Târgoviște

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando la città bulgara, vedi Tărgovište.
Târgoviște
comune
Târgoviște – Stemma
Târgoviște – Veduta
Localizzazione
Stato Romania Romania
Regione Muntenia
Distretto Actual Dambovita county CoA.png Dâmbovița
Territorio
Coordinate 44°55′N 25°27′E / 44.916667°N 25.45°E44.916667; 25.45 (Târgoviște)Coordinate: 44°55′N 25°27′E / 44.916667°N 25.45°E44.916667; 25.45 (Târgoviște)
Abitanti 88 458 (2009)
Altre informazioni
Cod. postale 130000
Fuso orario UTC+2
Cartografia
Mappa di localizzazione: Romania
Târgoviște
Posizione del comune all'interno del distretto
Posizione del comune all'interno del distretto
Sito istituzionale

Târgoviște è un municipio della Romania di 88.458 abitanti (dati 2009),[1] capoluogo del distretto di Dâmbovița, nella regione storica della Muntenia.

Târgoviște è situata sulla riva destra del Ialomița.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La città viene citata per la prima volta nei Racconti di viaggio di Johannes Schiltberger e divenne successivamente la capitale del Voivodato di Valacchia, probabilmente sotto il regno di Mircea I di Valacchia, quando venne costruito il palazzo reale (Curtea Domnească), a cui successivamente Vlad III di Valacchia aggiunse la Torre Chindia, oggi un simbolo della città.

La Torre Chindia

Nel 1597 nella zona di Târgoviște avvenne una grande battaglia vinta da Michele il Bravo contro l'esercito Ottomano.

Dopo che Constantin Brâncoveanu spostò la capitale a Bucarest, iniziò per la città un periodo di decadenza sia politica che economica, che portò anche ad una flessione della popolazione.

Nel 1989, dopo la rivoluzione e la caduta del comunismo, Târgoviște fu teatro del processo e dell'esecuzione dell'ex dittatore Nicolae Ceaușescu e della moglie Elena.

La lista dei Voivodi[modifica | modifica wikitesto]

Una lista dei Voivodi che hanno emesso documenti da Târgoviște, attestando la città come capitale del Paese Romeno conosciuto sotto i nomi di Țara Românească, Valacchia o Muntenia.

