Baia Mare

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Baia Mare
comune
Baia Mare – Stemma
Baia Mare – Veduta
Localizzazione
Stato Romania Romania
Regione Wappen Großfürstentum Siebenbürgen.png Transilvania
Distretto Actual Maramures county CoA.png Maramureș
Amministrazione
Sindaco Cătălin Cherecheş
Territorio
Coordinate 47°39′N 23°35′E / 47.65°N 23.583333°E47.65; 23.583333 (Baia Mare)Coordinate: 47°39′N 23°35′E / 47.65°N 23.583333°E47.65; 23.583333 (Baia Mare)
Superficie 235,73 km²
Abitanti 114 925[1] (2011)
Densità 487,53 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale 430000
Fuso orario UTC+2
Cartografia
Mappa di localizzazione: Romania
Baia Mare
Posizione del comune all'interno del distretto
Posizione del comune all'interno del distretto
Sito istituzionale

Baia Mare (anticamente in latino Rivulus Dominarum, in ungherese Nagybánya, in tedesco Frauenbach o più raramente Neustadt) è un municipio della Romania di 114.925 abitanti[1], capoluogo del distretto di Maramureş, nella regione storica della Transilvania.
Il toponimo significa letteralmente Grande miniera e nasce dalla presenza di importanti risorse minerarie nella zona.

Fanno parte dell'area amministrativa anche le località di Blidari, Firiza e Valea Neagră.

La città è composta da 16 quartieri disposti circolarmente attorno al nucleo centrale.

Storia[modifica | modifica sorgente]

La posizione geografica e la presenza di importanti risorse naturali fece sì che la zona di Baia Mare venisse popolata fin dai tempi più antichi: sono state rinvenute tracce di insediamenti umani risalenti al Paleolitico superiore ed è stata evidenziata la presenza di popolazioni Trace nell'Età del bronzo.

Le prime informazioni scritte su Baia Mare parlano di un centro minerario ben sviluppato e risalgono ad un documento del 1329, dove viene citata con il nome latino Rivulus Dominarum, ma le prime informazioni complete si trovano in un documento emesso nel 1347 dalla corte di Luigi I d'Ungheria nel quale si concedevano particolari privilegi alla città, mentre in un altro documento del 1411 viene citata per la prima volta la zecca di Baia Mare, una delle più antiche della Transilvania.

Il dominio della città e delle sue miniere venne trasferito nel 1446 alla famiglia Corvineşti come ricompensa per gli atti di coraggio di János Hunyadi nella resistenza contro l'invasione Ottomana. János Hunyadi fece iniziare la costruzione della Cattedrale di Santo Stefano, il cui campanile è tuttora un simbolo della città.

Nel 1469 Mattia Corvino emise un documento con il quale dava ai cittadini di Baia Mare il diritto di rinforzare le proprie difese costruendo alte mura munite di bastioni e fossato per difendersi da attacchi esterni; da questo rinforzo difensivo nacque l'aggiunta del termine castrum o castellum al nome della città.

I secoli successivi videro il susseguirsi di diverse dominazioni della zona, determinato da una serie di combattimenti che deprimono il tessuto economico della città: prima, temporaneamente i Polacchi (1490), poi il dominio di Ioan Zapolya (1526), quindi il Regno d'Ungheria ed infine l'Impero austroungarico. In questo lungo periodo non mancarono però importanti avvenimenti culturali, come la fondazione nel 1547 della Schola Rivulina, un istituto scolastico di ispirazione Protestante Riformata destinato a rappresentare per più di due secoli il punto di riferimento per l'istruzione superiore di tutta la zona.

Un'immagine del centro storico

Dopo che la battaglia avviata nel 1703 dal fuorilegge Pintea Viteazul con l'appoggio di Francesco II Rákóczi per liberare la città dagli Austriaci non ebbe esito, questi ultimi rinforzarono il proprio dominio creando nel 1748 un Ispettorato delle Miniere, di fatto un'istituzione di supporto all'amministrazione locale per meglio controllare gli impulsi di rivolta della città.

Dopo la Prima guerra mondiale, con il Trattato del Trianon, e fino al Secondo arbitrato di Vienna del 30 agosto 1940, la città fece parte del Regno di Romania, e durante la Seconda guerra mondiale dell'Ungheria; dopo la fine della guerra, con i Trattati di Parigi, tornò definitivamente a far parte della Romania.

Il 30 gennaio del 2000 avvenne una catastrofe nella città: da una miniera d'oro partì un enorme perdita di cianuro e altri metalli pesanti che si riversarono nell'antistante fiume Someş. L'inquinamento (oltre 100 tonnellate di cianuro) raggiunse anche il Danubio e il Tisza e provocò un enorme morìa di pesci: tale catastrofe fu dichiarata "la seconda più grave in Europa dopo Černobyl'.

Demografia[modifica | modifica sorgente]

La popolazione della città è prevalentemente romena, con una non trascurabile minoranza ungherese (circa il 15%), una piccola comunità Rom (1,5% circa) ed altre minoranze tedesca, ucraina ed ebrea. Quest'ultima, ammontante a circa 1.000 unità prima della Seconda guerra mondiale, si è drasticamente ridotta a causa delle persecuzioni naziste ed attualmente la comunità ebraica di Baia Mare non raggiunge le 150 unità.

Economia[modifica | modifica sorgente]

Da sempre basata soprattutto sulle risorse minerarie dell'area, spinte in particolare con forti contributi economici durante il regime comunista, l'economia di Baia Mare ha subito una forte recessione dopo la rivoluzione del 1989, con il drastico ridimensionamento dell'attività estrattiva. Negli ultimi anni si è tuttavia evidenziata una buona ripresa, grazie all'insediarsi di attività industriali diversificate, spesso finanziate da capitali stranieri.

Città gemellate[modifica | modifica sorgente]

Baia MareSDC12147-001.JPG

Baia Mare è gemellata con le seguenti città:[2]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Censimento 2011
  2. ^ città gemellate dal sito ufficiale. URL consultato il 7 gennaio 2011.
  3. ^ gemellaggi dal sito ufficiale. URL consultato il 5 gennaio 2012.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Romania Portale Romania: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Romania