Campionato europeo di Formula 2 1981

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Campionato europeo di Formula 2 1981
Edizione n. 15 del Campionato europeo di Formula 2
Dati generali
Inizio 29 marzo
Termine 20 settembre
Prove 12
Titoli in palio
Piloti Geoff Lees
su Ralt RH6/81-Honda
Altre edizioni
Precedente - Successiva

La stagione 1981 del Campionato europeo di Formula 2 si disputò sulla lunghezza di 12 gare. La serie venne vinta dal pilota britannico Geoff Lees su Ralt RH6/81-Honda.

La pre-stagione[modifica | modifica wikitesto]

Riccardo Paletti, impegnato con la sua Onyx nella gara di Vallelunga.

Il 1980 aveva rilanciato la Formula 2, che solo dodici mesi prima, anche a causa della contemporanea, ma effimera, crescita della Formula Aurora era vista dai più come una categoria in declino.

Per il 1981 la novità più rilevante fu l'arrivo della Honda, che già nella stagione precedente aveva fatto vedere tutto il suo potenziale nelle gare a cui aveva partecipato. Il colosso giapponese si era associata alla Ralt Cars dell'ex progettista della Brabham Ron Tauranac, il quale aveva confermato l'esperto Geoff Lees e sostituito Nigel Mansell (passato in Formula 1) con l'astro emergente neozelandese Mike Thackwell. In attesa dell'arrivo della Bridgestone la Ralt utilizzava le Pirelli, che dopo la buona annata con la Toleman per le prime gare del 1981 poteva contare quasi sul monopolio dei concorrenti.

A proposito di Toleman: la squadra britannica con il passaggio in Formula 1 aveva chiuso il team ufficiale, e aveva ceduto i disegni della nuova Formula 2 alla Lola per la realizzazione. Vedeva così la nascita la Toleman T850 che gestita da Alan Docking e con piloti ufficiali lo svedese Johansson (vincitore del campionato inglese di formula 3 1980), (numero 1 e sponsor Marlboro) e il vecchio rivale Kenny Acheson con lo sponsor RMC group. Altre Toleman private sono nelle mani di Alberto Colombo e il suo team Sanremo. Il popolare "Capellone" brianzolo aveva smesso i panni del pilota rimanendo come direttore sportivo con piloti Pardini (campione della formula 3 italiana), e Carlo Rossi.

La March dopo la cocente sconfitta dell'anno passato ingaggiò Corrado Fabi (fratello di Teo, passato a correre in Can-Am (monoposto numero 3 sponsorizzata dalla Roloil), il vice-campione europeo di F3 Thierry Boutsen (numero 4 (sponsor Marlboro) e il tedesco Christian Danner con l'elegante livrea nera a righe bianche della Boss.

Mike Earle gestiva ancora il team semi ufficiale che poteva contare sull'italiano Riccardo Paletti con la bianco-azzurra vettura numero 7 sponsorizzata dalla Piooner (con la variante del muso alto sullo stile della Theodore di F1).

Il team Minardi con i numeri 9 e 10 aveva ingaggiato l'ex motociclista Johnny Cecotto e il campione europeo di F3 Alboreto. Giancarlo Minardi non aveva sponsor e le sue vetture giallo-nere dovettero affrontare le prime corse con il rischio di non finire la stagione, ma preferì affidarsi a piloti promettenti anziché a più remunerativi "piloti con la valigia" .

L'AGS riconfermava Dallest che nel 1980 gli aveva dato la gioia di ben due vittorie e presentava la Jh18 più leggera della vettura dell'anno precedente.

La Maurer perso, Gabbiani passato in Formula 1, confermava Elgh ormai esperto della categoria e assumeva il giovane colombiano Guerrero protagonista della F3 inglese nell'80.