Periodo Voivoda Genealogia Documenti emessi Costruzioni
1386-1418 Mircea I cel Bătrân Figlio di Radu I e fratello di Dan I non emette documenti da Târgoviște cambia la capitale del Paese Romeno dall'Argeș a Târgoviște
1418–1420 Mihail I figlio di Mircea I cel Bătrân 4 documenti in slavo sottolinea il fatto che Târgoviște è la capitale del Paese Romeno
1420–1421; 1421–1428; 1423-1424; 1426-1427; 1427-1431 Dan II Figlio di Dan I 12 documenti (uno in latino, il resto in slavo e romeno) concede privilegi commerciali ai mercanti di Brașov
1421-1423; 1424-1426; 1427 Radu II figlio di Mircea I cel Bătrân 5 documenti in slavo rinnova i privilegi per i mercanti di Brașov; fissa i contributi doganali per i prodotti di import - export, fissa i luoghi doganali a Târgșor, Târgoviște e Rucăr.
1431-1436 Alexandru I Aldea figlio di Mircea I cel Bătrân 8 documenti in slavo la prima attestazione documentaria della località di Răzvad; avvia la costruzione del Mănăstirea Dealu
1436-1442; 1443-1447 Vlad II Dracul membro della famiglia dei Basarabi e figlio di Mircea I cel Bătrân 39 documenti in magiaro, slavo, latino, romeno concede privilegi commerciali ai mercanti di Polonia, Galizia, Moldova; contribuisce alla costruzione della prima casa signorile e alla costruzione della torre Turnul Chindiei
1447-1448; 1448-1456 Vladislav II figlio di Dan II 23 documenti (di cui 2 sono considerati falsi), in slavo e latino prima fase di costruzione della Torre Chindia
1448; 1456-1462; 1476 Vlad III di Valacchia figlio di Vlad II Dracul 6 documenti (di cui uno è considerato falso) in slavo e latino completamento dei lavori della Torre Chindia, e lavori ad un "buon castello" al quale lavoravano dei maestri di Sibiu
1473; 1474; 1475-1476; 1476-1477 Basarab III Laiotă cel Bătrân o Laiotă Basarab figlio di Dan II 2 documenti in slavo privilegia l'attività dei mercanti di Brașov e si obbliga ad avvisarli nel caso di invasione turca per potersi proteggere. (si possono trovare delle informazioni su di lui nell'opera di Antonio Bonfini)
1481; 1482-1495 Vlad Călugărul figlio di Vlad II Dracul 45 documenti in slavo, di cui due sono considerati falsi Continua i lavori alla Curtea Domneasca (un castello o un palazzo) sotto la supervisione del maestro di Transilvania Michel
1495-1508 Radu cel Mare figlio di Vlad IV Călugărul 73 documenti in slavo Manastirea Dealu, la chiesa Sf. Gheorghe, Mitropolia
1508-1509 Mihnea I cel Rău figlio di Vlad Țepeș non emette documenti -
1510-1512 Vlad V cel Tânăr figlio di Vlad IV Călugărul 6 documenti, firma un trattato di pace e commercio con Barnabas Belay ban di Severin finalizza la costruzione di Manastirea Dealu
1512-1521 Basarab V Neagoe figlio di Pârvu Craiovescu 32 documenti Mitropolia e chiesa Sf. Gheorghe
1522; 1523; 1524; 1524-1525 Radu V de la Afumați figlio di Radu cel Mare 8 documenti -
1523; 1524; 1526 Vladislav II di Valacchia figlio di Dan II 52 documenti (uno falso) lavori di fortificazione della città
1529-1530 Moise Vodă figlio di Vladislav III di Valacchia 1 documento attribuisce Aninoasa alla Mitropolia Targoviste
1530-1532 Vlad VII Înecatul figlio di Vlad V cel Tânăr 10 documenti; quello datato 1532 costituisce la prima attestazione documentata della località Fieni Mănăstirea Viforâta
1532-1535 Vlad VIII Vintilă, conosciuto anche come Vlad Vintilă de la Slatina figlio di Radu cel Mare 31 documenti; il documento del 1534 attribuisce alla Mitropoliei Aninoasa e i vigneti -
1535-1545 Radu Paisie conosciuto come Petru de la Argeș figlio di Radu cel Mare 82 documenti; in quello del 1536 attribuisce alla Mitropolia il vigneto di Ștefănești Argeș -
1552-1553 Radu VIII Ilias Haidăul figlio di Radu V de la Afumați 2 documenti per i Monasteri Argeș e Tismana, 3 epistole (al generale Castaldo nel 1553), e a Toma Nàdasdy commissario imperiale in Transilvania e comandante della fortezza di Făgăraș -
1545-1552; 1553-1554; 1558-1559 Mircea V Ciobanul conosciuto come Mircea Ciobanul Quinto figlio di Radu cel Mare 1 documento per l'attribuzine della proprietà di Tatomir, e tre epistole al sindaco di Sibiu Petru Haller, e una a Francisc Kendy consigliere del re di Ungheria -
1554-1557 Pătrașcu cel Bun figlio di Radu Paisie 14 documenti Manastirea Gorgota
1568-1574 Alexandru II Mircea figlio di Mircea III Miloș 28 documenti per le attribuzioni al Monastero Nucet, per il stolnicul Stoica a proposito del paese Finta, e un'epistola per il principe di Transilvania Ștefan Báthory -
1577-1583; 1583-1591 Mihnea II Turcitul unico figlio di Alexandru II Mircea 73 documenti; in un documento attribuisce al Monastero Nucetu (dopo un giudizio) il paese Badesti con tutto il circondario, il mulino e gli zingari -
1583-1885 Petru II Cercel figlio di Pătrașcu cel Bun 25 documenti Palatul domnesc e la chiesa Biserica Mare Domneasca; allestimento della Corte, compresi i giardini all'italiana; la rete fognaria della città e del Palazzo Residenziale; la chiesa Sf. Voievozi
1593-1601 Mihai Viteazul figlio di Pătrașcu cel Bun 63 documenti; le lettere spedite al principe Sigismund Báthory, all'arciduca Maximilian de Habsburg, all'imperatore Rudolf II -
1599-1600 Nicolae Pătrașcu figlio di Mihai Viteazul 16 documenti -
1600-1601; 1601-1602 Simion Movilă fratello del Metropolita Gheorghe Movilă e Ieremia Movilă 21 documenti in slavo, in una lettera mandata al papa Paolo V, Simion Movilă di firma come Dei gratia Palatinus et Princeps Terrarum Moldaviae et Valachiae Transalpinae; la lettera ha l'emblema unito della Moldavia e del Paese Romeno -
1601-1602; 1611-1616; 1620-1623 Radu IX Mihnea figlio di Mihnea II Turcitul 386 documenti biserica mare domneasca
1602-1611; 1611 Radu X Șerban 237 documenti -
1617; 1618-1620 Gavril Movilă figlio di Simion Movilă 37 + 148 documenti -
1616-1618; 1627-1629 Alexandru IV Iliaș suo padre Ilie era figlio di Alexandru Lăpușneanu 93 documenti -
1623-1627 Alexandru V Coconul figlio di Radu IX Mihnea 95 documenti, dei quali 85 in slavo -
1629-1632 Leon Tomșa - 2 documenti -
1632-1654 Matei Basarab figlio di Danciul din Brâncoveni 30 documenti il sistema di fortificazione della città; il bagno pubblico; le mura e la cappella - Paraclis della Corte Signorile, le chiese: Sf. Nicolae-Andronești, Sf. Împărați, Sf. Nicolae-Geartoglu rifatta.
1654-1658 Constantin I Șerban Basarab figlio di Radu Șerban 12 documenti Casa Bălașa 1656
1658-1659 Mihnea III di Valacchia (Mihail Radu) ultimo principe della famiglia Basarab - Biserica Mare Domneasca
1659-1660 Gheorghe I Ghica albanese di origine greca - in 1659 cambia la capitale del Paese Romeno da Târgoviște a Bucarest per ordine turco (l'Impero ottomano voleva avere accesso alla capitale in modo facile, e Bucarest presentava tutte le caratteristiche di una città accessibile e controllabile facilmente dal Danubio)
1688-1714 Constantin Brâncoveanu figlio di Matei Brâncoveanu e nipote di Șerban I Cantacuzino 4 documenti in cui si attribuisce al Mănăstirea Horezu case ed altri beni a Târgoviște Termina i lavori alla biserica mare domneasca (integrazioni, pittura, arredamento); il rifacimento dei bagni signorili; l'allestimento dei giardini signorili e una torretta; la costruzione delle case signorili e quelle site fuori mura; il restauro dei complessi ecclesiastici: Mitropolia, Stelea, Dealu e le chiese Sf. Împărați, Sf. Nicolae-Geartoglu
1714-1715 Ștefan Cantacuzino figlio del diplomato, storico, geografo Constantin Cantacuzino - -

