Edvard Beneš

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Edvard Beneš
Edvard Beneš.jpg

Presidente della Cecoslovacchia
Durata mandato 18 dicembre 1935 –
5 ottobre 1938
Predecessore Tomáš Garrigue Masaryk
Successore Emil Hácha

Durata mandato 28 ottobre 1945 –
7 giugno 1948
Predecessore Emil Hácha
Successore Klement Gottwald

Presidente della Cecoslovacchia
in esilio
Durata mandato 1940 –
2 aprile 1945

Presidente dell'Assemblea generale della Società delle Nazioni
Durata mandato 1935 –
1936
Predecessore Francisco Castillo Najera
Successore Carlos Saavedra Lamas

Primo ministro della Cecoslovacchia
Durata mandato 26 settembre 1921 –
7 ottobre 1922
Presidente Tomáš Garrigue Masaryk
Predecessore Jan Černý
Successore Antonín Švehla

Dati generali
Partito politico Partito Sociale Nazionale Ceco

Edvard Beneš (ascolta[?·info]; Kožlany, 28 maggio 1884Sezimovo Ústí, 3 settembre 1948) è stato un politico cecoslovacco, particolarmente importante durante il periodo di transizione del suo paese fra l'Impero Asburgico ed il Blocco sovietico, in bilico fra Oriente ed Occidente.

Nato in un villaggio vicino a Rakovník (60 km a ovest di Praga), fu tra i principali collaboratori di Tomáš Masaryk nella direzione del movimento per l'indipendenza cecoslovacca, e allo scoppio della prima guerra mondiale svolse opera di agitazione fra i giovani perché disertassero dall'esercito asburgico.

Rifugiatosi a Parigi, organizzò corpi di volontari per combattere contro l'Austria, e nel 1918 divenne ministro degli Esteri del nuovo Stato cecoslovacco. Conservò questa carica per 17 anni, e nel 1921-22 fu anche Presidente del Consiglio. La sua politica fu di accentuata amicizia con la Francia e il Regno Unito, e nello stesso tempo di costituire un blocco antiaustriaco ed antitedesco, la Piccola Intesa, formato da Cecoslovacchia, Jugoslavia e Romania.

Per quanto riguarda le minoranze etniche presenti nel nuovo stato cecoslovacco, Beneš non rispettò le clausole dei Trattati di Pace di Parigi e portò avanti una politica di assimilazione forzata di ungheresi e tedeschi[1]. Questa politica crollò con il patto di Monaco, in cui Francia ed Inghilterra accettarono l'annessione della regione dei Sudeti alla Germania nazista. Beneš, che dal 1935 era diventato Presidente della Repubblica, si dimise. Questo comportò la fine della Prima Repubblica cecoslovacca.

Durante la Seconda guerra mondiale ricostruì a Londra il governo cecoslovacco in esilio, e rientrò in patria nel 1945, in una situazione molto mutata: il suo paese faceva ormai parte della sfera di influenza sovietica, e Beneš tentò una politica di amicizia con l'URSS e di collaborazione con i comunisti all'interno. Voleva fare del suo Paese un ponte tra oriente ed occidente: il colpo di Stato comunista del 1948 fece fallire il suo difficile progetto. Messo di fronte alla nuova Costituzione comunista, Beneš non volle firmarla, ed il 7 giugno 1948 si dimise. Morì poco dopo di emorragia cerebrale mentre si trovava nella sua villa di Sezimovo Ústí (Boemia del Sud).

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Gran Maestro dell'Ordine del Leone Bianco - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine del Leone Bianco

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Claudio Cerreti e Nadia Fusco, Geografia e minoranze, Carocci, Roma, 2007, 136-141

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 39418979 LCCN: n81138354

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie