Besso (storia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La punizione di Besso, incisione di André Castaigne (1898-1899), tratto dalla Vita di Alessandro.

Besso (... – 329 a.C.) , satrapo di Battriana (l'area tra la catena montuosa dell'Hindu Kush e il fiume Amu Darya) e Sogdiana (nell'odierno Uzbekistan), che si autoproclamò imperatore di Persia dopo aver assassinato il legittimo sovrano persiano, Dario III, che era stato sconfitto da Alessandro Magno nella battaglia di Gaugamela (1º ottobre del 331 a.C.).

In questa battaglia, Besso era al comando delle truppe della sua satrapia, sotto il comando supremo di Dario. Sopravvissuto alla disfatta dell'armata persiana, rimase con Dario, che si era dato alla fuga, svernando ad Ecbàtana. L'anno successivo, Dario tentò di fuggire in Battriana, ma fu deposto da una congiura di satrapi, ordita da Besso e da altri: nel luglio del 330 a.C., non riuscendo a trovare un accordo con Alessandro, i cospiratori, presi dal panico, ferirono a morte Dario, abbandonandolo agonizzante.

Besso si autoproclamò sovrano di Persia, con il nome regale di Artaserse. Tornato nella Battriana, tentò di organizzare la resistenza delle satrapie orientali. Nel 329 a.C., Alessandro si mosse in armi per reprimere la rivolta. Di fronte a questa minaccia, fu lo stesso popolo ad arrestare e consegnare Besso ai macedoni. Secondo l'uso persiano, Alessandro ordinò che al regicida Besso venissero tagliati naso e orecchie. Aveva infatti appreso dall'iscrizione di Behistun che Dario I aveva punito in modo simile l'usurpatore Fraorte.

Secondo alcuni storici Besso fu crocifisso nel luogo in cui era stato ucciso Dario III, mentre secondo altri fu torturato e decapitato a Ecbatana. Altri ancora pensano che fu fatto a pezzi in Battriana, dopo essere stato processato all'uso macedone: legato mani e piedi alle cime di due alberi piegati, fu squartato quando le cime furono lasciate di scatto. È tuttavia più probabile che l'usurpatore morì di stenti in prigionia.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

predecessore:
Dario III
Grande Re
330-329 a.C.
successore:
Alessandro Magno