Personaggi famosi[modifica | modifica wikitesto]

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

Il teatro Tony Bulandra, dedicato al famoso attore teatrale (1881-1943), è l'unica istituzione teatrale professionale del distretto di Dâmbovița e gode del supporto finanziario dell'amministrazione locale. Il teatro venne inaugurato il 30 gennaio 2002 in occasione delle celebrazioni per il 150o anniversario della nascita del drammaturgo Ion Luca Caragiale[2]

Il teatro municipale per bambini e ragazzi Mihai Popescu, nato dall'idea che il teatro, come forma di comunicazione, ha il potere di avvicinare i bambini ed i giovani ai valori culturali universali attraverso lo studio della letteratura nazionale ed internazionale, attraverso spettacoli di teatro-lettura, animazione stradale, teatro dei burattini. È dedicato a Mihai Popescu, attore teatrale nativo di Târgoviște (1909-1953), morto in scena nel pieno della sua carriera mentre recitava la parte di Iago[3].

Festival[modifica | modifica wikitesto]

Crizantema de aur (Crisantemo d'oro) Festival Nazionale di Creazione ed Interpretazione delle Romante (romanta è un genere di composizione musicale vocale con accompagnamento strumentale avente contenuto lirico, sentimentale), arrivato nel anno 2009 alla quarantaduesima edizione.

Zilele Cetății Târgoviște (I giorni della fortezza) generalmente si festeggia dal 4 all'8 settembre. In questi giorni si organizzano spettacoli musicali, esposizioni (esposizioni di icona su vetro e legno, ricamo, disegno, disegni sulle uova, lavori a maglia, abbigliamento tradizionale, ceramiche, regolazione ambientale per gli esterni - bonsai, esposizioni floreali -, esposizioni di piccioni, esposizioni di rettili), mercati (dei maestri popolari e delle auto), workshop medievale (lotte con la spada, strattegie di lotta, tiro con l'arco, giuochi e balli medievali, equitazione), parata (folclore, medievale, fanfara, teatrale).

Festivalul de Folk

Festivalul "Ileana Sararoiu"

Filarmonica Muntenia

Città gemellate[modifica | modifica wikitesto]

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Esistono città con un nome molto simile sia in Bulgaria che in Serbia. Il nome si riferisce all'antico slavo Търгъ, tŭrgŭ, "mercato", ed approssimativamente significa "luogo di mercato". Târgoviște è una parola composta da: la radice Târg (dal traco-etrusco terg, tra i secoli VI-X; dal ilirico treg; da latino tergum; dalla paleoslava meridionale e celtico trugu; romeno târg; tutte queste hanno il senso di luogo di riposo, luogo di fermata / mercato) ed il suffisso viște derivato dal latino via (significa sentiero, percorso, passaggio) che in protoromaeno (data la coabitazione attraverso il tempo con il paleoslavo del sud) il suffisso iste, plurale con il senso collettivo di luogo, posto, spazio.

Galleria immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Popolazione 2009. URL consultato il 16-06-2010.
  2. ^ (RO) Storia sul sito ufficiale del teatro. URL consultato il 02-06-2010.
  3. ^ (RO) Sito ufficiale del teatro. URL consultato il 02-06-2010.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Romania Portale Romania: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Romania