800 uccisi
200 carri armati
20 aerei
Voci di guerre presenti su Wikipedia

La guerra indo-pakistana del 1965, nota anche come seconda guerra del Kashmir fu il culmine di scontri che ebbero luogo tra l'aprile e il settembre del 1965 tra Pakistan e India. La guerra iniziò a seguito dell'esecuzione da parte pakistana dell'Operazione Gibilterra, con il quale si intendeva infiltrare forze paramilitari in Jammu e Kashmir allo scopo di provocare un'insurrezione contro il governo dell'India. Le cinque settimane di guerra, che hanno causato migliaia di vittime su entrambi i lati, si sono concluse con il cessate il fuoco sotto l'autorità delle Nazioni Unite e con la successiva dichiarazione di Tashkent.

Gran parte della guerra è stata combattuta dalle forze terrestri dei due paesi in Kashmir e lungo il confine internazionale tra India e Pakistan. Questa guerra ha visto il più grande assembramento delle truppe in Kashmir dopo l'indipendenza e la partizione dell'India nel 1947, un numero che è stato oscurato solo durante la situazione di stallo militare del 2001-2002 tra India e Pakistan. La maggior parte delle battaglie sono state combattute tra fanteria e unità blindate, con il sostegno sostanziale dalle forze aeree e navali. Molti dettagli del conflitto rimangono poco chiari.[1]

Tensioni prima della guerra[modifica | modifica wikitesto]

Documento del Dipartimento di Stato USA che conferma la presenza di centinaia di infiltrati nel Jammu e Kashmir

A partire dalla divisione dell'India britannica del 1947, i due nuovi stati Pakistan e India hanno mantenuto diverse contese, la questione del Kashmir rimane, però, il motivo principale di contenzioso tra i due paesi. Esistono anche altre regioni contese, in particolare il Rann di Kutch, una zona arida situata nello Stato indiano del Gujarat; la disputa sorse per la prima volta nel 1956 e si concluse con l'India che riprese il controllo dell'area.[2]

Nel gennaio 1965 dei soldati pakistani cominciarono a pattugliare i territori controllati dall'India a questo seguirono, in data 8 aprile dello stesso anno, degli attacchi da entrambe le parti alla postazioni avversarie.[3] Inizialmente le scaramucce coinvolsero la polizia di frontiera di entrambi gli stati, le schermaglie tra le forze armate erano intermittenti. Nel giugno 1965 il primo ministro inglese Harold Wilson riuscì a convincere le parti a cessare le ostilità ed istituire un tribunale per risolvere la questione. Il verdetto giunse nel 1968 e assegnò al Pakistan 900 km² del Rann di Kutch, mentre la sua richiesta era di 9.100 km².[4]

Dopo il successo riguardante il Rann di Kutch il Pakistan, guidato allora dal generale Ayub Khan, riteneva che l'esercito indiano non sarebbe stato in grado di difendersi di fronte ad una campagna militare di breve intensità per il conteso territorio del Kashmir; così come accadde nel 1962 quando l'India venne sconfitta dalla Cina in quella che viene ricordata come la guerra sino-indiana. Il Pakistan credeva che la popolazione del Kashmir fosse scontenta del ruolo dell'India e riteneva possibile la nascita di un movimento di resistenza con l'invio di pochi agenti provocatori. Mediante un'operazione segreta che prese il nome di Operazione Gibilterra[5] il Pakistan tentò di promuovere un movimento di ribelli ma gli infiltrati pakistani furono scoperti nel giro di breve tempo dalla popolazione locale e l'operazione fu un completo fallimento.[6]

La guerra[modifica | modifica wikitesto]

Il 5 agosto 1965 tra i 26.000 ed i 33.000 soldati pakistani varcarono la linea di controllo che separa le porzioni del Kashmir controllate dai vari stati. Le forze indiane, informate dalla popolazione locale, attraversarono la linea del cessate il fuoco il 15 agosto.[1]

Inizialmente le forze indiane ottennero dei successi considerevoli, conquistando tre importanti posizioni di montagna dopo un prolungato sbarramento di artiglieria. Verso la fine di agosto, comunque, entrambe le parti avevano raggiunto dei progressi, il Pakistan per quanto riguarda alcune aree come Tithwal, Uri e Poonch, mentre l'India aveva conquistato il passo di Haji Pir situato 8 km all'interno della zona controllata dal Pakistan.

Il 1º settembre 1965 il Pakistan diede il via ad un contrattacco, denominato Operazione Grande slam, con l'obiettivo di conquistare la città di Akhnoor nel Jammu, centro di vitale importanza per bloccare le linee di comunicazione e di approvvigionamento alle truppe indiane. Ayub Khan ritenne che: "il morale indiano non avrebbe resistito più di due duri colpi inferti al posto ed al momento giusto"[7][8][9], nonostante il fallimento dell'Operazione Gibilterra e la conquista, da parte indiana, del passo Haji Pir[7]. Il Pakistan attaccò con un numero di truppe elevato e con carri armato tecnicamente superiori, le forze indiane furono colte impreparate e soffrirono forti perdite. L'India per attenuare l'attacco chiamò in causa la propria aeronautica, il giorno successivo, per rappresaglia, l'aviazione pakistana colpì le forze indiane e le basi aeree situate nel Kashmir e nel Punjab. La decisione indiana di allargare il conflitto nel Punjab pakistano spinse l'esercito pakistano a ricollocare le truppe per difendere quel territorio, di conseguenza l'Operazione Grande slam fallì e il Pakistan non fu in grado di conquistare Akhnoor; tutto ciò divenne uno dei momenti fondamentali del conflitto quando l'India decise di alleviare le pressioni delle sue truppe sul Kashmir per attaccare il Pakistan più a sud.

Tenente colonnello Hari Singh della 18º cavalleria indiana posa di fronte alla stazione di polizia pakistana di Barkee conquistata nel distretto di Lahore

L'India attraversò la Linea Radcliffe (nata il 17 agosto 1947, era la linea di demarcazione tra India e Pakistan) il 6 settembre[10], segnando l'inizio ufficiale della guerra; nello stesso giorno la 15ª Divisione fanteria indiana, guidata dal maggior generale Prasad, combatté un forte contrattacco pakistano vicino la parte occidentale del canale di Ichogil, de facto il confine tra L'India e il Pakistan.

L'entourage stesso del generale cadde in un'imboscata e fu costretto a fuggire. Un secondo tentativo, questa volta riuscito, di attraversare il canale Ichogil venne effettuato sul ponte nel villaggio di Barki, poco ad est di Lahore; tali sviluppi portarono le forze indiane all'interno dell'area dell'aeroporto di Lahore. Gli Stati Uniti chiesero un temporaneo cessate il fuoco per evacuare i propri cittadini residenti a Lahore. Il Pakistan con il contrattacco prese Khem Karan alle forze indiane, le quali tentarono di deviare l'attenzione posta su questo sito mediante un attacco su Bedian e sui villaggi adiacenti.

