Guerra dello Utah

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Guerra dello Utah
Data marzo 1857 - luglio 1858
Luogo Utah ed alcune zone del Wyoming
Esito Brigham Young fu sostituito come Governatore del territorio. Le accuse di sedizione e tradimento rivolte verso i cittadini dello Utah dal Presidente James Buchanan caddero quando questi accettarono l'autorità federale degli Stati Uniti.
Schieramenti
Comandanti
Effettivi
2.500 Sconosciuto
Perdite
38 Sconosciute
Perdite civili: 126 uccisi
Voci di guerre presenti su Wikipedia

La Guerra dell'Utah (in inglese Utah War), nota anche come la Spedizione dell'Utah (Utah Expedition), la Gaffe di Buchanan (Buchanan's Blunder)[1], la Guerra mormone (Mormon War)[2] o la Ribellione mormone (Mormon Rebellion)[3] fu un confronto armato tra i coloni mormoni nei territori dello Utah e le forze armate del governo federale degli Stati Uniti. Tale confronto durò dal maggio 1857 al luglio 1858. Anche se vi furono delle vittime, principalmente civili non-mormoni, la "guerra" non ebbe battaglie, e fu risolta tramite trattativa.

Panoramica[modifica | modifica sorgente]

Dal 1857 al 1858, l'amministrazione del presidente James Buchanan cercò di reprimere quella che avvertivano come una ribellione nel territorio dello Utah da parte dei coloni mormoni. Il presidente mandò là forze armate statunitensi, ciò fu conosciuto come la Spedizione dello Utah. I mormoni, timorosi che una grande forza militare statunitense fosse stata mandata per annientarli, bloccarono l'entrata dell'esercito nella Salt Lake Valley. Sebbene il confronto tra la milizia mormone, chiamata la Legione Nauvoo, e l'esercito degli Stati Uniti provocarono alcune distruzioni di proprietà e a poche brevi schermaglie in quello che è l'attuale Wyoming sudoccidentale, non avvenne nessuna battaglia tra le due forze militari rivali.

Nonostante ciò, il confronto non fu incruento. Al massimo delle tensioni, l'11 settembre 1857, più di 120 coloni diretti in California, dall'Arkansas, dal Missouri e da altri stati, compresi uomini disarmati, donne e bambini, furono uccisi nel lontano Utah sudoccidentale da un gruppo di miliziani mormoni locali. Questi sostennero che i migranti erano stati uccisi da nativi americani. Questo evento sarà successivamente chiamato il massacro di Mountain Meadows. Questo incidente si potrebbe collegare alle paure dei mormoni con riferimento all'avvicinarsi dell'esercito federale. Alcuni storici conclusero che le uccisioni furono un'anomalia istigata da una direttiva locale isolato geograficamente e paranoico, che agiva senza che la gerarchia mormone a Salt Lake City ne fosse a conoscenza. Altri sostengono che c'era una cospirazione più ampia, di cui il direttivo era a conoscenza. Altri suggeriscono che i mormoni uccisero il gruppo per saccheggiarlo.[4]

Il massacro di Aiken avvenne il mese seguente. Nell'ottobre 1857, i mormoni fermarono sei californiani che viaggiavano per lo Utah e li accusarono si essere delle spie dell'esercito statunitense. Furono rilasciati, ma successivamente furono assassinati e derubati del loro bestiame e di 25.000 $.[5][6][7]. anche altri incidenti violenti sono connessi alla Guerra dello Utah, compreso un attacco indiano alla missione dei Santi degli ultimi giorni di Fort Lemhi nel Territorio dell'Oregon orientale. Uccisero due mormoni e ne ferirono molti altri. Lo storico Brigham Madsen annota

(EN)
« [T]he responsibility for the [Fort Limhi raid] lay mainly with the Bannock. »
(IT)
« La responsabilità per [l'incursione di Fort Limhi] risiede principalmente nella tribù dei Bannock»
(Brigham Madsen[8])

David Bigler conclude che l'incursione fu probabilmente istigata dai membri della spedizione dello Utah che stavano cercando di riempire di nuovo le proprie riserve di bestiame che era stato rubato dai raziatori mormoni.[9][10]. Considerando tutti gli incidenti, MacKinnon stima che approssimativamente 150 persone morirono come diretto risultato della Guerra dell'Utah, che durò un anno, compresi i 120 migranti uccisi alle Mountain Meadows. Egli evidenzia che questo numero era vicino a quello delle persone uccise durante la contemporanea lotta, durata sette anni, nel Bleeding Kansas."[11] Alla fine, i negoziati tra gli Stati Uniti e i Santi degli ultimi giorni portarono in una completa grazia per i mormoni, il trasferimento del governatorato dello Utah dal presidente della Chiesa Brigham Young al non-mormone Alfred Cumming, e l'ingresso pacifico dell'esercito statunitense nello Utah.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Richard D. Poll e Ralph W. Hansen. "'Buchanan's Blunder' The Utah War, 1857-1858", in Military Affairs 25, 3 (1961): 121-131
  2. ^ New York Times. 19 maggio 1858 The Mormon War (in formato PDF)
  3. ^ New York Times, 16 febbraio 1858 The Mormon Rebellion (in formato PDF)
  4. ^ Will Bagley sostiene la tesi che il profeta Brigham Young ebbe una complicità diretta nell'incidente. Sally Denton sostiene che il massacro avvenne come il risultato di semplice avidità, mentre Richard Turley conclude che la colpa der il massacro sta nel direttivo locale geograficamente lontano e furioso, e crede che Young avrebbe fermato il massacro se avesse potuto.
  5. ^ Bancroft, Hubert Howe. History of Utah, 1540-1886 (1889) Chapter XX. pp. 562-563
  6. ^ History Cooperative | A short history of nearly everything! [collegamento interrotto]
  7. ^ "Brigham Young and Wild Bill Hickman", Salt Lake City Messenger, Newsletter #77, February 1991, Utah Lighthouse Ministry
  8. ^ William G. Hartley, "Dangerous Outpost: Thomas Corless and the Fort Limhi/Salmon River Mission", Mormon Historical Studies,autunno 2001, pp 135-162.
  9. ^ David L. Bigler, Fort Limhi: The Mormon Adventure in Oregon Territory, 1855-1858
  10. ^ Leonard Arrington, Brigham Young: American Moses, 255
  11. ^ William P. MacKinnon, "Loose in the Stacks: A Half Century with the Utah War and Its Legacy", Dialogue: A Journal of Mormon Thought, Vol. 40, No. 1, 43, 60.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]