Daffy Duck e l'isola fantastica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Daffy Duck e l'isola fantastica
Titolo originale Daffy Duck's Movie: Fantastic Island
Lingua originale inglese
Paese di produzione USA
Anno 1983
Durata 78 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 1,37:1
Genere animazione, commedia
Regia Friz Freleng, Phil Monroe, Chuck Jones, Robert McKimson
Sceneggiatura John W. Dunn, David Detiege, Friz Freleng, Nick Bennion, Warren Foster, Robert McKimson, Tedd Pierce
Produttore Friz Freleng
Produttore esecutivo Hal Geer
Casa di produzione Warner Bros.
Distribuzione (Italia) Warner Home Video
Animatori Brenda Banks, Warren Batchelder, Bob Bransford, Brad Case, Terry Lennon, Bob Matz, Norm McCabe, Sam Nicholson, Gerald Ray, Richard Thompson, Ted Bonnicksen, Pete Burness, Ken Champin, Gerry Chiniquy, Herman Cohen, Keith Darling, Arthur Davis, Phil DeLara, Russ Dyson, George Grandpré, Ken Harris, Emery Hawkins, Charles McKimson, Manuel Perez, Tom Ray, Virgil Ross, Rod Scribner
Montaggio Jim Champin, Treg Brown
Effetti speciali Harry Love
Musiche Robert J. Walsh, Milt Franklyn, William Lava, Carl W. Stalling, Eugene Poddany
Scenografia Robert Givens, Michael Mitchell, Robert Gribbroek, Maurice Noble, Hawley Pratt, Cornett Wood
Sfondi Richard H. Thomas, Philip DeGuard, Boris Gorelick, Robert Gribbroek, Paul Julian, Tom O'Loughlin, Irv Wyner
Doppiatori originali
  • Mel Blanc: Bugs Bunny, Daffy Duck, Porky Pig, Titti, Silvestro, Yosemite Sam, Speedy Gonzales, Taz, Foghorn Leghorn
  • June Foray: Nonna
  • Les Tremayne: Il pozzo
Doppiatori italiani

Daffy Duck e l'isola fantastica (Daffy Duck's Movie: Fantastic Island) è un film del 1983 diretto da Friz Freleng, Phil Monroe, Chuck Jones e Robert McKimson. È un film d'animazione dei Looney Tunes composto da una raccolta di cortometraggi classici Warner Bros. e sequenze animate di raccordo, con protagonisti Daffy Duck e Speedy Gonzales. Questo fu il primo film antologico dei Looney Tunes a concentrarsi su Daffy Duck, poiché i precedenti avevano come protagonista Bugs Bunny.

Una nota nei titoli di coda dedica il film all'animatore e sceneggiatore John W. Dunn, "che l'ha ispirato".[1] Dunn morì d'infarto a San Fernando, in California, il 17 gennaio 1983. Il film uscì nei cinema il 5 agosto dello stesso anno.

Trama[modifica | modifica sorgente]

La premessa dell'animazione di raccordo era una parodia generale della popolare serie televisiva degli anni '70/'80 Fantasilandia, con Daffy e Speedy che interpretano delle caricature dei personaggi principali della serie, rispettivamente il signor Roarke e Tattoo. Hanno anche gli abiti bianchi indossati in quella serie dai due personaggi.

La coppia, bloccata su un'isola deserta per mesi con nient'altro che un albero di cocco, scopre una mappa del tesoro che li porta ad un magico pozzo dei desideri parlante. L'avido Daffy propone di utilizzare il potere del pozzo, che obbedisce ai comandi di chi possiede la mappa, per rendere sé stesso e Speedy ricchi con la vendita di desideri ad alto prezzo, e fa in modo che il pozzo trasformi l'isola in un paradiso turistico. Questo mette in mostra la miopia del moderno Daffy insieme alla sua avidità, poiché avrebbe potuto facilmente utilizzare il pozzo per sé stesso per avere tutta la ricchezza che desiderava. Mentre vari personaggi animati della Warner Bros. arrivano al pozzo, i loro desideri sono soddisfatti attraverso le vicende di un classico cartone animato Warner.

Nel frattempo, Yosemite Sam, che interpreta un pirata, e il suo primo ufficiale, Taz, cercano la mappa, che originariamente apparteneva a loro (avevano perso in precedenza la loro nave in una battaglia con Bugs Bunny). Scoprono che chi ha preso la mappa ha le piume nere. Alla fine, la mappa viene persa da tutti dopo essere stata bruciata quando l'inseguimento arriva fino ad un vulcano, e Daffy, Speedy, Sam e Taz finiscono intrappolati sull'isola nuovamente deserta. Il pozzo dice al gruppo di poter esaudire ancora tre desideri complessivi, ma li avverte di utilizzarli con saggezza perché saranno le ultime possibilità. Dopo che Daffy e Speedy sprecano i loro desideri (Speedy desidera un burrito, quindi Daffy augura rabbiosamente a Speedy che il burrito gli si attacchi al naso, un ovvio riferimento alla fiaba di Perrault), Daffy chiede a Sam di desiderare che il burrito si stacchi dal naso di Speedy. La coppia però scopre che Sam ha già desiderato una nave, abbandonando Daffy, e dicendo loro che dopo che avrà preso Bugs tornerà a prenderli.

Produzione[modifica | modifica sorgente]

Questi sono i cortometraggi classici nell'ordine in cui sono stati usati nel film:

Distribuzione[modifica | modifica sorgente]

Edizione italiana[modifica | modifica sorgente]

In Italia il film uscì direttamente in VHS. Nel doppiaggio italiano la voce iniziale legge il titolo come "L'isola fantastica", ma esso non è mai stato usato ufficialmente. Inoltre Pepe Le Pew viene chiamato "Pepe Le Puzz". Si tratta dell'ultimo lungometraggio a cui parteciparono i doppiatori ufficiali degli anni '70/'80. Dopo il 1985 Franco Latini smise di doppiare i Looney Tunes, e il successivo Daffy Duck acchiappafantasmi venne affidato al Gruppo Trenta con un cast completamente diverso.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

Nel 1981 venne messo in commercio un puzzle che mostrava 105 Looney Tunes. Tra i personaggi ce n'erano tre che non erano mai apparsi nell'animazione, identificati come Hoppy, Hysterical Hyram e Minniesoda Fats. In una scena di Daffy Duck e l'isola fantastica, Hoppy e Hysterical Hyram sono visti in attesa di esaudire i loro desideri (insieme ad altri due personaggi non identificati, cioè un cane bianco e un topolino con un cappello). È la loro unica apparizione conosciuta nell'animazione.[2]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Crazy Credits
  2. ^ The Forgotten Toons

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]