L'offensiva su Lahore venne portata avanti dalla 1ª Divisione fanteria supportata da tre reggimenti corazzati della 2ª Brigata corazzata indipendente, avanzarono velocemente attraversando il confine, raggiungendo il canale Ichogil il 6 settembre. L'esercito pakistano tenne i ponti sul canale e fece espolodere quelli che non fu in grado di controllare, bloccando ogni ulteriore avanzata degli indiani su Lahore. L'unità indiana Jat 3, appartenente al Reggimento Jat, riuscì ad attraversare il canale Ichogil ed a conquistare la città di Batapore sulla riva est del canale[11]; nello stesso giorno una controffensiva composta da una divisione corazzata e da una divisione fanteria, supportata dall'aeronautica pakistana, costrinse la 15ª divisione indiana a ripiegare sulla propria posizione iniziale. Nonostante l'unità 3 Jat ebbe perdite minime, il grosso del danno riguardava munizioni e veicoli per l'approvvigionamento, gli alti comandanti non ebbero notizie della conquista di Batapore e informazioni errate portarono il comando alla decisione di ritirarsi da Batapore e Dograi per Ghosal-Dial. Questa decisione creò molta delusione.[12] al comandante del 3 Jat, il tenente colonnello Desmond Hayde. Dograi venne riconquistata dal 3 Jat, dopo una dura battaglia, il 21 settembre.

Moschea distrutta durante la guerra

L'8 settembre 1965 una compagnia di 5 unità del Maratha Light Infantry venne inviata nel Rajastan come rinforzo per il corpo di polizia di Munabao, un piccolo villaggio strategico distante 250 km circa da Jodhpur. Il compito era semplice, tenere la posizione ed evitare l'invasione dei battaglioni di fanteria pakistani. Tuttavia al Maratha Hill (come il luogo è stato adesso ribattezzato) la compagnia indiana riuscì a malapena a gestire un intenso attacco di 24 ore. Un gruppo di 3 guardie con 954 colpi di mortaio venne inviato come rinzorzo ma non riuscì a raggiungere il luogo. L'aeronautica pakistana bombardò l'intera area e colpì anche un treno proveniente da Barmer con i rinforzi, vicino la stazione di Gadra. Il 10 settembre Munabao cadde nelle mani pakistane e gli sforzi per riprendere il punto strategico non ebbero successo.[13]

Nei giorni successivi il 9 settembre le migliori formazioni di entrambi gli stati furono sconfitte in battaglie impari. La 1ª  Divisione corazzata, indicata come "l'orgoglio dell'esercito indiano", lanciò un'offensiva verso Sialkot, si divise in due gruppi e venne costretta a ripiegare dalla 6ª  Divisione corazzata pakistana dopo aver sofferto gravi perdite, tra le quali circa 100 carri armato. In seguito a questo successo il Pakistan lanciò l'Operazione Windup che costrinse l'India a ritirarsi ulteriormente. La 1ª  Divisione corazzata, orgoglio del Pakistan, diede il via ad un'offensiva verso Khem Kran con l'obiettivo di catturare Amritsar, la più grande città del Punjab, e il ponte sul fiume Beas per Jalandhar.

La 1ª Divisione corazzata non conquistò Khem Kran e il 10 settembre venne distrutta dalla 4ª Divisione di montagna in quella che viene ricordata come la battaglia di Usal Uttar, la zona da allora venne chiamata Patton Nagar (Città Patton) perché le forze pakistane utilizzarono molti carri armato Patton di produzione americana. Circa 97 carri armato pakistani furono distrutti o danneggiati.

La guerra si stava dirigendo verso una situazione di stallo, con entrambe le nazioni che mantenevano i territori altrui. Le forze indiane soffrivano 3000 morti, mentre il Pakistan 3800. L'India controllava 1.800 km di territorio pakistano e il Pakistan 550 km di territorio indiano. I territori occupati dall'India erano principalmente: Sialkot, Lahore e i settori del Kashmir[14]; il Pakistan occupava i settori desertici di fronte Sindh e Chumb, vicini al nord Kashmir.[15]

Guerra aerea[modifica | modifica wikitesto]

La guerra vide scontrarsi l'aeronautica militare indiana (IAF) e l'aeronautica militare pakistana (PAF) per la prima volta dall'indipendenza. Le due forze si erano scontrate già durante gli anni 40' nella Prima guerra del Kashmir ma il loro impiego, allora, fu molto più limitato rispetto alla guerra del 1965.

La IAF fece un largo uso di Hawker Hunter, Folland Gnat, De Havilland DH.100 Vampire, bombardieri English Electric Canberra e uno squadrone di MiG-21s. Gli aerei da combattimento pakistani comprendevano: 102 F-86 Sabre, 12 F-104 Starfighter con 24 bombardieri B-57 Canberra. Durante il conflitto la PAF era numericamente inferiore, in rapporto, di circa 5:1.[16]

Gli aerei della PAF erano soprattutto di origine americana, mentre quelli della IAF provenivano da Inghilterra ed Unione sovietica. Spesso è stato riportato che gli aerei americani della PAF erano superiori rispetto ai mezzi della IAF, molti esperti, però, ritengono falsa tale considerazione perché i caccia MiG-21, i Hawker Hunter ed i Folland Gnat attualmente hanno prestazioni più elevate rispetto ai F-86 Sabre della controparte pakistana.[17] Sebbene i cacciabombardieri De Havilland DH.100 Vampire della IAF fossero antiquati, se confrontati con i F-86 Sabre, i caccia Hawker Hunter erano superiori a questi per potenza e velocità, secondo quanto dichiarato dal Air commodor Sajjad Haider che guidò il 19 Squadrone delle PAF durante la guerra.

Secondo gli indiani, gli F-86 erano vulnerabili dal Folland Gnat, soprannominato Sabre Slayer (assassino di Sabre). L'F-104 Starfighter della PAF era il caccia più veloce di tutto il subcontinente e veniva spesso indicato come l orgoglio della PAF. Secondo Sajjad Haider non meritava questa fama, era un "intercettatore di alto livello, ideato per neutralizzare i bombardieri sovietici ad altitudini superiori ai 40.000 piedi" piuttosto che essere utilizzato per duelli con agili caccia a basse altitudini", fu "inadatto alle caratteristiche della regione".[18] In combattimento gli starfigheter non furono efficaci come i Folland Gnat indiani, molto più agili, seppur più lenti.[19][20] Un Folland Gnat indiano, pilotato dal capo squadrone Brij Pal Singh Sikand, atterrò in una pista abbandonata del Pakistan a Pasrur e venne catturato dall'esercito pakistano. Il pilota raccontò che la maggior parte del suo equipaggiamento era rovinato e qualora avesse avuto qualche possibilità lo starfighter lo avrebbe abbattuto. Questo Folland Gnat è conservato come trofeo di guerra nel Museo dell'aeronautica pakistana a Karachi. Il capo squadrone Saad Hatmi, che guidò la cattura dell'aereo da Sargodha e più tardi ne poté valutare le performance, non considerò il Folland Gnat come l'assassino di sabre quando era impegnato in un duello.[21]

Le dichiarazioni dei due paesi sulle perdite causate e subite durante la guerra furono contraddittorie e poche fonti neutrali hanno verificato tali affermazioni. La PAF ha sostenuto di aver abbattuto 104 mezzi della IAF e di averne persi 19, mentre la IAF ha indicato come 59 i mezzi persi e 73 gli aerei della PAF abbattuti. Secondo una fonte indipendente, riportata in una rivista subito dopo la guerra, la PAF perse 86 F-86 Sabre, 10 F-104 Starfighter e 20 B-57 Canberra. Questo contrasta con le affermazioni dell'India, la quale sosteneva di aver abbattuto 73 caccia della PAF che all'epoca era quasi l'intera forza aerea pakistana schierata.[22]

Fonti indiane hanno sottolineato che, nonostante la PAF affermi di aver perso solo uno squadrone di aerei da combattimento, il Pakistan avesse cercato di acquistare altri mezzi dall'Indonesia, Iraq, Iran, Turchia e Cina fino a 10 giorni prima del conflitto. Questo potrebbe essere spiegato dalla disparità di mezzi che la PAF dovette affrontare la quale, in termini di proporzione, era di 5 ad 1.

