Colchicum autumnale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Colchico d'autunno
Colchicum autumnale 01.JPG
Colchicum autumnale
Classificazione Cronquist
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Superdivisione Spermatophyta
Divisione Magnoliophyta
Classe Liliopsida
Sottoclasse Liliidae
Ordine Liliales
Famiglia Liliaceae
Genere Colchicum
Specie C. autumnale
Classificazione APG
Regno Plantae
(clade) Angiosperme
(clade) Monocotiledoni
Ordine Liliales
Famiglia Colchicaceae
Nomenclatura binomiale
Colchicum autumnale
L., 1753
Nomi comuni

Zafferano falso
Zafferano bastardo
Efemera
Giglio matto
Freddolina

Colchicum autumnale001.jpg

Il Colchico d'autunno (nome scientifico Colchicum autumnale - L., 1753) è una piccola pianta erbacea autunnale dai vistosi fiori color rosa-violetto appartenente alla famiglia delle Colchicaceae.

Sistematica[modifica | modifica wikitesto]

Il genere Colchicum si compone di circa 60 specie soprattutto del Vecchio Mondo, mezza dozzina delle quali vivono spontaneamente in Italia. La famiglia delle Colchicaceae è poco numerosa e comprende 19 generi con circa 225 specie[1].

La classificazione tassonomica del genere di questa scheda è in via di definizione in quanto fino a poco tempo fa apparteneva alla famiglia delle Liliaceae (secondo la classificazione ormai classica di Cronquist), mentre ora con i nuovi sistemi di classificazione filogenetica (classificazione APG) è stata assegnata alla famiglia delle Colchicaceae [2]. In testi ancor meno aggiornati si può trovare, come famiglia, la nomenclatura “Cigliaceae".

Variabilità[modifica | modifica wikitesto]

Nell'elenco che segue sono indicate alcune varietà e sottospecie (l'elenco può non essere completo e alcuni nominativi sono considerati da altri autori dei sinonimi della specie principale o anche di altre specie):

  • Colchicum autumnale L. fo. bulgaricum (Velen.) Domin (1909)
  • Colchicum autumnale L. fo. macropetala M.Gajic (1977)
  • Colchicum autumnale L. fo. milosi M.Gajic (1977)
  • Colchicum autumnale L. fo. pannonicum (Griseb. & Schenk) Domin (1909)
  • Colchicum autumnale L. fo. radei M.Gajic (1977)
  • Colchicum autumnale L. fo. transsilvanicum (Schur) Domin (1909)
  • Colchicum autumnale L. proles vernale (Hoffm.) Rouy (1910)
  • Colchicum autumnale L. subsp. algeriense Batt. (1895)
  • Colchicum autumnale L. subsp. autumnale
  • Colchicum autumnale L. subsp. pannonicum A. Gr.
  • Colchicum autumnale L. subsp. pannonicum (Griseb. & Schenk) Nyman (1882)
  • Colchicum autumnale L. subsp. vernum (Reichard) Nyman (1890)
  • Colchicum autumnale L. var. algeriense (Batt.) Batt. & Trab. (1905)
  • Colchicum autumnale L. var. bivonae (Guss.) Fiori (1923)
  • Colchicum autumnale L. var. bulgaricum (Velen.) Stoj. & Stef. (1925)
  • Colchicum autumnale L. var. castrovillarense N.Terrac. (1891)
  • Colchicum autumnale L. var. corsicum (Baker) Fiori (1923)
  • Colchicum autumnale L. var. elatius Simonk. (1906)
  • Colchicum autumnale L. var. fritillatum Samp. (1910)
  • Colchicum autumnale L. var. gibraltaricum Kelaart (1946)
  • Colchicum autumnale L. var. kochii (Parl.) Fiori (1923)
  • Colchicum autumnale L. var. lucanum N.Terrac. (1873)
  • Colchicum autumnale L. var. multiflorum (Brot.) Samp. (1947)
  • Colchicum autumnale L. var. neapolitanum Ten. (1825)
  • Colchicum autumnale L. var. pannonicum (Griseb. & Schenk) Baker (1879)
  • Colchicum autumnale L. var. provinciale (H.Loret) Fiori (1923)
  • Colchicum autumnale L. var. speciosissimum Bubela (1884)
  • Colchicum autumnale L. var. tenorei (Parl.) Fiori (1894)
  • Colchicum autumnale L. var. todaroi (Parl.) Fiori (1894)
  • Colchicum autumnale L. var. transsilvanicum (Schur) Nyman (1882)
  • Colchicum autumnale L. var. variopictum (Janka) Fiori (1923)
  • Colchicum autumnale L. var. vernale (Hoffm.) Nyman (1882)
  • Colchicum autumnale L. var. vernum Reichard (1779)
  • Colchicum autumnale L. var. viridiflorum Opiz (1852)

