Fausto Salsano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Fausto Salsano
Fausto Salsano.jpg
Dati biografici
Nazionalità Italia Italia
Altezza 167 cm
Peso 60 kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Allenatore (ex centrocampista)
Squadra Inter Inter (Ass. tecnico)
Ritirato 2000 - giocatore
Carriera
Giovanili
1975-1979 Pistoiese Pistoiese
Squadre di club1
1979-1981 Sampdoria Sampdoria 0 (0)
1981-1982 Empoli Empoli 23 (3)
1982-1984 Parma Parma 61 (5)
1984-1990 Sampdoria Sampdoria 172 (15)
1990-1993 Roma Roma 74 (5)
1993-1998 Sampdoria Sampdoria 105 (1)
1998-2000 Spezia Spezia 32 (5)
2000 Sestrese Sestrese 4 (0)
2000 Imperia Imperia 0 (0)
Carriera da allenatore
2000 Imperia Imperia
2001-2002 Catania Catania (Vice)
2002 Florentia Viola Florentia Viola (Vice)
2004-2008 Inter Inter (Ass. tecnico)
2009-2013 Manchester City Manchester City (Ass. tecnico)
2013-2014 Galatasaray Galatasaray (Ass. tecnico)
2014- Inter Inter (Ass. tecnico)
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 30 settembre 2014

Fausto Salsano (Cava de' Tirreni, 19 dicembre 1962) è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, assistente tecnico di Roberto Mancini all'Inter.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Cresciuto nella Pistoiese, viene acquistato dalla Sampdoria nel 1979 e aggregato alla Primavera. Dopo due esperienze in prestito con l'Empoli e con il Parma, torna all'ombra della Lanterna dove diviene una pedina del centrocampo e in cinque stagioni conquista tre Coppa Italia e una Coppa delle Coppe, segnando la rete decisiva nella Coppa Italia 1987-1988 con un gol da fuori area nei supplementari di Torino-Sampdoria e nella vittoria doriana a Göteborg in finale di Coppa delle Coppe 1989-1990 contro l'Anderlecht.[senza fonte]

Nel 1990 passa alla Roma dove rimane per tre stagioni, centrando la sua quarta Coppa Italia. Nel 1993 torna alla Sampdoria con cui conquista la sua quinta Coppa Italia che lo pone al secondo posto tra i plurivincitori di questa competizione dopo Roberto Mancini a quota sei.[senza fonte]

Nel 1998 lascia la Samp, ma non la Liguria, scendendo di categoria con lo Spezia Calcio dove disputa le sue due ultime stagioni da professionista.

Nel 2000 firma per la Sestrese ma la sua esperienza dura poco. L'11 novembre 2000 va all'Imperia come giocatore-allenatore[senza fonte], senza però mai giocare.

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Anche qui l'esperienza dura molto poco (allenatore fino al 17 dicembre 2000 e calciatore fino al 31 dicembre 2000). Le esperienze in panchina che seguono lo vedono collaborare con due suoi ex-compagni di squadra: Pietro Vierchowod, di cui è il secondo col Catania (dal 18 dicembre 2001 al 22 aprile 2002) e con la Florentia Viola nella stagione disputata in C2 (dal 10 agosto al 28 ottobre 2002), e Roberto Mancini di cui è stato collaboratore tecnico per tutta la durata della sua esperienza sulla panchina dell'Inter (dal 7 luglio 2004 al 29 maggio 2008).

Segue Mancini anche al Manchester City (2009-2013), al Galatasaray (2013-2014) e di nuovo all'Inter (2014).

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Parma: 1983-1984
Sampdoria: 1984-1985, 1987-1988, 1988-1989, 1993-1994
Roma: 1990-1991
Spezia: 1999-2000

Competizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Sampdoria: 1989-1990

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Dario Marchetti (a cura di), Fausto Salsano in Enciclopediadelcalcio.it, 2011.
  • Fausto Salsano in TuttoCalciatori.Net, Ascoli Piceno, Norz Srl.