Battaglie dei carri armato[modifica | modifica wikitesto]

Carri armato della 18th Cavalry indiana durante la guerra

La guerra del 1965 vide alcune delle più grandi battaglie combattute con i mezzi corazzati dai tempi della seconda guerra mondiale. All'inizio della guerra l'esercito pakistano era superiore sia per quanto riguardava il numero di carri armato sia per un miglior equipaggiamento.[23] I mezzi corazzati del Pakistan erano in larga parte di produzione statunitense, i modelli più presenti erano il M47 Patton e M48, ma vennero utilizzati anche l'M4 Sherman, alcuni M24 Chaffee e M36 Jackson equipaggiati con cannoni da 90 mm.[24] La gran parte dei mezzi corazzati indiani era composta da vecchi M4 Sherman, alcuni arano armati con cannoni francesi CN 75 50, mentre alcuni vecchi modelli erano ancora equipaggiati con il 75 mm Gun M2/M3/M6. L'India era dotata anche di carri armato Centurion Mk 7 con cannone Royal Ordnance L7, di AMX-13, PT-76 e di M3 Stuart.

Il Pakistan mise in campo un'artiglieria più numerosa e più moderna; secondo il maggior generale pakistano T.H.Malik i loro cannoni erano fuori dalla portata di quelli indiani.[25]

Allo scoppio della guerra nel 1965, il Pakistan aveva 15 reggimenti corazzati, ognuno dei quali con 45 carri armato in tre squadroni. Oltre ai Patton, c'erano 200 M4 Sherman riarmati con cannoni da 76 mm, 150 M24 Chaffee ed un piccolo numero di squadroni indipendenti di M36B1. La maggior parte di questi reggimenti ha servito in due divisioni corazzate, la 1 e la 6, quest'ultima era in via di formazione.

L'India all'epoca contava su 17 reggimenti cavalleria (chiamati ancora con il termine "cavalleria" anche se utilizzavano mezzi corazzati), negli anni 50 ne aveva incominciato la modernizzazione acquistando 164 AMX-13 e 188 Centurion. Le unità cavalleria rimanenti erano equipaggiate con M4 Sherman ed un piccolo numero di M3A3 Stuart. L'India aveva a disposizione una solo Divisione corazzata, la 1st "Black Elephant" Armoured Division, composta dal: 17th Horse (The Pona Horse), spesso indicato come l'orgoglio dell'India, 4th Horse (Hodson's Horse), 16th Cavalry, 7th Light Cavalry, 2nd Lancers, 18th Cavalry ed il 62nd Cavalry. C'era anche la 2nd Independent Armoured Brigade, composta da 3 reggimenti uno dei quali, il 3rd Cavalry, era equipaggiato con i Centurion.

Nonostante la superiorità in termini numerici e di qualità[26], il Pakistan venne sconfitto dall'India, la quale fece progressi nel settore di Lahore-Sialkot e riuscì ad arrestarne la controffensiva su Amritsar.[27][28] Le forze pakistane furono talvolta impiegate in maniera errata, come nei preparativi di difesa durante la sconfitta della 1st Armoured Division ad Assal Uttar.

Dopo che le forze indiane aprirono una breccia nel canale di Madhupur l'11 settembre, la controffensiva di Khem Karan venne bloccata e la stretegia pakistana ne venne fortemente influenzata. Nonostante alcuni risultati ottenuti dalle formazioni corazzate, l'attacco indiano nella battaglia di Chawinda, condotto dalla 1st Armoured Division, venne bruscamente fermato dalla neocostituita 6th Armoured Division nel settore Chawinda. Il Pakistan sostenne che l'India perse 120 carri armato in questa battaglia.[29] Nessuno dei due contendenti dimostrò grandi abilità nell'utilizzo delle formazioni corazzate nelle operazioni offensive (ne la 1st Armoured Division pakistana ad Asal Uttar, ne la 1st Armoured Division indiana a Chawinda). Al contrario entrambi si mostrarono efficaci con piccole forze in attività difensive, come la 2nd Armoured Brigade ad Asal Uttar e 25th Cavalry pakistanana a Chawinda.

Operazioni navali[modifica | modifica wikitesto]

Le operazioni navali ebbero un ruolo marginale nel conflitto del 1965. Il 7 settembre uno squadrone della marina pakistana, comandanta dal commodoro S.M.Anwar, bombardò la stazione radio della marina indiana situata a Dwarka, circa 300 km a sud di Karachi. L'attacco è conosciuto come Operazione Dwarka ed è stata un'azione rilevante,[30][31] anche se alcuni la considerano come una fastidiosa incursione.[32][33] In seguito all'attacco su Dwarka la marina dovette rispondere ad una interrogazione di fronte al parlamento indiano[34] ed una volta finita la guerra venne avviato un processo di modernizzazione ed espansione del corpo.[35]

Secondo fonti pakistane, un sottomariono PNS Ghazi, venne mantenuto nella portaerei indiana INS Vikrant durante tutta la guerra. Fonti indiane hanno risposto che non era nelle loro intenzioni utilizzarlo durante il conflitto ed il loro desiderio era limitare lo scontro alla terraferma.[36] In ogni caso venne notato come il Vikrant fosse in bacino di carenaggio durante il processo di riparazione. Alcuni scrittori pakistani che si occupano della tematica difesa ebbero anche delle fonti, poco credibili, secondo le quali la marina militare indiana era composta a Bombay da un singolo sottomarino, mentre il 75 % della marina indiana era in manutenzione.[37]

Operazioni sottocopertura[modifica | modifica wikitesto]

L'esercito pakistano diede il via a diverse operazioni segrete per infiltrarsi e sabotare le aerobasi indiane.[38] In data 7 settembre 1965 un commando del Gruppo servizi speciali venne paracadutato in territorio nemico; secondo il Capo di Stato maggiore dell'esercito Muhammad Musa circa 135 commando furono inviati in tre aerodromi (Halwara, Pathankot e Adampur). Un audace tentativo che si risolse in un "disastro assoluto".[38] Solo 22 commando tornarono in Pakistan, 93 furono fatti prigionieri e 20 vennero uccisi, tra i prigionieri c'era anche uno dei comandanti dell'operazione, il maggiore Khalid Butt. Le ragioni del fallimento sono attribuite a gravi inefficienze nel fornire mappe, istruzioni ed un'adeguata preparazione.[39]

Nonostante il fallimento nel sabotaggio degli aerodromi, fonti pakistane affermano che le azioni dei commando abbiano influenzato alcune operazioni già pianificate dall'India; come quando la 14th Infantry division venne deviata a caccia di paracadutisti e l'aeronautica pakistana trovò la strada piena di autotrasporti e distrusse molti veicoli.[40]

L'India rispose alle attività sotto copertura annunciando ricompense per chi cattura spie o paracadutisti.[41] Nel frattempo in Pakistan diverse voci affermavano che l'India avesse, a sua volta, inviato dei commando in territorio pakistano.[39] Successivamente queste voci furono indicate come infondate.[42]

Perdite[modifica | modifica wikitesto]

Le dichiarazioni di India e Pakistan sulle perdite sono molto divergenti, sia per quanto riguarda le perdite subite che per quelle arrecate. La seguente tabella riporta i principali conteggi.

Dichiarazioni indiane[43] Dichiarazioni pakistane[44] Fonti indipendenti[45]
Vittime - - 3.000 soldati indiani
3.800 soldati pakistani
Combattimenti aerei 4.073 2.279 sortite -
Aeromobili persi 59 della IAF (ufficiale); 43 PAF[46]. In aggiunta, fonti indiane affermano che ci furono 13 aeromobili IAF persi causa incidente e 3 aeromobili civili indiani abbattuti[47] 19 della PAF; 104 della IAF 20 della PAF; Il Pakistan afferma che l'India ha rifiutato il conteggio neutrale[48]
Vittorie aeree 17 + 3 (dopoguerra) 30 -
Carri armato distrutti 128 carri armato indiani; 152 carri armato pakistani catturati; 150 carri armato pakistani distrutti. Ufficialmente 471 carri armato pakistani distrutti e 38 catturati - -
Territori conquistati 3.885 km² di territorio pakistano 648 km² di territorio indiano L'India ha conquistato 1.840 km² di territorio pakistano.
Il Pakistan ha conquistato 542 km².

Valutazioni neutrali[modifica | modifica wikitesto]

Ci sono state molte valutazioni neutrali per quanto riguarda le perdite causate dalla guerra, la maggior parte concorda sul fatto che l'India aveva il sopravvento sul Pakistan quando venne dichiarato il cessate il fuoco. Alcune di queste valutazioni sono riportate di seguito:

  • secondo la Library of Congress Country Studies diretta dal Federal Research Division degli Stati Uniti: "La guerra fu militarmente inconcludente; entrambi i contendenti fecero prigionieri e conquistarono territori. Le perdite furono relativente pesanti-sul fronte pakistano: 20 aeromobili, 200 carri armato e 3.800 soldati. L'esercito pakistano era stato in grado di resistere alle pressioni indiane ma una prosecuzione dei combattimenti avrebbe portato solo a perdite maggiori e alla definitiva sconfitta per il Pakistan. Molto pakistani, indottrinati nella certezza delle loro abilità militari, rifiutarono la possibilità che le forze armate del loro paese fossero sconfitte dalla "Hindu India" e furono, invece, pronti ad incolpare il loro fallimento, nato dagli obiettivi militari, all'incapacità di Ayub Khan e del suo governo."[49]
  • La rivista TIME riportò che l'India prese 1788 km² di territorio pakistano, mentre il Pakistan conquistò 648 km² di territorio indiano in Kashmir e Rajastan. Oltretutto il Pakistan perse quasi la metà dei suoi armamenti;[50] l'articolo approfondisce ulteriormente: " gravemente colpito dalle dimensioni maggiori delle forze armate indiane, il Pakistan avrebbe potuto continuare a combattere solo alleandosi con la Cina e voltando le spalle all'ONU"
  • Devin T.Hagerty scrisse nel suo libro South Asia in world politcs[51]: "L'invasione delle forze indiane mise fuori combattimento la controparte pakistana e blocco i suoi attacchi sulla periferia di Lahore, la seconda città più grande del Pakistan. Dall'intervento delle Nazioni Unite in data 22 settembre il Pakistan ha sofferto una netta sconfitta"
  • Gertjan Dijkink scrisse nel suo libro National identity and geopolitical visions[52]: "Le forze indiane ottennero una vittoria decisiva e l'esercito avrebbe marciare in territorio pakistano se pressioni esterne non avessero spinto entrambi i contendenti a cessare i combattimenti".
  • L'esperto in indiologia Stanley Wolpert[53] riassumendo sulla guerra: " In tre settimane la seconda guerra indo-pakistana terminò, in quello che sembrava un pareggio, quando l'embargo disposto da Washington sugli armamenti e rifornimenti americani per entrambi le parti le costrinse ad una cessazione del conflitto prima che una delle due avesse ottenuto una vittoria netta. L'India, comunque, quando venne dichiarato il cessate il fuoco, era nella posizione di infliggere un duro colpo alla capitale pakistana del Punjab e controllava il punto strategico del Uri-Poonch nel Kashmir, per il grande dispiacere di Ayub".
  • David Van Praagh nel suo libro intitolato The greater game: India's race with destiny and China scrisse: "L'India vinse la guerra. Ottenne 1.840 km2 di territorio pakistano: 640km2 nel Azad Kashmir, 460 km2 dal settore di Sailkot, 380 km2 dal sud del Sindh e, i più cruciali, 360 km2 dal fronte di Lahore. Il Pakistan prese 540 km2 di territorio indiano: 490 dal settore Chamb e 50 km intorno al Khem Karan"
  • Dennis Kux ha fornito un sommario della guerra nel suo India and the United States estranged democracies: "Nonostante entrambe le parti abbiano subito grosse perdite di uomini e materiali e nessuna ha ottenuto una vittoria militare decisiva, l'India prese il meglio dalla guerra: New Delhi raggiunse il suo obiettivo di contrastando il tentativo del Pakistan di conquistare il Kashmir con la forza. Il Pakistan non ha ottenuto nulla da un conflitto che lui ha provocato "
  • La BBC descrisse come la guerra abbia determinato dei cambiamenti nella politica pakistana: "Con la sconfitta del 1965, la considerazione che l'esercito fosse invincibile si tramutò in una opposizione crescente. Questo cambiamento si ebbe dopo che il suo protetto, Zulfikar Ali Bhutto, lo abbandonò e creò il Partito del popolo "[54]
  • Robert Johnson nel suo A region in turmoil: South Asian conflicts since 1947: "Gli obiettivi strategici dell'India erano modesti - lo scopo era evitare la vittoria dell'esercito pakistano, nonostante questo ottenne alla fine 1.900 km2 di territorio pakistano a fronte di una perdita di 570 km2 del proprio territorio"[55]
  • In "Asian security handbook: terrorism and the new security environment" di William M. Carpenter e David G. Wiencek: "Una breve ma fuoriosa guerra con l'India scoppiò nel 1965 quando agenti sotto-copertura pakistani varcarono il confine del cessate il fuoco del Kashmir ed ebbe termine con la città di Lahore minacciata dall'accerchiamento da parte dell'esercito indiano. Un ulteriore cessate il fuoco promosso dall'ONU mantenne immutati i confini ma la vulnerabilità del Pakistan era stata esposta nuovamente"[56]
  • Lo storico inglese John Keay fornisce un riassunto della guerra del 1965 con il suo "India: A History": "La guerra indo-pakistana del 1965 durò appena un mese. Il Pakistan ottenne dei successi nel deserto del Rajasthan ma la sua spinta contro la strada di collegamento indiana Jammu-Srinagar venne respinta e i carri armato indiani avanzarono entro la veduta di Lahore. Entrambe le parti dichiararono vittoria, ma l'India aveva più da celebrare"[57]
  • Uk Heo e Shale Asher Horowitz scrissero nel loro libro "Conflict in Asia: Korea, China-Taiwan, and India-Pakistan": L'India apparve ancora, almeno logisticamente, di essere in una posizione superiore ma nessuna delle parti era in grado di moblilitare abbastanza forze per ottenere una vittoria decisiva"[58]
  • Il giornale americano Newsweek sottolineò la capacità dei militari pakistani di tenere lontane la maggior parte delle forze indiane: "Già dalla fine della settimana, infatti, era chiaro che i pakistani avrebbero difeso di più la loro terra"[59]

Cessate il fuoco[modifica | modifica wikitesto]

Gli Stati Uniti e l'Unione Sovietica portarono avanti delle forti attività diplomatiche per evitare ulteriori escalation del conflitto tra le due potenze asiatiche. L'URSS, guidata dal primo ministro Alexei Kosygin, ospitò i negoziati per il cessate il fuoco a Tashkent, nell'attuale Uzbekistan. Nella città il Primo ministro indiano Lal Bahadur Shastri e il Presidente pakistano Ayyub Khan firmarono la Dichiarazione di Tashkent concordando, non prima del 25 febbraio 1966, di ritirarsi alle linee dell'agosto precedente.

