Zdeněk Fierlinger

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Zdeněk Fierlinger

Zdeněk Fierlinger (Olomuc, 11 luglio 1891Praga, 2 maggio 1976) è stato un politico e diplomatico cecoslovacco, primo ministro della Cecoslovacchia dall’aprile 1945 al 2 luglio 1946.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Proveniente da una famiglia dell’alta borghesia, durante la prima guerra mondiale si arruola nella legione cecoslovacca e combatte nella battaglia di Zborov del 1917.

Al termine della guerra entra nel servizio diplomatico della neonata Repubblica cecoslovacca e serve come ambasciatore in Romania, Svizzera, Austria, negli Stati Uniti e nei Paesi Bassi. Stringe amicizia con Edvard Beneš e nel 1924 si iscrive al Partito Social Democratico Ceco.

In Unione Sovietica[modifica | modifica sorgente]

Dal 1937 al 1945 ricopre la carica di ambasciatore in Unione Sovietica. A Mosca conosce il leader del partito comunista cecoslovacco Klement Gottwald.

Primo Ministro[modifica | modifica sorgente]

Poco prima della fine della seconda guerra mondiale Fierlinger viene nominato capo del governo in esilio cecoslovacco, mantenendo la carica fino alle elezioni del 1946.

Dal 1946 al 1948 fu presidente del partito socialdemocratico e, dopo il colpo di Stato comunista del 1948 propose un’unificazione tra socialdemocratici e comunisti diventando membro del comitato centrale del partito comunista cecoslovacco.

Al governo[modifica | modifica sorgente]

Durante la dittatura comunista, Fierlinger ricoprì varie cariche di governo: vice-primo ministro dal 1948 al 1953, Ministro di Stato per gli Affari Religiosi dal 1951 al 1953 e presidente del Parlamento dal 15 ottobre 1953 al 23 giugno 1964.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Rainer Karlsch, Zbynek Zeman: Urangeheimnisse – Das Erzgebirge im Brennpunkt der Weltpolitik 1933–1960, ISBN 3-86153-276-X, S. 74

Controllo di autorità VIAF: 75415194 LCCN: n/88/212967