Sinonimi[modifica | modifica wikitesto]

La specie di questa scheda ha avuto nel tempo diverse nomenclature. L'elenco che segue indica alcuni tra i sinonimi più frequenti:

  • Colchicum autumnale Salisb., non L. (sinonimo = Colchicum neapolitanum (Ten.) Ten. )
  • Colchicum bisignanii Ten. ex Janka
  • Colchicum bulgaricum Velen. (1901)
  • Colchicum commune Neck. (1768)
  • Colchicum haynaldii Heuff. (1858)
  • Colchicum multiflorum Brot.
  • Colchicum pannonicum Griseb. & Schenk (1852)
  • Colchicum patens F.W. Schultz (1826)
  • Colchicum polyanthon Ker Gawl. (1807)
  • Colchicum praecox Spenn. (1825)
  • Colchicum transsilvanicum Schur (1866)
  • Colchicum vernale Hoffm. (1791)
  • Colchicum vernum Kunth
  • Colchicum vranjanum Adamovic ex Stef.

Specie simili[modifica | modifica wikitesto]

Tutte le specie del genere Colchicum sono molto simili tra di loro. Qui ne elenchiamo alcune:

  • Colchicum alpinum Lam. & DC. - Colchico minore: la superficie interna dei tepali è solcata da diverse linee longitudinali più scure.
  • Colchicum bivonae Guss. - Colchico di Bivona: le foglie sono più numerose, le antere sono arancioni e inoltre si trova solo al sud e nelle isole.
  • Colchicum lusitanum Brot. - Colchico portoghese: le foglie sono più strette e il colore dei tepali è più marcato.
  • Colchicum neapolitanum Ten. - Colchico napoletano: il bulbo è più piccolo e le foglie più lineari.

Va inoltre ricordata una certa somiglianza con le specie del genere Crocus, che però appartengono ad un'altra famiglia (Iridaceae), inoltre fioriscono in prevalenza in primavera e l'androceo è formato da tre stami.

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Per merito della sua fioritura anomala (in autunno) e quindi facilmente individuabile, il colchico è una pianta conosciuta fin dai tempi più antichi. In effetti il termine colchicum (in greco antico = kolchikòn) etimologicamente è posta in relazione all'antica Colchide (un regno affacciato sul Mar Nero nell'Asia Caucasica). Questo nome lo si trova già nei trattati di medicina di Dioscoride Pedanio (Anazarbe in Cilicia, 40 circa – 90 circa), medico, botanico e farmacista greco antico che esercitò a Roma ai tempi dell'imperatore Nerone e Galeno di Pergamo (129 – 216), medico greco antico ellenista.