Merzario abbandonava la vettura di sua realizzazione per la March 812 e prendeva nel suo team "Gianfranco" e Piero Necchi appoggiato dall'Astra (azienda produttrice di carri armati) Gli svizzeri del team Formel Rennsport club schieravano una Toleman-Lola per Fredy Schnarwiler mentre il team Lista si presentava con Jürg Lienhard con la March 802. L'inglese Crafword prese il via con una Toleman TG280 (numero 77) gestita dal Plygrange Racing Ltd.

Parteciparono poi una serie di piloti che, soprattutto per motivi di Budget, si presentano solo ad alcuni appuntamenti (generalmente le gare nel proprio paese). Per la prima volta dal 1971 mancava il team di Ron Dennis, dopo la fusione con la McLaren e il passaggio in Formula 1.

Il 29 marzo il campionato parte da Silverstone. Ad attendere i 31 piloti iscritti c'è il classico clima inglese di fine marzo: piovoso.

Calendario[modifica | modifica wikitesto]

Gara Nome Circuito Giri Lunghezza Data
1 Regno Unito BRDC International Trophy Circuito di Silverstone 47 47x4,718=221,746 km 29 marzo
2 Germania Ovest Deutschland Trophäe
Jim Clark Gedächtnisrennen
Hockenheimring 30 30x6,780=203,4 km 5 aprile
3 Regno Unito BARC 200
Jochen Rindt Memorial Trophy
Circuito di Thruxton 55 55x3,790=208,45 km 20 aprile
4 Germania Ovest ADAC-Eiffelrennen Nürburgring 9 9x22,835=205,515 km 26 aprile
5 Italia Gran Premio di Roma Circuito di Vallelunga 65 65x3,200=208 km 10 maggio
6 Italia Gran Premio del Mugello Autodromo Internazionale del Mugello 42 42x5,245=220,29 km 24 maggio
7 Francia Gran Premio di Pau Circuito di Pau 73 73x2,760=201,48km 8 giugno
8 Italia Gran Premio del Mediterraneo Autodromo di Pergusa 45 45x4,950=222,75 km 26 luglio
9 Belgio Gran Premio del Belgio Circuito di Spa-Francorchamps 30 30x6,950=208,56 km 9 agosto
10 Regno Unito Donington 50000
The John Howitt Trophy Race
Circuito di Donington Park 70 70x3,150=220,5 km 16 agosto
11 Italia Gran Premio dell'Adriatico Autodromo Santamonica, Misano 60 60x 3,488=209,28 km 6 settembre
12 Svezia Mantorp Park F2 Trofén Circuito di Mantorp Park 65 65x3,125=203,125 km 20 settembre

Risultati e classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Gara Circuito Tempo Velocità Pole position GPV Vincitore Vettura
1 Regno Unito Silverstone 1h11'44.67 Nuova Zelanda Mike Thackwell Regno Unito Geoff Lees Nuova Zelanda Mike Thackwell Regno Unito Ralt-Honda
2 Germania Ovest Hockenheim 1h00'20.05 Regno Unito Geoff Lees Italia Riccardo Paletti Svezia Stefan Johansson Regno Unito Lola-Hart
3 Regno Unito Thruxton 1h04'02.40 Belgio Thierry Boutsen Svizzera Marc Surer Colombia Roberto Guerrero Svizzera Maurer-BMW
4 Germania Ovest Nürburgring 1h05'04.63 Italia Corrado Fabi Belgio Thierry Boutsen Belgio Thierry Boutsen Regno Unito March-BMW
5 Italia Vallelunga 1h16'01.14 Svezia Eje Elgh Italia Corrado Fabi Svezia Eje Elgh Svizzera Maurer-BMW
6 Italia Mugello 1h15'20.99 Belgio Thierry Boutsen Italia Piero Necchi Italia Corrado Fabi Regno Unito March-BMW
7 Francia Pau 1h33'13.91 Italia Michele Alboreto Regno Unito Geoff Lees Regno Unito Geoff Lees Regno Unito Ralt-Honda
8 Italia Pergusa 1h10'09.82 Belgio Thierry Boutsen Belgio Thierry Boutsen Belgio Thierry Boutsen Regno Unito March-BMW
9 Belgio Spa 1h10'02.68 Belgio Thierry Boutsen Regno Unito Geoff Lees Regno Unito Geoff Lees Regno Unito Ralt-Honda
10 Regno Unito Donington 1h16'49.82 Germania Manfred Winkelhock Italia Corrado Fabi
Regno Unito Geoff Lees
Regno Unito Geoff Lees Regno Unito Ralt-Hart
11 Italia Misano 1h12'03.74 Belgio Thierry Boutsen Italia Michele Alboreto
Regno Unito Geoff Lees
Italia Michele Alboreto Italia Minardi-BMW
12 Svezia Mantorp Park 1h28'08.8 Italia Corrado Fabi Venezuela Johnny Cecotto Svezia Stefan Johansson Regno Unito Toleman-Hart