La diminuzione delle scorte di munizioni fece temere ai leader pakistani che la guerra volgesse a favore dell'India, di conseguenza, accettarono velocemente il cessate il fuoco di Tashkent.[60] Nonostante le forti resistenze dei suoi leader militari l'India si pegò alle crescenti pressioni diplomatiche e accettò il cessate il fuoco. In data 22 settembre venne approvato all'unanimità dal Consiglio di Sicurezza dell'ONU una risoluzione che chiedeva il cessate il fuoco incondizionato ad entrambe le parti. La guerra ebbe termine il giorno seguente.

Il Primo ministro indiano Shastri ebbe un attaco di cuore dopo la dichiarazione del cessate il fuoco. Come conseguenza, le proteste organizzate in India contro la dichiarazione si trasformarono in apprezzamento per la maggioranza del Congresso Nazionale Indiano.[61] Il cessate il fuoco venne criticato da molti pakistani i quali, affidandosi alla stampa controllata, credettero che la leadership si fosse arresa agli interessi dei militari. Le proteste portarono a rivolte degli studenti.[62] I rapporti ufficiali emanati dal Pakistan sostennero che i propri militari si comportarono meravigliosamente durante la guerra, venne ingiustamente dichiarato che fu l'India a scatenarla e la Dichiarazione di Tashkent venne indicata come una raccolta dei successi ottenuti.[63] Alcuni libri scritti recentemente da autori pakistani hanno descritto le mistificazioni del Pakistan sulla guerra, uno di questi era intitolato "Il mito della vittoria del 1965"[64], e venne curato da un ex-agente dell'ISI; tutte le copie però vennero acquistate dall'esercito pakistano per evitare la pubblicazione, l'opera era considerata "troppo sensibile".[65]

India e Pakistan si accusarono reciprocamente di violazioni del cessate il fuoco; l'India contò 585 violazioni in 34 giorni da parte del Pakistan, mentre quest'ultimo accusò l'India di 450.[66] In aggiunta ai colpi di artiglieria e di piccole armi da fuoco, l'India denunciò il Pakistan di aver utilizzato la tregua per catturare il villaggio indiano di Chananwalla nel settore di Fazilka. Il villaggio venne recuperato dagli indiani il 25 dicembre. Il 10 ottobre un B-57 Canberra della PAF venne danneggiato da 3 missili SA-2 sparati dalla base indiana di Ambala.[67] Un aeromobile Auster dell'esercito pakistano venne abbattuto il 16 dicembre uccidendo un capitano e il 2 febbraio 1967 un aeromobile AOP venne abbattuto da caccia indiani. Il cessate il fuoco venne, comunque, mantenuto fino alla guerra indo-pakistana del 1971.

Insuccessi dell'intelligence[modifica | modifica wikitesto]

Errori strategici, commessi sia dall'India sia dal Pakistan, determinarono una conclusione della guerra in una situazione di stallo.

Errori dell'India[modifica | modifica wikitesto]

L'intelligence militare indiana non avvertì dell'imminente invasione pakistana. L'esercito indiano non riuscì ad individuare la presenza di armamenti e artiglieria pesante pakistana nel Chumb, come conseguenza dovette subire forti perdite. Nel 1992 il Ministero della Difesa indiano ha redatto un documento, per lungo tempo censurato, intitolato Official History of the 1965 War, con il quale sono stati rivelati altri errori. Secondo il documento, in data 22 settembre, quando il consiglio di sicurezza premeva per il cessate il fuoco, il Primo ministro indiano chiese al generale Chaudhuri se era possibile vincere la guerra ritardando l'accordo per il cessate il fuoco. Il generale rispose che la maggior parte delle munizioni era stata utilizzata e che l'esercito indiano aveva subito grosse perdite per quanto riguarda i carri armato. Successivamente venne riscontrato come soltanto il 14% delle munizioni era stato sparato e che l'India aveva a disposizione il doppio dei carri armato del Pakistan. Nello stesso periodo il Pakistan aveva utilizzato l'80% delle sue munizioni. Il Maresciallo dell'aeronautica P.C. Lal, il quale durante il conflitto era il vice capo di stato maggiore dell'aeronautica, ha puntato il dito contro lo scarso coordinamento tra esercito e aeronautica. Nessuna delle due forze conosceva i piani di battaglia dell'altra. I piani di battaglia predisposti dal ministro della difesa e dal generale Chaudhari non specificavano un ruolo per l'aeronautica militare negli ordini di battaglia. Questo comportamento del generale Chaudhari venne indicato dal maresciallo Lal come la "sindrome del supremo", un particolare atteggiamento che talvolta colpisce chi guida l'esercito indiano portandolo a trattare con sussiego le altre branche delle forze armate indiane.[43]

Errori del Pakistan[modifica | modifica wikitesto]

Gli errori dell'esercito pakistano incominciarono a partire dalla convinzione che vi fosse un generale scontento tra la popolazione del Kashmir, dando così l'opportunità al Pakistan di avanzare e scatenare una rivolta contro i governanti dell'India ed ottenere una vittoria veloce e decisiva. La popolazione del Kashmir, però, non si ribellò, anzi l'esercito indiano venne ampiamente informato dell'Operazione Gibilterra e difatti non si scontrò con dei ribelli ma con soldati regolari dell'esercito pakistano. L'esercito pakistano fallì anche quando ritenne che politici indiani avrebbero ordinato un attacco sul settore sud così da aprire un secondo fronte. Il Pakistan concentrò delle truppe nel settore sud per proteggere Sialkot e Lahore invece che utilizzarle per rafforzare le operazioni di avanzamento nel Kashmir. L'Operazione Grande Slam lanciata dal Pakistan per catturare Akhoor, una città posta nel nord-est del Jammu e luogo-chiave per le comunicazioni tra il Kashmir ed il resto dell'India, si risolse in un altro fallimento. Molti commentatori pakistani criticarono l'amministrazione di Ayyub Khan per l'indecisione durante l'Operazione Grande Slam. I critici sostennero che l'operazione fallì perché Ayub Khan non volle conquistare la città, sapeva quanto Akhoor fosse importante per gli indiani (era definita la "vena giugulare" dell'India), e volle evitare di trascinare i due paesi in una guerra totale. Nonostante i progressi ottenuti ad Akhnur, Ayub Khan rimosse il maggior generale Akhtar Hussain Malik sostituendolo con il generale Yahya Khan. Alla sostituzione seguirono 24 ore di pausa, le quali consentirono all'esercito indiano di riorganizzarsi e, successivamente, di opporsi ad un fiacco attacco guidato da Yahya Khan. Lo Stato Maggiore indiano del comando ovest disse: "il nemico venne in nostro soccorso". Successivamente il generale Akhtar Hussain Malik criticò il presidente Ayub Khan per come aveva pianificato l'Operazione Gibilterra, condannandoli al fallimento, e per la sua rimozione in un momento cruciale del conflitto. Il generale Malik minacciò di rivelare la truffa sulla guerra e il fallimento dell'esercito, ma abbandonò l'idea per paura di essere bandito.[68]

Alcuni autori hanno sottolineato come il Pakistan potrebbe essere stato incoraggiorato ad aprire il conflitto in seguito ad un war game condotto nel marzo 1965 all'Istituto di Analisi della Difesa americano. L'esercitazione si era conclusa con una vittoria del Pakistan, qualora fosse sceso in guerra con l'India.[69][70] Altri autori come Stephen Philip Cohen, hanno commentato che, in sostanza, l'esercito pakistano aveva "sviluppato una visione esagerata della debolezza sia dell'India, sia del suo esercito...la guerra del 1965 fu uno shock".[71] Il Maresciallo dell'aeronautica pakistana e comandante in capo della PAF durante la guerra, Nur Khan disse successivamente che dovrebbe essere biasimato l'esercito pakistano, e non l'India, per aver fatto scoppiare la guerra.[72][73] In ogni caso, in Pakistan la propanga sulla guerra continuò, il conflitto non venne analizzato razionalmente[74][75] e la maggior parte delle colpe furono attribuite alla leadership e venne data poca importanza ai fallimenti dell'intelligence; ciò persistette fino alla debacle della guerra del 1971, quando il Pakistan dell'est venne invaso dall'India e si divise dal Pakistan dell'ovest per dare vita alla creazione del Bangladesh.

Coinvolgimento di altre nazioni[modifica | modifica wikitesto]

Il Pakistan e gli Stati Uniti avevano firmato un Accordo di Cooperazione nel 1959, secondo il quale gli Stati Uniti avrebbero attuato le "azioni adeguate, incluso l'uso delle forze armate" per aiutare il governo del Pakistan se questo ne avesse fatto richiesta.[76] In ogni caso, dopo lo scoppio della guerra del 1965, gli Stati Uniti furono dell'opinione che il Pakistan era il maggior responsabile del conflitto e, di conseguenza, tagliarono tutte le forniture militari al paese.[77] Il Pakistan ricevette, comunque, forte supporto da: Iran, Indonesia, e Repubblica Popolare di Cina.[77]

Prima e durante la guerra, la Repubblica Popolare di Cina ha fornito il contributo militare più importante ed ha ammonito l'India, con la quale aveva combattuto una guerra nel 1962. Esistono anche resoconti su movimenti di truppe cinesi lungo il confine con l'India in supporto del Pakistan; sul tema l'India ha sostenuto il mandato ONU per evitare una guerra sui due confini. La partecipazione dell'India al Movimento dei non-allineati ha determinato un piccolo supporto da parte dei suoi membri. L'Unione Sovietica, nonostante fossero chiuse le relazioni con l'India si dimostrò più neutrale della maggior parte delle nazioni durante la guerra e invitò le parti al dialogo, il quale venne ospitato proprio dalla Unione Sovietica nella città di Tashkent.[78][79]

Conseguenze[modifica | modifica wikitesto]

India[modifica | modifica wikitesto]

Nonostante la dichiarazione di cessate il fuoco, l'India venne vista come la vincitrice del conflitto per il suo successo nel bloccare l'avanzata del Pakistan nel Kashmir. Nell'ottobre del 1965, il giornale TIME riportò le valutazioni di un funzionario occidentale sulle conseguenze della guerra:[80]

« Adesso è evidente a tutti che l'India emergerà come una potenza asiatica com'è nel suo diritto »

Alla luce del fallimento della guerra Sino-Indiana, il risultato del conflitto del 1965 venne visto come una vittoria "politico-strategica" dell'India. Il primo ministro indiano Lal Bahadur Shastri venne innalzato ad eroe nazionale indiano.[81] Le performance dei militari indiani furono globalmente apprezzate, mentre i leader militari furono criticati per le modalità di impiego delle forze armate indiane, le quali erano superiori e se meglio utilizzate avrebbero portato ad una vittoria decisiva contro il Pakistan.[82] Nel suo libro "War in the modern world since 1815", il noto storico di guerra Jeremy Black affermò che il Pakistan "perse pesantemente" la guerra del 1965 e la decisione affrettata dell'India di procedere ai negoziati evitò gravi ed ulteriori danni alle Forze armate pakistane.[83] Jeremi Black sottolineò:

« Il Capo di stato maggiore dell'esercito indiano chiese urgentemente di aprire i negoziati basandosi sul fatto che stavano perdendo munizioni e il numero dei carri armato si era fortemente ridotto. In realtà l'esercito aveva usato solo il 15% delle munizioni, mentre il Pakistan ne aveva utilizzato quasi l' 80% e l'India possedeva il doppio dei carri armato funzionanti »

Come conseguenza l'India si concentrò sullo sviluppo della comunicazione e del coordinamento tra le tre branche delle forze armate. In parte dovuto all'inefficiente sistema di informazione in vigore durante la guerra, l'India istituì il Research and Analysis Wing per lo spionaggio esterno e l'intelligence. Per colmare le diverse lacune vennero portati avanti dei miglioramenti nelle funzioni di comando e controllo e i riscontri positivi si videro chiaramente durante la guerra indo-pakistana del 1971 quando l'India ottenne una vittoria decisiva contro il Pakistan in due settimane. La Cina ripeté le minacce di intervento nel conflitto a favore del Pakistan aumentando la pressione sul governo nel prendere una decisione sullo sviluppo delle armi nucleari.[84] Nonostante le ripetute rassicurazioni, gli Stati Uniti fecero poco per prevenire l'uso estesivo delle armi americane da parte del Pakistan.[85] Allo stesso tempo, Stati Uniti e Regno Unito si rifiutarono di aiutare l'India con armi sofisticate e questo incrinò i rapporti tra India e occidente.[86] Questi sviluppi indussero dei cambiamenti nella politica estera indiana, prima aveva sostenuto la posizione degli stati non-allineati, si distanziò maggiormente dalle potenze occidentali per sviluppare delle relazioni chiuse con l'Unione sovietica. Dalla fine degli anni 60' l'URSS emerse come il più grande fornitore di armi dell'India.[87] Dal 1967 al 1977, l'81% delle armi che l'India importava proveniva dall'Unione sovietica.[88] Dopo la guerra del 1965 la corsa agli armamenti tra i due paesi divenne ancora più asimmentrica a l'India distanziava il Pakistan di molto.[89]

Pakistan[modifica | modifica wikitesto]

A guerra conclusa, molti pakistani considerarono positiva la prova dei loro militari. Il 6 settembre in Pakistan si celebra il Giorno della Difesa per ricordare la vittoriosa difesa della città di Lahore dall'esercito indiano. In particolare venne apprezzata la prova dell'aeronautica militare. In ogni caso, il governo pakistano venne accusato dagli analisti stranieri di aver diffuso molta disinformazione tra i propri cittadini per quanto riguarda le conseguenze della guerra. S.M Burke nel suo libro "Mainsprings of Indian and Pakistani foreign policies" scrive[51]:

« Dopo la guerra indo-pakistana del 1965 la bilancia del potere militare virò, decisamente, a favore dell'India. Il Pakistan ebbe delle difficoltà nel rimpiazzare l'equipaggiamento pesante perduto durante la guerra mentre il suo avversario, nonostante i problemi politici ed economici, fu determinato nel costruire la sua forza »

Molti osservatori concordano che il mito dell'esercito pakistano, mobile e che colpisce duramente, venne profondamente demolito dalla guerra. Molti scrittori pakistani criticarono una idea dei militari, secondo la quale la "corsa marziale" dei loro soldati avrebbe sconfitto la Hindu India nella guerra.[90][91] Rasul Bux Rais, un analista politico pakistano scrisse[92]:

« La guerra del 1965 con l'India non avrebbe potuto sfondare la formidabile difesa indiana in una guerra lampo, ne avrebbe potuto sostenere un conflitto di lunga durata »

L'aeronautica militare, invece, aumentò molto la sua credibilità e la sua attendibilità, tra le forze armate pakistane e tra gli analisti militari internazionali per la vittoriosa difesa di Lahore e di altre importanti zone del Pakistan, nonché per le dure rappresaglie inflitte all'India il giorno successivo. La vigilanza dell'aeronautica venne inoltre collegata al fatto che alcuni piloti furono affiancati sei volte, in meno di un'ora, su indicazione dei raid aerei indiani. Per ricordare tali eventi l'aeronautica militare è celebrata nel Giorno dell'Aeronautica il 7 settembre, oltre che nel Giorno delle Difesa nel quale si festeggia anche l'esercito.[93][94]

