Tomáš Masaryk

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Tomáš Masaryk
Tomáš G Masaryk1918.jpg

Presidente della Cecoslovacchia
Durata mandato 14 novembre 1918 –
14 dicembre 1935
Predecessore Carica creata
Successore Edvard Beneš

Tomáš Garrigue Masaryk (Hodonín, 7 marzo 1850Lány, 14 settembre 1937) è stato un sociologo, filosofo e politico cecoslovacco, famoso per essere stato il fondatore e primo presidente della Cecoslovacchia. Fondò anche l'Università di Brno, che in seguito fu rinominata Masarykova univerzita in suo onore.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Masaryk nacque a Hodonín (allora chiamata con il nome tedesco di Göding), in Moravia, all'epoca parte dell'impero austro-ungarico, da padre cocchiere e madre cuoca. Da giovane venne avviato al mestiere di fabbro. Studiò successivamente a Brno, Lipsia, dove conobbe Edmund Husserl, e a Vienna (1872-1876 con Franz Brentano). Nel 1876 ottenne il dottorato e nel 1879 l'abilitazione all'insegnamento universitario con una tesi sul suicidio.

Venne chiamato nel 1882 alla cattedra di filosofia della nuova università ceca a Praga. L'anno successivo iniziò a pubblicare la rivista Athenaeum, volta a sprovincializzare l'ambiente culturale del suo paese. Contribuì a smascherare falsi manoscritti in ceco antico e si oppose a pregiudizi razziali e antisemiti. Nel 1878 aveva sposato la musicologa statunitense di origine ugonotta Charlotte Garrigue associandone il cognome al fine di sostenere la sua lotta per l'emancipazione femminile. Di qui la sigla TGM (Tomáš Garrigue Masaryk).

Del 1900 è la fondazione del Partito popolare ceco poi "progressista", ma al Parlamento di Vienna viene eletto con il concorso dei voti socialdemocratici. Allo scoppio della prima guerra mondiale scelse l'esilio e fu l'Italia il primo paese a offrirgli il permesso di soggiorno. Fece tappa a Venezia e si fermò a Roma tra il dicembre 1914 e il gennaio 1915. Quindi partì alla volta di Ginevra, Parigi e Londra, dove continuò la sua attività per la creazione di uno stato cecoslovacco. Nel 1917 andò in Russia per organizzare la Legione cecoslovacca, che avrebbe dovuto essere impiegata sul fronte occidentale, ma di fatto divenne il primo nucleo delle forze controrivoluzionarie occidentali contro i bolscevichi.

Da Vladivostok via Tokyo raggiunse gli Stati Uniti, dove entrò in contatto con il presidente Woodrow Wilson e gli prospettò le ragioni della sua causa. Il 30 maggio 1918 firmò a Pittsburgh l'accordo che sanciva la nascita di uno stato comune dei cechi e degli slovacchi con parità di diritti. Dopo la caduta dell'Impero austro-ungarico, l'Assemblea nazionale provvisoria il 14 novembre 1918 lo elesse primo presidente della Repubblica cecoslovacca. Venne successivamente confermato nel 1920, nel 1927 e nel 1934. Si dimise nel 1935 per ragioni di salute e gli succedette il suo migliore allievo e collaboratore Edvard Beneš.

Per quanto riguarda le minoranze etniche inserite nel nuovo stato, l'ordinamento cecoslovacco, pur essendo di stampo centralistico, attribuì ad esse diritti senz'altro superiori a quelli stabiliti da altri paesi, per esempio la Polonia, la Romania, la Jugoslavia e l'Italia fascista. Prova ne sia che due ministri della minoranza tedesca dei Sudeti furono sempre nel governo di Praga dal 1926 al 1938.[1] L'opera programmatica di T.G. Masaryk La Nuova Europa. Il punto di vista slavo è uscita in italiano per le Edizioni Studio Tesi (ora distribuito dalle Edizioni Mediterranee di Roma) a cura di Francesco Leoncini. Suo figlio, Jan Masaryk, fu ministro degli Esteri nel governo in esilio di Beneš (1940-1945) e successivamente in quello di Klement Gottwald fino al 10 marzo 1948, quando venne trovato morto nel cortile di Palazzo Cernin, sede del Ministero.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere dell'Ordine dell'Elefante (Danimarca) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine dell'Elefante (Danimarca)
— 1925
Cavaliere dell'Ordine dell'Aquila bianca (Polonia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine dell'Aquila bianca (Polonia)
— 1925

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ F. Leoncini, La questione dei Sudeti 1918-1938, Libreria Editrice Cafoscarina 2005.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 56651696 LCCN: n80086389