Colchicina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Colchicina
formula di struttura
Nome IUPAC
7-acetamido-6,7-dihydro-1,2,3,10-tetramethoxybenzo[a]heptalen-9(5H)-one
Nomi alternativi
colchineos
colchisol
colcin
Colgout
colsaloid
condylon
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare C22H25NO6
Massa molecolare (u) 399.4426
Aspetto color giallo chiaro - verdino; piccoli cristalli o polvere; sensibile alla luce
Numero CAS [64-86-8]
Proprietà chimico-fisiche
Densità (g/cm3, in c.s.)  ?
Solubilità in acqua >=10 g/100 mL a 21 °C
Temperatura di fusione 142 °C
Temperatura di ebollizione  ? °C
Tensione di vapore (Pa) a ? K 14
Dati farmacocinetici
Metabolismo clearance totale: 601 ± 155 mL/min
Emivita 65 minuti (± 15)
Indicazioni di sicurezza
Simboli di rischio chimico
tossicità acuta tossico a lungo termine

pericolo

Frasi H 340 - 300
Consigli P 201 - 301+310 - 308+313 [1]

La colchicina è un alcaloide della famiglia dei tropoloni, originariamente estratta dalle piante del genere Colchicum (in particolare il Colchicum autumnale) e presente anche in Gloriosa superba. Si presenta sotto forma di polvere giallastra e inodore, cristallina o amorfa ed è assai solubile in cloroformio, etanolo e acqua.

Attualmente viene utilizzato come farmaco per il trattamento della gotta, ma sembra essere utile in svariate sindromi con fenomeni flogistici.

Relativamente recente (2007) è il suo impiego da parte dei cardiologi nel trattamento delle pericarditi e nella prevenzione delle recidive di tale processo infiammatorio del pericardio (es. Sindrome di Dressler).

Farmacodinamica[modifica | modifica sorgente]

La colchicina si lega a una proteina dei microtubuli, la tubulina, e ne causa la depolimerizzazione. Ciò determina un effetto antimitotico sulla cellula che viene bloccata allo stadio di metafase per la mancata genesi del fuso mitotico.

Sebbene l'elevata tossicità della colchicina ne impedisca l'uso come composto antitumorale, tale azione consente di inibire la motilità cellulare impedendo ai leucociti di raggiungere l'area d'interesse e bloccandone l'attività fagocitaria. Oltre a tale azione la colchicina è anche in grado di inibire la produzione del leucotriene B4.

Farmacocinetica[modifica | modifica sorgente]

La colchicina viene somministrata per bocca ed è rapidamente assorbita dall'apparato gastrointestinale raggiungendo il massimo della concentrazione plasmatica in un intervallo di tempo compreso tra i 30 minuti e le 2 ore.

La colchicina viene prevalentemente rilasciata nella bile ed è eliminata in forma immodificata attraverso le feci. Una piccola parte, tuttavia, viene trasformata in ossicolchicina la quale si accumula a livello renale e viene eliminata molto lentamente.

Il tempo di emivita della colchicina si aggira attorno ai 65 minuti.

Usi clinici[modifica | modifica sorgente]

La colchicina viene utilizzata sostanzialmente per il trattamento della gotta. È in grado, infatti, di eliminare il dolore e l'infiammazione che si hanno durante un attacco di artrite gottosa in un tempo compreso tra le 12 e le 24 ore. Sebbene la colchicina sia più specifica per l'attacco gottoso dei farmaci antiinfiammatori non steroidei (FANS), quest'ultimi sono maggiormente utilizzati in quanto sono scevri da alcuni fastidiosi effetti collaterali (in particolare diarrea).

In rari casi viene utilizzata anche in altre forme di artrite.

L'uso di farmaci uricosurici può, all'inizio, scatenare un attacco gottoso acuto per cui, durante il primo mese di terapia, viene eseguita una profilassi con colchicina o FANS.

La colchicina è anche indicata per la profilassi della febbre mediterranea familiare (tale indicazione in Italia non è ancora stata registrata).

Recentemente, a seguito di una revisione sistematica della letteratura scientifica, viene segnalato l'uso della colchicina per la terapia della pericardite, in associazione a FANS o steroidi oppure in monoterapia, e per la prevenzione delle recidive. Tale strategia sembra molto promettente, consentendo successi fino al 90% dei casi, anche se i dati derivano da studi e osservazioni molto eterogenei.

L'Associazione Nazionale Medici Cardiologi Ospedalieri (ANMCO - www.anmco.it) ha varato uno studio di fase IV, multicentrico, randomizzato, in doppio cieco contro placebo che valuterà l'efficacia del farmaco nel trattamento della pericardite al primo episodio; l'efficacia nella prevenzione delle recidive; l'efficacia nel trattamento delle recidive; l'efficacia nella prevenzione e nel trattamento della sindrome post-pericardiotomica. Con tali end-point primari si valuteranno anche una serie di end-point secondari tra cui l'efficacia in associazione con ASA, la riduzione della frequenza delle complicanze e un'analisi costo-efficacia ai fini di una corretta politica sanitaria.

Effetti avversi[modifica | modifica sorgente]

Gli effetti avversi più comuni che si verificano con la colchicina sono la comparsa di nausea, diarrea, vomito e dolori addominali.

In caso di somministrazione prolungata si possono determinare alterazioni midollari, neuriti, alopecia e miopatia.

L'uso della colchicina può interferire con la funzione della mucosa ileale determinando un malassorbimento reversibile della vitamina B12.

L'uso di alte dosi di colchicina può produrre una sindrome da sovradosaggio che può avere una mortalità del 30%. La sindrome si presenta principalmente con problemi a carico dell'apparato gastrointestinale (nausea, vomito, diarrea e dolori addominali) con conseguenti problemi idrico-salini, alterazioni della funzionalità midollare e polipnea. Generalmente la morte sopraggiunge in seconda o terza giornata per collasso cardiocircolatorio o shock settico. In mancanza d'un antidoto si ricorre a un urgente ricovero in terapia intensiva per l'effettuazione d'una lavanda gastrica e aspirazione duodenale, correzione dello stato idrico ed elettrolitico, terapia antibiotica ed eventuale trattamento sintomatico.

Nell'uomo la dose tossica di colchicina si aggira attorno ai 10 mg. In caso d'insufficienza renale si consiglia di ridurre il dosaggio del farmaco.

Si consiglia, inoltre, di non usare la colchicina in corso di gravidanza o durante l'allattamento.

Vi è controindicazione all'uso anche in caso seri problemi cardiaci, renali o gastrointestinale o di ipersensibilità.

Interazioni[modifica | modifica sorgente]

In caso d'una terapia con ciclosporina, la colchicina può aumentarne la concentrazione plasmatica e determinare un aumento del rischio di tossicità muscolare e renale.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ scheda della colchicina su IFA-GESTIS

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

B.G. Katzung: Farmacologia Generale e Clinica. Quarta edizione italiana; Piccin, Padova.
Mycek MJ, Harvey RA e Champe PC: Farmacologia. Seconda edizione italiana; Zanichelli Editore, Bologna
Bruni A., Nicoletti M.: Dizionario ragionato di erboristeria e di fitoterapia; Piccin, Padova 2003