In ogni caso il Pakistan perse più terra di quella che riuscì a conquistare e, cosa fondamentale, fallì nel suo tentativo di ottenere il Kashmir; tali risultati furono letti da molti osservatori imparziali come una sconfitta.[95][96][97]

Molti alti ufficiali ed esperti militari del Pakistan criticarono, successivamente, la pianificazione fallimentare dell'Operazione Gibilterra, l'azione che li portò alla guerra. Venne criticata la Dichiarazione di Tashkent anche se solo pochi cittadini compresero la gravità della situazione al termine del conflitto, ed anche i politici pakistani furono contestati. In seguito all'opinione del ministro degli esteri Zulfikar Ali Bhutto, Ayub Khan aveva suscitato molte aspettative nella popolazione sulla superiorità, se non sulla invincibilità, delle forze armate, ma l'incapacità del Pakistan di raggiungere i suoi obiettivi militari determinarono una forte responsabilità politica in capo ad Ayub.;[98] A causa della sconfitta delle sue ambizioni sul Kashmir l'idea di invicibilità dell'esercito divenne una crescente opposizione.[99] Una delle conseguenze più importanti della guerra fu il rallentamento su vasta scala dell'economia pakistana.[100] I costi per la guerra del 1965 posero fine alla impressionante crescita economica vissuta dal pakistan durante gli anni 60'. Tra il 1964 ed il 1966 le spese per la difesa passarono dal 4,82% al 9,86% del PIL determinando un enorme sforzo per l'economia. Dal 1970 al 1971 le spese per la difesa rappresentavano il 55,66% della spesa pubblica.[101] Secondo i veterani, la guerra fu un enorme costo per il Pakistan, dal punto di vista economico, politico e militare.[102] Il teorico del nucleare Feroze Khan sosteneva l'idea secondo la quale la guerra del 1965 era l'ultimo tentativo per strappare il Kashmir con le forze militari e, a partire dall'inizio della guerra, la posizione del Pakistan nella comunità internazionale cominciò a deteriorarsi, soprattutto con gli Stati Uniti; dall'altro lato l'alleanza con la Cina migliorava.[102]

Il generale Tariq Majid ha riportato nelle sue memorie di veterano che Chou En-Lai, nel classico stile Sun Tzus, aveva avvisato il governo di: "andarci piano, non colpire l'India duramente; ed evitare una guerra sul Kashmir, per almeno 20 - 30 anni, fino a quando non avrai sviluppato l'economia e consolidato il tuo potere nazionale". Il generale Majid sosteneva nel suo libro "Eating Grass: The Making of the Pakistani Bomb" che la "sana filosofia e critica politica" era stata perduta in Pakistan e il conflitto con l'India ha portato alla perdita di moltissime risorse umane.[102] Il Pakistan fu sorpreso dello scarso supporto da parte degli Stati Uniti, uno Stato con la quale era stato firmato un Trattato di Cooperazione. Gli USA dichiararono la propria neutralità e tagliarono gli aiuti militari ad entrambi i paesi e ciò fece credere ad Islamabad di essere stata tradita dagli Stati Uniti.[103] Dopo la guerra, il Pakistan rivolse maggiore attenzione alla Cina come fonte di supporto politico e militare. Un ulteriore conseguenza negativa della guerra fu una crescita del risentimento nei confronti del governo centrale da parte del Pakistan est, l'attuale Bangladesh,[71] soprattutto per la forte attenzione del Pakistan ovest per il Kashmir.[104] I Leader bengalesi accusarono il governo di non aver provveduto ad un'adeguata sicurezza durante il conflitto e di aver sottratto molte risorse al Pakistan est per finanziare la guerra.[105] Difatti, molti attacchi dell'aeronautica pakistana furono lanciati proprio dalle basi nel Pakistan est, l'India non portò avanti delle rappresaglie in quel settore, nonostante fosse difeso soltanto da una divisione di fanteria, 16 aerei e nessun carro armato.[106] Sheikh Mujibur Rahman fu critico per la disparità delle risorse militari tra Pakistan est e Pakistan ovest e chiese maggiore autonomia per l'est, cosa che portò alla Guerra di liberazione bengalese ed ad un'altra guerra tra India e Pakistan nel 1971.

Riconoscimenti militari[modifica | modifica wikitesto]

Onori di battaglia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la guerra, le unità dell'esercito indiano furono assegnati 16 Onori di battaglia e 3 Theatre honours, di questi i più importanti sono[107]:

  • Jammu and Kashmir 1965 (theatre honour)
  • Punjab 1965 (theatre honour)
  • Rajasthan 1965 (theatre honour)
  • Assal Uttar
  • Burki
  • Kalidhar
  • Dograi
  • OP Hill
  • Hajipir
  • Phillora

Medaglie al valore[modifica | modifica wikitesto]

Per il coraggio dimostrato, ai seguenti soldati furono attribuite le più alte riconoscenze previste dagli Stati di appartenenza, la Param Vir Chakra per l'India e la Nishan-e-Haider per il Pakistan:

India[modifica | modifica wikitesto]

  • comandante di compagnia Havildar Abdul Hamid (postumo)
  • tenente colonnello Ardeshir Burzorji Tarapore (postumo)

Pakistan[modifica | modifica wikitesto]

