Diocesi di Beja

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Diocesi di Beja
Dioecesis Beiensis
Chiesa latina
Beja.cathedral.jpg
Suffraganea dell' arcidiocesi di Évora
Vescovo António Vitalino Fernandes Dantas, O.Carm.
Coadiutore José dos Santos Marcos
Sacerdoti 55 di cui 43 secolari e 12 regolari
3.383 battezzati per sacerdote
Religiosi 12 uomini, 59 donne
Diaconi 5 permanenti
Abitanti 223.200
Battezzati 186.100 (83,4% del totale)
Superficie 12.300 km² in Portogallo
Parrocchie 119 (6 vicariati)
Erezione 10 luglio 1770
Rito romano
Cattedrale San Giacomo il Maggiore
Santi patroni San Giuseppe lavoratore
Indirizzo Rua D. Afonso Henriques 1A, 7800-049 Beja; Apartado 94, 7800-902 Beja, CODEX, Portugal
Sito web www.diocese-beja.pt
Dati dall'Annuario Pontificio 2013 * *
Chiesa cattolica in Portogallo

La diocesi di Beja (in latino: Dioecesis Beiensis) è una sede della Chiesa cattolica suffraganea dell'arcidiocesi di Évora. Nel 2012 contava 186.100 battezzati su 223.200 abitanti. È attualmente retta dal vescovo António Vitalino Fernandes Dantas, O.Carm.

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

La diocesi comprende il distretto di Beja e tre comuni (concelhos) del distretto di Setúbal (Grândola, Santiago do Cacém e Sines).

Sede vescovile è la città di Beja, dove si trova la cattedrale di San Giacomo il Maggiore.

Il territorio si estende su 12.300 km² ed è suddiviso in 119 parrocchie, raggruppate in 6 arcipreture: Almodôvar, Beja, Cuba, Moura, Odemira e Santiago do Cacém.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La diocesi di Beja trae origine dall'antica diocesi di Pax Iulia, nella provincia romana della Lusitania, suffraganea dell'arcidiocesi di Emerita Augusta. Di questa antica sede episcopale, forse eretta nel IV secolo come testimonierebbero le emergenze archeologiche, si conoscono i nomi di sette vescovi, che presero parte ai concili dell'epoca visigotica dal 531 al 693. Il primo vescovo certo è sant'Apríngio, di cui parla Isidoro di Siviglia e autore di un commento al libro dell'Apocalisse. Cronache medievali, riprese da autori del Cinquecento e del Seicento, aggiungono i nomi di altre tre vescovi (Domiciano, Urso e Isidoro), di cui tuttavia non si hanno riscontri storici. Negli atti degli ultimi concili di Toledo si trova la dicitura episcopus Pacensis o ecclesia Pacensis, indizio che la città aveva perso il suo nome romano ed acquisito quello di Pace, che diventerà Beja in epoca araba. Proprio con l'arrivo degli Arabi si interruppe la successione dei vescovi e la diocesi venne de facto soppressa.

Il primo tentativo di restaurare l'antica sede episcopale Pacensis fu fatto nel XVI secolo per opera del cardinale Enrico, arcivescovo di Évora, che propose di dividere la sua immensa arcidiocesi, con la creazione di due sedi episcopali a Beja e a Elvas, a profitto di una migliore azione pastorale. Il progetto trovò la viva opposizione del capitolo della cattedrale, il quale tuttavia non riuscì a fermare la creazione della diocesi di Elvas (1570). Beja per il momento rimase ancora soggetta a Évora.

L'attuale diocesi fu eretta il 10 luglio 1770 con il bolla Agrum universalis Ecclesiae di papa Clemente XIV, ricavandone il territorio dall'arcidiocesi di Évora. Divenne cattedrale la chiesa del collegio dei Gesuiti, dedicata a San Sizenando. Alla nuova diocesi fu dato il nome ecclesiastico di ecclesia Beiensis perché, per una errata interpretazione delle fonti storiche, il titolo Pacensis era stato attribuito alla chiesa di Badajoz, ritenuta l'erede della dioecesis Pacensis dell'epoca visigotica.

Primo vescovo della nuova diocesi fu il terziario francescano Manuel do Cenáculo Vilas Boas, che si adoperò per l'organizzazione della sua diocesi, istituì una scuola di scienze ecclesiastiche per la formazione del clero, una accademia ecclesiastica a Beja, un museo ed una biblioteca diocesana.

Nel 1834 con la soppressione degli ordini religiosi decretata dal ministro Joaquim António de Aguiar si apre un periodo di crisi per la diocesi, che coincide con una sede vacante durata undici anni.

Il 3 luglio 1884 il vescovo António Xavier de Sousa Monteiro istituì il seminario diocesano e diede un impulso decisivo per rivitalizzare l'azione pastorale ed educativa della diocesi.

La proclamazione della repubblica del 5 ottobre 1910 fu accompagnata da moti anticlericali, ferocemente aggressivi, che porteranno alla chiusura di tutte le chiese della diocesi. La cattedrale di San Sizenando fu confiscata; successivamente divenne pro-cattedrale la chiesa del Santissimo Salvatore. Il vescovo Sebastião Leite de Vasconcellos dovette fuggire, trovando rifugio a Siviglia e a Roma, mentre la diocesi fu governata da vicari generali fino al 1922.