Classifica Piloti[modifica | modifica wikitesto]

Sistema di punteggio
Posizione  1º   2º   3º   4º   5º   6º 
Punti 9 6 4 3 2 1

Contano i 9 migliori risultati.

Posizione Nome Paese Team Telaio Motore Regno Unito Germania Regno Unito Germania Italia Italia Francia Italia Belgio Regno Unito Italia Svezia Punti Totali
1 Geoff Lees Regno Unito Regno Unito Ralt Racing Ltd. Ralt Honda - 2 - 2 2 6 9 - 9 9 6 6 51
2 Thierry Boutsen Belgio Belgio March Racing March BMW - - - 9 4 - 6 9 6 - - 3 37
3 Eje Elgh Svezia Svezia Maurer Motorsport Maurer BMW - 3 6 6 9 3 2 2 4 - - - 35
4 Stefan Johansson Svezia Svezia Docking Spitzley Team Toleman Lola Hart - 9 - 3 6 - - - - 3 - 9 30
5 Corrado Fabi Italia Italia March Racing March BMW 4 - - 4 3 9 - - 3 6 - - 29
6 Mike Thackwell Nuova Zelanda Nuova Zelanda Ralt Racing Ltd. Ralt Honda 9 4 - - - 2 1 - - 2 4 - 22
7 Roberto Guerrero Colombia Colombia Maurer Motorsport Maurer BMW - - 9 - - 1 - 3 - - 3 - 16
8 Michele Alboreto Italia Italia Minardi Minardi BMW - - - - - - - 4 - - 9 - 13
9 Manfred Winkelhock bandiera Germania Ovest Schäfer Racing Ralt BMW - 6 - - - - - - 12
Maurer Motorsport Maurer BMW 2 4 - -
10 Riccardo Paletti Italia Italia Onyx Racing March BMW 6 - 4 - 1 - - - - - - - 11
11 Piero Necchi Italia Italia Team Merzario March BMW - - 1 - - 4 4 - - - - - 9
12 Carlo Rossi Italia Italia San Remo Racing Toleman Hart 2 1 - - - - 3 - - - - - 6
Huub Rothengatter Paesi Bassi Paesi Bassi Lista Racing March BMW - - - - - - - 6 - - - - 6
Johnny Cecotto Venezuela Venezuela Minardi Minardi BMW - - 3 - - - 6
Horag Hotz Racing March BMW - - - 1 1 1
15 Kenny Acheson Regno Unito Regno Unito Docking Spitzley Team Toleman Lola Hart - - - 1 - - - - - - - 4 5
16 Jim Crawford Regno Unito Regno Unito Plygrange Racing Toleman Hart 3 - - - - - - 1 - - - - 4
Richard Dallest Francia Francia Team AGS Motul GPA AGS BMW - - - - - - - - - - 2 2 4
18 Christian Danner bandiera Germania Ovest March Racing March BMW - - 2 - - - - - - - - - 2
19 Brian Robinson Regno Unito Regno Unito Grange Performance Chevron Hart 1 - - - - - - - - - - - 1
Jo Gartner Austria Austria Gartner Racing Toleman BMW 1 - - - - - - - - - - - 1