Il nome venne ripreso per la prima volta in tempi moderni dal botanico francese Joseph Pitton de Tournefort (5 giugno1656 — 28 dicembre 1708) e consolidato definitamente come genere nel 1737 da Linneo[3]. Il nome specifico (autumnale) fa ovviamente riferimento al periodo di fioritura.
Il binomio scientifico attualmente accettato (Colchicum autumnale) è stato proposto da Carl von Linné (Rashult, 23 maggio 1707 –Uppsala, 10 gennaio 1778), biologo e scrittore svedese, considerato il padre della moderna classificazione scientifica degli organismi viventi, nella pubblicazione Species Plantarum del 1753.
In lingua tedesca questa pianta si chiama Herbstzeitlose; in francese si chiama colchique d'automne; in inglese si chiama meadow saffron oppure autumn crocus.

Morfologia[modifica | modifica wikitesto]

Descrizione delle parti della pianta
Il portamento
Località: Melere, Trichiana (BL), 843 m s.l.m. - 25/10/2008

Il Colchicum autumnale è una pianta bulbosa e glabra la cui altezza varia da 10 a 40 cm (minimo 5 cm). La forma biologica è geofita bulbosa (G bulb), ossia è una pianta perenne erbacea che porta le gemme in posizione sotterranea. Durante la stagione avversa non presenta organi aerei e le gemme si trovano in organi sotterranei come i bulbi, organi di riserva che annualmente producono nuovi fusti, foglie e fiori.

Radici[modifica | modifica wikitesto]

Il bulbo

Le radici sono fibrose (di tipo fascicolato) ed escono lateralmente da un bulbo-tubero oblungo (piriforme o ellissoide) posto molto profondamente nel terreno (10 – 15 cm). In realtà è più precisamente un tubero che ha una consistenza solida avvolto in tuniche secche di colore brunastro (i resti dei tuberi degli anni precedenti). Inferiormente, in uno dei suoi lati è presente un caratteristico prolungamento. Questo tubero in tarda estate (o inizio dell'autunno) forma il germoglio fiorale dal quale poi si formerà il fiore vero e proprio, lasciando alla primavera successiva il compito di emettere le foglie con il frutto; nello stesso tempo si formerà un nuovo tubero da un internodo basale. Dimensione del tubero: diametro 3 cm; altezza 4 – 7 cm.

Fusto[modifica | modifica wikitesto]

Il fusto praticamente è assente: le foglie e i fiori crescono direttamente dal tubero radicale (il tubero può essere considerata la parte ipogea del fusto).

Foglie[modifica | modifica wikitesto]

Le foglie sono radicali, abbraccianti ed erette. L'inserimento della foglia nel tubero è spiralato ed embricato. La forma è lanceolato-acuta a portamento ondulato con numerosi nervi disposti longitudinalmente rispetto alla foglia e quindi paralleli. Il colore è verde intenso su entrambe le facce e la consistenza è piuttosto carnosa. Le foglie più grandi sono larghe 4 – 7 cm e lunghe da 15 a 26 cm (quindi 3 – 5 volte più lunghe che larghe).

Infiorescenza[modifica | modifica wikitesto]

L'infiorescenza è formata normalmente da un solo grande fiore con alla base una lunga porzione di tubo sottile che all'apice si espande in sei segmenti. Altri fiori (fino a 7 – normalmente da 1 a 3) possono germogliare da uno stesso bulbo ma in tempi successivi. Questa infiorescenza è priva di foglie (che spunteranno nella primavera successiva). Il tubo è sempre bianco (quasi incolore) indipendente dal colore del perigonio, mentre la forma del fiore è quella di un stretto calice allungato che presto sfiorisce e si apre a ventaglio. Alla base del fiore è presente una spata ialina (di consistenza cartacea), mucronata, i cui margini sono allargati in ali membranose e avvolge il fiore per 1 – 3 cm. Lunghezza del tubo del perigonio: 10 – 20 cm.

Fiore[modifica | modifica wikitesto]

I fiori
Località: Pranolz, Trichiana (BL), 733 m s.l.m. - 28/09/2008

I fiori sono ermafroditi, attinomorfi, penta-ciclici (ossia sono formati da cinque verticilli sovrapposti: perigonio con due verticilli di 3 tepali ciascuno, androceo con due verticilli di stami ciascuno e nella zona più centrale l'ultimo verticillo, il gineceo), trimeri (ogni verticillo è composto da tre elementi). Larghezza del fiore 30 – 80 mm.

