Beja

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Beja (disambigua).
Beja
comune
Beja – Stemma Beja – Bandiera
Panorama dalla Torre de Menagem
Panorama dalla Torre de Menagem
Localizzazione
Stato Portogallo Portogallo
Regione Alentejo
Distretto Beja
Territorio
Coordinate 38°01′N 7°52′W / 38.016667°N 7.866667°W38.016667; -7.866667 (Beja)Coordinate: 38°01′N 7°52′W / 38.016667°N 7.866667°W38.016667; -7.866667 (Beja)
Superficie 1 140,21 km²
Abitanti 35 762 (2001)
Densità 31,36 ab./km²
Comuni confinanti Aljustrel, Castro Verde, Cuba, Ferreira do Alentejo, Mértola, Serpa, Vidigueira
Altre informazioni
Cod. postale 7800
Prefisso (+351) 284
Fuso orario UTC+0
Subregione Basso Alentejo
Cartografia

Beja – Localizzazione

Sito istituzionale

Beja (ˈbɛʒɐ) è un comune portoghese di 35.762 abitanti situato nel distretto di Beja.

È una cittadina del Baixo Alentejo posta su una altura da cui domina le colture agricole della regione, della quale è il principale centro economico e commerciale; è inoltre un nodo di comunicazioni stradali sulle direttrici est-ovest fra Siviglia e Lisbona e nord-sud fra Evora e Faro. Fu un'importante città romana col nome di Pax Julia derivante dal trattato di pace con la popolazione locale. Divenne città araba nel VII secolo e fu riconquistata nella prima metà del XII secolo durante il regno di Sancho I del Portogallo. Negli anni '60 del secolo scorso fu al centro di un fallito tentativo di rivolta contro il regime dittatoriale di Antonio de Oliveira Salazar (1889-1970) che fu guidato dal generale Humberto Delgado, ucciso dopo poco dalla polizia segreta.

Nel periodo successivo alla "Rivoluzione dei garofani" del 25 aprile 1974 (così detta perché i soldati dell'incruento colpo di stato portavano il fiore nelle canne dei fucili) Beja è stata una protagonista della transizione dal precedente regime alla democrazia e ha riorganizzato l'economia agricola già basata sul latifondismo in un sistema cooperativistico.

Monumenti notevoli del centro storico sono:

Torre de Menagem
  • il Castello che sorge sulla parte più alta della città. La città è cinta da mura romane delle quali però rimane solo un arco diroccato inserito nelle mura medioevali;
  • la Torre di Menagem alta 40 m, della fine del XIII secolo, dall'alto della quale si gode un vasto panorama delle "sierras" spagnole e della pianura sottostante. Nel cortile c'è un piccolo "museo militare" e, a fianco del castello, è la cattedrale di Sâo Tiago;
  • Santo Anaro chiesa oggi sconsacrata che ospita un museo civico lapidario. Rappresenta uno dei rari documenti dell'arte protoromanica in Portogallo;
  • Il Convento de Nossa Senhora de Conceiçao, fondato nel 1467, che si richiama stilisticamente alla grande chiesa di Batalha, ospita il Museu da Reina dona Leonor e una chiesa barocca;
  • la chiesa della Misericordia del 1550.
  • la Cattedrale di Beja, edificata del 1590 in stile manierista e barocco.

Quartieri residenziali moderni attorniano il centro storico.

A 6 km a sud c'è il borgo di Santa Clara de Loredo da cui in 2 km si raggiungono le rovine di Pisoesin cui gli scavi hanno riportato alla luce i resti di una villa romana con pavimenti a mosaico,colonne, calidarium. Mertola, a 30 km a sud, importante paese di circa 10.000 abitanti posto sulle pendici di un colle, dominato da un castello alto sulla Guadiana che rappresenta un notevole esempio di recupero ambientale e storico di un centro minore. È l'antica Myrtilis dei romani divenuta dal VII secolo fino al XII l'araba Martula. È uno dei più importanti insediamenti del Baixo Alentejo, centro agricolo e commerciale, scalo del fiume Guadiana. I monumenti più importanti sono:

  • Il Castello che conserva tratti delle mura medioevale e due torri, quella bassa a pianta quadrata si affaccia verso la "Ribeira de Oeiras" che confluisce nella Guadiana e l'altra, più alta e merlata detta "Torre de Menagem è del XIII secolo. Ai piedi del castello sorgevano gli antichi insediamenti romano ed arabo; gli scavi hanno messo in luce l'ingresso a un criptoportico romano utilizzato successivamente come cisterna e i resti degli edifici arabi costruiti nel secolo VIII sulle fondazioni del foro romano.
  • La Igreja Matrix con una modesta torre campanaria e ornata di pinnacoli, fu realizzata utilizzando l'antica Moschea degli Almoravidi della fine del secolo XII. Della moschea restano tracce : gli archi a ferro di cavallo delle porte e il "mihrab" la nicchia che indica la direzione della "Mecca" per la preghiera. Del secolo XVI sono gli interventi cristiani sull'edificio: il portale rinascimentale e la copertura che sostituisce la precedente in legno.
  • Il Museo Romano è collocato nei sotterranei della "Camara Municipal" in un moderno allestimento che raccoglie i resti di una casa romana venuti in luce negli anni '70 del XX secolo scavando le fondazioni per la ricostruzione dell'edificio del Comune e quelli provenienti da scavi in altre località della regione, in particolare una statua togata del I secolo d.C., frammenti architettonici, monete, ceramiche e lapidi.
  • Il Museu Islamico e de Arte Sacra, collocato nei locali dell'antica chiesa della Misericordia, raccoglie statue di terracotta e legno dipinto dei secoli XVI-XVIII, paramenti sacri, e tre pannelli dell'antico retablo della chiesa parrocchiale raffiguranti San Giacomo che combatte i Nori; la sezione dedicata all'arte islamica custodisce ceramiche, monili, iscrizioni e lapidi.
  • Il Convento de São Francisco del XVI secolo, di cui rimangono resti che, restaurati, ospitano mostre e spettacoli.

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Popolazione di Beja (1801 – 2004)
1801 1849 1900 1930 1960 1981 1991 2001 2004
14971 14824 25382 37143 43119 38246 35827 35762 34970

Persone legate alla città[modifica | modifica sorgente]

Freguesias[modifica | modifica sorgente]

Sport[modifica | modifica sorgente]

Calcio[modifica | modifica sorgente]

  • La principale squadra è il Desportivo Beja.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Portogallo Portale Portogallo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Portogallo