Negli anni venti la situazione ritornò alla normalità: il vescovo José del Patrocinio Dias fece il suo ingresso in diocesi nel 1922; nel gennaio del 1924 fondò il giornale diocesano "Eco Pacense".

Il 14 novembre 1924 la cattedrale fu traslata nella chiesa di San Giacomo il Maggiore con il decreto Reverendissimum Pater della Sacra Congregazione Concistoriale.

Il 14 novembre 1925 il vescovo Dias eresse il capitolo cattedrale e il seminario di Serpa. Negli anni successivi il vescovo proseguì la sua opera: il 18 gennaio 1928 fondò un altro seminario a Beja; il 4 giugno 1937 inaugurò la cattedrale restaurata, che verrà consacrata il 31 maggio 1946; il 13 ottobre 1940 inaugurò il nuovo seminario diocesano.

Attualmente la diocesi affronta il problema di un numero ridottissimo di praticanti, pari al 6,1% della popolazione, dato che scende al 3% nelle fasce d'età dai 15 ai 39 anni.

Cronotassi dei vescovi[modifica | modifica wikitesto]

Vescovi di Pax Iulia[modifica | modifica wikitesto]

  • Domiciano ? †
  • Sant'Apríngio † (menzionato nel 531)
  • Urso ? †
  • Palmácio † (menzionato nel 589)
  • Lauro † (menzionato nel 597)
  • Modário † (menzionato nel 633)
  • Teodoreto† (menzionato nel 646)
  • Adeodato † (prima del 653 - dopo il 666)
  • João † (prima del 681 - dopo il 693)
  • Isidoro ? †

Vescovi di Beja[modifica | modifica wikitesto]

  • Manuel do Cenáculo Vilas Boas, T.O.R. † (5 marzo 1770 - 9 agosto 1802 nominato arcivescovo di Évora)
  • Francisco Leitão de Carvalho † (9 agosto 1802 - 21 settembre 1806 deceduto)
  • Joaquim do Rosario Vieira, O.F.M. † (3 agosto 1807 - 8 settembre 1808 deceduto)
    • Sede vacante (1808-1820)
    • Emmanuel de Sousa Carvalho, M.I. † (19 dicembre 1814 - ? deceduto) (vescovo eletto)[1]
  • Luís da Cunha de Abreu e Melo † (28 agosto 1820 - 9 agosto 1833 deceduto)
    • Sede vacante (1833-1844)
  • Manuel Pires de Azevedo Loureiro † (22 gennaio 1844 - 26 settembre 1848 deceduto)
  • José Xavier de Cerveira e Sousa † (28 settembre 1849 - 15 aprile 1859 nominato vescovo di Viseu)
  • José António da Mata e Silva † (20 giugno 1859 - 13 luglio 1860 nominato arcivescovo di Évora)
  • Antonio da Trindade de Vasconcellos Pereira de Melo † (18 marzo 1861 - 1º ottobre 1863 nominato vescovo di Lamego)
    • Sede vacante (1863-1883)
  • Antonio Saverio de Souza Monteiro † (9 agosto 1883 - 1º giugno 1906 deceduto)
  • Sebastião Leite de Vasconcellos † (19 dicembre 1907 - 15 dicembre 1919 dimesso)
  • José del Patrocinio Dias † (16 dicembre 1920 - 24 ottobre 1965 deceduto)
  • Manuel Dos Santos Rocha † (14 dicembre 1965 - 8 settembre 1980 ritirato)
  • Manuel Franco da Costa de Oliveira Falcão † (8 settembre 1980 succeduto - 25 gennaio 1999 ritirato)
  • António Vitalino Fernandes Dantas, O.Carm., dal 25 gennaio 1999

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

La diocesi al termine dell'anno 2012 su una popolazione di 223.200 persone contava 186.100 battezzati, corrispondenti all'83,4% del totale.

anno popolazione sacerdoti diaconi religiosi parrocchie
battezzati totale % numero secolari regolari battezzati per sacerdote uomini donne
1949 258.595 334.504 77,3 46 43 3 5.621 2 36
1958 290.189 352.956 82,2 59 57 2 4.918 2 35 116
1969 309.285 340.400 90,9 77 72 5 4.016 7 101 42
1980 234.000 272.000 86,0 69 58 11 3.391 14 111 115
1990 229.000 247.800 92,4 64 50 14 3.578 15 82 120
1999 190.000 226.000 84,1 54 42 12 3.518 4 13 85 117
2000 190.000 226.000 84,1 56 44 12 3.392 4 13 85 117
2001 190.000 226.000 84,1 58 41 17 3.275 4 17 82 117
2002 184.194 220.194 83,7 56 39 17 3.289 7 20 81 118
2003 184.194 220.194 83,7 58 41 17 3.175 4 17 82 118
2004 184.194 220.794 83,4 58 40 18 3.175 4 18 80 119
2006 184.900 221.700 83,4 55 42 13 3.361 5 14 71 119
2012 186.100 223.200 83,4 55 43 12 3.383 5 12 59 119

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Morì prima di prendere possesso della diocesi.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

diocesi Portale Diocesi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diocesi