* P 3+3, A 3+3, G (3) supero[4]
  • Perigonio: il perigonio è formato da sei tepali uguali (o scarsamente differenziati). Il colore varia dal bianco, al lilla rosato fino al purpureo (sono quindi tepaloidi, ossia simili ai petali per la loro funzione vessillifera). I tepali esterni sono larghi 9 – 13 mm.
Stami e stilo
  • Androceo: gli stami sono sei (3 + 3) inseriti internamente al perigonio. Tre sono più grandi, ma con filamenti più gracili. Le antere sono gialle. Lunghezza dei filamenti staminali: quelli più lunghi 15 mm; quelli più corti 10 mm. Lunghezza delle antere 5 mm.
  • Gineceo: l'ovario supero, formato da tre carpelli, è a tre logge con numerosi semi. Gli stili sono tre, liberi ed eretti dalla base in su ed emergono dagli stami. Gli stimmi sono allungati, clavati e ricurvi ad uncino; la consistenza è papillosa. Lunghezza degli stili 20 – 25 mm. Dimensione dello stimma 2 – 2,5 mm.
  • Fioritura: il periodo di fioritura è agosto – ottobre; mentre le foglie vengono emesse in primavera (insieme alla fruttificazione).

Frutti[modifica | modifica wikitesto]

Il frutto

La fruttificazione avviene in maggio – giugno, ma è relativa alla fioritura dell'anno precedente. È una capsula setticida, ovato-oblunga e acuta all'apice che esce dalla terra insieme alle nuove foglie. I semi sono globosi e nerastri. La disseminazione di questi semi è favorita da alcune sostanze appiccicose presenti al loro esterno: in questo modo i semi aderiscono alle zampe degli animali di passaggio. Dimensione della capsula: larghezza 20 – 27 mm; lunghezza 34 – 55 mm.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

  • Habitat: i terreni preferiti da queste piante sono quelli prativi (prati falciati), i pascoli ben irrorati da freschi ruscelli e le schiarite boschive. In genere queste piante vivono in colonie. Sui rilievi frequenta le praterie rase alpine e subalpine. Il substrato preferito è sia calcareo che siliceo con pH neutro, medi valori nutrizionali del terreno che deve essere mediamente umido.
  • Diffusione altitudinale: sui rilievi queste piante si possono trovare fino a 2100 m s.l.m.; frequentano quindi i seguenti piani vegetazionali: collinare, montano e subalpino.

Fitosociologia[modifica | modifica wikitesto]

Dal punto di vista fitosociologico la specie di questa scheda appartiene alla seguente comunità vegetale[5] :

Formazione : delle comunità delle macro- e megaforbie terrestri
Classe : Molinio-Arrhenatheretea

Usi[modifica | modifica wikitesto]

Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.

Farmacia[modifica | modifica wikitesto]

  • Sostanze presenti: sono piante velenose in quanto contengono la colchicina, un alcaloide altamente tossico (tra i vari effetti impedisce la formazione del fuso mitotico nelle cellule e quindi favorisce la poliploidia) contenuto soprattutto nei semi della pianta, ma anche nel bulbo[1]. Se ingerito causa bruciore alla bocca, nausee, coliche, diarrea sanguinolenta, delirio e morte[3] A volte la sola manipolazioni del fiore può causare danni alla pelle[6]. Questa sostanza viene definita anche "arsenico vegetale"[7]. Oltre all'alcaloide descritto, queste piante contengono altre sostanze come colchicoside, grassi vari, gomme, resine, tannino, olio e acido gallico[8].
  • Proprietà curative: queste piante sono usate sia dalla medicina popolare che da quella moderna per le loro proprietà antitumorali[7], analgesiche (attenua il dolore), antipiretiche (abbassa la temperatura corporea), antigottose, emetiche (utile in caso di avvelenamento in quanto provoca il vomito) e altro ancora[3][8]. In passato si riteneva che il succo del bulbo del fiore, mescolato al salnitro, fosse utile per curare l'artrite e la gotta. La pianta veniva inoltre utilizzata nelle pratiche alchemiche, in quanto si riteneva che potesse aiutare a raggiungere l'etere.
  • Parti usate: i semi e i tuberi con i quali si possono fare degli estratti fluidi o delle tinture.

