Cowboy Bebop - Il film

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Cowboy Bebop - Il film
Cowboy Bebop film.JPG
Jet, Faye, Spike e Ed in una scena del film
Titolo originale カウボーイビバップ 天国の扉
Kaubōi Bibappu tengoku no tobira
Lingua originale giapponese
Paese di produzione Giappone
Anno 2001
Durata 110 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 1.85:1
Genere animazione, fantascienza
Regia Shin'ichirō Watanabe
Sceneggiatura Keiko Nobumoto
Casa di produzione Sunrise, Bones
Distribuzione (Italia) Columbia Pictures
Art director Atsushi Morikawa
Character design Toshihiro Kawamoto
Mecha design Kimitoshi Yamane
Animatori Yutaka Nakamura
Musiche Yoko Kanno
Tema musicale Ask DNA
Doppiatori originali
Doppiatori italiani

Cowboy Bebop - Il film (カウボーイビバップ 天国の扉 Kaubōi Bibappu tengoku no tobira?), noto anche con il titolo internazionale Cowboy Bebop: Knockin' on Heaven's Door, è un film d'animazione giapponese spin-off della serie televisiva anime Cowboy Bebop e realizzato dal medesimo staff di produzione. Gli eventi del lungometraggio si collocano temporalmente tra le puntate 22 e 23 dello show televisivo[1].

È stato distribuito in Italia dalla Columbia Pictures, che ha conservato quasi intatto il cast di doppiatori utilizzato nell'edizione italiana dell'anime[2], tranne per Jet Black, doppiato da Sandro Iovino al posto di Nino Prester.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Marte, 2071. Alla vigilia di Halloween, un gruppo di terroristi dirotta un camion sull'autostrada nei pressi di Alba City, facendo fuoriuscire un virus che uccide oltre 500 persone. Tale virus è stato realizzato su Marte, ed il governo ha stanziato 300 milioni di Woolongs per chiunque riesca a catturare l'uomo autore del micidiale progetto criminale, che si scoprirà poi essere Vincent Volaju, veterano del conflitto su Titano. La ciurma del Bebop decide di seguire il caso, ma il mistero dietro il virus è più complicato di quanto Spike Spiegel e compagni credono, ed il pericolo che dovranno affrontare potrebbe rivelarsi davvero ingestibile.

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

La colonna sonora del film è stata composta dai The Seatbelts ed è stata pubblicata nell'extended play Cowboy Bebop - Knockin'on heaven's door Ask DNA e nell'album Cowboy Bebop - Future Blues, Movie OST Knockin' on Heaven's Door.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Data di uscita[modifica | modifica wikitesto]

Le date di uscita cinematografiche internazionali sono state[3]:

  • 1º settembre 2001 in Giappone (カウボーイビバップ 天国の扉 Kaubōi Bibappu tengoku no tobira)
  • 30 agosto 2002 negli Stati Uniti (Cowboy Bebop the Movie: Knockin' on Heaven's Door)
  • 6 marzo 2003 in Australia (Cowboy Bebop: The Movie)
  • 23 maggio 2003 in Italia (Cowboy Bebop - Il film)
  • 27 giugno 2003 nel Regno Unito (Cowboy Bebop: The Movie)
  • 12 settembre 2003 in Brasile (Cowboy Bebop: O Filme)
  • 24 settembre 2003 in Belgio
  • 1º ottobre 2003 in Francia (Cowboy Bebop, le film)
  • 3 ottobre 2003 in Corea del Sud (카우보이 비밥 천국의 문)

Edizione italiana[modifica | modifica wikitesto]

Il doppiaggio è stato curato dalla SEFIT-CDC di Roma, sotto la direzione di Michele Gammino e con Leonardo Piferi che si è occupato dei dialoghi.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Cowboy Bebop - Heaven's Door - About the Movie, cowboybebop.org. URL consultato il 18 novembre 2014 (archiviato dall'url originale il 17 novembre 2002).
  2. ^ Antonio Genna, Cowboy Bebop: il Film, Il mondo dei doppiatori. URL consultato il 18 novembre 2014.
  3. ^ (EN) Cowboy Bebop: Il Film - Release Info, Internet Movie Database. URL consultato il 18 novembre 2014.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]