Fringillidae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Fringillidi
Fringilla coelebs (Chaffinch-Buchfink).jpg
Fringilla coelebs
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Superphylum Deuterostomia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Infraphylum Gnathostomata
Superclasse Tetrapoda
Classe Aves
Sottoclasse Neornithes
Superordine Neognathae
Ordine Passeriformes
Sottordine Oscines
Infraordine Passerida
Famiglia Fringillidae
Leach, 1820
Sottofamiglie

I fringillidi (Fringillidae Leach, 1820) sono una famiglia di uccelli appartenente all'ordine dei passeriformi.[1]

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Forma del becco e della lingua dei drepanidini.

I fringillidi variano per dimensione dai 9,5 cm e 8,4 g del lucarino delle Ande (Spinus spinescens) ai 23 cm e 80 g del frosone dal collare (Mycerobas affinis).[senza fonte]

Generalmente hanno becchi tozzi e robusti, in alcune specie anche piuttosto grossi; tuttavia, i drepanidini delle Hawaii sono famosi per la vasta gamma di becchi di forme e dimensioni diverse, frutto della radiazione adattativa. Tutti i fringillidi possiedono 12 remiganti e 9 penne rettrici. I colori base del piumaggio sono il marrone e il verdognolo; molte specie presentano anche vaste aree di colore nero, mentre il bianco è generalmente assente, tranne che per alcune bande sulle ali e altri simili segni distintivi. I pigmenti carotenoidi gialli e rossi brillanti sono molto comuni in questa famiglia, e così i colori strutturali azzurri sono piuttosto rari, dato che i pigmenti gialli trasformano l'azzurro in verde. Molte specie presentano un marcato dicromatismo sessuale: le femmine di solito sono prive del piumaggio brillante dei maschi[2][3].

Biologia[modifica | modifica sorgente]

I fringillidi abitano generalmente in aree ben forestate, ma alcuni si spingono anche sui monti o perfino nei deserti. Sono prevalentemente granivori, ma i drepanidini delle Hawaii hanno evoluto becchi speciali per utilizzare una più vasta gamma di fonti alimentari, nettare compreso. Durante la nidificazione, però, i fringillidi si nutrono anche di piccoli artropodi. Hanno volo vivace come quasi tutti i piccoli passeriformi, alternando veloci battiti d'ala a planate effettuate ad ali chiuse. Sono tutti ottimi cantori e molti di essi sono divenuti comuni uccelli da voliera; tra questi, il più famoso è il canarino domestico (Serinus canaria domestica). I nidi sono a forma di cesta e vengono di solito costruiti sugli alberi o, più raramente, tra i cespugli e le rocce[2][3].

Tassonomia[modifica | modifica sorgente]

Il Congresso Ornitologico Internazionale (2014) assegna alla famiglia Fringillidae 52 generi e 219 specie (di cui 13 ormai estinte).[1]

Recenti studi filogenetici hanno portato alla suddivisione della famiglia in tre sottofamiglie: Fringillinae, Carduelinae ed Euphoniinae [4]. La sottofamiglia Drepanidinae, riconosciuta dalle precedenti classificazioni, è oggi declassata al rango di tribù della sottofamiglia Carduelinae (Drepanidini). Tra i Carduelini, i due generi tradizionalmente più numerosi, Carduelis e Serinus, si sono rivelati raggruppamenti polifiletici e pertanto sono stati smembrati dando vita ai generi Acanthis, Chloris, Chrysocorythus, Crithagra, Linaria e Spinus.[5]
Alla luce di tali acquisizioni la classificazione attuale dei Fringillidi risulta la seguente:[1][4]

Sottofamiglia Fringillinae[modifica | modifica sorgente]

Fringuello comune (Fringilla coelebs)

Sottofamiglia Carduelinae[modifica | modifica sorgente]

Tribù Coccothraustini[modifica | modifica sorgente]

Tribù Pyrrhulini[modifica | modifica sorgente]

Ciuffolotto delle pinete (Pinicola enucleator)
Ciuffolotto eurasiatico (Pyrrhula pyrrhula)
Fringuello roseo capogrigio (Leucosticte tephrocotis)

Tribù Carpodacini[modifica | modifica sorgente]

Ciuffolotto scarlatto (Carpodacus erythrinus)

Tribù Drepanidini[modifica | modifica sorgente]

Kakawahie † (Paroreomyza flammea)
Mamo delle Hawaii † (Drepanis pacifica)

Tribù Carduelini[modifica | modifica sorgente]

Fringuello delle case (Haemorhous mexicanus)
Verdone orientale (Chloris sinica)
Canarino solferino (Crithagra sulphurata)
Fanello eurasiatico (Linaria cannabina)
Fanello nordico (Linaria flavirostris)
Organetto comune (Acanthis flammea)
Crociere comune (Loxia curvirostra)
Cardellino europeo (Carduelis carduelis)
Verzellino comune (Serinus serinus)
Cardellino americano (Spinus tristis)

Sottofamiglia Euphoniinae[modifica | modifica sorgente]

Eufonia golaverde (Euphonia chalybea)
Eufonia monaca (Euphonia elegantissima)

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c (EN) Gill F. and Donsker D. (eds), Family Fringillidae in IOC World Bird Names (ver 4.2), International Ornithologists’ Union, 2014. URL consultato l'11 maggio 2014.
  2. ^ a b Newton 1973, op. cit.
  3. ^ a b Clement et al. 1993, op. cit.
  4. ^ a b Zuccon D, Prys-Jones R, Rasmussen PC and Ericson PGP, The phylogenetic relationships and generic limits of finches (Fringillidae) in Mol. Phylogenet. Evol., vol. 62, 2012, pp. 581-596.
  5. ^ Nguembock B, Fjeldså J, Couloux A, Pasquet E, Molecular phylogeny of Carduelinae (Aves, Passeriformes, Fringillidae) proves polyphyletic origin of the genera Serinus and Carduelis and suggests redefined generic limits in Molecular phylogenetics and evolution, vol. 51, nº 2, 2009, pp. 169-181, DOI:10.1016/j.ympev.2008.10.022.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Newton I, Finches (New Naturalist series), Taplinger Publishing, 1973, ISBN 0-8008-2720-1.
  • Clement P, Harris A & Davis J, Finches and Sparrows: an identification guide, London, Christopher Helm, 1993, ISBN 0-7136-8017-2.
  • Clement P., Finches and Sparrows, Princeton University Press, 1999, ISBN 978-0-691-04878-9.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]