Giardinaggio[modifica | modifica wikitesto]

È facile trovare questa pianta nei giardini rustici o alpini sia per la delicata bellezza dei suoi fiori che per il periodo di fioritura, l' autunno, quando la maggioranza degli altri fiori ha già fatto il loro ciclo.
Nelle versioni orticole (o cultivar) i fiori possono avere colorazioni diverse dalla specie spontanea, oppure possono essere screziati o anche a fiori doppi. Queste piante vanno messe in terreni abbastanza ricchi, soleggiati e non troppo asciutti. I bulbi dormienti resistono abbastanza bene anche a temperature di circa -20 °C e vanno messi a circa 7 – 10 cm in profondità nei mesi estivi (luglio). Si propagano attraverso il seme e richiedono mediamente 4 – 5 anni per raggiungere la maturità.[6].

Altri usi[modifica | modifica wikitesto]

I Zafferani falsi sono spesso impiegati in studi sperimentali di genetica agraria in quanto i processi che precedono la divisione della cellula (processi “cariocinetici”), in queste piante, sono abnormi determinando spesso fenomeni di poliploidismo[3].

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

Le proprietà e le qualità della pianta erano già note nell'antichità e nella antica medicina greca veniva indicata per curare l'artrite. Dagli inizi del Seicento, la pianta è iscritta alla farmacopea inglese.[7]

Galleria fotografica[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Eduard Strasburger, Trattato di Botanica. Vol.2, Roma, Antonio Delfino Editore, 2007, p. 806, ISBN 88-7287-344-4.
  2. ^ Angiosperm Phylogeny Website. URL consultato l'8 settembre 2009.
  3. ^ a b c d Giacomo Nicolini, Enciclopedia Botanica Motta. Volume primo, Milano, Federico Motta Editore, 1960, p. 675.
  4. ^ Tavole di Botanica sistematica. URL consultato il 10 settembre 2009.
  5. ^ AA.VV., Flora Alpina.Vol.2, Bologna, Zanichelli, 2004, pag.1030.
  6. ^ a b Plants For A Future. URL consultato il 10 settembre 2009.
  7. ^ a b c "Le piante medicinali", di Roberto Michele Suozzi, Newton&Compton, Roma, 1994, pag.65
  8. ^ a b Roberto Chej, Piante medicinali, Milano, Arnoldo Mondadori Editore, 1982.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Wolfgang Lippert Dieter Podlech, Fiori, TN Tuttonatura, 1980.
  • Roberto Chej, Piante medicinali, Milano, Arnoldo Mondadori Editore, 1982.
  • Maria Teresa della Beffa, Fiori di campo, Novara, Istituto Geografico De Agostini, 2002.
  • Giacomo Nicolini, Enciclopedia Botanica Motta. Volume primo, Milano, Federico Motta Editore, 1960, p. 675.
  • Sandro Pignatti, Flora d'Italia. Volume terzo, Bologna, Edagricole, 1982, p. 351, ISBN 88-506-2449-2.
  • AA.VV., Flora Alpina. Volume secondo, Bologna, Zanichelli, 2004, p. 1030.
  • 1996 Alfio Musmarra, Dizionario di botanica, Bologna, Edagricole.
  • Eduard Strasburger, Trattato di Botanica. Volume secondo, Roma, Antonio Delfino Editore, 2007, p. 806, ISBN 88-7287-344-4.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]