  • maggiore Raja Aziz Bhatti Shaheed (Posthumous)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b globalsecurity.org Indo-Pakistan War of 1965
  2. ^ A study of crisis -Michael Brecher ; Jonathan Wilkenfeld
  3. ^ The times of India:Pak's intrusions on borders triggered 1965 war: Durrani
  4. ^ Bhushan, Chodarat. "Tulbul, Sir Creek and Siachen: Competitive Methodologies" South Asian Journal. March 2005
  5. ^ Defence Journal. Settembre 2000
  6. ^ Twentytwo Fateful Days: Pakistan Cut to Size di D.R. Mankekar
  7. ^ a b Underestimating india
  8. ^ Pakistan’s Endgame in Kashmir
  9. ^ Flight of the Falcon - Demolishing myths of Indo-Pak wars 1965 & 1971 di Sajad Haider
  10. ^ India-Pakistan war
  11. ^ Brigadier Desmond E Hayde, "The Battle of Dograi and Batapore", Natraj Publishers, New Delhi, 2006
  12. ^ Crossing Ichhogil Canal: How Lt-Col Hayde did it
  13. ^ Army cries out for a second railway line between Barmer and Jaisalmer
  14. ^ The Story of My Struggle By Tajammal Hussain Malik 1991, Jang Publishers, p. 78
  15. ^ Khaki Shadows by General K.M. Arif, Oxford University Press
  16. ^ John Fricker, "Pakistan's Air Power", Flight International issue published 1969, p. 89, retrieved: 3 November 2009
  17. ^ Pakistan's Air Power
  18. ^ The Debt Owed
  19. ^ Wings that stay on di EdwardV.Coggins
  20. ^ The Illustred directory of fighters di Mike Spick
  21. ^ Air Commodore M. Kaiser Tufail. "Run... It's a 104
  22. ^ John Fricker, "Pakistan's Air Power"
  23. ^ A history of the Pakistan army
  24. ^ milweb.com
  25. ^ The Battle for Ravi-Sutlej Corridor 1965 A Strategic and Operational Analysis
  26. ^ Seidenman Harrison, Selig (1978). The Widening Gulf: Asian Nationalism and American Policy
  27. ^ agerty, Devin T. The Consequences of Nuclear Proliferation: Lessons from South Asia
  28. ^ Heginbotham, Stanley J; Wriggins, William Howard (1971). India and Japan: The Emerging Balance of Power in Asia. Columbia University East Asian Institute
  29. ^ Zaloga, Steve; Laurier, Jim. The M47 and M48 Patton tanks
  30. ^ Pakistan Intelligence, Security Activities & Operations Handbook By IBP USA
  31. ^ India's Quest for Security: defence policies, 1947-1965 By Lorne John Kavic, 1967, University of California Press, pp 190
  32. ^ Working paper, Issue 192, Australian National University. Strategic and Defence Studies Centre, Research School of Pacific Studies, Australian National University, 1989
  33. ^ India's Foreign Policy, Ghosh Anjali, Dorling Kindersley Pvt Ltd
  34. ^ Transition to triumph: history of the Indian Navy, 1965-1975
  35. ^ South Asia's Nuclear Security Dilemma: India, Pakistan, and China By Lowell Dittmer, pp 77
  36. ^ The Indian End of the Telescope: India and Its Navy
  37. ^ Pakistan And Its Three Wars
  38. ^ a b Operation Gibraltar
  39. ^ a b The fighter gap
  40. ^ defencejournal.com-The way it was
  41. ^ Asia: Ending the Suspense
  42. ^ Remembering Our Warriors Brig (Retd) Shamim Yasin Manto S.I.(M), S.Bt
  43. ^ a b CEASEFIRE AND AFTER
  44. ^ Grand Slam—A Battle of Lost Opportunities
  45. ^ onwar
  46. ^ Official history of IAF in 1965 war
  47. ^ Indian Air Force Losses - 1965 War
  48. ^ Fiza ya, Psyche of the Pakistan Air Force. Himalayan Books
  49. ^ Library of Congress Country Studies, United States of America. April 1994
  50. ^ TIME-Asia: Silent Guns, Wary Combatants
  51. ^ a b Hagerty, Devin. South Asia in world politics. Rowman & Littlefield, 2005
  52. ^ Dijkink, Gertjan. National identity and geopolitical visions: maps of pride and pain. Routledge, 1996
  53. ^ India by Stanley Wolpert. Published: University of California Press, 1990
  54. ^ The rise of Pakistan's army
  55. ^ Johnson, Robert. A region in turmoil: South Asian conflicts since 1947. Reaktion Books, 2005
  56. ^ William M. Carpenter, David G. Wiencek. Asian security handbook: terrorism and the new security environment. M.E. Sharpe, 2005.
  57. ^ John Keay. India: A History. Grove Press, 2001
  58. ^ Uk Heo, Shale Asher Horowitz. Conflict in Asia: Korea, China-Taiwan, and India-Pakistan. Greenwood Publishing Group, 2003
  59. ^ Newsweek 20 settembre 1965
  60. ^ Fortna, Virginia. Peace time: cease-fire agreements and the durability of peace. Princeton University Press, 2004
  61. ^ Dilger, Robert. American transportation policy. Greenwood Publishing Group, 2003.
  62. ^ "Kashmir in Conflict: India, Pakistan and the Unending War" di Victoria Schofield Published 2003
  63. ^ Daily Times CONTROVERSY: Why Gohar Ayub is wrong about 1965 —Khalid Hasan
  64. ^ Can the ISI change its spots? di Akhtar Payami, pubblicato sul giornale pakistano DAWN del 7 ottobre 2006
  65. ^ dnaindia.com Musharraf buys all-copies of sensitive 65 war book
  66. ^ TIME Asia: A Cease-Fire of Sorts
  67. ^ The India-Pakistan Air War of 1965", Jagan Mohan e Samir Chopra, Manohar Publications, New Delhi, 2005
  68. ^ Dayli Times:Musharraf, the ‘poor man’s Ataturk’
  69. ^ The Crisis Game: Simulating International Conflict di Sidney F. Giffin
  70. ^ 1965 decided fate of the subcontinent
  71. ^ a b Stephen Philip Cohen (2004). The Idea of Pakistan. Brookings Institution Press
  72. ^ Noor Khan for early end to army rule
  73. ^ The Times of India-A word from Pak: 1965 was "wrong"
  74. ^ Daily times-Editorial: The army and the people
  75. ^ Defence journal:The Pakistan Army from 1965 to 1971
  76. ^ Library of Congress Country Studies
  77. ^ a b Library of Congress Country Studies
  78. ^ storyofpakistan.com:Indo-Pak War (Defence Day)
  79. ^ Asymmetric Conflicts By T. V. Paul Cambridge University Press 1994
  80. ^ Asia: Silent Guns, Wary Combatants
  81. ^ Britannica.com
  82. ^ Sunday Times, London. 19 September 1965
  83. ^ Black, Jeremy. War in the modern world since 1815. Rowman & Littlefield, 2005
  84. ^ Perkovich, George. India's nuclear bomb: the impact on global proliferation. University of California Press, 1999
  85. ^ Title: India and the United States estranged democracies, 1941–1991
  86. ^ Brzoska, Michael. Women's and Gender History in Global Perspective. Univ of South Carolina Press, 1994
  87. ^ Sharma, Ram. India-USSR relations. Discovery Publishing House, 1999
  88. ^ Duncan, Peter. The Soviet Union and India. Routledge, 1989
  89. ^ Zeev, Maoz. Paradoxes of war: on the art of national self-entrapmen. Routledge, 1990
  90. ^ Insurgents, Terrorists, and Militias: The Warriors of Contemporary Combat Richard H. Shultz, Andrea Dew: "The Martial Races Theory had firm adherents in Pakistan and this factor played a major role in the under-estimation of the Indian Army by Pakistani soldiers as well as civilian decision makers in 1965."
  91. ^ An Analysis The Sepoy Rebellion of 1857-59
  92. ^ Rais, Rasul Bux. The Indian Ocean and the superpowers: economic, political and strategic perspectives. Routledge, 1986
  93. ^ Pakistan's Air Power", Flight International, pubblicato il 5 maggio 1984 (page 1208)
  94. ^ Battle for Pakistan: the air war of 1965 di John Fricker
  95. ^ Profile of Pakistan-Dipartimento di Stato USA
  96. ^ Pakistan's assertive regional strategy in the House of Representatives
  97. ^ South Asia in World Politics By Devin T. Hagerty, 2005 Rowman & Littlefield
  98. ^ Hassan Abbas (2004). Pakistan's Drift Into Extremism: Allah, the Army, and America's War on Terror. M.E. Sharpe. p. 52
  99. ^ BBC:The rise of Pakistan's army
  100. ^ Second opinion: The insidious logic of war
  101. ^ Greg Cashman, Leonard C. Robinson. An introduction to the causes of war: patterns of interstate conflict from World War I to Iraq. Rowman & Littlefield, 2007
  102. ^ a b c Khan, Feroz Hassan. "The Reluctant Phase". Eating grass : the making of the Pakistani bomb. Stanford, California: Stanford University Press. pp. 45–48
  103. ^ Richard N. Haass "Economic Sanctions and American Diplomacy", 1998, Council on Foreign Relations
  104. ^ Makers of Modern Strategy: From Machiavelli to the Nuclear Age By Peter Paret, 1986, Oxford University Press
  105. ^ Rounaq Jahan (1972). Pakistan: Failure in National Integration. Columbia University Press
  106. ^ The Pakistan Army From 1965 to 1971
  107. ^ Battle Honours of the Indian Army 1757 - 1971. New Delhi: Vision Books

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]